La festa più bella che c’è

14 Giu

Il compleanno è la festa più spettacolare che ci sia, perché sancisce che un nuovo anno è trascorso e, finalmente, possiamo prenderci la soddisfazione di declinarlo al passato. Come dire: anche questo lavoraccio l’abbiamo sfangato, possiamo archiviarlo e procedere oltre. Evvai! Sono come tanti punti-fragola a completare una raccolta, il cui premio finale non è la batteria di pentole né la mountain bike né il trolley Roncato bensì qualcosa di molto simile ai trolley Roncato ma più satinato: la morte. Ma attenzione: “morte” intesa nel senso importante e insieme tenero del termine, quello di completamento e perfezione, come nei contratti per aprire le eliotecniche. Ogni compleanno è un piccola standing-ovation che riceviamo per un anno in cui non ci siamo sottratti alla vita, magari commettendo degli errori (di perfetto c’è solo Enzo Tortora), ma l’importante è crescere ed evolversi per presentarci a testa alta a quell’ultimo, estremo appuntamento. Poter smettere di esistere, con dignità e con un sorriso da parte a parte, felici come bambini. Sparire nella troposfera, senza ritorno, sereni e fieri che il nostro dovere l’abbiamo fatto. C’è forse qualcosa di più bello? Perché, in questa unica esistenza, morire bene è importante quanto vivere bene. Ogni compleanno abbrevia la distanza interposta fra noi e il momento in cui accoglieremo con un grande abbraccio quell’affascinante mistero della natura che sono le neoplasie, in tutte le loro impensabili varietà, oppure la forza perfetta e ancestrale di quella piccola formichina che è la proteina beta-amiloide, che ingloberà giorno dopo giorno placche e grovigli neurofibrillari rendendoci protagonisti della malattia di Alzheimer, come i nostri amati nonni e come tanti fratelli prima di noi. Solo io ci vedo un tepore infinito e un senso di comunione in tutto questo? E ciò non deve spaventarci. Non dobbiamo chiamarla “decadenza” solo perché la società occidentale c’ha imposto questo perverso termine. E’ soltanto il meraviglioso spettacolo della natura, l’unico traghetto verso quel completamento dentro cui scaldarci, come sotto il piumone d’inverno, un attimo prima di sparire per l’eternità nel luminoso buio della non-esistenza.
Madonna come sono contento.

Annunci

56 Risposte to “La festa più bella che c’è”

  1. cristina_viara giugno 14, 2011 a 12:46 pm #

    veramente toccante. ho una voglia di morire ora…che mi porta via!!

  2. Lady Lazarus giugno 14, 2011 a 1:20 pm #

    Io la vedo più come: ‘Ragazzi, qui festeggiamo perché 35 anni fa è nata una ganza come me! Come avreste fatto se io non fossi nata? La vostra vita sarebbe stata triste e vuota!’. 🙂

    Auguri GhiriGori!

  3. sgargabonzi giugno 14, 2011 a 1:26 pm #

    Sappiate che oggi è pure il compleanno di Pallini a cui faccio un gavettone d’auguri.

    • Lady Lazarus giugno 14, 2011 a 2:02 pm #

      AUGURI PALLINI! Ma dove sei finita? 😦

  4. lozissou giugno 14, 2011 a 1:50 pm #

    Non è neanche vero che “vivere bene è importante quanto morire bene”. Passeremmo tutta la vita a rattopparci per ben benino per presentarci al meglio col mitico appuntamento della falcionatura, a me pare.

  5. Pinxor giugno 14, 2011 a 3:15 pm #

    AuGori!
    (e ballini d’auguri a Pallini)

    • lozissou giugno 14, 2011 a 3:31 pm #

      AuGori l’hai copiato dalla Barcorel sulla bacheca di Facebook? Lascia stare la micu gina, sai…

      • Pinxor giugno 15, 2011 a 3:49 pm #

        Nossignore, aguzza la vista e vedi chi ha fatto prima gli auguri. Ora mi tocca querelare la tu’ cugina

  6. °°° giugno 14, 2011 a 7:18 pm #

    Son qui che festeggio col Che nell’attimo dopo essere sparita per sempre.
    Madonna come sono contenta.
    Grazie a tutti

    • Mistress giugno 14, 2011 a 8:18 pm #

      Pallini, io gli auguri te li faccio così. Abbi pazienza.

      • kreisky giugno 15, 2011 a 12:25 am #

        Mistress complimenti, se fossi Pallini sarei commossa !
        Comunque la mia particolare conformazione fisica fa sì che a me manchino 25 centimetri, c’ho appena provato !

        Pallini auguri !

        • Mistress giugno 15, 2011 a 12:40 am #

          Per un pelo!

  7. ilmarinaio giugno 14, 2011 a 11:02 pm #

    Auguri !!!

  8. kreisky giugno 15, 2011 a 12:22 am #

    Buon Nataleeeeeee!!!!! e felice anno nuovo !

  9. °°° giugno 15, 2011 a 12:26 am #

    Mistress tu sai come colpirmi al cuore… grazie, più bel regalo non c’è!

    • Mistress giugno 15, 2011 a 12:41 am #

      Allo sgargabonzi invece, dedico questo:

      • sgargabonzi giugno 15, 2011 a 1:25 am #

        Grazie Mistress! Quando ascoltai per la prima volta questa canzone ebbi immediatamente chiaro che era la più bella mai ascoltata nei miei diciassette anni. Mentre finiva mi chiedevo: “chissà quanto tempo dovrà passare per sentirne una che la batta!”. Non sapevo che sarebbero passati solo pochi secondi. La traccia successiva era Don’t Look Back In Anger.

  10. sgargabonzi giugno 15, 2011 a 2:34 am #

    L’unico ministro decente che c’è rimasto è Brunetta. Guardate qua. http://tv.repubblica.it/edizione/roma/brunetta-non-risponde-ai-precari-siete-l-italia-peggiore/70773?video

  11. sgargabonzi giugno 15, 2011 a 2:36 am #

    Caramelle, roba per te. Gli Yes stanno per uscire con un nuovo album, dopo dieci anni dall’ultimo. Ecco il singolo: http://www.muzu.tv/yes/sweet-dreams-music-video/229106

  12. sgargabonzi giugno 15, 2011 a 2:41 am #

    Ecco quale dovrebbe essere il nuovo film di Aronofsky: http://www.cineblog.it/post/28798/christian-bale-sara-noe-per-darren-aronofsky

  13. sgargabonzi giugno 15, 2011 a 2:43 am #

    Ed ecco una cover meritevole di Bohemian Rapsody: http://www.soundsblog.it/post/14195/bohemian-rhapsody-dei-queen-suonata-con-un-ukulele-video

    • caramelleamare giugno 15, 2011 a 11:40 am #

      Lui però è bellissimo, guarda qua:

      Ci sarebbe da innamorarsene dente per dente.

      • sgargabonzi giugno 15, 2011 a 12:05 pm #

        Spettacolo. Però quando si taglia i capelli (The Game) e spunta il baffo (Hot Space)… beh, da lì in poi è la decadenza dei Queen.

        Questa versione orripilante che andava di moda quando l’ultimo anno delle superiori te la ricordi?

      • Nicola giugno 15, 2011 a 10:59 pm #

        Non è male, sembra Freddy Mercury.

  14. kreisky giugno 15, 2011 a 9:31 am #

    Stavo per lasciare il video di Brunetta, poi ho visto che lo hai già messo !

  15. kreisky giugno 15, 2011 a 9:33 am #

    anzi questa è l’email r.brunetta@governo.it se qualcuno non avendo niente di meglio da fare lo vuole infamare un pò…

  16. sgargabonzi giugno 15, 2011 a 2:08 pm #

    Dio che tristezza. Ecco Dario Argento che presenta il suo nuovo film, “Dracula 3D”.

  17. sgargabonzi giugno 15, 2011 a 2:17 pm #

    Caramelle, il primo singolo di Noel s’intitolerà “The death of me and you”, t’aggrada?

    • caramelleamare giugno 15, 2011 a 2:40 pm #

      Non glielo facevo un titolo cosi, non saprei.

      • sgargabonzi giugno 15, 2011 a 7:08 pm #

        Ho invertito: “The death of you and me”. Sicuramente diranno che quel “you” è Liam, come per Four Letter Word hanno detto che la parola di quattro lettere era Noel.

        • Lady Lazarus giugno 16, 2011 a 2:53 pm #

          Oddio! E non era LOVE? 😦

          • sgargabonzi giugno 16, 2011 a 5:11 pm #

            No, era di sicuro una parolaccia, perchè il termine FLW indica nel Regno Unito le parolacce di quattro lettere, fuck, dick, cock, slut, shit e via di seguito.

  18. Nicola giugno 15, 2011 a 10:57 pm #

    Voglio essere il 33-simo commento alla faccia del cincinelli.
    Al di la’ della proteina e della morte la festa era bellina e la cosa che mi è garbata di più’, donati a parte, sono stati i duroni, quei coglioncini rossi che snocciolavamo. Bravo come al solito Gori.
    Una domanda che non c’entra nulla, ma mi è venuto in mente un Sanremo di anni fa dove c’era un ospite straniero che cantava una canzone mi pare si chiamasse revolution, oppure era lui che si chiamava così-. Era un tipo maledetto… vi ricordate niente? probabile che poi la canzone s’intitolasse anche diversamente e magari forse pure lui nn si chiamava così, ma era uno un po’ strano. Fatemi sapere.

    • sgargabonzi giugno 16, 2011 a 2:25 am #

      Con la memoria e l’attenzione che c’hai te, come minimo era Peppino Di Capri che cantava “Io sono un sognatore”. Comunque questo tizio non me lo ricordo. Di rivoluzioni c’ho in mente Baby Revolution di Grignani, Revolution e Revolution 9 dei Beatles e soprattutto la bellissima Revolution Song degli Oasis.

      • ema giugno 16, 2011 a 1:07 pm #

        e la canzone della rivoluzione dei baustelle, una delle poche decenti dell’ultimo album:

        • sgargabonzi giugno 16, 2011 a 5:05 pm #

          Ah, giusto! Cado sui fondamentali.
          Com’è che non piace a nessuno? A me garba un sacco. Ma tutto l’ultimo album, per dirti, lo trovo molto meglio di Amen. Non ci sono robe come Dark Room, La Vita Va, Panico o Baudelaire, a questo giro.

          • Facili Entusiasmi giugno 16, 2011 a 7:18 pm #

            Comunque, se il tema è ‘revolution’, allora questa?
            E i Clash nell’80-’81 erano tra Firenze e Milano. Magari sono andati a Sanremo, ma io ‘ste cose non le so…

            • Facili Entusiasmi giugno 16, 2011 a 7:19 pm #

              E mo’ perché mi chiamo di nuovo Facili Entusiasmi?

      • nicola giugno 16, 2011 a 7:44 pm #

        no, gori nessuno dei citato. devo ritrovarlo. aiuatemi che sono triste.

        • Lady Lazarus giugno 16, 2011 a 7:50 pm #

          Nicola, ci devi dare qualche altra informazione! Coraggio!

          • Nicola giugno 21, 2011 a 8:56 pm #

            non ho nessuna informazione. mi pare che avesse un cappellino grigino, i calzoni strappati e una giacca a coglione.

  19. ema giugno 16, 2011 a 1:08 pm #

    augurissimi alessandro 🙂

  20. fox in the snow giugno 21, 2011 a 8:58 pm #

    >Ogni compleanno è un piccola standing-ovation che riceviamo per un anno in cui non ci siamo sottratti alla vita
    Infatti. che poi è solo un’illusione che chi è più vecchio è vicino alla morte. Nel senso che neanche i più giovani si possono sentire al sicuro. Può essere dietro l’angolo.
    In questo tipo di post ci metti tutto te stesso.

  21. fox in the snow giugno 21, 2011 a 10:01 pm #

    Qui una collezione un po’ horror: http://www.cardcollectordigest.com/2008/05/31/the-ten-greatest-garbage-pail-kids-ever/.

    • sgargabonzi giugno 21, 2011 a 11:30 pm #

      Gli Sgorbions, io ne ero appassionatissimo. Completai i primi due album di figurine e mi facevo mandare gli originali da una mia amica di penna delle medie, un’americana. Peccato che i nomi in italiano erano tradotti alla cazzo.

  22. Vieri giugno 22, 2011 a 5:55 am #

    Oppure, per me che non me ne frega una benamara sega e/o non ne ho per ora ancora timore, da insolente nichilista non vedo, purtroppo per chi non lo vede, un lieto retroscena, anche se nei giorni del tuo compleanno dovrei essere più buono e condividerne assieme a te la fidente e ottimista tua romantica visione metafisica del trapasso spirituale e, per noi che c’intendiamo, non quello Evangelico da Sacre Scritture, auto prodotto, auto prospettico e auto illusorio salvagente (padri del Nostro Padre e Signore) in quel bellissimo fatal momento chiamato morte (bellissimo perché egoisticamente quasi tutte quelle sofferenze che danno il pepe, no, era il sale, no, no, o si, bo, facciamo sale e pepe va, della vita finiranno, ma ancor più bello perché finalmente tutte quelle teste di cazzo ai quali è stata veramente donata impropriamente la vita finalmente schiatteranno tra le mie lacrime di gioia, e che sì in loro, a noi, è riconducibile l’espressione: “La vita è un dono solo per chi non la vuole”).
    Quindi in conclusione spero anch’io che nella morte coincidono tutti i percorsi, le scelte, gli errori, gli amori, i dolori, le gratifiche, le ricompense e le gioie che ci hanno reso ciò che siamo sino a quel momento, e con ciò, semmai, ripartiremo.
    Ma, mi sa tanto che non diverremo un bel niente, e niente, come siamo, resteremo.
    Bye, bye Jerusalem.

    • caramelleamare giugno 22, 2011 a 9:01 am #

      Mitica Norina! Come v,a si vende?

    • sgargabonzi giugno 22, 2011 a 11:46 am #

      Ma io non è vero che sono niente! Ho vinto anche un concorso di disegno in prima elementare, con un disegno intitolato guardacaso “La morte”. Primo premio assoluto fra tutte le classi, dalla prima alla quinta. E io facevo la prima. Inizialmente premiavano classe per classe, tutti gli alunni, con un vincitore per ogni classe, e a me mi saltarono proprio. Mio babbo si stava incazzando e voleva salire sul palco a fare casino. E poi alla fine il direttore: “il vincitore del primo premio assoluto del concorso La Torre è…” ed ero io! Poi l’anno dopo vinsi il premio come il migliore di classe mia con il disegno “Battaglie stellari”, ma solo perché quello assoluto l’avevo vinto il primo anno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: