Sette giorni col Duca Bianco

9 Feb

david_bowie_by_nick_wall

L’indimenticato David Bowie, fresco di morte eppure sempre pronto, attuale e in formissima, anche via seduta medianica. Da una settimana infatti, presso il Cicap locale, abbiamo preso la buona abitudine a contattarlo. Insieme a me, l’amica pianista Giovanna Bizzarri e la dottoressa e mentalista Luisa Laurelli, alla quale dobbiamo il prezioso contributo medianico. Sedute veloci, sempre in orario postprandiale, mentre aspettiamo che esca il caffè. Personalità al solito straordinaria, quella di Duca Bianco, come peraltro i dolcetti al cocco di Giovanna Bizzarri per i quali voglio ringraziarla pubblicamente.

Al solito, un colpo per il sì e due per il no.

LUNEDI’

“David caro, ci stai sentendo?”
Un colpo.
“Ti disturbiamo?”
Silenzio.
“Hai capito quello che ti ho chiesto?”
Due colpi.
“Vuoi che lo ripeta?”
Un colpo.
“Ti chiedevo se ti disturbiamo. Ti disturbiamo?”
Silenzio.
“Ti arrechiamo disturbo, David?”
Silenzio.
“Ci sei ancora, David?”
Un colpo.
“Prova a fare tre colpi”
Tre colpi.
“Ora uno”.
Un colpo.
“Ora due”.
Due colpi.
“Ti disturbiamo?”
Silenzio.

MARTEDI’

“David caro ci stai sentendo?”
Un colpo.
“Ti disturbiamo?”
Due colpi.
“Possiamo farti una domanda?”
Un colpo.
“I colpi coi quali ci rispondi li provochi con la forza della mente o con un bastone?”
Silenzio.
“Con la forza della mente?”
Due colpi.
“Con un bastone?”
Un colpo.
“Come sarebbe con un bastone?!”
Silenzio.
“Con un bastone mentale?”
Un colpo.
“Ah ecco”.

MERCOLEDI’

“David caro, ci senti?”
Un colpo.
“Ti disturbiamo?”
Silenzio.
“Possiamo farti una domanda?”
Un colpo.
“Qual è l’animale più puccioso?”
Silenzio.
“Il gatto?”
Due colpi.
“Il cane?”
Due colpi.
“Il koala?”
Due colpi.
“Lo scoiattolo?”
Due colpi.
“Il tacchino?”
Un colpo.
“Prova coi colpi un attimo a fare il verso del tacchino che fa glu glu glu”.
Tre colpi.

GIOVEDI’

“Morti bianche, cioè quelle sul lavoro. E’ bene che ci siano o basta con le morti bianche?”
Silenzio.
“Te la senti di risponderci?”
Sette colpi.
“Sì ma stai calmo. Cosa mi deve rappresentare questa smitragliata? Facciamo una cosa, stacchiamo un attimo e ci prendiamo un caffè, quando sei pronto batti un colpo e torniamo al tavolo”.
Silenzio.
blablabla cialde comodato stevia decaffeinato prendo quello blu
Silenzio.
blablabla illy capsule euronics che crema scontato fammelo lungo
Silenzio.
blablabla lavazza oro arabica prezzo filtro addirittura gli zuccherini
Un colpo.
“Bene, eravamo alle morti bianche. E’ bene che ci siano, vero? Devono morire tutti tanto sono solo operai?”
Due colpi.
“Ah no? Quindi basta, basta, basta con le morti bianche?”
Un colpo.
“Grande”.

VENERDI’

“Un colpo a favore due colpi contro. Sei pronto?”
Un colpo.
“Allora: solidarietà”.
Un colpo.
“Genocidio”
Due colpi.
“Dolcificanti e cazzate varie”.
Due colpi.
“Manu Chao”.
Un colpo.
“Job act del cazzo”.
Due colpi.
“Diamond Dogs”
Un colpo.
“Papa Francesco… qui un colpo dai”.
Un colpo.
“Sentinelle in piedi”.
Due colpi.
“Arezzo Wave”.
Silenzio.
“Arezzo Wave dai, il festival musicale indipendente…”
Un colpo.
“Cinepanettoni di merda”
Due colpi.
“Faber”
Un colpo.

“Grandissimo. Grandissimo David. Sai in quanto li hai fatti?”
Due colpi.
“Trentasette secondi! Sei contento o no?”.
Un colpo.

SABATO

“David caro, ci stai sentendo?”
Un colpo.
“Ti disturbiamo?”
Silenzio.
“Mi piacerebbe farti comunicare con l’amico neurologo Artesiani. Posso?”
Un colpo.
“Salve signor David”.
Silenzio.
“Ha mai avuto problemi cardiovascolari in vita?”
Un colpo.
“E nell’Aldilà?”
Un colpo.
“Quand’è stata l’ultima volta che ha controllato le carotidi?”
Silenzio.
“Ha mai fatto un controllo alle carotidi?”
Due colpi.
“Le propongo una prova cognitiva, giusto un proforma per stare tranquilli. Vuole?”
Un colpo.
“Casa, pane, gatto. Che parole le ho appena detto?”
Silenzio.
“Le ho detto bolla, pane, auto?”
Due colpi.
“Cane, penna, casa?”
Due colpi.
“Casa, peperone, biliardino?”
Un colpo.

DOMENICA

“Ah sì? Quindi di colpo si sei fatto zitto zitto eh? Non hai niente da dire?”
Silenzio.
“No, sono io che NON HO PAROLE!”
Silenzio.
“Ti chiedo solo: avresti fatto la stessa cosa a casa tua?”
Silenzio.
“NO, RISPONDI! AVRESTI FATTO LA STESSA CAZZO DI COSA SE ERI NELLA STRACAZZO DI CASA TUA?”
Due colpi.
“Ah ecco! Appunto!”
Silenzio.
“Vuoi dire tu ad Alessandro cosa hai fatto?”
Silenzio.
“Benissimo, glielo dico io”.
Silenzio.
“Sai Ale, il nostro grandissimo Duca Bianco, la sensibile personalità dietro a opere d’arte come Diamond Dogs e la trilogia berlinese, ha avuto la SPLENDIDA pensata di cagarmi nel bidet”.
Silenzio.
“Ma sì, pure anch’io al tuo posto me ne starei zitta, guarda”.
Un colpo.
“Ah sì? E che mi significa questo colpo?”
Silenzio.
“Significa ‘scusa’?”
Un colpo.
“Ah ecco”.

Advertisements

Una Risposta to “Sette giorni col Duca Bianco”

  1. Falsa in bilancio febbraio 10, 2016 a 8:45 pm #

    ” “Papa Francesco… qui un colpo dai”.
    Un colpo.
    “Sentinelle in piedi”.
    Due colpi. ”
    Ahahahahaha

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: