I gelati sono buoni

5 Mar

cucciolone1_265

Mentre vivevate, crescendo col cinismo di chi vuole crescere, mentre consumavate e buttavate via, tirando righe su nomi in rubrica, fregandovene e guardando sempre dritto, la Eldorado scompariva. E sì che negli anni ’80 era, fra le marche di gelato confezionato, quella più fantasiosa, psichedelica e hippy. Tutto il contrario della dorotea Algida, la cui licenza costa tantissimo ai bar però ti danno loro i frighi. Oppure della rampante Motta, colpevole di aver sdoganato le palettine a spatola al posto delle classiche a badiletto. Ma anche dell’impersonale Sanson che – coppa Tiziana a parte – al catalogo Eldorado cercava di andargli dietro. Dice: ma si può sapere che fine ha fatto questa benedetta Eldorado? Beh, a un certo punto della nostra storia venne acquisita dall’Algida e, se mi è concesso, fraintesa della più bell’acqua. Il gelato giovane diventò giovanilistico. Il pralinato Zaccaria, il futuristico Piedone e l’ecumenico Camillino di ieri si sono evoluti nei Solero, nei Love Potion, nei Peccati Capitali e in tutte le altre cafonate dei nostri giorni. Che poi “vendetta” non è un peccato capitale, ma una virtù teologale, riprova che all’Algida c’hanno sempre capito un bel cazzo. Un prodotto mantenuto così com’era e mai stravolto è stato il Cucciolone, il Roberto Saviano dei gelati. Questo biscotto, rispetto a proposte simili di altre marche, è dotato di un senso dell’umorismo tutto suo, grazie alle simpatiche vignette illustrate da Cavazzano, che raccontano le pittoresche avventure del leone Eldo Leo. Pochi sanno che Cavazzano subentrò ad un altro disegnatore, tale Gaspàr, che nel 1983 venne arrestato perché avvicinava i bambini coi Cuccioloni da lui disegnati e se li trombava allegramente all’idroscalo. Le vignette del Cucciolone sono famose in Europa perché sfoggiano battute di una bellezza palustre, degne dei migliori film di Woody Allen o Lino Banfi. Tipo che Eldo Leo, tutto trafelato, fa al suo amico elefante: “Aiuto! Ho inghiottito una chiave!”. E l’elefante: “Vedrai che ti si aprirà lo stomaco”. Oppure c’è quella storica in cui Leo dice: “Stasera al gran galà voglio fare bella figura!”. E l’elefante: “Vedrai che ti si aprirà lo stomaco”. Uno le legge, le capisce, ride, ingolla il gelato e butta la carta in un cestino. Ore dopo quello stesso individuo va al gabinetto per evacuare quell’ottimo gelato e in quei polifosfati organici c’è pure l’inchiostro di cacao che dava vita a Eldo Leo, ma era troppo più carino prima! Io mi ci affezionavo a quelle storie, così staccavo i biscotti e li scocciavo nel mio diario di Poochie. Sono andato a riaprire quel diario tempo addietro e quei biscotti, dopo vent’anni, sono diventati dei batraci enormi che spuntavano ad ogni pagina oddio!!!! Pare che in futuro al posto delle vignette ci saranno addirittura dei mini-schermi in glassa di zucchero che trasmetteranno dei pornazzi per bambini. Comunque il Cucciolone aveva anche il pregio dello strato di zabaione, assente in altri biscotti, ma che secondo me doveva essere posto fra la vaniglia e il cioccolato e non a latere! In tal modo avrebbe creato una zona di decompressione perfetta, perché passare di colpo dalla vaniglia al cioccolato può essere letale, provocando embolie, ictus e aneurismi.
In realtà io alla Eldorado preferivo i gelati della Sanson ma avevo sempre paura, quando li chiedevo, di fare confusione fra Sanson, Sansonite, Sansuit, Sansouci e Samsung. Da piccino mi è capitato più di una volta di chiedere una Banita e ritrovarmi con un trolley riempito di birra alla prugna da qualche deejay.

QUI il catalogo Eldorado del 1984.

Annunci

142 Risposte to “I gelati sono buoni”

  1. ??? marzo 5, 2010 a 6:52 am #

    Bellissimo, Acid. “Il pralinato Zaccaria, il futuristico Piedone e l’ecumenico Camillino di ieri si sono evoluti nei Solero, nei Love Potion, nei Peccati Capitali e in tutte le altre cafonate dei nostri giorni” miglior analisi socio-cuturale non era possibile. Una frase che racchiude tutto l’oggi.Geniale: “Cucciolone, il Roberto Saviano dei gelati”Be’, impagabili le vignette di Eldo Leo.Post eccellente, del miglior Acid!

  2. fox in the snow marzo 5, 2010 a 8:43 am #

    Tanto vero. Il mio preferoto era il Piedone, che però mi ricordavo celeste. Che strana la memoria.

  3. Pinxor marzo 5, 2010 a 1:29 pm #

    Post ottimo e abbondante. Altro pregio dell’Eldorado è di aver importato il Calippo. Benchè l’Eldorado si sia sciolta coi gelati la gente ancora chiede “il Calippo” invece di usare gli assurdi nomi inventati dalla concorrenza. Che poi, la Sammontana lo chiamava “Long John”. Considerato che nei gelati Sammontana c’erano riferimenti a personaggi noti (tipo “Jack Lemon” o “Yo Kono”) io ho sempre sostenuto l’ipotesi che sotto il nome “Long John” si celasse per fallica assonanza “John Holmes”. Un rappresentante della Sammontana mi smentisca se ha coraggio.

  4. fotone marzo 5, 2010 a 1:49 pm #

    Gizmo, mi trovi assolutamente d’accordo sull’inesatta posizione dello zabaione.Anzi, io ne avrei fatto uno solo di tuttozabaione, senza la cagata del cioccolato: non è mai servito a nulla. 

  5. fox in the snow marzo 5, 2010 a 2:15 pm #

    >io ho sempre sostenuto l’ipotesi che sotto il nome “Long John” si celasse per fallica assonanza “John HolmesInvece longjohns vuol dire mutandoni lunghi…

  6. caramelleamare marzo 5, 2010 a 2:22 pm #

    Anzi, io ne avrei fatto uno solo di tuttozabaione, senza la cagata del cioccolato: non è mai servito a nulla.  non capite un cazzo, il cioccolato serve per far apprezzare meglio il bianco.lo zabaione è il top e questo si sa, ma il bianco se non godesse del confronto con quella merda del cioccolato verrebbe sottovalutato, invece cosi te lo gestisci meglio.

  7. infrarosa marzo 5, 2010 a 2:40 pm #

    calippo al limone e lemonissimo, così di ghiaccioli non ne trovo più… post eccellente, bravo acid!!!

  8. fotone marzo 5, 2010 a 2:54 pm #

    Resta il fatto che due terzi di quel gelato sono mal concepiti.

  9. fatuwski marzo 5, 2010 a 3:00 pm #

    Ah che amarcord,tutto quanto molto evocativotutto quanto molto giustosono tutto quanto molto d’accordo anche con gli altriGeniale: “Cucciolone, il Roberto Saviano dei gelati”io ho sempre sostenuto l’ipotesi che sotto il nome “Long John” si celasse per fallica assonanza “John Holmes”il bianco se non godesse del confronto con quella merda del cioccolato verrebbe sottovalutatoSono molto d’accordo con tuttisono molto d’accordo con tuttoanche con i post e i commenti futurinon voglio beghevoglio una vita tranquilla, cazzo !

  10. acidshampoo marzo 5, 2010 a 3:14 pm #

    Eh no, eh no eh! Caramelle, Fotone, che è questo snobbismo nei confronti della zona cacao del Cucciolone? Fosse per me io farei un biscotto tutto al cacao. Non che le altre due parti non mi piacciano, ma la parte che mi ha sempre motivato è quella. E se la sbrano per prima, rendo le altre due parti deboli, inutile dire.Piuttosto: una riprova che la qualità non si sposa sempre con la bontà è data dal biscotto Motta, quello col biscotto ai cinque cereali. Che si sente che è buonissimo, ma secono me ha un sapore troppo impegnativo in un biscotto. Stessa cosa per l’aranciata Sanpellegrino, che io ho sempre preferito alla Fanta, fino a quando non hanno portato il succo d’arancia dal 12% al 30%. Non l’avrei mai detto ma è peggiorata tantissimo. Sembra succo d’arancia allungato con l’aranciata. ‘Na chiavica!

  11. lozissou marzo 5, 2010 a 3:44 pm #

    Ma i mutandoni lunghi non sono le calzamaglie? Belline, se al ‘cacao’.

  12. Pinxor marzo 5, 2010 a 4:05 pm #

    >Invece longjohns vuol dire mutandoni lunghi… Tipica risposta da rappresentante Sammontana

  13. and marzo 5, 2010 a 4:24 pm #

    Mi sembra una vita fa. Eppure il cucciolone me lo ricordo come il mio gelato preferito nonchè di mio padre. buonissimo. 

  14. acidshampoo marzo 5, 2010 a 4:52 pm #

    QUI una ristampa bonellide alle porte.

  15. acidshampoo marzo 5, 2010 a 5:27 pm #

    QUI Liam Gallagher sul Manchester City.

  16. acidshampoo marzo 5, 2010 a 5:29 pm #

    Esce “Un camorrista perbene”, l’anti-Gomorra, QUI il trailer.

  17. ??? marzo 5, 2010 a 5:40 pm #

    Io confesso di aver avuto sempre un debole per l’ecumenico Camillino…. però se scopro che questo è un test psicologico per svelare la vera natura delle persone mi arrabbio. Lo so, lo so che aver un debole per il Camillino è penalizzante e io  mi pento, ecco. Giuro che mi pento e cerco di cambiare.

  18. acidshampoo marzo 5, 2010 a 6:22 pm #

    Ma per Camillino quale intendi? Il biscotto alla vaniglia o la forma che il Camillino prese qualche anno fa, ovvero la barra di vaniglia con le palline di cacao dentro e il tutto foderato da una glassa di cioccolato (tipo Mottarello insomma)?Il mio gelato preferito invece è la coppa Cinquestelle della Sammontana. C’è da dire che al bar costa ben 1.50 euro la coppetta, al supermercato invece con 2.50 euro ti porti via una confezione da quattro conferzioni da un gelato. Questo per dire. E allora perché non sono felice? La fregatura è che delle quattro versioni disponibili – cacao, amarena, nocciola e caffé – l’ultima non viene distribuita nei supermercati ma solo nei bar! Ed è quella che preferisco quando quella al cioccolato mi viene a noia! La mia classifica delle quattro major rimaste del gelato confezionato popolare: Sammontana poi un po’ dopo Motta poi molto molto molto dopo Algida e Sanson subito a seguire.

  19. ??? marzo 5, 2010 a 6:37 pm #

    Bè, comunque il cornetto Algida cuore di panna non ha eguali. Per Camillino intendo il primo Camillino.

  20. Pinxor marzo 5, 2010 a 6:47 pm #

    Su Wikipedia scopro che Long John è anche una sorta di ciambella di forma allungata: “The Long John is a bar shaped doughnutwhich can be made with various toppings and fillings.” Quindi questa viene prima dell’ipotesi mutandoni, ma molto molto dopo l’ipotesi John Holmes.Acid ma la Stocchi? A me da piccolo piaceva la Coppa Chimera.

  21. acidshampoo marzo 5, 2010 a 7:12 pm #

    > Acid ma la Stocchi? A me da piccolo piaceva la Coppa Chimera. L’aretina Stocchi (oggi Caffè Del Vapore) ha un’altra camminata rispetto a tutte. Non a caso mi sono limitato a parlare solo delle major, perché una Stocchi o una Menne se le mangiano a colazione. La coppa Chimera era un classico che piaceva parecchio pure a me ed è tutt’ora in catalogo, che oggi è QUESTO. Tra l’altro è l’unica coppa al caffé che regge il confronto con la classica coppa del nonno Motta. Più che altro bisognerebbe scovare qualche bar che tenga i prodotti Caffè Del Vapore. Te ne conosci qualcuno?E come dimenticarsi della mitica Pipa? Lì però hanno cannato sul design. Il pagliaccio della nostra infanzia era troppo migliore, più umano, ci ragionavi ecco! Poi subentrò quello attualmente in carica, co ‘sti cazzo di “+” al posto degli occhi e meno definito nei lineamenti. E anche i colori, da rosso e giallo che erano passarono a rosa e celeste e ora ci sono solo le pipe rosa. I nostri giorni sono veramente l’età delle pipe rosa.

  22. acidshampoo marzo 5, 2010 a 10:04 pm #

    Evvai! In lavorazione un nuovo album di un gruppo che davo per sciolto (QUI).

  23. fatuwski marzo 5, 2010 a 10:13 pm #

    …c’è anche da dire che ti leghi al prodotto anche in base all’esperienza correlata, tipo che hai 13 anni è estate sei al campeggio mangi quel gelato con quella ragazzina tanto carina che mai avresti pensato mai mai mai che fosse interessata a uno scricciolo come te e invece vi baciate e tu sei un pò imbranato e lei ti chiede quante ragazze hai baciato prima di me tu fai il conto sulle dita per far vedere che così a mente subito non ti viene ci pensi 2 secondi e le rispondi sei la prima ma valeva aspettare e lei tutta contenta della tua risposta con te tutto contento della tua risposta t’impara lei a dare i baci mai lezione fu più dolce e da quel giorno quello strano gelato al limone con lo stecco di liquerizia rimarrà uno dei simboli del fatto che la vita, per quanto assurda, probabilmente vale la pena di essere vissuta.

  24. caramelleamare marzo 5, 2010 a 10:45 pm #

    Fosse per me io farei un biscotto tutto al cacao. Non che le altre dueparti non mi piacciano, ma la parte che mi ha sempre motivato è quella.E se la sbrano per prima, rendo le altre due parti deboli, inutile dire.per me la cioccolata inveve è la parte di mezzo.e fosse per me ne farei uno tutto zabaione. mentre il bianco è la parte peggiore secondo me.

  25. acidshampoo marzo 6, 2010 a 12:53 am #

    Fatuwski, bello quello che hai scritto. Lo sottoscrivo totalmente, compresa la chiusa. Della vita penso che sia una dannazione biblica se vista dall’alto, tutta intera, nuda per quello che è, come una parabola con un inizio e una fine. E che allo stesso possa essere bella, anche bellissima, se la dividi in giorni. Insomma: da vicino è bellissima e da lontano fa schifo.Ed è vero quello che dici sulla percezione di qualcosa catalizzata da ricordi e suggestioni passate. Infatti mi fa pena e pure una certa ripugnanza chi insegue sempre il nuovo, chi cambia meta ad ogni viaggio, chi non si fa grossi problemi a girare pagina.

  26. ??? marzo 6, 2010 a 8:53 am #

    Invece per me è il contrario. Da vicino la vita mi fa paura, non riesco mai ad essere serena e tranquilla, mi sento sento un po’ a disagio e inadeguata, poi da lontano gioisco di parecchi momenti e penso che sia valsa la pena di averli vissuti. Sì da lontano penso che la vita sia davvero meravigliosa. Dopo però. Bello  il pezzo di Fatuwski sul piacere legato ai ricordi. A me, per esempio, mentre stavo leggendo un libro che mi piaceva moltissimo,  è successa una cosa bruttissima, sono anni che è lì sulllo scaffale della libreria, non riesco nemmeno ad avvicinarmi. 

  27. caramelleamare marzo 6, 2010 a 9:22 am #

    Sì da lontano penso che la vita sia davvero meravigliosa. Dopo però. non hai capito niente e ora mi tocca perdere tempo a spiegarti, santiddio!allora: te hai scambiato il lontano nel tempo con il lontano nello spazio. te apprezzi i singoli giorni, pero dopo. ma acid con lontano intendeva di guardare il “progetto Vita” nel suo intero, non suddiviso in giorni, che poi sarebbe meglio chiamarlo “progetto morte”. un parabola inevitabile, dove non ti è concessa salvezza, dove la fine è sempre la peggiore possibile. Te hai solo evidenziato il fatto che non ti godi i singoli momenti mentre li vivi, ma ti garbano se li riguardi una settimana dopo.Su pallini, vedi di seguire le lezioni invece di pensare alle farfalle eh!

  28. caramelleamare marzo 6, 2010 a 9:28 am #

    è successa una cosa bruttissima, sono anni che è lì sulllo scaffale della libreria, non riesco nemmeno ad avvicinarmi. ma questa è una cosa tremenda!! e ora come fai? non riesco nemmeno a pensarci a che situazione ti trovi ad affrontare. è cosi angosciante. hai pensato a chiamare qualcuno che ti aiuti? non sottovalutarla questa situazione, potrebbe sfuggirti di mano e ti ritrovi in ginoccioin un angolo della cas, tremante, senza voce e convinta che dietro l’angolo ci sia quel libro pronto per ucciderti a suon di tagli di carta. Dio che incubo, vorrei fare qualcosa per aiutarti, vorrei essere l’uomo che ti viene a salvare da questo terrore. come puoi condurre una vita cosi!?!

  29. ??? marzo 6, 2010 a 9:34 am #

    No, no non è necessario il tuo aiuto, ti ringrazio. Non è così dolorosa la situazione. Poi , appunto, vista da lontano, pare anche apprezzabile, tanto da tornare utile come esempio in questo contesto.Sempre rilassante esprimersi su questo blog.

  30. chiara marzo 6, 2010 a 11:07 am #

    bello davvero, acid. le tue analisi riescono sempre a evocare e fare evocarericordi e sensaz passate.è stato il mio gelato preferito nelle estati da bambina, preferivo la parteallo zabaione che infatti me la lasciavo per ultima.e poi lo spot pubblicitario…vorrei fossimo ancora televisivam a queitempi, in cui lo spazio televisivo poteva essere sopportabile, c’erasemplicitàe qualcosa di “buono”.

  31. caramelleamare marzo 6, 2010 a 11:08 am #

    Sempre rilassante esprimersi su questo blog.si, lo sgargabonzi viene subito dopo i bagni di luce e poco prima dei bagni di fango. da quest’anno ormai fa parte dei percorsi benessere in piu dell’ 80% dei centri del benessere stesso sui creano appunto questi percorsi benessere. servono a recare benessere. il benessere, mmmm c’ho il benessere mmmm

  32. acidshampoo marzo 6, 2010 a 1:18 pm #

    QUI prime anticipazioni sulla quinta stagione di Dexter.

  33. acidshampoo marzo 6, 2010 a 2:22 pm #

    > A me, per esempio, mentre stavo leggendo un libro che mi piacevamoltissimo,  è successa una cosa bruttissima, sono anni che è lì sullloscaffale della libreria, non riesco nemmeno ad avvicinarmi. Quindi l’hai lasciato a metà anche se ti piaceva?Ma la soluzione c’è: lascialo lì e ricompralo nuovo! Io feci la stessa cosa per un fumetto, a causa di un cretino che me lo toccò in treno (andai al bagno e tornai che se lo leggeva). Non lo sciupò eh, ma la cosa mi stette talmente sul cazzo e talmente sul cazzo lui (“il bello dei fumetti è che non impegnano”) che appena scesi alla stazione lo ricomprai. E tanto mi faceva schifo anche quella nuova copia. Però fammi capire: se invece che durante la lettura di un libro, la cosa brutta succedeva durante un lavaggio della lavatrice, che facevi? La lasciavi lì e non la usavi più?

  34. ??? marzo 6, 2010 a 2:29 pm #

    mmmm benessere..sì benessere….. mmmm 

  35. ??? marzo 6, 2010 a 2:36 pm #

    Non so che lavoro facciate, ma mi piace immaginare che Caramelle sia un professore di greco  e tu Acid un prete. Sbaglio?

  36. acidshampoo marzo 6, 2010 a 2:56 pm #

    > Non so che lavoro facciate, ma mi piace immaginare che Caramelle sia un professore di greco  e tu Acid un prete. Sbaglio?Prete no, ma non è affatto uno degli ultimi mestieri che farei.A te invece Pallini ti vedo come tagliatrice di teste aziendale. C’ho preso?Caramelle di mestieri ne cambia uno al minuto. In questo momento è rigattiere.

  37. ??? marzo 6, 2010 a 3:15 pm #

    Non c’hai preso . Non so come spiegarti bene la mia professione , ma io sono una specie  Dr. House all’incontrario. Non so se ho reso? Insomma la mia è una missione più che una professione.

  38. fox in the snow marzo 6, 2010 a 3:20 pm #

    Riprendendo il discorso su Branduardi, forse i vecchi album sono un po’ meglio. Glui ultimi sono troppo pop per i miei gusti. Pod/dance intendo. Per esempio, questa non è male.

  39. acidshampoo marzo 6, 2010 a 4:01 pm #

    > Riprendendo il discorso su Branduardi, forse i vecchi album sono un po’meglio. Glui ultimi sono troppo pop per i miei gusti. Pod/danceintendo. Per esempio, questa non è male.Io di Branduardi comprai anni fa Camminando Camminando, che però non ho mai ascoltato. Ma più che altro lo comprai in tributo ad un ricordo da ragazzino. Il bello sceneggiato della RAI in due puntate “State Buoni Se Potete”, di Luigi Magni, dove Branduardi recitava il ruolo del menestrello (QUI in “Vanità di vanità”). Il protagonista era Johnny Dorelli, ma c’era anche Renzo Montagnani nel ruolo di un pacioso fabbro. E ricordo una scena che da bambino mi scioccò. Un ragazzino s’era fissato che il fabbro fosse il diavolo, ma Dorelli non gli credeva. Fino a che, per fargli passare la fissa, ci sta a far sì che butti addosso al fabbro una ciotola d’acqua santa. Ed è allora che il pacioso fabbro si putrefà all’istante.

  40. fox in the snow marzo 6, 2010 a 4:08 pm #

    >Il bello sceneggiato della RAI in due puntate “State Buoni Se Potete”,di Luigi Magni, dove Branduardi recitava il ruolo del menestrello (QUI in “Vanità di vanità”).Me lo ricordo, era sulla vita di San Filippo Neri no? Anche a me mi aveva un po’ scioccato in certe scene. Aveva certi toni cupi alla Pinocchio.

  41. giggi marzo 6, 2010 a 6:32 pm #

    post proustiano dei migliori: ma la MONTANINA?

  42. acidshampoo marzo 6, 2010 a 6:58 pm #

    Mi viene da piangere… Giggi, COS’E’ LA MONTANINA?!?! Mai che le spieghi le cose. Sono andato su Google ma mi escono solo hotel che si chiamano così, apro le pagine ma niente. Non so da che parte farmi per capire il riferimento. Vojomorì. Giggi SPIEGàZZATI!

  43. giggi marzo 6, 2010 a 7:26 pm #

    acid, non faccio apposta. ricordo davanti al bar del mio paese ogni tanto compariva il furgoncino di gelati industriali MONTANINA (l’ubriacone mario lo prendeva come prova provata dei tradimenti di sua moglie che si chiamava nina)

  44. fatuwski marzo 6, 2010 a 7:30 pm #

    Non so che lavoro facciate L’avvedatove io sono una specie  Dr. House all’incontrario Ti occupi di eutanasie a sorpresa ?T’immagini ?- Signora complimenti, c’è una sorpresona per lei !- Cosacosa ?- Un’eutanasia a sorpresa… e GRATIS !- …ma, scusi èh, ma sà; io so n’pò ‘gnorante… cos’è un’etasia ?- Rilassati stronza, stai per morireZACKFine delle trasmissioni

  45. giggi marzo 6, 2010 a 7:33 pm #

    comunque ho la domanda di riserva: chi butteresti dalla torre, la gelateria ranieri o l’antica gelateria del corso?

  46. acidshampoo marzo 6, 2010 a 7:38 pm #

    Ci voleva tanto, Giggi? Te possino. Comunque ti svelo l’arcano: tu ricordi un furgone dei gelati in cui c’era scritto Montanina, in realtà c’era scritto Algida. Era il classico furgoncino dell’Algida. E anche l’ubriacone Mario, in realtà era solo della frutta accatastata.

  47. acidshampoo marzo 6, 2010 a 7:47 pm #

    > comunque ho la domanda di riserva: chi butteresti dalla torre, la gelateria ranieri o l’antica gelateria del corso?Butterei giù laDel Corso tutta la vita, non che mi faccia disdoro, ma la “sorbetteria”di Ranieri da piccolo pensavo fosse del principe Ranieri di Monaco e per questo la rispettavo. Lastessa guarnizione del tartufo bianco, pensavo fosse ricavata dallaformaggia di Grace Kelly.

  48. giggi marzo 7, 2010 a 12:37 am #

    secondo me pallini è in gran crescendo

  49. ??? marzo 7, 2010 a 12:38 am #

    In che senso?

  50. caramellemare marzo 7, 2010 a 9:37 am #

    nel senso che ti stai allargando di fianchi credo

  51. fox in the snow marzo 7, 2010 a 12:06 pm #

    Volevo segnalare una cosa: da brava drogata di sottilette, non ho potuto non comprare un prodotto che non avevo mai visto: “Le cremose”, tantopiù che c’era scritto “Fette ripiene di un cuore cremoso”. Madonna mi sono detta, e come avranno fatto a fare un ripieno in una cosa che è di per sè un ripieno? Un ripieno nel ripieno. E invece non sono altro che sottilette spesse il doppio di quelle normali. Una doppia sottiletta insomma.

  52. fox in the snow marzo 7, 2010 a 3:28 pm #

    Questi sembrano interessanti.

  53. ??? marzo 7, 2010 a 3:33 pm #

    Giggi niente è mai come sembra

  54. fox in the snow marzo 7, 2010 a 3:54 pm #

    Dal sito http://www.liberainformazione.org/news.php?newsid=10260 un altro aspetto sulla violenza contro le donne: “Città del Vaticano, 25.02.2010 | da ANSACei, violenze a donne; allarme per loro ruolo in mafiaViolenza contro le donneNeldocumento «Chiesa e Mezzogiorno», i vescovi italiani denunciano leforme di familismo, fatalismo e violenza di cui continuano ad esserevittime le donne nel Sud d’Italia, con un’ulteriore aggravante: a loroviene anche assegnato un ruolo di primo piano nella criminalitàorganizzata, e su ciò la Chiesa lancia un vero allarme. Molte – secondola Cei – sono le «barriere ancora da superare, sia sul versanteculturale che su quello sociale» per le donne. Sussistono infatti«visioni inaccettabili, come quelle alla base di un certo familismo odi una svalutazione della maternità e, più di recente, del ruolo diprimo piano che le donne vengono a rivestire nella criminalitàorganizzata» Però non chiariscono bene in che senso le donne dovrebbero essere le vittime di questo aspetto, oltre che le benficiarie.

  55. acidshampoo marzo 7, 2010 a 4:08 pm #

    > Questi sembrano interessanti.I Babybird! Uno dei tanti gruppi degli anni del brit-pop. QUESTA la loro canzone più famosa.

  56. fatuwski marzo 7, 2010 a 4:25 pm #

    Ecco una drittona per la bella stagione in arrivo:La botteghina di Gragnone è migliorata di parecchissimo:aboliti i tempi di attesa mostruosi e la saletta dove prima ci giocavano gli omini che di mestiere scatarravano e bestemmiavano in maniera, devo dire, estrosamente fantasiosa è diventata un piccolo bijoux di pizzeria. Fuori ci sono sempre i tavolini per far merenda col prosciutto e pecorino buonissimi e in + hanno messo pure il wireless (gratis) a disposizione della clientela.4 stelle per l’ispirazione.

  57. fox in the snow marzo 7, 2010 a 4:57 pm #

    >I Babybird! Uno dei tanti gruppi degli anni del brit-pop. QUESTA la loro canzone più famosa.No, la odiavo questa canzone! Non mi piacciono più.

  58. acidshampoo marzo 7, 2010 a 5:48 pm #

    > No, la odiavo questa canzone!Anch’io. Era una canzone che sa di pubblicità della Saiwa già prima che la utilizzino per gli spot. Un po’ come Breath di Midge Ure.

  59. acidshampoo marzo 7, 2010 a 5:53 pm #

    Fatuwski, il panino col prosciutto a Gragnone è una tappa fondamentale che mi manca. Lo conoscevo solo per una battuta di Bussino, il personaggio del Cherubini de gli Avanzi Di Balera. Però deve competere con la famosa schiacciata di questo paradiso nel valdarno QUA.

  60. fox in the snow marzo 7, 2010 a 6:18 pm #

    Qui un bel ritratto del tuo amato Sandro Pertini Acid.

  61. acidshampoo marzo 7, 2010 a 6:36 pm #

    > Qui un bel ritratto del tuo amato Sandro Pertini Acid.Comunque conta che oggi il mio presidente della repubblica preferito è il rottweiler Oscar Luigi Scalfaro. Averlo al posto di quella viola mammola di Napolitano!

  62. acidshampoo marzo 7, 2010 a 6:44 pm #

    A proposito di Napolitano, QUI un filmato trasmesso dalla televisione tedesca e mai trasmesso da noi.

  63. fox in the snow marzo 7, 2010 a 7:17 pm #

    >A proposito di Napolitano, QUI un filmato trasmesso dalla televisione tedesca e mai trasmesso da noi.Sì, questa cosa era uscita tempo fa con Brunetta, che quando era stato eurodeputato, come tutti gli altri euriodeputati risparmiava il più possibile nei voli per mettersi in tasca la differenza. Il problema è che è legale perché l’Unione Europea rimborsa questi voli a fortfait invece che con ricevute alla mano. Del resto i rimborsi se li decidono loro stessi, come si decidono loro stessi gli stipendi ecc.Fra l’altro è ingiusto perché se invece prendi i soldi dalla stessa Unione Europeaper fare un progegtto, devigiustificare fino all’ultimo centesimo.

  64. fox in the snow marzo 7, 2010 a 8:54 pm #

    Sapevate da dove viene il termine masochismo? Da Leopold von Sacher-Masoch, uno scrittore austriaco: On 8 December 1869 Sacher-Masoch and his mistress Fanny Pistor signed acontract making him her slave for the period of six months, with thestipulation that the Baroness wear furs as often as possible,especially when she was in a cruel mood. Sacher-Masoch took the aliasof “Gregor”, a stereotypical male servant’s name, and fitted out indisguise as the servant of the Baroness.

  65. acidshampoo marzo 7, 2010 a 10:00 pm #

    > Sapevate da dove viene il termine masochismo? Da Leopold von Sacher-Masoch, uno scrittore austriacoIo lo sapevo!

  66. lozissou marzo 7, 2010 a 10:49 pm #

    Hai voglia te. Come sadismo dal marchese De Sade. E SACHER?

  67. acidshampoo marzo 8, 2010 a 3:32 am #

    QUI la diretta commentata della notte degli Oscar. Cazzo la danno sul Sky 1 HD e io non c’ho più il pacchetto Cinema. La facevo su Coming Soon!

  68. caramelleamare marzo 8, 2010 a 10:20 am #

    No, la odiavo questa canzone!Anch’io. Era una canzone che sa di pubblicità della Saiwa già prima che la utilizzino per gli spot. Un po’ come Breath di Midge Ure.live pero è meno antipatica, ma non dice niente, letteralmente.per quale pubblicità l’hanno usata? io direi che per una della saiwa non ci dice niente, semmai per una macchina…

  69. caramelleamare marzo 8, 2010 a 10:30 am #

    QUIla diretta commentata della notte degli Oscar. Cazzo la danno sul Sky 1HD e io non c’ho più il pacchetto Cinema. La facevo su Coming Soon!ma sarebbe quella dove sono candidati tetta a tetta avatar e quello della moglie di cameron, la bigelow? io non seguo niente di queste cose perche a priori le considero delle plasticose e fastidiose cerimonie che non hanno niente a che vedere col cinema. e anche fosse non ne capisco il senso della premiazione di un film, ma lasciamo perdere… volevo sapere: un giochino da playstation è candidato a nove oscar ?! che credibilità ha questa cosa? ma partecipano solo film americani o globali?

  70. caramelleamare marzo 8, 2010 a 10:33 am #

    A proposito di Napolitano, QUI un filmato trasmesso dalla televisione tedesca e mai trasmesso da noi.che gente antipatica e poco furba oltretutto

  71. caramelleamare marzo 8, 2010 a 10:39 am #

    no, ho ascoltato qualche pezzo di questi babybird e devo dire che non mi piacciono. suonano troppo post produzione, poi mi ricordano per certi versi gli U2, e non mi sembrano punto sinceri. bocciati! ..come il giachetti.

  72. acidshampoo marzo 8, 2010 a 12:59 pm #

    > volevo sapere: un giochino da playstation è candidato a nove oscar ?!che credibilità ha questa cosa? ma partecipano solo film americani oglobali?Partecipano film americani ma c’è una categoria per cinque film stranieri. E i giurati che votani i film sono centinaia di addetti ai lavori. Stanotte Avatar è rimasto a bocca asciutta, prendendosi solo tre statuette tecniche. La Bigelow ha spopolato con sei statuette fra le principali. Anche l’ultimo di Tarantino ha reso poco: premiato solo il grandissimo Christopher Waltz nel ruolo di Landa. Per fortuna nessun premio a quel filmettino-ino-ino di Up In The Air. Ma sono troppo contento per l’oscar a Jeff Bridges, tra l’altro appena prima di rivederlo con i Coen.La cerimonia la presentava Steve Martin (molto meglio Billy Christal, ma io vorrei vederci Ricky Gervais!) e la figliola di Big Love.QUI tutti i risultati.

  73. acidshampoo marzo 8, 2010 a 1:08 pm #

    > no, ho ascoltato qualche pezzo di questi babybird e devo dire che nonmi piacciono. suonano troppo post produzione, poi mi ricordano percerti versi gli U2, e non mi sembrano punto sinceri. bocciati! ..comeil giachetti.Concordo. Occupano lo stesso posto dei Razorlight oggi. Questa da pubblicità della Gillette è un sottogenere dei tanti del brit-pop, pure abbastanza poco frequentato.

  74. acidshampoo marzo 8, 2010 a 1:12 pm #

    QUI il premio oscar Jeff Bridges che canta The Weary Kind, la canzone premiata stanotte con l’Oscar. Che uomo stupendo!Tra l’altro il film in cui sono tutti e due è The Crazy Heart, subbato su Italianshare.

  75. caramelleamare marzo 8, 2010 a 4:40 pm #

    E i giurati che votani i film sono centinaia di addetti ai lavori.Stanotte Avatar è rimasto a bocca asciutta, prendendosi solo trestatuette tecnichema allora con quale criterio vengono candidati? La Bigelow ha spopolato con sei statuette fra le principali.lei almeno meritava? ma quante sono in totale le statuette?

  76. acidshampoo marzo 8, 2010 a 5:47 pm #

    Credo che per le candidature il sistema sia simile, ma la cerchia di votanti sia più ristretta. Il film della Bigelow non l’ho visto, ci sta che non sia male. Lei m’è sempre stata sul cazzo (e QUESTO momento ne è stata la conferma), il suo cinema testosteronico m’ha sempre fatto cacare, l’ho sempre trovato commerciale e lei per niente autrice, anche se c’è la moda di vederla come un’autrice. Se penso che i titoli di punta di due edizioni fa erano due capolavori d’autore come Non E’ Un Paese Per Vecchi e Il Petroliere… ma mi sa che fu un’eccezione. Quest’anno A Serious Man ignorato completamente, roba da matti…

  77. acidshampoo marzo 8, 2010 a 6:01 pm #

    QUI un duetto che non s’avea da fare.

  78. acidshampoo marzo 8, 2010 a 7:50 pm #

    Pensavo… la pubblicità tristissima della Hunziker con John Travolta, quanto sarebbe meglio se, con la stessa sceneggiatura, al posto di Travolta ci fosse Aldo Agroppi?

  79. lozissou marzo 8, 2010 a 7:54 pm #

    Giusto!Certo che sì, è ben triste quello spot lì…

  80. caramelleamare marzo 8, 2010 a 10:00 pm #

    QUI tutti i risultati.quello a sinistra è pinxor, quello a destra è alvaro vitali, quella nel mezzo è nelson mandela

  81. caramelleamare marzo 8, 2010 a 10:01 pm #

    anzi quella nel mezzo è vanessa redgrave.

  82. Pinxor marzo 8, 2010 a 11:51 pm #

    >quello a sinistra è pinxormagari

  83. caramelleamare marzo 9, 2010 a 12:44 am #

    magari perche, chi è?

  84. Pinxor marzo 9, 2010 a 1:06 am #

    >perche, chi è?Non saprei, ma ha in mano la statuetta. Sì, so che i film che valgono nella storia del cinema spesso non hanno preso Oscar e quelli che ne hanno vinti sono perlopiù dimenticabili polpettoni; però, lo stesso, magari (vincere un oscar).Per il servizio di Mollica al TG, non per altro

  85. acidshampoo marzo 9, 2010 a 1:36 am #

    QUI un trailer parecchio ispirevole.

  86. dj nepo marzo 9, 2010 a 3:33 pm #

    io per i primi 60 giorni del servizio militare (in marina, a taranto) ho mangiato solo cuccioloni. tre a pranzo e due per cena.  cinque al giorno. certe volte, di domenica, anche sei-sette….    

  87. acidshampoo marzo 9, 2010 a 4:28 pm #

    DjNepo, ma è vero che negli spacci delle caserme le vignette umoristiche di Eldo Leo sul Cucciolone sono oscurate perché possono creare dissidenti?

  88. giggi marzo 9, 2010 a 8:24 pm #

    acid, prima sulla cisa sentendo questa http://www.youtube.com/watch?v=1e0u11rgd9Q e vedendo la neve pensavo sempre a pallini: cosa significa?

  89. ??? marzo 9, 2010 a 8:30 pm #

    Giggi te lo scordi! Io non passo un weekend con te e tuo cuggino vampiro sulla Cisa! Togliti queste strane idee.

  90. giggi marzo 9, 2010 a 8:53 pm #

    neanche sotto una trapunta a leggere insieme questo? http://www.ilprimoamore.com/testo_1737.html evvia, dimmi di sì, ti lascio scegliere il lato.

  91. ??? marzo 9, 2010 a 9:16 pm #

    La notte stellata e fredda distesa su tutto ciò, bleu di Prussia, bleu zaffiro, tagliente, e vagamente rumorosa, con sottili strisci come di diamante sul vetro?

  92. giggi marzo 9, 2010 a 9:57 pm #

    °°°, stravedo per tre!

  93. acidshampoo marzo 9, 2010 a 11:31 pm #

    Signore e signori, questa la tracklist de I Mistici Dell’Occidente, l’album dei Baustelle in uscita il 26 marzo. Titoli evocativi, a dir poco.1. L’indaco2. San Francesco3. I mistici dell’Occidente4. Le rane5. Gli spietati6. Follonica7. La canzone della Rivoluzione8. Groupies9. La bambolina10. Il sottoscritto11. L’estate enigmistica12. L’ultima notte felice del mondoLe canzoni non sono 10 come si vociferava, ma 12.L’Ultima Notte Felice Del Mondo è un pezzo scartato da Amen.Il Sottoscritto doveva essere nella colonna sonora di Giulia Non Esce La Sera.Che ve ne pare? Titoli preferiti?

  94. acidshampoo marzo 10, 2010 a 12:55 am #

    Sono commosso.A Tetris, un grande Paolo Villaggio, con la sua ironia disperata e raffinata, dà pan per focaccia al leghista Mario Borghezio. QUI il filmato. L’intelligenza e l’ironia contro lo squallore interiore.

  95. acidshampoo marzo 10, 2010 a 1:16 am #

    QUI un servizio televisivo, in un TG inglese del 1997, dedicato a Noel Gallagher che aveva smarrito il gatto.

  96. acidshampoo marzo 10, 2010 a 1:36 am #

    Giggi, macché i Vampire Weekend! Il cantante rock preferito di Pallini è l’indiavolato Bertin Osborne. QUI in un suo cavallo di battaglia (grazie a DjNepo per la segnalazione).

  97. Pikkiomania marzo 10, 2010 a 2:18 am #

    Post stupendo, peccato per la mancanza dei gelati Sammontana, recuperata in extremis qui nei commenti! Contentissimo anche di leggere disappunto verso la Bigelow (la penso come te) e verso un A Serious Man ignorato degli Oscar. Ti spammo un demenziale blog di videogiochi dove sto scrivendo visto che ti cito per parlare del Mac e Portal 2: http://www.copons.it/giocagiue/ 

  98. acidshampoo marzo 10, 2010 a 4:18 am #

    QUI una cover di un pezzo dei Diaframma ad opera dei Baustelle che non conoscevo.

  99. giggi marzo 10, 2010 a 6:37 am #

    questa cover la vedrei bene fatta da elio e le storie. le parole di bertin in effetti m’hanno arrapato: ma pallini secondo te riceve? acid, se va in porto devi farmi da compare

  100. dj nepo marzo 10, 2010 a 7:02 am #

    ma è vero che negli spacci delle caserme le vignette umoristiche di Eldo Leo sul Cucciolone sono oscurate perché possono creare dissidenti?no. ma se non ricordo male eldo leo indossava la divisa di nocchiere di porto….quanto al pezzo di bertin, per me è un capolavoro….sui baustelle, se il buon giorno si vede dal mattino, direi che ci siamo: titoli veramente evocativi…  

  101. ??? marzo 10, 2010 a 7:15 am #

    Giggi questo no. Attento. Su certe cose non scherzo. E se sei intelligente capisci fin dove puoi arrivare. Per me finisce qui il gioco.

  102. ??? marzo 10, 2010 a 7:39 am #

    Ringrazio Acid per essere intervenuto prontamente a difendere un ospite del suo blog da chi ha cercato di toglierle rispetto e dignità. Mi rivolgo proprio a te Acid perchè il compagnuccio di merende ha chiesto proprio a te complicità e tu ha offerto un silenzio omertoso e complice. Grazie.

  103. giggi marzo 10, 2010 a 8:14 am #

    acid, di’ tu se e dove ho sbagliato. io ho la coscienza a posto perché non ho detto in tutti i luoghi e in tutti i laghi, ma solo berceto

  104. acidshampoo marzo 10, 2010 a 1:49 pm #

    Giggi, non ti permettere sai?!?! “Riceve” cosa? In questo blog non ci sono perestroike! E Pallini è così difficile come un cubo di rubik lato nove. Se vuoi avere delle chance con Pallini devi trattarla bene, corteggiarla, cantare come Bertin Osborne, scriverle poesie senza copiarle da Gianni Rodari (è una maestra e ti sgama). Allora forse…

  105. acidshampoo marzo 10, 2010 a 1:52 pm #

    > sui baustelle, se il buon giorno si vede dal mattino, direi che ci siamo: titoli veramente evocativi…Comunque dal titolo L’Indaco sa di intro strumentale… Ci sta che abbiamo perso una canzone…Ma se l’album esce il 26 marzo, il primo singolo quando lo fanno uscire?!?!

  106. acidshampoo marzo 10, 2010 a 3:02 pm #

    > Contentissimo anche di leggere disappunto verso la Bigelow (la penso come te) e verso un A Serious Man ignorato degli Oscar. Senza contare che Non E’ Un Paese Per Vecchi è sì un capolavoro, ma i loro Oscar arrivano con almeno dieci anni di ritardo, che Fargo se li meritava tutti. Io tra l’altro sono in fregola per il prossimo film dei Coen, che iniziano a breve a girare. E’ il remake de Il Grinta, con Jeff Bridge, Josh Brolin (che per me è il suo erede) e Matt Damon. Non vedo l’ora! Bello il sito che mi hai linkato!

  107. giggi marzo 10, 2010 a 4:57 pm #

    scommettiamo acid che °°° non si accontenta? quella vuole la forca! (e pensare che riceve

  108. fox in the snow marzo 10, 2010 a 6:44 pm #

    >Stanotte Avatar è rimasto a bocca asciutta, prendendosi solo tre statuette tecniche.ma un cartone animato può predere l’oscar per il miglior attore?

  109. fox in the snow marzo 10, 2010 a 6:49 pm #

    >QUI il premio oscar Jeff Bridges che canta The Weary Kind, la canzone premiata stanotte con l’Oscar. Che uomo stupendo!Bella. Concordo.

  110. acidshampoo marzo 10, 2010 a 8:14 pm #

    Fox, è morta d’overdose un’icona anni ’80, forse anche tua: EGLI.Gli dedico QUESTA.

  111. fox in the snow marzo 10, 2010 a 8:20 pm #

    >Fox, è morta d’overdose un’icona anni ’80, forse anche tua: EGLI.No, ma mi dispiace lo stesso. Un po’ troppa gente sta morendo ultimamente per i miei gusti. Chissà se è vero che alla fine siincontrano tutti.

  112. fox in the snow marzo 10, 2010 a 8:52 pm #

    >acid, prima sulla cisa sentendoquesta http://www.youtube.com/watch?v=1e0u11rgd9Q e vedendo la nevepensavo sempre a pallini: cosa significa?Come fai a pensarla se non sai che faccia c’ha? >Ringrazio Acid per essere intervenuto prontamente a difendere un ospitedel suo blog da chi ha cercato di toglierle rispetto e dignità. Mirivolgo proprio a te Acid perchè il compagnuccio di merende ha chiestoproprio a te complicità e tu ha offerto un silenzio omertoso ecomplice. Grazie.Ma stai sccherzando spero. Giggi ti ha fatto un compliemento. >A Tetris, un grande Paolo Villaggio, con la sua ironia disperatae raffinata, dà pan per focaccia al leghista Mario Borghezio.Davvero grande. Senza buonismi, senza arroganza…

  113. giggi marzo 10, 2010 a 10:41 pm #

    ciao fox, visto che ero in the snow, potevo pensare a te (ma °°° = fiocchi di neve). come m’immagino pallini? come la protagonista assoluta di http://www.youtube.com/watch?v=qybUFnY7Y8w

  114. gi? marzo 11, 2010 a 10:14 am #

    Post epico.Mi permetto di andare controcorrente: per me il Cucciolone perfetto ha, al posto dello zabaione, di nuovo la vaniglia. Cioè due parti di vaniglia e una piccola centrale di cacao. Tant’è vero che io e Laroberta (amica del mare) ci si scambiava le parti rompendo il biscotto. Avevamo acquisito una precisione mostruosa nel taglio. Non so se ci avete mai fatto caso, ma il biscotto freddo di congelatore si rompeva molto bene e, se lasciato ammorbidire per qualche secondo, diventava di una consistenza sufficientemente collosa da poter essere riattaccato a piacere. Il risultato finale era davvero notevole. Poi per qualche tempo il Cucciolone sparì dalla circolazione e io mi buttai non senza rimpianti sul più adulto Liuk, ma nel mio cuore avrà sempre un posto speciale tra i gelati industriali. Un biscogelato a moduli intercambiabili: cosa si può desiderare di più?

  115. acidshampoo marzo 11, 2010 a 3:02 pm #

    > Un biscogelato a moduli intercambiabili: cosa si può desiderare di più?La B.Frost negli anni ’80 fece un biscogelato che curava anche la leucemia, ma poi era tutta una cazzata… :-(Comunque Già, com’è che anche te preferisci la vaniglia al cacao nei biscogelati? Io pensavo fosse scontato il contrario. Anche la pubblicità del kinder cioccolato quando dice “più latte, meno cacao” strizza l’occhio alle mamme e lo dice in fretta perché i figlioli non capiscano.

  116. fatuwski marzo 11, 2010 a 3:26 pm #

    Nell’83 l’algida Algida tentò di mettere la sorpresa dentro alla coppa, tipo ovino kinder; la linea delle sorprese si rifaceva ad oggettini appartenenenti alle celebrità hollywoodiane.Smisero quando una bambina di Trieste morì soffocata da un molare di John Travolta.

  117. fatuwski marzo 11, 2010 a 3:32 pm #

    …e cmq penso che il Calippo sia il gelato che abbia procurato più maternità indesiderate del famoso profilattico ecclesiastico (com’era il profilattico ecclesiastico ? Era uguale a qualsiasi altro profilattico però bucato), lei iniziava a mangiare il Calippo e lui finiva per mangiare lei.Quindi storicamente parlando tira di più un cazzo di ghiaccio che un cuore di panna.

  118. Pinxor marzo 11, 2010 a 3:39 pm #

    >Comunque Già, com’è che anche te preferisci la vaniglia al cacao nei biscogelati?Anche io preferivo vaniglia o crema alla cioccolata da piccolo. E il Biancorì al Ciocorì. Anche ora un cono confezionato che fosse tutto cacao ho idea che mi stuccherebbe.

  119. fatuwski marzo 11, 2010 a 3:40 pm #

    Nell’84 l’egida Algida tentò una nuova disperata mossa: su 2 gelati uno era gratis.Fu un fallimento; tutti andavano al bar e prendevano, tra i 2, solo quello in omaggio.

  120. acidshampoo marzo 11, 2010 a 3:50 pm #

    > Anche io preferivo vaniglia o crema alla cioccolata da piccolo. Siete veramente tutti finocchi.> E il Biancorì al Ciocorì.Quello anch’io!

  121. gi? marzo 11, 2010 a 3:51 pm #

    >Comunque Già, com’è che anche te preferisci la vaniglia al cacao nei biscogelati? Anni di analisi e ancora non ne sono venuta a capo. Ma voi figlioli nell’ottantaquattro già stavate in giro a mangiar gelati?

  122. acidshampoo marzo 11, 2010 a 3:54 pm #

    > Nell’83 l’algida Algida tentò di mettere la sorpresa dentro alla coppa,tipo ovino kinder; la linea delle sorprese si rifaceva ad oggettiniappartenenenti alle celebrità hollywoodiane.Smisero quando una bambina di Trieste morì soffocata da un molare di John Travolta.Te ci scherzi, ma guarda che la realtà non fu mica tanto diversa! L’Eldorado, nel cono “Gommolo” (è nel catalogo del 1984 che ho linkato sul post), metteva un chewingum in fondo al cono, tipo quelli tondi nei dispenser delle sale giochi. Ecco, c’è gente che non l’ha potuta raccontare.

  123. gi? marzo 11, 2010 a 3:54 pm #

    > E il Biancorì al Ciocorì.Ma perché è esistita una cosa chiamata biancorì?

  124. acidshampoo marzo 11, 2010 a 3:59 pm #

    > Ma perché è esistita una cosa chiamata biancorì? Certo! E’ il nome originale di quello che oggi è il Ciocorì Bianco (che tristezza).Ricordo la pubblicità sul retro di Alan Ford:”Compagni roditori, fatico a pedalare, mi devo sgranocchiare un dolceCIOCORI'”.”Compagne roditrici, la giostra è bella sì, felice espensierata mi mangio un BIANCORI'”.

  125. acidshampoo marzo 11, 2010 a 4:02 pm #

    >  Anni di analisi e ancora non ne sono venuta a capo. Ma voi figlioli nell’ottantaquattro già stavate in giro a mangiar gelati?Io sono figliolo del ’78. Sono nato pochi giorni dopo l’omicidio di Aldo Moro e addirittura – secondo gli inquirenti – sono la sua reincarnazione!

  126. gi? marzo 11, 2010 a 4:18 pm #

    > Anche io preferivo vaniglia o crema alla cioccolata da piccolo. > Siete veramente tutti finocchi.> “Compagni roditori, fatico a pedalare, mi devo sgranocchiare un dolce CIOCORI'”.”Compagne roditrici, la giostra è bella sì, felice e spensierata mi mangio un BIANCORI'”.Come dire che il cioccolato bianco è una roba da femminucce? > Io sono figliolo del ’78. Sono nato pochi giorni dopo l’omicidio diAldo Moro e addirittura – secondo gli inquirenti – sono la suareincarnazione! E non ti candidi?

  127. fatuwski marzo 11, 2010 a 4:45 pm #

    Nell’85 l’egista Algida tentò un altra disperata mossa; mise in commercio la coppa Sammontana, cioè era dell’Algida ma la chiamarono Sammontana, così uno andava al bar chiedeva una Sammontana e l’esercente complice, fomentato dal frigo in omaggio dell’Algida, dava all’avventore, si una Sammontana, ma dell’Algida ! La cosa funzionò fino a che alla coppa Sammontana non gli prese una crisi d’identità, diventò isterica e s’inacidì. A quel punto provarono a riciclarla come coppa allo yogurt acido. Non ci fu nulla da fare… milioni di coppe con una crisi esistenziale buttate negli immondezai di tutta Italia sotto il sole d’estate, una roba drammatica, tu sia maledetta Algida !

  128. acidshampoo marzo 11, 2010 a 4:53 pm #

    > Come dire che il cioccolato bianco è una roba da femminucce? Più che altro è a causa dei due testimonial dei prodotti, un maschio e una femmina (QUI e QUI). Oggi, in piena era di metrosessualismo, non si permetterebbero mai di dire che il Ciocorì Bianco è roba da donne. Anche l’uomo, fra una manicure e un peeling, se lo sgranocchia.E vogliamo parlare di quando i tegolini e i soldini del Mulino Bianco erano a base quadrata? Ma soprattutto: com’è che non fanno più i soldini? Col loro doblone di cioccolato, erano un must! E tu sai che nei primi anni ’80 i buondì esistevano anche alla marmellata alla fragola? E le Polo all’arancia e al limone? E che il Txiw si chiamava Raider? E quando l’Estatè faceva il latte al cacao? E quando delle Fiesta, oltre a quella al Curacao, c’era anche la versione “gialla” ai canditi e alle mandorle? E che prima che creassero quello che conosciamo come Duplo, era il Tronky a chiamarsi Duplo? E come dimenticarsi il cioccolatino Golò, dello snack Hurrà e del mitico Milky Way?

  129. fatuwski marzo 11, 2010 a 4:56 pm #

    Nell’86 l’algebrica Algida, sull’orlo del collasso finanziario tentò  il tutto x tutto: mandò in onda una pubblicità in cui c’era un barista affranto che supplicava di comprare quei cazzo di gelati perché altrimenti migliaia di persone sarebbero rimaste senza lavoro. Gli italiani, popolo di brava gente, si mosse a frotte agli stabilimenti Algida a prendere per il culo i lavoratori in odore di licenziamento e in puzzo di miseria. Nuova pubblicità: o comprate questi gelati o facciamo un colpo di stato e mettiamo a capo del governo un nano stronzo e avido che vi monopolizzerà l’informazione per i prossimi 25 anni.Oh, l’han fatto per davvero 😦

  130. acidshampoo marzo 11, 2010 a 5:02 pm #

    > E non ti candidi?Nel ’99 mi candidai per “L’Elefantino” di Mariotto Segni ma fui picchiato amaramente. 😦

  131. fatuwski marzo 11, 2010 a 5:04 pm #

    Nell’87 l’agile Algida si riprese dalla sua personale crisi economica pagando per 2 lustri gli operai con i gelati che loro stessi producevano, una cosa terribile a pensarci poiché il sistema economico rendeva i lavoratori nient’altro che produttori di ricchezza (per i padroni) e consumatori del loro stesso prodotto. Gli operai quindi producevano, si nutrivano del loro prodotto e arricchivano i padroni.E dov’è la novità?

  132. gi? marzo 11, 2010 a 5:11 pm #

    > E le Polo all’arancia e al limone? E che il Txiw si chiamava Raider? Equando l’Estatè faceva il latte al cacao? E quando delle Fiesta, oltrea quella al Curacao, c’era anche la versione “gialla” ai canditi e allemandorle? E che prima che creassero quello che conosciamo come Duplo,era il Tronky a chiamarsi Duplo? E come dimenticarsi il cioccolatinoGolò, dello snack Hurrà e del mitico Milky Way?Acid, mi apri un mondo. Sempre che non mi prendi per il culo. Comunque calma, il Tronky è stato la mia merenda per molti anni e paragonarlo al Duplo mi sembra azzardato. E’ come scambiare Berlino est con Berlino ovest, la Rai con Mediaset, Fassino con Calderoli.

  133. acidshampoo marzo 11, 2010 a 5:24 pm #

    > Acid, mi apri un mondo. Sempre che non mi prendi per il culo. Assolutamente no. Scrissi anni fa un articolo a riguardo che pubblicarono pure sul vecchio sito dei Baustelle, se lo ritrovo lo rivedo e lo posto qui. > Comunquecalma, il Tronky è stato la mia merenda per molti anni e paragonarlo alDuplo mi sembra azzardato. E’ come scambiare Berlino est con Berlinoovest, la Rai con Mediaset, Fassino con Calderoli.Non potrei pensarla più diversamente. Per me il Tronky se li mangia tutti a colazione.Questa la mia classifica fra gli snack Ferrero:Tronky (uber alles)…DuploKinder CerealiKinder Maxi…Kinder BuenoQuesta quella degli snack Ferrero da banco frigo:Kinder ParadisoKinder Maxi King…Kinder Fetta Al LatteKinder Pingì Al Cocco…Kinder PinguìNon ho ancora provato il Kinder Choco Fresh.

  134. acidshampoo marzo 11, 2010 a 5:26 pm #

    > Nell’87 l’agile Algida si riprese dalla sua personale crisi economicapagando per 2 lustri gli operai con i gelati che loro stessi producevanoPensa che io una volta sono andato in una catena di montaggio dove m’hanno fatto vedere una macchina che produceva un pezzo di quella stessa macchina!

  135. Pinxor marzo 11, 2010 a 5:31 pm #

    >Te ci scherzi, ma guarda che la realtà non fu mica tanto diversa! L’Eldorado, nel cono “Gommolo” (è nel catalogo del 1984 che ho linkato sul post), metteva un chewingum in fondo al conoAnche la Motta l’aveva fatto. Mi ricordo di un mio amico che lo prese senza saperlo e quando a fine cono si trovo in bocca quel bolo di roba informe credette di averci trovato un topo morto. E in effetti lo sembrava, un ammasso grigio e molliccio. Forse era scattata l’offerta “NOVITA’! ORA CON TOPO MORTO!”Faceva senso. Per tornare agli snack, io sono stato a lungo un fanatico della barretta cerealcioccolosa “Balisto”, che esisteva in due varietà. Da poco tempo l’ho scovata in alcuni remoti bar, ma solo in una variante. Me la ricordavo parecchio meglio, o forse è sopravvissuta il tipo peggiore. O forse era il mio palato.

  136. acidshampoo marzo 11, 2010 a 5:54 pm #

    > Per tornare agli snack, io sono stato a lungo un fanatico della barretta cerealcioccolosa “Balisto”.Quella versione ricoperta non m’è mai piaciuta, per me fa pari col kit-kat, nel senso: non cattiva di per sé, ma non me la godo. Invece col marchio Balisto mi piaceva da matti da barrona grande tutta di cereali con fondo di cioccolato per reggerla. Lo scoprii al distributore automatico dell’università e praticamente lo svotài. E scopro ora che nel mondo di Balisto ce ne sono un puttanaio di varietà che da noi non sono distribuite, alcune veramente ignoranti, vedi QUESTA cafonata da colazione.

  137. gi? marzo 11, 2010 a 6:58 pm #

    >Non potrei pensarla più diversamente. Per me il Tronky se li mangia tutti a colazione.Non ho detto che è inferiore. Dico che è un’altra cosa, son due mondi diversi a mio parere. Piace anche a me altrimenti non me lo sarei mangiato per anni. Anzi mi piace di più del Duplo perché è più asciutto e croccante. La mia classifica generale è:1. Ovetto Kinder2. Kinder Fettallatte3. Tronky……Kinder Colazione piùKinder CerealiKinder DeliceKinder ParadisoKinder Panecioc…Kinder BuenoTronky al coccoKinder MaxiKinder PinguìFiesta…Kinder Pinguì al coccoDuplo FondenteKinder BriossYogo Brioss… infine “Nutella & Go” un vero insulto a quel monumento che è la Nutella.ora chi riesce più a pensare alla cena.

  138. acidshampoo marzo 11, 2010 a 7:59 pm #

    Già, le merendine della Ferrero le conosco poco (a parte le classiche), non amando le merendine né i biscotti. Forse quella che preferisco è la Kinder Brioss alla frutta. Duplo Fondente e Tronky al Cocco li trovo anch’io abbastanza inutili. L’ovetto Kinder è fuori classifica, causa sorpresa è il migliore a prescindere. Ma ora che ci penso: i due Happy Hippo che fine hanno fatto?E non mi dire che non hai mai assaggiato il Maxi King! Sulla carta non mi ispirava per niente (causa strato di malto e glassa esterna). Di fatto invece è uno spettacolo d’arte varia.Sul Fetta Al Latte: anche a me piaceva parecchio, fino a che è diventata la proposta della Ferrero per gli intolleranti al lattosio. Nel 2000 lo strato di latte all’interno fu sostituito con uno strato di latte di soia, inutile dire che il gusto venne inevitabilmente compromesso. Così provarono col latte di riso: poco meglio. Alla fine trovarono un sostituto perfetto al latte, ma che non fosse latte: lo smegma dei nani con la spina bifida. Ovviamente questa cosa non l’hanno pubblicizzata, ma se vai a vedere fra gli ingredienti lo trovi riportato. A me sinceramente un po’ schifa.

  139. acidshampoo marzo 12, 2010 a 1:56 am #

    A proposito di poesia, questo il testo de “Gli Spietati”, il nuovo singolo dei Baustelle da oggi in rotazione sulle radio. Chevvenepare?GLI SPIETATIVivere così senza pietàsenza chiedersi perchècome il falco e la rugiadae non dubitare mainon avere alcuna proprietàrinnegare l’animacome i sassi e fili d’erbanon avere identitàGli spietati salgono sul treno e non ritornano mai più, non sono come noi perduti antichi eroi noi due che al binario ci diciamo addio…non volere mai la veritàottenere l’aldilànavigare senza ventomigliorare con l’etàc’è un amore che non muore maipiù lontano degli deia saperverlo spiegare che filosofo sareiGli spietati salgono sul treno e non ritornano mai più, non sono come noi falliti antichi eroi, noi due che al binario salutiamo…Gli spietati salgono sul treno e non ritornano mai più, non sono come noi innamorati eroi, noi due che al binario ci diciamo addio…noi ci siamo amativiolentati deturpatitorturatimaltrattatimalmenati scritti lettere lo sai.non ci siamo amatidivertitipervertitidimenatispaventatirovianatilicenziatilo saprainoi ci siamo persiritrovatipoi bucatic’è un amore che mi lacera la carnenon ancora tu lo sainoi ci siamo amati violentatideturpatic’è un amore che mi brucia nelle venee che non si spegne mainoi ci siamo amativiolentati deturpatitorturatimaltrattatimalmenati scritti lettere lo sai.

  140. ??? marzo 12, 2010 a 10:16 am #

    Bellissimo testo. Ha tutte le caratteristiche per diventare una canzone struggente. Questo amore da letteratura , come una poesia di Prevert, impossibile nella realtà perchè è un amore che si nutre solo di amore. Com’è possibile?

  141. Tinoshi luglio 21, 2014 a 7:07 pm #

    Che nostalgia! Se posso permettermi, esiste una versione moderna con battute ancora più orrende! Abbraccione : https://www.facebook.com/abbraccione

Trackbacks/Pingbacks

  1. Chi è Lo Sgargabonzi? (6 pezzi consigliati e un’intervista) | Bookskywalker - maggio 8, 2014

    […] I GELATI SONO BUONI […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: