Non vedo l’ora

19 Nov

Da assidua frequentatrice di queste pagine, a un certo punto di quest’anno per qualche bislacco motivo mi ero fissata con l’idea che il Gori fosse l’uomo della mia vita. Nonostante alcuni indizi (Zagor, un po’ tutta la musica che ascolta, e poi che cazzo è un german game?) m’avessero dovuto mettere subito sul chi va là, si sa come sono le donne: quando si incapricciano di una cosa, ogni dettaglio dell’oggetto d’amore viene deformato, sciolto con l’accendino e riplasmato a piacimento finché tutto ma proprio tutto non diventa forzosamente una conferma alle proprie convinzioni, al di là di ogni possibile umana evidenza. Questo ovviamente finché Crepet, la Littizzetto o l’oroscopo di Branko non apre loro di colpo gli occhi sulla triste, misera realtà dei fatti. Ma tant’è. Io il Gori lo volevo conoscere a tutti i costi, e per tal motivo a fine ottobre decido finalmente di farmi avanti.
La sua reazione mi riempie di entusiasmo. “Bellissimo! Allora ci si vede a Lucca, si passa tutta la giornata assieme, si assiste almeno a 7 conferenze, 4 incontri e 9 tavole rotonde, ti presento sceneggiatori, disegnatori, portantini, pazzi, amici del blog, nemici del blog, sia chiaro: per tutto il giorno si parlerà solo del blog. Portati un trolley e un paio di guanti sterili, che la sera poi la trascorriamo a imbustare tutti i fumetti acquistati durante la giornata. Dimmelo che non vedi l’ora!”. Non vedo l’ora! “Allora ci incontriamo un po’ prima delle 8 a Firenze, è deciso!”, sì, che bello, svalicare l’Appennino per me comporta soltanto alzarsi alle 4, non vedo l’ora! “Durante il viaggio leggiti Sul pianeta perduto, romanzo a fumetti c a p o l a v o r o !”, sono solo 300 pagine di scontatissime derive ecologiste che sembrano sceneggiate dal ministro Brambilla, ma io continuo a non vedere l’ora, ci credo fermamente, è la mia jihad. Arrivo a Firenze.
“Firenze quale? Centrale? No perché io ho cambiato treno, arrivo a Rifredi. E non fra 5 minuti come doveva essere, ma fra un’oretta. Ok, scendi e cambia il treno. Ah senti, mi dicono che s’è rotto il locomotore, aggiungi un’altra mezzora. Già che ci sei, occupa un vagone e tienici i posti. E’ bella l’alba sul binario morto, vero?”. Le avversità temprano la mia fede, come Giobbe. “Lo stai leggendo il romanzo a fumetti?”, Sì ma…, “ok, ti saluto, forse dirottano il treno, ti chiamo fra un po’”, il Signore è il mio pastore, non manco di nulla.
Sembra che un tempo le fanciulle in età da marito mettessero sotto il cuscino delle foglie d’alloro, per vedere in sogno il volto del futuro sposo. Anch’io l’ho fatto eppure c’è qualcosa che non torna, perché nei miei sogni un plantigrado (comunque non grasso, ndGori) in pile e pantaloni cargo che parla come Fanfani non mi sembra sia mai comparso. “Questo pile e questi pantaloni sono la mia divisa, sappilo, come la giacca nera e la camicia rossa per Dylan Dog, come il maglione di Michael Moore”. “Come quello di Marchionne”, azzardo io. “No! Perché Marchionne sotto al maglione porta la camicia, io invece…” e abbassa leggermente la zip a scoprire sterminati campi elisi di soffice pelo baciato dal sole. Nudo sotto al pile, manca solo la Peroni della Caritas. La mia fede non vacilla. “Ti presento un caro amico, LukiSkyWalker. Vi scoccia se io occupo l’ultimo posto a sedere, e voi andate a far conoscenza in quell’interstizio tra le due carrozze e il cesso che è l’unico posto in piedi che è rimasto in tutto il treno?”. Ma no, figurati, anzi è un piacere! Del sodalizio tra condannati che s’è sviluppato tra me e il Luki durante il miglio verde della nostra permanenza a Lucca non parlerò, avendone io già scritto diffusamente in un precedente racconto che il Gori ha pensato bene di censurare: facile costruirsi la reputazione così, eh, Josef? Sappiate solo che il Luki è una bellissima persona, studia a Pisa, odia i bresciani, e durante il viaggio io, lui e la nonna fascista di Garibaldi (storia vera, in pvt eventuali dettagli) ci siamo scambiati le ricette per fare il ragù.
Finalmente Lucca! Con un ritardo mostruoso sulla tabella di marcia, arriviamo in città. Non appena scesi dal treno, smessi i panni colti e naif dell’intellettuale in trasferta, il Gori muta di colpo rivelandosi ai miei occhi per ciò che realmente è, un pazzo fuori controllo, affetto da una forma grave di iperattività che potrebbe essere ADHD come Alzheimer, con la bava alla bocca per la paura di perdersi i primi 2 minuti di presentazione di Suore Ninja, signori avete capito bene, *Suore Ninja* (ero solo curioso perché di fumetti umoristici in Italia non-se-ne-fa-nno-più! ndGori). Increduli e affannati, io e il Luki dobbiamo letteralmente correre per stargli dietro: non trotterellare, non camminare a passo svelto, al suo via dobbiamo realmente accucciarci come i centometristi e scattare, travolgendo donne, anziani e bambini. “Avanti, presto, che regalano il numero zero!!!”, grida folle tra la folla, un Mosè pazzo e febbrile che divide le acque del mar Rosso a gomitate, “Ot-ti-miz-za-re!!!”, scandisce con pericoloso accento tedesco. Non temo nulla, mio Signore, la mia convinzione è ancora alta, quello scricchiolio interiore che sento è probabilmente solo il malleolo che ha ceduto.
Orbene, Suore Ninja. La conferenza stampa per il lancio di questo fumetto è esattamente ciò che mi aspettavo visto il nome, una vaccata talmente tanto totale che ho quasi paura a guardare in faccia il Gori perché io son peggio dei giapponesi, ho la fobia che quando provo un evidente imbarazzo io possa mettere in imbarazzo anche chi mi sta vicino, e l’idea di poter causare nell’altro una qualsiasi sensazione penosa mi getta in un loop di sensi di colpa e disagio tale per cui posso sperare di salvarmi solo tramite il suicidio. Ecco, questo è esattamente lo stato d’animo che la gioiosa, spiritosa, sympaticissima presentazione di Davide La Rosa sta suscitando in me, e sudo freddo se penso all’eventualità che, usciti da lì, il Gori mi possa chiedere un commento a caldo, anche perché di fianco ho il Luki che ride tutto contento e io per la vergogna non so più da che parte guardare. Fortunatamente la tensione che provo si spezza quando il Gori obbliga il Luki, microfono alla mano, a chiedere conto alla casa editrice di tutti i fumetti precedentemente lanciati in passato e poi bruscamente interrotti a metà del percorso, per colpa di non meglio precisate vertenze con gli autori. Che è un po’ come imbottire un bambino di tritolo e mandarlo a farsi esplodere alla festa dell’oratorio: sono contenta per l’oratorio che esplode, meno per la sorte del bambino, ma il Luki mi sembra accettare con molta serenità il suo destino di kamikaze (“queste cose mi aiutano a essere meno timido”, sosterrà più tardi l’infelice), pertanto, in onore al suo gesto, riporto – come si usa con i videomessaggi dei terroristi – il toccante messaggio lasciato ai posteri.
“Buongiorno, posso fare una domanda? Sarò breve, d’altronde neminem laedit qui suo iure utitur. Scusate ma sono un po’ emozionato. Ecco, volevo dire, tutto molto bello, le suore Ninja, questa serie appena partita, che deve ancora vedere la luce, questo progetto coraggioso ma audaces fortuna adiuvat! Sono sicuro che sarà un successo. Tuttavia in passato ci sono stati episodi ahem se vogliamo spiacevoli, vogliamo dirlo? Mi riferisco in particolare a 3 serie che sono state interrotte a metà dal giorno alla notte, nel dettaglio si tratta di (legge dal blocco note che ha sulle gambe), TRAIGGER, KIFIR e… e l’altra, l’altra… scusatemi, memoriam minuitur nisi eam exerceam… (sfoglia gli appunti che gli ha preparato il Gori) e, sì, scusate l’altra è… NIMROD. Ecco, ora, naturalmente non sarà il destino di questa serie sulle suore che parte invece sotto un’ottima stella, però, ecco ci si chiede – legittimamente – che garanzie può avere un lettore, che comunque fa un investimento quando compra i vostri fumetti, non è che se lo vedrà attergare anche stavolta? Essere lasciato vogliamo dirlo, in braghe di tela, ecco, non è piacevole, al punto che il lettore medio a un certo punto potrebbe anche giustamente pensare Quo usque tandem StarComics abutere patientia nostra? Grazie per l’attenzione”.
Il gelo cala compatto su tutta la sala, il sorrisetto nervoso di La Rosa si trasforma in un ghigno, e in questo più consono freddo cimiteriale posso finalmente tirare un sospiro di sollievo. Ok, ok, ho capito l’antifona, il Gori è un pazzo isterico e codardo che non ha il coraggio di porre queste domande in prima persona e usa il Luki come scudo umano, ma questo forse lo rende meno degno d’amore? Non lo so, sono piena di dubbi come Gesù nel deserto, ma purtroppo non c’è tempo per riflettere. Bisogna correre più veloci di Bolt per andare a fare il biglietto d’ingresso ai padiglioni (“Oppure io e il Luki facciamo il biglietto, te non lo fai e ci aspetti fuori o da qualche parte o in stazione o te ne vai direttamente”, propone cavallerescamente Alessandro) anche perché alle 13 abbiamo un altro tassativo appuntamento per la presentazione di Mytico, il fumetto sui miti greci in edicola col Corriere (dove anche qui il Gori, nell’ombra e non visto come un coccodrillo a pelo d’acqua, aizza il Luki affinché monti un’assurda polemica sul fatto che la serie sia sui miti greci e non sui miti nordici, e non è contento finché in tutta la sala il significato sotteso a tale domanda non sia evidente anche ai più distratti: Odino e Sigfrido sono ok, Achille e Patroclo sono due froci, e comunque arrivate millenni dopo Pollon, falliti). Mi massaggio i polpacci provati dallo sforzo e mi chiedo confusamente se la giornata proseguirà così: una corsa via l’altra a ridicolizzare l’atmosfera di tutti gli incontri in programma, mandando avanti il Luki come un negro in prima linea nel fottuto Vietnam. Luki, ma con te fa sempre così? Ribellati! Mi volto e non li vedo più. Dato che gli autori al termine dell’incontro hanno deciso di regalare le copie di tutti gli albi, come i peggiori imbucati alle feste i miei due eroi sono corsi ad assaltare il buffet, sul serio, una scena pietosa guardarli fare incetta di quel fumetto che entrambi bistrattavano fino a pochi minuti prima, ma quando una roba è gratis va bene anche se non ci sono i Nibelunghi, eh, a morti de fame (silenzio che te li sei raccattati tutti e 15 pure te, ndGori). A proposito di fame… Io l’ultima colazione l’ho fatta alle 5 a Bologna, sono le 14 passate e sto quasi per svenire. Timidamente mi avvicino al Luki che si sta facendo autografare uno per uno tutti e 15 i numeri barbaramente arraffati, e provo a buttar là con nonchalance: “Senti, Luki, tu che il Gori lo conosci meglio di me, sai se per caso a un certo punto della giornata, anche di fretta, scomodamente e con un divorante senso di colpa, riusciremo a metter qualcosa sotto i denti?”. Il Luki non mi presta molta attenzione perché si è appena accorto che di tutti i numeri accattati di straforo gli manca il n. 12 ed è disperato, e quando uno degli autori gli comunica che i numeri mancanti sono in vendita nei padiglioni pianta una polemica infinita per cui non è giusto che qui li date gratis e là li fate pagare (nota bene: prezzo del prezioso volume, euro 1,99), perché io sono un povero studente fuorisede con nonna a carico, e non è che mi posso portare a casa una serie monca perché già alla StarComics l’ho detto che non si fa così, e comunque secondo me in quella borsa tu c’hai dei doppioni, apri un po’! Il ragazzo del Corriere maledice a denti stretti il giorno della sua venuta al mondo, ma in qualche modo riesce a recuperare il n. 12 e fa contento il Luki. “Grande, ce li avete tutti!” esulto con falsissimo entusiasmo, “Adesso vigliacchiddio si va a mangiare?!”. La risposta laconica del Luki spegne del tutto le mie speranze: “Conoscendo il Gori, non credo”.

E qui, proprio come Gesù nel deserto, il digiuno e la stanchezza cominciano lentamente a erodere le mie convinzioni. I peggiori panini con la porchetta di colpo assurgono a irresistibili tentazioni demoniache, gli hot dog mi chiamano con canti di sirena, e temo che per una coca e un cheeseburger in questo momento darei tranquillamente il culo, ma con gioia, nel Cristo. E poi c’è questo grosso problema di fondo, che a me di andare a cercare Spartaco Albertarelli per le spiegazioni su come si dispongono le tessere e le pedine in quel particolare gioco da tavolo da cui sembra che dipendano le sorti del mondo NON ME NE FREGA UN BENEAMATO CAZZO. Ecco, l’ho detto. Il Gori mi guarda perplesso, interdetto, deluso: “Ma come, mi stai dicendo che tu, in questo momento, sei la classica tipa che tra avere a disposizione in anteprima il nuovo album dei Baustelle che esce a gennaio, e una bistecca di chianina alta 3 cm, con contorno di patate, e un fiasco di rosso, sceglierebbe la seconda???”. Gori, vaffanculo, vaffanculo mille volte, te, i Baustelle, le suore ninja, i romanzi a fumetti, io in questo momento tra una bistecca di chianina e la vita del Luki e di quella dei suoi famigliari e soprattutto, soprattutto, quella della sua nonna, fai te cosa sceglierei! Fai te!
Cerco di dominarmi, traggo un profondo respiro e, per provare in extremis a salvare il salvabile, propongo un ultimo tragico compromesso: il Gori andrà a cercare Spartaco, io e il Luki ci mangeremo un sozzo panino per strada, e poi alle 16.30 ci ritroveremo tutti e 3 all’incontro su Martin Mystere a Palazzo Ducale. E’ un accordo win-win, Gori, e in via stragiudiziale non puoi pensare di ottenere di meglio, se ti opponi dovrai vedertela con i miei avvocati. Ovviamente il Luki sta con me e tu potrai vederlo solo in mia presenza: per gli alimenti ci mettiamo d’accordo non appena ho capito di cosa si nutre. Il Gori accetta di buon grado la separazione consensuale, e si smaterializza tra i padiglioni. E’ il tragico, sofferto epilogo di tutte le storie d’amore. Sono amareggiata, tristissima. Il Luki si getta trionfante sul suo enorme panino di sugna e tra un boccone e l’altro attacca a parlarmi di Breaking Bad, ma la sua voce mi arriva lontana, remota, persa nello spazio siderale (qui c’andava il punto, e va beh ce lo metto io, ndGori).
Martin Mystere, sono quasi le 17, luci soffuse, basso profilo, età avanzata dei relatori e del pubblico, stanchezza della giornata nelle ossa e nell’anima. Il Gori dorme emettendo un rumore lieve di tornio in funzione. A me sono cadute definitivamente le fette di prosciutto dolce di Parma che avevo sugli occhi, e lo vedo finalmente per come è: un barbone avvolto nel pile, narcolettico, che si esalta per le peggio stronzate noncurante della vita vera, inaffidabile, prepotente, maniacale, con dei gusti di merda su tutto (comunque non grasso, ndGori). Come ogni donna che si rende conto di aver sbagliato tutto nella vita, non me la prendo con me stessa ma con lui. E’ lui che è fallato, che diamine! Io sono ancora giovane e piacente, ho 32 anni, posso rifarmi una vita. Da qualche parte nel mondo ci sarà pure un onesto bancario con la passione per il Milan e i go-kart che mi prenderà sotto le sue rassicuranti ascelle deodorate e mi vorrà bene, qualcuno con cui prenotare i viaggi sul catalogo del Lidl e fare le vacanze con l’ombrellone in terza fila, la villetta bifamiliare, il prato da rasare la domenica, i figli pettinati a caschetto, il calcetto, il burraco, la burrata, la suocera, i parenti, la casa in montagna, la casa al mare, la MESSA DI NATALE, GLI AMICI DELLO STADIO, LA POLITICA, L’ATTUALITA’, I GRILLINI, L’IMU, LE TASSE DELL’ASILO MENTRE AI ROM GLI DANNO ANCHE LA CASA TI SEMBRA GIUSTO, BELLO SCANDALO, BEL PRESEPE, BELLE SOTTOCOPPE DI PELTRO PORCO DI QUEL DIO CRISTO AFFOGATO IN UN SILOS DI MERDAAAHAHGHDJJKUYGHKGKHJBVBBJKAJDHA@#!§. Il Luki in mezzo a noi segue assorto la conferenza, ignaro del dramma che si sta consumando ai suoi due lati. Basta, ho deciso, come si usava una volta, come nelle vignette della Settimana Enigmistica: mollo tutto e scappo col salumiere!
Il rientro in stazione è mesto, arido, greve. Non abbiamo più niente da dirci, pur di non essere costretti a fare conversazione rivolgiamo tutte le nostre attenzioni al Luki, il Gori gli torce perfino un orecchio così, per infantile crudeltà: me lo annoto per quando saremo in tribunale. La notte è calata di colpo, ho freddo, e non vedo l’ora di rientrare. Sul treno che mi porta a Prato, da cui poi ho la coincidenza per casa, Gori forse angosciato dal mio silenzio doloroso e carico di spregio, cerca disperatamente di recuperare due punticini nella più classica e puerile delle maniere: per confronto con chi sta peggio. Ecco dunque il patetico e insistito spalare merda per tutto il tempo del viaggio sul povero (Caramelle non lèggere, ndGori) Caramelleamare, su quanti problemi abbia quel ragazzo, su che vita disperata conduca, arrivando perfino rispolverare repellenti episodi di vent’anni prima senza tralasciare, anzi indugiando, sui dettagli fisici più morbosi. A parte che su Caramelle comunque non avevo dubbi, come puoi credere che il raccontarmi di quella volta che pisciò dalla finestra della classe davanti al prof. possa in qualche modo elevare l’opinione che mi sono fatta finora di te? E quell’episodio col bambino e il plumcake? E quel discorso confuso sulla sua zoofilia? Il fatto che ti accompagni a un simile personaggio, anzi, non fa che confermare ciò che penso purtroppo di te. Guardo scorrere le stazioni dal finestrino, manca poco… Lucca, Altopascio (4000), Pescia, Montecatini, Pistoia, Prato Porta al Serraglio, magari scendo qui e me la faccio a piedi.
“Poi ci rivediamo eh? Non è che questo rimane un episodio isolato? Per esempio a Natale, ci si trova a casa mia, si gioca tutti a Mercante in Fiera…”
Non vedo l’ora. Magari ci sentiamo.
Ciao, eh.

Circobazooko

Annunci

127 Risposte to “Non vedo l’ora”

  1. Sant'azza novembre 19, 2012 a 12:42 am #

    Se c’è una cosa che mi piace negli uomini è il pile con sotto nulla. Di una versatilità unica. Vorrei sentire dal Gori come eri vestita te per esempio. Eh?
    Io ci darei fuoco alle persone così:

    http://iltirreno.gelocal.it/polopoly_fs/1.5971986.1352042792!/httpImage/image._gen/derivatives/landscape_660/image.

    • sgargabonzi novembre 19, 2012 a 12:55 am #

      Se fosse stata la cosplayer di un personaggio dei fumetti, c’era un’unica scelta per Circobazooko: Judas!

      Una serpe in seno ho allevato.

  2. Carmelo Vincenzzo novembre 19, 2012 a 1:04 am #

    CI VOLEVO SOLO DIRE KE MI SN INNAMORATO DELLA RAGAZZA KE A SKRITTO QST KOSA KIAMAMI TI ASPETTO 3401234567 ❤

    • sgargabonzi novembre 19, 2012 a 1:11 am #

      Basta che la prima sbarbina faccia me oggetto di scherno e qua tutti innamorati marci eh? MA IO SONO QUELLO DELLO SGARGABONZI QUELLI DI BRODOLINI LE IPOTENUSE E SPIRAL E LEI CHI E’?!? CHI E’?!?!?!?!?

      • Carmelo Vincenzzo novembre 19, 2012 a 1:24 am #

        ma almeno un po’ di forfora sul pile?

        • sgargabonzi novembre 19, 2012 a 1:33 am #

          Forfora no, ma se ti va bene la dermatite…

          • Carmelo Vincenzzo novembre 19, 2012 a 1:37 am #

            se si attacca no, se è atopica Tacrolimus e passa la paura, anche il cancro.

  3. Falsa in bilancio novembre 19, 2012 a 1:29 am #

    Ciao Cirko!Complimenti per il post: davvero divertente!A questo punto mi auguro che si verifichi al più presto un incontro tra te e Caramelle, cosicchè tu possa vendicare tutte le vittime di questo blog. Sei senza dubbio il prescelto.
    Permettimi di dissentire su una cosa, però. Passi per “barbone avvolto nel pile, narcolettico, che si esalta per le peggio stronzate noncurante della vita vera, maniacale, etc..Ma inaffidabile NO. Sarai capitata te in un momento sbagliato, perchè Gori è una delle persone più affidabili che io conosca. Dico sul serio.
    Ah!!!un’ultima correzione che non so se devo indirizzarla a te o ad Acid. Questa: http://www.abbigliamentofal.it/cms/images/DSC_0161.JPG

    • caramelleamare novembre 19, 2012 a 2:58 am #

      Un pezzo su di me?! Impossibile, in due righe ci stanno tutta la mia vita interiore e i ringraziamenti. In compenso io non gliene farò passare liscia una, anche quelle quando uno pensa di stare passando bene e invece… Non vedo l’ora!

    • circobazooko novembre 19, 2012 a 4:59 pm #

      Grazie Falsa, in realtà ho scritto inaffidabile perché il personaggio che racconta la storia è alla ricerca di determinate sicurezze (la casetta al mare, le sottocoppe di peltro, l’onesto marito-impiegato…) che il Gori non le da’, pertanto viene giudicato “inaffidabile” nel senso che non mantiene questo tipo di promesse. L’espediente narrativo alla base di questo post è molto banale e se non viene colto subito è solo a causa dei miei evidenti limiti come scrittrice: in soldoni, l’io narrante è una donna un po’ sfigata (crede nell’oroscopo, nelle foglie di alloro, sogna la villetta a schiera, etc.), quindi se il Gori non piace a questo tipo di donna, ne consegue che il Gori è ok. Ecco, quando hai un attimo, spiegalo anche al Gori, che fa l’offeso e INVECE UN POST COSI’ BELLO PIENO DI OMAGGI E COMPLIMENTI NON GLIEL’HA MAI SCRITTO NESSUNO DIOCANE grazie 🙂

      • Falsa in bilancio novembre 19, 2012 a 6:00 pm #

        Te fai l’avvocato, vero?No, perchè avrei bisogno di essere difesa in tribunale e voglio te a farlo. 🙂

  4. Pinxor novembre 19, 2012 a 1:33 am #

    Bellissima cronaca Circo. Impietosa, buffa, disperata. Un plauso al Gori che ha pubblicato il post. Quante emozioni questo Sgargabonzi.

    • Sant'Azza novembre 19, 2012 a 1:37 am #

      Ora, un plauso, non esageriamo, pare il minimo che si possa fare dopo che una persona scrive così tanto, anche per la fatica.

    • sgargabonzi novembre 19, 2012 a 2:33 am #

      Il Gori non solo l’ha pubblicato ma l’ha commissionato e ha aizzato la belva, sia chiaro. Il Gori resta un intoccabile e qua dentro lo sappiamo tutti (mi ci metto anch’io).
      E poi leggi le righe finali, tutto il discorso ironico sul ragionierino noioso che non sarei e invece sono uno psicolabile senza controllo eccetera. Lì secondo me c’è amore. Selvaggio certo, malato e marcio d’umori, ma sempre quel pazzo sentimento di cinque lettere che ingentilisce il core.

      • caramelleamare novembre 19, 2012 a 2:37 am #

        Ma infatti è così, ora perché t’ha visto in una giornata particolare dove io passerei per quello trattabile e conciliante, ma quando torna giù per natale vedrai come si diverte con tutti e due.

    • circobazooko novembre 19, 2012 a 11:57 am #

      Grazie Pinxor, soprattutto per il disperata, che è esattamente come vorrei che fossero sempre definiti i miei scritti. Certo questo pezzo non è al livello della genialità a cui i lettori dello Sgarga sono abituati, ma sono contenta che abbia almeno in parte divertito.

      • Pinxor novembre 19, 2012 a 7:01 pm #

        “la disperante prosa – ovvero Luccacomics, l’LSD e altre 25 cose che non rifarei”. Sappi che io questo pezzo me lo sono proprio goduto (non me ne voglia il Gori), anche perchè avevo avuto una sintesi goriana più o meno come quella descritta da Caramelle. E poi ho trovato molte congruenza con gli scritti goriani, che si ritrova crocifisso in questo vivido ritratto in un modo simile a come ha fatto lui con altri sventurati. È proprio vero che ti sei allevato una serpe in seno Gori, ma è cresciuta anche molto bene, pasciuta dalla tua prosa sapida.

  5. caramelleamare novembre 19, 2012 a 2:33 am #

    Cirko ti chiedo scusa per non esserci stato, avessi saputo che andava così sarei venuto. Io ero l’unica chiave possibile. Però poi non avresti scritto questo pezzo e tra le due scelgo la prima, non per caso sono l’anima gemella di Acid. C’ho goduto troppo a leggerlo.
    Vorrei poi rincarare la dose. Ecco come lui ha vissuto la giornata:
    Ganza cirko, è arrivata anche in anticipo a Firenze. Giornata stupenda, sono riuscito a fare tutto e loro mi stavano dietro. Solo una volta si sono fermati a mangiare. Lucky divertentissimo, interveniva di sua sponte a tutte le conferenze con la curiosità d’un cittino.
    Mister sensibilità …hai capito che roba!?
    Comunque pezzo capolavoro, soprattutto perché si capisce che mi stimi come una merdaccia e a me mi diverte sempre un casino fare schifo alla gente.
    Però sono sicuro che ti raccontava i miei trascorsi e presenti non per passare bene al confronto, ma per farsi fregio d’avere un amico di tale levatura. Perché nel nostro mondo con quei mitici gesti dovresti ricevere stima incondizionata. Insomma avendo capito la situazione, per recuperare voleva brillare della luce mia.

    p.s. quale sarebbe la cosa del bambino e del plumcake?

    • sgargabonzi novembre 19, 2012 a 4:08 am #

      “Ganza cirko, è arrivata anche in anticipo a Firenze. Giornata stupenda, sono riuscito a fare tutto e loro mi stavano dietro. Solo una volta si sono fermati a mangiare. Lucky divertentissimo, interveniva di sua sponte a tutte le conferenze con la curiosità d’un cittino.”

      Esatto!
      Io ormai l’unica persona con cui mi rispecchio è George Hardy, protagonista di Troll 2. Non come personaggio del film, ma proprio lui nel documentario Best Worst Movie.
      Entusiasta a prescindere, divertente e divertito, positivo (nonostante il cuore nero che piace alle donne), energizzante come un 7Up! Senza sapere che la sintesi di tutto questo è uno che poi la gente lo piglia per il culo. E io al contrario di George non c’ho manco la soddisfazione che poi nella vita sono odontotecnico. 😦

    • circobazooko novembre 19, 2012 a 10:27 am #

      sono tutte robe inventate, però vedo che sulla zoofilia non mi hai smentito. E bravo il mio Mr. Hands.

      • caramelleamare novembre 19, 2012 a 7:27 pm #

        Ehhh mmmm, siii, nooo è che mmmm no no ma quale zoofilia ma t’immagini!?

  6. sgargabonzi novembre 19, 2012 a 4:16 am #

    Che poi la Circobazooko è stata l’unica a non aver capito che io e il Luchi quel giorno ci siamo invertiti le identità. SVEGLIAAAAA!!!

  7. Grand Master novembre 19, 2012 a 7:29 am #

    Si si ok ma non ho tempo per leggere tutto… Alla fine ingoia o no? C’è lo snowball con luki?

  8. icittadiniprimaditutto novembre 19, 2012 a 7:53 am #

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto and commented:
    Add your thoughts here… (optional)

    • Pinxor novembre 19, 2012 a 6:44 pm #

      Non so a voi, ma a me ‘sto “icittadiniprimaditutto” m’ha trifolato le gonadi. Idee per fermare questo spam o per esprimere a suon di ruvide carezze del disappunto a chiunque posta questa scritta ogni 3×2?

      • icittadiniprimaditutto novembre 19, 2012 a 9:16 pm #

        OK, se ti da fastidio, da questo momento come richiesto sei out.

        • Pinxor novembre 19, 2012 a 10:14 pm #

          Solo se me lo dice Briatore col suo ditino alto levato.
          Va bene Pier Carlo, perveniamo ad un accordo: evviva i cittadiniprimaditutto ma cambiamo slogan di tanto in tanto, altrimenti pare uno spam automatico di un sito cinese

          • icittadiniprimaditutto novembre 19, 2012 a 11:25 pm #

            Ok, fammi solo sapere se vuoi che faccia i reblog dei tuoi post o no… in caso positivo ti rimetto nella mia blogosfera, in ogni modo complimenti per il tuo blog. Ciao. Pier Carlo

            • Pinxor novembre 20, 2012 a 1:18 am #

              Sì, non cancellarmi dalla blogosfera in cui regni. Non avevo compreso, ero ancora troppo giovane. Ti credevo un software di spam invece di un essere senziente reggente la blogosfera. Chiedo perdono

        • sgargabonzi novembre 20, 2012 a 5:04 am #

          ALT!

          Leggo solo ora questa discussione.
          Sono io l’amministratore del blog (come da nome) e non Pinxor che vuole fare il simpa!
          Lo dico per tutti: i repost di Icittadiniprimaditutto sul suo portale furono sottoscritti da me mesi fa in un vecchio thread di commenti, quindi nessun problema. Anzi, ne approfitto per ringraziarti, Cittadini, per la pubblicità fino ad oggi. Ovviamente, non mi cancellare! Scusa per il qui pro quo.

          Spero che l’inghippo sia chiarito.

          • Pinxor novembre 20, 2012 a 4:48 pm #

            Mi scuso per il malinteso. Tra l’altro pensavo che icittadini minacciasse di togliere solo i miei commenti, non l’intero post. Ecco, ora mi spiego quel “complimenti per il blog”. Non volevo creare un caso diplomatico. Mea culpa.

            • caramelleamare novembre 20, 2012 a 6:14 pm #

              Pinxor sei davvero enfant terrible.

            • sgargabonzi novembre 23, 2012 a 9:57 am #

              Pensavi questo eh?! STRONZATE!!

              • Pinxor novembre 24, 2012 a 11:21 am #

                MADARFACKA!!!

  9. Hoisthatrag novembre 19, 2012 a 10:21 am #

    Prima reazione: vorrei dire che la colpa è tutta di Cristo e di quello che gli circola intorno. Immolarsi premeditatamente per poter dire di essere dei martiri, dei testimoni -appunto- della bruttura e falsità sostanziale del mondo. “Io c’ero! Mi son data per amore e vi comunico che non c’è trippa per gatti, dovete essere più persi di me per riuscirci, provatevi e vedrete, questo è il demonio vero!” Eh no, io, da quando ho letto Zero Limits di Joe Vitale e Ihaleakala Hew Len, sull’ Hoʻoponopono, so che la responsabilità di tutto quello che mi succede è al 100% mia. Se incontrassi il Gori, se stessi a stretto contatto con lui, magari non un giorno, diciamo 45 ore suppergiù, secondo più secondo meno, dovrei ringraziare solo le mie sinapsi se qualcosa andasse dritto o storto. Senza togliere nulla a lui, che nel frattempo avrà dato il meglio o il peggio di sè a seconda di come ha trascorso le due ore precedenti il nostro incontro, perchè no? Perchè la sincerità è sincera anche nel mentire! Recitare, attenzione bene:”Mi dispiace, ti prego perdonami, grazie, ti amo” alla hawaiana, volti alla scintilla divina, per ripulirsi della memoria negativa che riporta ogni volta all’errore, renderà migliore non solo te, che ti aspetti qualcosa di grande dal Gori, ma Gori stesso! Il quale non aspetta altro che di colmare le proprie mancanze, umane e non, E questo suo Blog ne è la prova, e anche la cura maniacale che ha per l’ineffabile: il gioco, la storia, la musica. E l’amore, per farla finita con quello che sto dicendo, per quanto ci si sforzi di includerlo entro categorie di piacere/dispiacere funzionali più che altro ai propri personalissimi e contingentissimi bisogni, è sempre e solo il riflesso della luce. Te pensa, Circobazooko, se le tue sinapsi quel giorno non fossero state al top della forma, se un leggerissimo cortocircuito ti avesse impedito di vedere la felpa e sotto la felpa la morbida pelliccia, se non avessi avuto la cognizione del tempo, dei ritardi e delle attese, se non avessi avvertito la fame, se avessi scambiato Luky per il suo cappello parlante, o se avessi potuto ascoltare i suoi pensieri, anzichè le cose che gli uscivano dalla bocca e dal cappello, o meglio ancora, se l’avessi rapito con parole stillanti oro incenso e mirra, facendogli dimenticare di essere a Lucca Comics, te pensa che cosa avresti scritto adesso.

    • circobazooko novembre 19, 2012 a 11:11 am #

      Gori, nota il passaggio sulla “morbida pelliccia”. Se tu avessi lasciato la parte sulla zip come l’avevo scritta io, tutto questo non sarebbe mai successo.

      • Sant'azza novembre 19, 2012 a 3:01 pm #

        Circo, ce la potresti scrivere? Qui, tra i commenti, tanto non se ne accorge.

    • Sant'azza novembre 19, 2012 a 2:59 pm #

      Hoisthatrag, scusa, sono ignorante ma non ci ho capito una sega. In soldoni?

      • circobazooko novembre 19, 2012 a 3:47 pm #

        in soldoni: inutile che io faccia tanto la vittima, che di andare a Lucca l’ho deciso io, e come ci insegna Joe Vitale o il Popporoppò, se sei consenziente dopo non è che ti puoi lamentare. Hoisthatrag pagherebbe oro pur di poter passare 45 ore (nota bene, 45! non 24 o 48, ma 45: questa oggettivamente è perversione) con il Gori, è proprio vero che chi ha i denti non ha il pane etc. etc. E’ vero che il Gori ha le sue mancanze, perché le ha, è indiscutibile (segue la parte sulle Hawaii che per limiti culturali miei non ho capito): è pur vero tuttavia che la sua ricerca ossessiva di determinati fumetti o di determinate tessere per i giochi da tavolo è indice di quella ricerca di perfezione, di quel continuo mettersi in discussione e migliorarsi, da cui tutti noi dovremmo imparare. L’amore non si giudica dalla casetta o dalla fabbrichetta che uno ha, bensì dal semplice godere della presenza dell’altro (e ringraziare). Se io quel giorno fossi stata meno lucida poiché ubriaca, deficiente o con un attacco ischemico in fase iniziale, forse non avrei colto tutti quei terrificanti dettagli che ho poi descritto in maniera così minuziosa. Ma è anche vero che se la mia conversazione fosse stata più interessante o il mio culo più attraente, il Gori si sarebbe dimenticato di essere a LuccaComics (sì, come no) e mi avrebbe dedicato completamente la sua attenzione, trasformando quel 2 novembre nella giornata più bella della mia vita. “Quindi cazzi tuoi, carina”. Questo in sostanza ha voluto dire, più o meno.

        • caramelleamare novembre 19, 2012 a 5:50 pm #

          Non fa una piaga!

        • Hoisthatrag novembre 19, 2012 a 8:25 pm #

          E’ un interpretazione di rara precisione! Magistrale, perchè tra l’altro come scrivi tu io manco mi sogno. E’ la lettura che giustamente dà chi non mi conosce, quella “metropolitana” si può dire. In questo caso, non sono la metropolitana, ma la galleria. Perciò non mi sento di bocciare nessuna di queste idee tanto logiche. Darò i nervi, che ci posso fare, vengo dalla scuola criptica di Duchamp, quello che si è portato la cabala al cesso e poi ha rinfrescato l’ambiente tappezzando i vetri della finestra in pelle nera.

  10. tani novembre 19, 2012 a 10:34 am #

    Il Gori le regala il meglio di sé, una giornata spettacolare, lei prova a fare di lui una macchietta e ne esce una persona di signorilità inarrivabile, al punto che pubblica tutto. Grande Gori, per Natale ti regalo un’espansione di Agricola.

    • circobazooko novembre 19, 2012 a 11:08 am #

      bravo/a Tani, tutto era propedeutico a restituire un’immagine del Gori sicura di sè, autoironica, di grandissima dignità, tant’è che, come già gli dissi (e non mi credeva, il piagnone!) a scrivere un pezzo del genere gli avrei fatto un gran regalo, il vero e proprio salto di qualità a livello di reputazione. Quindi, a onor del vero, l’espansione di Agricola – qualunque cosa essa sia – spetterebbe a me. Grazie!

  11. sgargabonzi novembre 19, 2012 a 12:51 pm #

    Sono usciti i sottotitoli su Italianshare.
    Bel film e il fatto che sia western è un valore aggiunto. Anche se dopo The Road mi aspettavo qualcosa in più da John Hillcoat. Però lo consiglio decisamente.

  12. Selena novembre 19, 2012 a 1:11 pm #

    Io ho conosciuto il Gori e, checché se ne dica posso garantire che è molto morbido

  13. caramelleamare novembre 19, 2012 a 1:19 pm #

    Acid hai notato come circobazooko ha dribblato i miei inviti a tornare a trovarci?
    Ha citato tutto ma su quello non ha detto niente, nemmeno una battuta.

    • circobazooko novembre 19, 2012 a 9:05 pm #

      Te invece, del fatto che in chiusura t’ho omaggiato della citazione di Altopascio 4000, mi dici un cazzo, eh?

      • sgargabonzi novembre 20, 2012 a 2:32 pm #

        Te lo sai che te e lo Scaglia sarete presto a Castiglione della Pescaia da Caramelle, vero? Poi ne trarrà un post impietoso dei suoi in cui, al solito, chi ne uscirà peggio dei protagonisti sarò solo io.

        • caramelleamare novembre 20, 2012 a 6:06 pm #

          Grande! Lo Scaglia, che mito!
          Acid non ho capito questa cosa dell’Altopascio 4000 che dice cirko, me la spiegheresti?

          • sgargabonzi novembre 23, 2012 a 9:49 am #

            Si riferisce al robot che ti impartiva le lezioni di portamento quando sfilavi per Fendi. Se i pezzi cofirmati li scrivessi anche te poi non avresti questi buchi di memoria sulle fondamentali.

            • caramelleamare novembre 23, 2012 a 10:08 am #

              E questo non me lo ricordo nemmeno dopo la spiegazione.
              Scusa.

      • caramelleamare novembre 20, 2012 a 6:03 pm #

        Ti confondi con il Spostalo 3000, il disinfettante:
        https://sgargabonzi.wordpress.com/2006/07/17/ilsensodellaltro/

  14. A.S. Pirina novembre 19, 2012 a 1:22 pm #

    Il mio pensiero va al Luki e ai miti nordici

  15. caramelleamare novembre 19, 2012 a 9:37 pm #

    E comunque va sottolineato, come ha fatto Pinxor, il fatto che al di la della goduria della lettura, è un pezzo scritto troppo bene, è spettacolare!

  16. kreisky novembre 19, 2012 a 10:27 pm #

    Bel pezzo e divertente ! Secondo me Circoeccetra dovrebbe diventare la proprietaria del blog.

    • circobazooko novembre 20, 2012 a 9:57 am #

      per carità, solo due menti geniali come quelle di Acid e Caramelle possono mandare avanti questa incredibile baracca. L’essere ospitata su queste pagine per un giorno è già un immeritato privilegio. Contenta che ti sia piaciuto.

      • Facili Entusiasmi novembre 21, 2012 a 4:05 pm #

        Vivissimi complimenti a Circoeccetera
        Brava brava brava!
        Post bellissimo! Poi Gori è proprio così! 😉

        • circobazooko novembre 21, 2012 a 7:34 pm #

          Comunque non grasso.

        • sgargabonzi novembre 22, 2012 a 12:11 pm #

          E’ proprio così come? Come ne esco da questo racconto? Esplica.

    • Falsa in bilancio novembre 20, 2012 a 12:02 pm #

      Le vacanze in Puglia non sono vacanze se, almeno una volta, non ti balli questa: http://www.youtube.com/watch?v=oumI-7iuUUA

      • kreisky novembre 20, 2012 a 10:27 pm #

        fatto, mentre mangiavo la fettina impanata.

        • kreisky novembre 20, 2012 a 10:28 pm #

          PS: comunque l’obiettivo era fare pubblicità alle inchieste del corriere, ne ho guardata qualcuna e passano bene, 10 minuti e ti senti felice.

          • sgargabonzi novembre 23, 2012 a 9:55 am #

            A proposito, dietro segnalazione del Marinaio ho fatto il test su repubblica per stabilire il mio candidato ideale fra i 5 delle primatie del PD. Nel piano cartesiano finale, il mio segnalino era addosso (manco vicino, addosso proprio) alla Puppato. Che vuol dire?

            Contento che c’è anche il tuo Tabacci?

            • circobazooko novembre 23, 2012 a 2:42 pm #

              anch’io sono vicina alla Puppato, ma non addosso, diciamo che se fossimo in un Paese nordico saremmo intime, se applichiamo la prossemica terrona siamo due estranee.

              • kreisky novembre 23, 2012 a 7:00 pm #

                Circo, la parola “prossemica” mi eccita, occhio!

              • caramelleamare novembre 24, 2012 a 1:08 am #

                Io lo faccio 5 volte e 5 volte esco diverso. E’ un linguaggio che non capisco. Comunque la prima volta ho fatto all’amore con Renzi(la più faccia di culo mi pare fra quelli), la seconda volta ho fatto una cosa a tre con Vendola e Puppato con però più tendenze omosessuali.

              • Falsa in bilancio novembre 25, 2012 a 1:13 pm #

                Stesso risultato per me. Infatti la voterei se ora non mi trovassi a pochi km dalle rive del Brahmaputra.

            • kreisky novembre 23, 2012 a 6:59 pm #

              Eh purtroppo il mio Tabacci non regge confronti diretti, non ne ha il carisma e quanto a comunicazione-immagine ci prova ma ne esce sconfitto. Addio Taba !!!

              Dov’è sto test di Repubblica? mo’ ci provo

              • kreisky novembre 23, 2012 a 7:10 pm #

                Ebbene, io mi inchiappetto Bersani.

              • sgargabonzi novembre 23, 2012 a 10:30 pm #

                Tabacci ha una capa tanta ma i lineamenti che si risolvono in pochi cm quadri.

      • sgargabonzi novembre 22, 2012 a 8:58 pm #

        Sempre meglio di quest’aborto qua: http://www.youtube.com/watch?v=YdVaHCCxHMw

        E ci tengo a dire che a Caramelle ai tempi piaceva (SI’, “PIACEVA”, MO’ NON FARGLI LA TARA!) Sono Fuori Dal Tunnel.

        • Pinxor novembre 22, 2012 a 11:06 pm #

          Lasciami stare Caparezza, prepotente inaffidabile e con dei gusti di merda su tutto (comunque non grasso).

          • sgargabonzi novembre 23, 2012 a 1:52 am #

            E te lasciami stare Igort, che se li mangia a colazioni i fumettacci che leggi te!

            • Pinxor novembre 24, 2012 a 10:26 am #

              Non se li può mangiare perchè sennò gli va a traverso la griglia.

        • caramelleamare novembre 22, 2012 a 11:54 pm #

          Questa non la conoscevo: peccato per la presenza insensata di Albano perché come canzone è riuscitissima.

        • Falsa in bilancio novembre 25, 2012 a 12:51 pm #

          Io la voce nasale di Caparezza non la reggo minimamente. Aggiungici che canta delle vere e proprie lagne. I testi però salvano il tutto.
          Ad ogni modo meglio questa che quella della galleria, appena appena meno martellante.
          “Questa non la conoscevo…” ????!!!!!Caramelle sei un eremita!

    • Falsa in bilancio novembre 25, 2012 a 4:59 pm #

      Ahahahahahaha!

  17. caramelleamare novembre 25, 2012 a 2:26 pm #

    Voce fuori campo e regia di “Falsa dent …in bilancio”:

    • Falsa in bilancio novembre 25, 2012 a 4:54 pm #

      Vorrei dire un paio di cose:
      1.Ottimo esordio per questa giovane e talentusa regista dell’agropontino.
      2. A Terracina d’estate non c’è mai posto per parcheggiare.E poi attenzione che sull’Appia ci hanno piazzato almeno un paio di autovelox! Secondo me, considerato che uno deve impazzire per lasciare la macchina, tanto vale optare per Sperlonga, almeno è un bel posto. Oppure vi fate qualche km di curve verso l’interno e arrivate nella ridente Lenola, dove potrete acclamare Pinxor, intento ad essere premiato per uno dei suoi corti. (Scusa Pinxor ma ti stragiuro che avevo la febbre).

      • Pinxor novembre 26, 2012 a 1:04 am #

        Dove avreste potuto acclamare…
        Lo so Falsa, ci credo. Ho apprezzato molto il pensiero e la telefonata per avvertirmi che non potevi venire (perlomeno ho il ricordo che mi hai telefonato, per cui anche se tu non lo avessi fatto fai finta di niente e grazie lo stesso). Spero che ci potranno essere altri festival in futuro in cui acclamarmi con amici e parenti e perchè no cognati.

    • sgargabonzi novembre 25, 2012 a 6:06 pm #

      Eccoli: i rapitori di Moro. Mentre il Premier moriva un po’ ogni giorno e scriveva commosse lettere alla moglie nello stanzino accanto, loro si divertivano così. Bravi.

  18. sgargabonzi novembre 25, 2012 a 5:43 pm #

    Una cena dello Sgargabonzi: http://youtu.be/LcGRDaFqH0c

    • L'angelo sterminatore novembre 26, 2012 a 5:25 pm #

      Il filmato fa sorridere, ma riporta alla mente uno dei più grandi problemi della nostro Paese: la crisi del cinema porno italiano.
      Ci sarà mai una fine a questo declino? Un’impennata d’orgoglio? Quanto ancora potremmo andare avanti con Rocco??
      Ragazzi, non sono affatto ottimista, io ormai ho imparato bene l’inglese per potere vedere i film porno hollywoodiani, non vedo alternative.

  19. circobazooko novembre 27, 2012 a 11:37 am #

    qualcuno mi racconta l’episodio 2×06 di American Horror Story, che ieri sera ci ho dormito su come un angioletto?

    • caramelleamare novembre 27, 2012 a 1:27 pm #

      E’ quello che m’è piaciuto meno, è andata così: Lana mamma finta paura pazzo, suora nazi il governo via, assistente inviperita il diavolo dentro le cose, rabuschia tremendissima attenzione gente!

      • circobazooko novembre 27, 2012 a 2:13 pm #

        perfetto, grazie!

  20. sgargabonzi novembre 27, 2012 a 12:27 pm #

    La Tommasi in riabilitazione pubblica dalla Ventura e la Ventura si commuove, dopo un abbraccio in cui è evidente che alla Tommasi non gliene frega niente. Sono realtà anche queste.

    http://tv.liberoquotidiano.it/video/108941/Tommasi_in_tv_e_la_Ventura_scoppia_in_lacrime.html#.ULSizOTWh8F

    • kreisky novembre 27, 2012 a 10:58 pm #

      certo che la Ventura pare un mostro! il chirurgo l’ha rifatta col flessibile, che è questo strumento qui: http://www.youtube.com/watch?v=0pdWN0GiFfY

      • caramelleamare novembre 28, 2012 a 1:30 am #

        Infatti è la prima cosa che m’ha colpito. E’ inguardabile, comunque non grassa.

  21. sgargabonzi novembre 27, 2012 a 12:46 pm #

    Occhio, potrebbe essere il riscatto di Alexander Aja!

    http://www.cineblog.it/post/88731/torino-2012-maniac-recensione-in-anteprima

    • caramelleamare novembre 27, 2012 a 2:42 pm #

      Ma se il film è di Franck Khalfoun !? Aja che fa, governa dietro le quinte?

  22. sgargabonzi novembre 28, 2012 a 3:11 am #

    Pochi cazzi, quest’anno è bello:

    • Pinxor novembre 28, 2012 a 6:31 pm #

      Manuale D’Amore incontra il Cinepanettone.
      Poi il cinema coreano non si regge e “Homeland” ha uno stile troppo televisivo per guardarne più di 5 minuti, giusto?
      (Circobazooko, mica ti avanza un po’ di prosa disperante e polemica per caso?)

      • circobazooko novembre 28, 2012 a 7:06 pm #

        con chi ce l’hai? con lo Sgarga? con i suoi gusti cinematografici? Dammi qualche indizio in privato che c’ho già pronto il pezzo in 30×60

      • circobazooko novembre 28, 2012 a 7:07 pm #

        suppongo comunque che sul trailer quissopra scherzasse.

        • Pinxor novembre 28, 2012 a 9:29 pm #

          Supponi male, purtroppo

        • Falsa in bilancio novembre 28, 2012 a 11:52 pm #

          mmm…forse allora non leggevi ancora il blog ai tempi del celebre tormentone “gioco caffè”…se riesci a recuperare quella discussione ti si aprirà un mondo…

          • circobazooko novembre 29, 2012 a 3:20 pm #

            non ho trovato niente, ma talvolta è meglio non sapere. Falsa, tempo fa mi chiedesti consigli libreschi. Non ebbi tempo di rispondere poi me ne dimenticai, mi è venuto in mente solo oggi e me ne scuso. Attualmente sto leggendo “Bestiario” di Julio Cortázar, una raccolta di racconti uno più bello dell’altro. Se non l’hai letto, te lo straconsiglio.

            • Falsa in bilancio novembre 30, 2012 a 2:34 pm #

              Figurati!Non l’ho letto e non ne ho mai neppure sentito parlare, ma il titolo mi intriga, forse perchè mi ricorda i tempi del liceo.E comunque in generale gli autori latini li preferisco.Ottimo spunto!Grazie mille.

              • sgargabonzi novembre 30, 2012 a 2:59 pm #

                E Tony Pagoda e i suoi amici l’hai letto? Fondamentale eh.

                • Falsa in bilancio novembre 30, 2012 a 9:52 pm #

                  Non temere Acid, volevo soltanto far trascorrere un pò di tempo tra questo ed il precedente, per evitare di sovrapporli troppo.
                  In compenso ho consigliato “Hanno tutti ragione” a diverse persone e l’ho anche regalato ad un amico. Credo apprezzerà, considerato che è Tony Pagoda spiccicato.

      • caramelleamare novembre 28, 2012 a 10:28 pm #

        “Homeland” quale? C’è una serie TV che depista le ricerche…

        • Pinxor novembre 29, 2012 a 2:20 am #

          Sì, mi riferisco alla serie tv che a me piace molto (siamo alla nona puntata della II stagione) e che il Gori snobba perchè “troppo televisiva”.

          • sgargabonzi dicembre 22, 2012 a 2:28 am #

            Non ho detto troppo televisiva ma carente di quel guizzo autoriale, almeno nel logo iniziale dell’AMC, che è la parte del telefilm che ho visto prima di cassarla perché carente di quel guizzo autoriale di cui sopra.

    • Falsa in bilancio novembre 28, 2012 a 6:53 pm #

      E l’orso Greganti non è da meno!!!http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=qWY_KtLbxkA

      • caramelleamare novembre 28, 2012 a 10:35 pm #

        E allora questo?

      • sgargabonzi dicembre 22, 2012 a 2:26 am #

        Un marsicano purosangue dal carattere splendido.

    • caramelleamare novembre 28, 2012 a 10:32 pm #

      Da cacarsi in mano!

      • Falsa in bilancio novembre 28, 2012 a 11:56 pm #

        Il video del cane è fenomenale,lo sto già usando per cuccare su facebook con ottimi risultati.
        Comunque Caramelle in un commento nel post successivo mi sono preoccupata per il tuo stato di salute, immaginandoti solo e fragile a fronteggiare intemperie di ogni sorta, e tu non mi hai degnata di risposta. Grazie mille.

        • caramelleamare novembre 29, 2012 a 11:35 am #

          Ho avuto un cancro ai polmoni tra le 19.00 e le 24.00 di ieri sera. Può bastare?

          • Falsa in bilancio novembre 29, 2012 a 2:24 pm #

            No, te ne auguro un altro dalle 13.00 alle 13.07.

      • kreisky novembre 29, 2012 a 1:27 am #

        Forte il cane e anche l’orso. Della balena mi sta simpatica anche la ragazzina che gli dice Hello alla fine, facendosela sotto.

  23. Fra Puccino dicembre 19, 2012 a 1:49 am #

    ma che fai, Sgarga, fai scrivere i post agli altri come un Beppe Grillo qualsiasi? Tu, il Luigi Tenco degli status di facebook, il Cecco Angiolieri di WordPress, il Melissa Panarello di twitter… Non deludermi/ci/vi

    • sgargabonzi dicembre 22, 2012 a 2:04 am #

      Eh ma quello da sempre! Tutti i post scritti con carattere di un colore diverso dal nero sono co-scritti o scritti da altri. E più si va avanti e più sono migliori di quello del titolare che è taaaanto stanco ormai. Tra l’altro Circobazooko ne ha in serbo un altro pesissimo suo stile!
      Un saluto dal Principe Azur, carissimo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: