Brogliaccio su Sanremo 2012

15 Feb
Gianni Morandi pare un malato terminale di tutto tenuto in piedi con l’elettricità, una passata di colla vinilica e la parrucca chemioterapica.
Dolcenera mi piaceva quando faceva il ragnetto scoleotico e procionato sul piano, mo’ pare una sciura uscita dalla palestra che dice alle amiche che tanto la doccia se la fa a casa e poi col cazzo. Strano, visto che a Music Farm fu l’unica che non scoreggiò mai (insieme a Marco Armani).
Introdotta da You Really Got Me dei Kinks, Noemi si vanta che la canzone che porta gliel’ha scritta Fabrizio Moro, quello di Pensa. E’ come vantarsi che l’angioplastica te la eseguirà Zagor (persona squisita, però…).
Rocco Papaleo si sente fuori luogo e lo è, ma l’album capolavoro che fece uscire nel ’97 (“Che non si sappia in giro”) dovrebbero ascoltarlo tutti, anche i celiaci.
Samuele Bersani si traveste da sé stesso a Sanremo per farsi riconoscere e porta una canzone non sua ma di Samuele Bersani. Risultato: Austin Powers che canta una filastrocca di Claudio de L’Albero Azzurro.
Francesco Renga è l’anello mancante fra l’orso Teddy Ruspin e il metereologo Guido Caroselli. La canzone gli viene, al solito, precisa precisa per imbarcare vecchie signore del Rotari.
Chiara Civello è qui solo perché è la protetta del direttore Mazza, che la tiene d’occhio dal 2009 e forse se la spolpa nottetempo. Canzone mediocre, ma musicalmente la cosa più bella che ho mai ascoltato da quando sono nato (massì). Voto finale: 6
Irene Fornaciari ha la faccia di una col peggior alito al mondo. Forse dopo Celine Dion.
Adriano Celentano ok. Ma Renato Pozzetto dov’è?
Pupo in platea s’alza in piedi, sbraita contro il Molleggiato e simula il bello della diretta. Un po’ come il Betto vestito da donna al teatro di Tegoleto alla festa dei bambini a carnevale.
Celentano viene pagato la bellezza di 11.000 (undicimila!) euro per 40 minuti di monologo. Praticamente un intero anno di lavoro per un’operaia Lebole. Vergogna.
Elisabetta Canalis ha la faccia di una che lascia il gabinetto olfattivamente infrequentabile e ti fa: “Non entrarci, ché il tizio che c’è andato prima di me… mammamia…”.
Celentano, per spazzare via ogni polemica, dichiara che devolverà il suo intero cachét in favore di un’industria bellica.
Emma Marrone mi ha sempre fatto specie per come abbia voluto tenersi un cognome che richiama, immediatamente, la cosa più sporca, bassa e batterica che ci sia: la terra.
Il reuccio Claudio Villa, passato a miglior vita venticinque anni fa, torna a sorpresa con “Follia positana”, una canzone dedicata ai panini dell’autogrill. Bravo.
Cristiano Godano dei Marlene Kuntz canta una canzone per il figlio, ovvero il nadir senza ritorno di ogni percorso artistico. E una cosa così non è che la risolvi con la barba.
Belen Rodriguez canta con Elisabetta Canalis. La prima rivolge alla seconda quel sorriso inamidato come a pensare: “Il tizio prima di te eh? Come no”.
Se Eugenio Finardi fosse un lottatore di Street Fighter II, vista la conformazione fisica, sarebbe lento ma granitico. Se lo fosse di Fatal Fury sarebbe a sorpresa scattante ma con poco affondo. Questo perché la NeoGeo ha sempre cercato di sgombrare il tavolo della situazione picchiaduristica dai soliti cliché.
La Berté sembra Miss Scarlett di Cluedo a 70 anni. Gigi D’Alessio pare aver appena strangolato la noia e sciolto una ciliegia in una vasca d’acido.
Nina Zilli, come prevedibile, tira fuori la consueta annisessantanza con una canzone che non fa disdoro e con un occhio alla lobby dei gay.
Pierdavide Carone, terz’ultimo cantante in gara e inizio a chiedermi: com’è che anche quest’anno non c’è una ballata sul tema delle piante carnivore? Sarà un caso, ma è da sessantatre edizioni che tutti ci girano attorno.
Non è vero che Andrea Mingardi è più peloso di Lucio Dalla. A Milano Marittima c’ero vicino d’ombrellone (Bagno Moderno) e non è che fosse così ipertricotico, lo ero più io.
Arisa, normalizzatasi dopo X-Factor, cerca di proporre una canzone vintage stile la Zilli ma il risultato è una canzone anziana tipo Rosanna Fratello nelle compilation di Mediashopping.
Fra i Matia Bazar è rientrata la transfuga Silvia Mezzanotte, i cui dischi solisti esordivano direttamente nel cestone offerte dell’autogrill fra i Papetti e i Giganti. Il pezzo è molto Mediashopping.
Problemi tecnici col televoto e il pubblico insorge. Come in Inception, questa puntata viene declassata a effetto ottico.

Ah, sapete perché da qualche anno non c’è Gianni Bella a Sanremo?

Perché ha avuto un ictus.

QUI i video di tutte le canzoni in gara.

Annunci

57 Risposte to “Brogliaccio su Sanremo 2012”

  1. Sant'azza febbraio 15, 2012 a 2:25 am #

    Prima!
    Ti scrivo solo perchè hai fatto piangere Al.
    Spero in una pagella finale, ben strutturata. Come al solito.

    • sgargabonzi febbraio 15, 2012 a 5:52 am #

      Sant’azza, benvenuta! Era ora!
      La pagella finale sarebbe impietosa. Davvero, più degli altri anni, ho trovato il livello medio da latte alle ginocchia. Lontane sono le scelte coraggiose del Pippone nazionale degli ultimi suoi festival.
      Diciamo che spicca giusto la canzone della Zilli e un po’ quella di Arisa, ma niente di memorabile. Mi sta sui coglioni che la raccomandatissima Fornaciari sia subentrata all’ultimo momento a Concato, l’unico per cui avrei fatto volentieri il tifo.

      • Gianluca ottobre 11, 2012 a 5:29 pm #

        Voglio fare una playlist di musiche “vecchie signore del Rotari-oriented”. Quali sono gli artisti e le scene di riferimento?

    • Facili Entusiasmi febbraio 15, 2012 a 10:16 pm #

      Ciao Santuzza! Benvenuta. E fa’ la brava!

      • Sant'azza febbraio 16, 2012 a 12:43 am #

        Guarda, chiedimi di tutto, ma togli la “u” 😉

        • sgargabonzi febbraio 16, 2012 a 1:55 am #

          Ti dico solo che io questo blog lo aprii anni fa nella speranza che prima o poi tu ci scrivessi.

          Isa, hai visto chi abbiamo?

          Colpo di genio! Vi dedico una canzone che potrebbe essere il vostro punto d’incontro, visto che riguarda due vostri rispettivi miti: Aleandro Baldi e Don Milani.

          • °°° febbraio 16, 2012 a 4:39 pm #

            E che non l’ho vista? Ero qui che aspettavo solo lei! La mia Sant’azza bella.
            Che fusione di miti. Occhi a non informare Furio, che quello quando ci si mette a rompere i miti non lo ferma nessuno..

            • sgargabonzi febbraio 16, 2012 a 5:01 pm #

              Quando per un motivo, quando per l’altro, eviti sempre di citare Al.

              Per caso t’intimorisce?

              • °°° febbraio 16, 2012 a 6:23 pm #

                Ma no, tu mi hai detto che non mi sopporta e allora gli giro alla larga.

            • Sant'azza febbraio 16, 2012 a 10:09 pm #

              Io che sono così poco persona da blog, mi apettavo almeno una notifica sul cellulare, di questa notizia.

              Che emozione, Pallini, sai che io mangiavo la pizza a Gaville, dove anche lui mangiava la pizza? Ci siamo anche conosciuti, gli ho stretto la mano e gli ho detto “Bravo, vai avanti così”. Avrò avuto sì e no 14 anni.

              Questa canzone ora come mai mi rappresenta, come direbbe Tim Gunn.

              Ma allora, le notifiche ai prossimi commenti, mi busseranno sui fazzolettini Tempo o no?

        • °°° febbraio 16, 2012 a 7:51 am #

          Ciao San’azza , ma quanto ti sei fatta attendere? Qui è il tuo posto. Ci voleva un post ai massimi livelli sgargabonziani.

          • Sant'azza febbraio 16, 2012 a 10:11 pm #

            Ciao Pallini! Posso chiamarti Pallini?
            Oioioioi non sai l’emozione di scrivere qui, mi tremano le mani tutte.

            • °°° febbraio 16, 2012 a 10:16 pm #

              Chiamami come vuoi , basta che torni qui che questo è un posto speciale.

              (Soprattutto per Caramelle)

  2. Nadiona Rinaldi febbraio 15, 2012 a 2:57 am #

    Cazzo mi metti l’ansia.

    • sgargabonzi febbraio 15, 2012 a 5:54 am #

      Sì ma insomma, questo festival? Almeno Luca & Paolo…

  3. icittadiniprimaditutto febbraio 15, 2012 a 10:51 am #

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  4. tricuspide febbraio 15, 2012 a 10:55 am #

    Prima serata deludente, e devo dire che quest’anno ho voluto approcciarmi a Sanremo con moooooolta speranza.
    quello che ho avvertito: uno spettacolo stonato e fuori tempo, per il clima del paese. m’ha fatto venire ansia e uggia durante vari momenti.
    canzoni, tra l’altro, che scivolano addosso senza lasciar residui in memoria.
    La Fornaciari bha.
    Chiara Civello presentata come chissàicchè…voce totalm spenta, sembrava manco c tenesse alla kermesse, l’unica emozione per lei sarà stata “devo star attenta a non cadere dai quattro gradini!” (non ce la faceva proprio).

    BERSANI è sposato?

    Celentano può andare…ma avevo già cominciato ad appisolarmi. il suo ingresso è stato d’impatto, forse troppo. mia nonna, che in sanremo poteva finalm “riposare i sensi”, con molta probabilità c’avrebbe un po’ patito “ma come, nemmeno a sanremo siamo al riparo da bombe, sirene d’allarme e corpi che cadono?!?”

    Luca e Paolo all’inizio mi hanno fatto fare zapping compulsivo con altri canali, Ballarò e Csi in testa!

    Papaleo non ho capito se per tutto il tempo abbia tenuto quella faccia attonita, con gli occhi in fuori, per un qualche copione oppure se era dovuta alla fifa mal mascherata.
    Morandi fa buono e rimane simpatico senza difficoltà, ma lo facevo un pochetto più progressista… per la scelta degli artisti e\o delle canzoni.

    il tuo post, come sempre, riassume e racconta al meglio queste parentesi televisive…mi spiace non aver visto Pupo, Nina zilli e Dolcenera.
    d’alessio mi fa gastrite solo a nominarlo.

    mi spiace per Gianni bella.

  5. Paolo 'Neupaul' Palmacci febbraio 15, 2012 a 12:06 pm #

    Sanremo 2012: se non andasse in onda non ci sarebbe Avvenire http://inpastoalsilvio.wordpress.com/2012/02/15/sanremo-2012-se-non-andasse-in-onda-non-ci-sarebbe-avvenire/

  6. Son già...son giare! febbraio 15, 2012 a 12:23 pm #

    “Concato” chi??? Quello che si faceva toccare dall’amichetto alle elementari?

    • sgargabonzi febbraio 15, 2012 a 1:44 pm #

      Proprio lui, caro Ema!

      Lo stesso che portò a Sanremo, qualche anno fa, una canzone sulle rogne della new economy.

  7. salafava febbraio 15, 2012 a 1:11 pm #

    ho riso assai

  8. Lilli febbraio 15, 2012 a 1:31 pm #

    aahahhaah Non ho seguito San Remo ma grazie a questo esilarante brogliaccio, forse ci sarà stasera una possibilità di guardarlo!!! Pezzo unico!! Ero incazzata mi hai fatto ridere! :)))

    • caramelleamare febbraio 15, 2012 a 1:56 pm #

      Se trovo quello che t’ha fatto incazzare giuro che…

  9. caramelleamare febbraio 15, 2012 a 1:53 pm #

    Questo è l’unico Sanremo che potrei mai reggere e leggere. Fra gli ultimi post, il Brogliaccio è il mio preferito. In particolare la il complesso discorso che riguarda la NeoGeo, ma anche tutto il resto è al top.

  10. Lilli febbraio 15, 2012 a 2:04 pm #

    Caramelle aiutami tu…

    • Facili Entusiasmi febbraio 15, 2012 a 10:17 pm #

      Non ho visto Sanremo, ma ci tengo a sottolineare che Arisa non riesce mai a pronunciare una frase di senso compiuto. Mi sta sulle scatole.

  11. lupus.sine.fabula febbraio 15, 2012 a 10:03 pm #

    Sferzante… mitico questo commento! La Canalis soprattutto… direi proprio di sì.
    Ma chi o che cosa salviamo di questo festival così inutilmente stupido?…
    Forse solo la pubblicità.

  12. sgargabonzi febbraio 15, 2012 a 11:24 pm #

    Signori, domani è il gran giorno. Investite 1 euro, non ve ne pentirete:

    http://www.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/2012/02/15/news/zagor_-29906321/

  13. lordbad febbraio 16, 2012 a 12:42 am #

    hihihihi il tuo articolo mi ha divertito molto!

    Concordo sull’espressione della Canalis 😀

    http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2012/02/15/sanremo-che-tristezza/

    Un saluto da Vongole & Merluzzi

    Lordbad

  14. °°° febbraio 16, 2012 a 7:54 am #

    Io , di tutti i San Remo, quello che non reggo proprio, sono quei quadretti imbarazzanti prima di introdurre un ospite.

    • sgargabonzi febbraio 16, 2012 a 3:58 pm #

      Inevitabili. E’ quello che distingue una kermesse da uno spettacolo.

  15. Squisi febbraio 16, 2012 a 9:14 am #

    you really got me prima di noemi.
    vado a farmi esplodere su un autobus (vuoto)

    è stato bello.

    • sgargabonzi febbraio 16, 2012 a 3:58 pm #

      Effettivamente per Noemi sarebbe stato troppo pure una canzone scritta da Dave Davies, il fratello meno talentuoso. Tipo Death Of A Clown, toh!
      Comunque la canzone di Noemi quest’anno è bruttina forte. Io tifo per Nina Zilli, non ci sono cazzi.

  16. sgargabonzi febbraio 16, 2012 a 4:16 pm #

    Per me ballata dell’anno.

  17. Cristina Viara febbraio 16, 2012 a 6:43 pm #

    “Il reuccio Claudio Villa, passato a miglior vita venticinque anni fa, torna a sorpresa con “Follia positana”, una canzone dedicata ai panini dell’autogrill. Bravo.”
    ahahahahahah…commenta un po tutte le serata? che io invece di vedermi il festival e vomitare seduta stante, mi leggo i tuoi pezzi e….sanremo acquista un suo perchè!

  18. sgargabonzi febbraio 16, 2012 a 11:52 pm #

    Poco da dire, il meglio rimane Papaleo. Ha pure cantato Foca, senza Silvestri però.

    Chi non ha comprato il suo disco se lo procurasse.

  19. kreisky febbraio 17, 2012 a 2:45 pm #

    Io sono per la Berté

    • sgargabonzi febbraio 17, 2012 a 10:44 pm #

      Allora ti devi pigliare anche D’Alessio, l’hai capito sì?

      • kreisky febbraio 18, 2012 a 9:32 am #

        eh infatti, ma l’ho detto soprattutto perché l’ho sentita cantare da sola l’altra canzone, quella di Mia Martini.
        Poi al limite sono per Arisa e i Matia Bazar.

  20. chicca febbraio 17, 2012 a 8:33 pm #

    ma che patata gigante è la belen??

    • sgargabonzi febbraio 17, 2012 a 10:43 pm #

      Ma pure Nina Zilli eh.
      Comunque a me, da sempre femminista militante, il caso della farfalla beleniana non m’ha dato noia per niente. Anzi, l’ho trovata d’una classe paurosa.

      • °°° febbraio 18, 2012 a 12:02 am #

        Sì, nella tua ottica di femminismo ci sta la classe di Belen

      • kreisky febbraio 18, 2012 a 9:35 am #

        Ti piace la Zilli ? a me sembra costruita, non so, c’è qualcosa che non mi convince.

        • sgargabonzi febbraio 18, 2012 a 6:22 pm #

          Costruita forse sì, ma costruita da sé, che già fa la differenza (a differenza di una Duffy, per dirti). E si avverte da matti che quegli anni ’60 là sono proprio la sua passione. E le canzoni se le scrive lei eh.

      • chicca febbraio 19, 2012 a 7:44 pm #

        anche lei è una patata
        la farfallina ci stava, anche il fatto che spostava il vestito per farla vedere meglio, adorabile

  21. Facili Entusiasmi febbraio 17, 2012 a 9:51 pm #

    Nei momenti di disperazione, perché no!

    http://www.giornalettismo.com/archives/201897/metti-una-madonna-nella-tua-vagina/

    • sgargabonzi febbraio 17, 2012 a 10:45 pm #

      E’ quello che fece la Colasanti. Salvo che poi ci s’impigliò il frenulo di Gianni Guido.

  22. sgargabonzi febbraio 17, 2012 a 10:47 pm #

    Ed ecco il nuovo video degli HAL!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: