[RECE] Everybody’s Fine

23 Feb

everybody_s_fine1_290

EVERYBODY’S FINE

Regia di Kirk Jones

Interpreti:
Robert DeNiro
Kate Beckinsale
Sam Rockwell
Drew Barrymore

E’ dal ’97 che Robert DeNiro non azzecca un film, per la precisione dal suo ruolo secondario ma strepitoso nel Jackie Brown di Tarantino. E se pensiamo alle pellicole che l’hanno visto protagonista, bisogna risalire di ancora un anno, fino a Casinò. Robert DeNiro, il mio attore preferito (e qui mi sento fieramente banale), sono tredici anni che si sceglie con cura e scienza tutti i film peggiori. Dà buca a Scorsese per Gangs Of New York e The Departed, ma in compenso fa coppia con Eddie Murphy in Showtime, fa le facce in Ti Presento I Miei e il cretino in Rocky & Bullwinkle. La filmografia del buon Bob, da quel maledetto ’97 che non so cos’è successo, ha collezionato solo filmacci commerciali o puttanate straight-to-video (come si spiega Colpevole D’Omicidio?).
Quest’apnea pare essere finita. O meglio: finalmente si ripiglia fiato. Bob, probabilmente per errore, s’è scelto un bel film. Non un capolavoro in sé e nemmeno avvicinabile ai suoi film più felici, ma semplicemente un bel film, con un senso, un po’ di ambizione e come minimo una dignità. Everybody’s Fine è il remake di Stanno Tutti Bene di Giuseppe Tornatore e, te paresse poco, qualifica nei titoli di testa Vittorio Cecchi Gori come co-produttore. DeNiro interpreta il ruolo che fu di Marcello Mastroianni, in questo caso un pensionato sessantenne che, persa la moglie, realizza che era lei l’unica connessione con la sua famiglia. Decide quindi di partire per un viaggio per riunirsi con i suoi quattro figli, che abitano in stati diversi dell’America. Scoprirà che le loro vite perfette non sono così perfette come credeva. Una trama da Sundance, per un film effettivamente da Sundance, anche se molto meno radical chic della media del genere. Non mancano la telecamera fissa e i colori pastello, nonché il tentativo di rendere ogni fermo immagine un quadretto da appendere. Ma il film non ha prerogativa di essere carino o rassicurante, né di tirare fuori le missioni-simpatia che ti aspetteresti. L’amarezza e la disillusione in Everybody’s Fine sono più di un sottofondo e sono ben supportate da un’interpretazione posata e autunnale di Bob, il cui personaggio finiamo per sentirlo sinceramente vicino, proprio perché questo non ci viene imboccato ad ogni immagine. Il film ha il pregio infatti di rifuggire i luoghi comuni sulla terza età (non a caso l’inglese Kirk Jones esordì col geriatrico e pregevole Svegliati Ned!), i soliti patetismi d’accatto e pure il cliché che Sam Rockwell debba sempre fare il tossico schizzato.
Il film, per la sua natura da road movie, ha una struttura quasi lineare, un’equalizzazione orizzontale ed è percepibile una divisione in episodi (in questo è molto simile ad Away We Go di Sam Mendes, altro film in puro stile Sundance), ma le originali “didascalie” giocate sulle confidenze telefoniche che intercorrono fra i figli, che ascoltiamo solo noi alle spalle del protagonista, rendono la narrazione fluida e motivante.
Ma soprattutto c’è Bob, finalmente con un bel film attorno. Un Bob che, a questo giro, ha pure confutato una mia convinzione: che dopo Casinò (escluso) gli sia venuta la faccia da coglione. Infatti, nella mediocrità dei suoi ultimi film, i ruoli che gli sono riusciti meglio sono quelli barbadotati. In caso anche a elastico, basta che nasconda quella bocca da zio Pino.
Ma per una volta, anche fresco di Proraso, bravo Bob e continua così!

Annunci

61 Risposte to “[RECE] Everybody’s Fine”

  1. giopep febbraio 23, 2010 a 12:43 pm #

    Ronin, Stardust e quello dei criminali con Edward Norton non erano completamente da buttare, via.

  2. acidshampoo febbraio 23, 2010 a 1:18 pm #

    Ronin ai tempi lo valutai negativamente perché fu il primo passo falso dopo i suoi filmoni di quegli anni con Tarantino, Scorsese e Mann (Ronin è del 98), senza contare che la McElhone m’è sempre stata sui coglioni (inCalifornication un po’ meglio), ma oggi lo salverei, è uno dei menopeggio nella sua filmografia dal ’97 in qua. Stardust è uno dei pochiche non ho visto, anche se mi ispira poco il budget da blockbuster e il fatto che sia un film per ragazzi. Ma lui ha un ruolo secondario, giusto? The Score l’ho trovato proprio triste, per come FrankOz spreca De Niro, Brando e Norton per un film di rapina che più diconsumo non si potrebbe.Disastro Ad Hollywood di Barry Levinsonl’hai visto? Il regista m’è sempre stato sui coglioni, ma c’ho idea chepotrebbe non essere malvagio. E ovviamente aspetto Machete.

  3. giopep febbraio 23, 2010 a 2:27 pm #

    Stardust probabilmente non ti piacerebbe, ma è gradevole. The Score io me lo ricordo solido. Citavo comunque roba salvabile dal macero del post 97.Wag the dog non lo consideravo perché è appunto del 97. Comunque non ne ho un brutto ricordo.Machete, boh, speriamo bene.Ultimamente si parlava di Frankie Machine diretto da Michael Mann e con De Niro. Inutile dire che son già tutto bagnato all’idea, ma pare la cosa sia sfumata.

  4. acidshampoo febbraio 23, 2010 a 2:58 pm #

    > Wag the dog non lo consideravo perché è appunto del 97. Comunque non ne ho un brutto ricordo.Ecco in effetti l’unico di Levinson che mi sia piaciuto. E ti stupirò: uno dei miei preferiti di DeNiro è The Fan, di Tony Scott.  > Machete, boh, speriamo bene.Rodriguez è un regista che mi fa tutt’altro che impazzire, ma viene da Planet Terror che m’ha sorpreso e m’è piaciuto parecchio, quindi qualche speranza gliela do.> Ultimamentesi parlava di Frankie Machine diretto da Michael Mann e con De Niro.Inutile dire che son già tutto bagnato all’idea, ma pare la cosa siasfumata.Che poi Frankie Machine chissà se lo dirigerà Mann, visto che è una sceneggiatura passata in un sacco di mani in questi anni. E DeNiro doveva essere protagonista anche di Silence, di Martin Scorsese, ma poi non se n’è fatta di nulla. E pure del prossimo di Jonathan Glazer. Piuttosto: io darei via un braccio perché i Coen o un Paul Thomas Anderson gli scrivessero un film addosso.Ma a proposito, visto che Heat è il tuo film preferito: Sfida Senza Regole l’hai visto? T’è piaciuto?

  5. giopep febbraio 23, 2010 a 3:35 pm #

    Wag The Dog do per scontato che sia soprattutto merito di Mamet.The Fan credo di non averlo mai visto per intero, ma insomma Tony Scott qualche film l’ha azzeccato, quindi non vedo perché no.Heat non è il mio film preferito e Sfida senza regole non l’ho visto. 😀

  6. acidshampoo febbraio 23, 2010 a 3:59 pm #

    Come sarebbe che Heat non è il tuo film preferito? Non l’hai scritto te nel tuo blog? Eppure ero sicuro. Forse scherzavi o se no mi ricordo male e magari mi confondo con Recchioni.

  7. giopep febbraio 23, 2010 a 4:38 pm #

    Sicuramente uno dei.

  8. acidshampoo febbraio 23, 2010 a 5:13 pm #

    Uno dei. Però ti cade paurosamente quando DeNiro e Pacino s’incontrano e si scambiano frasi retoriche. Qui ricordo bene? 🙂

  9. chiara febbraio 23, 2010 a 7:18 pm #

    m’è piaciuto come hai parlato di robert de niro…è già al cinema?l’hai visto?

  10. giopep febbraio 23, 2010 a 7:55 pm #

    Ricordi bene, ma in realtà l’ho rivisto di recente in bluray e quella scena è molto meglio di come me la ricordassi. Idem per l’inseguimento finale.Paga un po’ il fatto che avevano speso tutto per gli attori e certe scenografie son davvero di cartapesta, in compenso. :DMann è il mio regista preferito, comunque. Questo sì.

  11. acidshampoo febbraio 23, 2010 a 8:26 pm #

    Ah ecco, allora è lì che mi sono confuso: non è Heat il tuo film preferito, ma Mann il regista.Piuttosto: sto cercando di rivedere, da anni, Nella Società Degli Uomini. Cult-movie che mi segnalasti te (insieme a Funny Games e Happiness e ancora devo vedere L’Isola) e che vidi per la prima volta a casa tua. In televisione sono anni che non lo danno (lo so perché ce l’ho in lista su FilmTv) e sul p2p si trova solo la versione originale senza sottotitoli in italiano. Niente, per sapere: come hai preso la deriva di Neil LaBute? Per me è un po’ come per James Mangold: primo film epocale, secondo notevole, terzo carino, poi il crollo.

  12. caramelleamare febbraio 23, 2010 a 8:56 pm #

    ma i “terapie e pallottole” li consideri dei veri e propri filmacci. non perche a me m’erano rimasti simpatici. si parla di filmetti, anzi di caccole, se li paragoni a casino, quei bravi ragazzi, jackie brown e compagnia bella, pero ha fatto molto di peggio.nel frattempo ho visto Balck Dynamite, togo.

  13. acidshampoo febbraio 23, 2010 a 9:01 pm #

    QUI anteprima di Harry Moon, la nuova serie bimestrale di fantascienza, formato bonelli, in edicola da maggio. E’ scritta da Federico Memola (Jonathan Steel, La Stirpe Di Elan) e pubblicata dalla Planeta.

  14. acidshampoo febbraio 23, 2010 a 9:07 pm #

    > ma i “terapie e pallottole” li consideri dei veri e propri filmacci.non perche a me m’erano rimasti simpatici. si parla di filmetti, anzidi caccole, se li paragoni a casino, quei bravi ragazzi, jackie brown ecompagnia bella, pero ha fatto molto di peggio.Il primo non era male, il secondo però gli è venuto una chiavica. In una scena clou hanno usato una canzone di Jovanotti, “Una tribù che balla”, per dare l’idea della musica italiana da mafiosi. > nel frattempo ho visto Balck Dynamite, togo.Devo ancora vederlo però, da fan della blaxploitation, mi ispira. Anche se ho il dubbio che vada un po’ troppo sul demenziale, sbaglio?Io invece ieri ho visto un documentario spettacolare e mai distribuito da noi: “Where In The World Is Osama Bin Laden?”, di Morgan Spurlock, quello di Oversize Me, ma questo è molto più riuscito. E a proposito di documentari, pure “Who Kill The Electric Car” m’è piaciuto parecchio.

  15. caramelleamare febbraio 23, 2010 a 11:21 pm #

    Devo ancora vederlo però, da fan della blaxploitation, mi ispira. Anchese ho il dubbio che vada un po’ troppo sul demenziale, sbaglio?di sicuro non è un Film balxpoitation, ma un film ironico-parodico sullo stile blaxpoitation. detto questo l’ho trovato brillante, a tratti divertenti, bella fotografia, bei colori. ma non ha certo un peso specifico considerevoleE a proposito di documentari, pure “Who Kill The Electric Car” m’è piaciuto parecchio.gia me lo dicesti e difatti è li pronto masterizzato per essere sorbito in un a delle mie malinconiche serate accanto a quella finetrella slle rive dell’arno, quando tutti vanno a dormire e io resto solo coi miei pensieri cupi, di ribellioni fallite e ideali lasciati per strada. serate dove nemmeno una chattata porno mi restituisce il sorriso e mi addormento triste delricordo dell’ennesima sborrata fiacca, mentre io sognavo un fiume di sborra.

  16. ??? febbraio 23, 2010 a 11:28 pm #

    Acid, hai visto che è morto Tony Dallara? Vogliamo ricordarlo così  

  17. acidshampoo febbraio 24, 2010 a 12:57 am #

    Pallini, io Tony Dallara me lo ricorderò sempre nel ruolo del dio dei venti Eolo nella fantastica parodia-musical dell’Odissea, prodotta da Mediaset e in trasmessa all’inizio degli anni ’90. L’anno prima dettero quella de I Tre Moschettieri (p2p si trovano entrambe).Te le ricordi?Guarda che cast all-star che aveva quella dell’Odissea:Narratore: Davide Mengacci Ulisse: Andrea Roncato Penelope: Moana Pozzi Polite: Franco Oppini Elpenore: Nini Salerno Antinoo: Teo Teocoli Eurimaco: Mauro Di Francesco Telemaco e Polifemo: Francesco Salvi Menelao: Gerry Scotti Achille e Argo: Maurizio Seymandi Elena: Giannina Facio Nettuno: Sergio Vastano Mercurio: Gigi Sammarchi Giove: Umberto Smaila Minerva: Sylva Koscina Eolo: Tony Dallara Giunone: Iva Zanicchi Venere: Wendy WindhamCirce: Corinne Clery Nausicaa: Fabrizia Carminati Alcinoo: Ric (del duo Ric e Gian)Arete: Orietta Berti Sirena: Eva Robin’sCiclopi: Ronnie Jones e Federico L’Olandese volantePriamo: Giorgio BracardiParide: Enzo BraschiCalipso: Sabina StiloCarabiniere che arresta Mercurio: Gianfabio Bosco (Gian del duo Ric e Gian)Questo se Dallara fosse morto, perchè non trovo riscontri online della tua notizia.

  18. acidshampoo febbraio 24, 2010 a 1:32 am #

    QUI un classico fra i belli della diretta.

  19. acidshampoo febbraio 24, 2010 a 2:30 am #

    Bastardi, l’avevano pure registrata! QUI la versione studio della stupenda Substance, dei Girls, esclusa dal disco d’esordio.

  20. acidshampoo febbraio 24, 2010 a 3:58 am #

    > in un a delle mie malinconiche serate accanto a quella finetrella sllerive dell’arno, quando tutti vanno a dormire e io resto solo coi mieipensieriFino a qui pareva l’intro di Marzullo a Sottovoce, cari amici della notte, io vi aspetto come di consuetosempre di notte, sempre sottovoce, noi diciamo un modo per capire, percapirsi e forse anche per capirci, quando un giorno è appena finito e un nuovo giorno è appena cominciato, un giorno in più per amare, per sognore, per vivere. Ma a proposito di postmodernismi alla Black Dynamite, che ne pensi di QUESTO?

  21. ??? febbraio 24, 2010 a 6:53 am #

    “Questo se Dallara fosse morto, perchè non trovo riscontri online della tua notizia.” Infatti, era uno scherzino.

  22. ??? febbraio 24, 2010 a 7:06 am #

    Per farmi perdonare segnalo un’interessante mostra di Caravaggiohttp://www.scuderiequirinale.it/MEDIACENTER/FE/CategoriaMedia.aspx?idc=77Non sono un’esperta di arte però Caravaggio mi piace. E’ un pittore realista, tratta sempre una realtà povera, quotidiana , miserevole, peccatrice. Perciò non rappresenta mai santi aureolati, puri, soavi, ma umani, fallaci, a piedi nudi. quasi a voler dire che se Dio esistesse non si troverebbe certo nelle ricchezze della Chiesa ma nei miserabili e nei peccatori.Quindi mi sembra giusto lanciare un appello alla Chiesa affinchè, con atti concreti e non con le preghiere, si metta dalla parte dei meno abbienti. Potrebbe, per esempio, rinunciare alle proprie ricchezze o all’otto per mille. Ah quante cose ci può insegnare il nostro Michelangelo Merisi.

  23. acidshampoo febbraio 24, 2010 a 11:57 am #

    QUI l’ultima di Minzolini.

  24. acidshampoo febbraio 24, 2010 a 12:14 pm #

    QUI un sequel che potrebbe essere parecchio ispirevole.QUI uno che lo è ancora di più.

  25. acidshampoo febbraio 24, 2010 a 1:53 pm #

    QUI Elio E Le Storie Tese parodiano “Italia Amore Mio”.

  26. acidshampoo febbraio 24, 2010 a 5:35 pm #

    Il nuovo album dei Baustelle si intitolerà “I Mistici Dell’Occidente” e uscirà il 26 marzo. QUI la notizia completa e la spiegazione di Bianconi sul titolo.

  27. (andrea82) febbraio 24, 2010 a 7:50 pm #

    acid, buondì.che ne dici di QUESTA

  28. ilmarinaio febbraio 24, 2010 a 8:49 pm #

    L’altro giorno, proprio in occasione di Sanremo, pensavo a una cosa.  Persone che nella vita sono andate abbastanza bene fino a una loro scelta fallimentare (lì pensavo a Pupo, sbeffeggiato e quasi in lacrime;  coi pacchi etc etc aveva fatto in TV un certo successo).  Per esempio, Giuliano Ferrara:  giornalista quotato che a un certo punto s’è inventato i Teo-Con italiani, e poco mancava che lo linciassero.  E ora che fine ha fatto?  

  29. acidshampoo febbraio 24, 2010 a 9:07 pm #

    Marinaio, secondo me però Pupo non l’ha avvertita mica tanto la figura di merda. Non l’ho trovato né in imbarazzo né a sfoggiare quell’arroganza di chi comunque è sulla difensiva, ma se mai aveva quell’arroganza serafica, veicolata da quel sorrisetto ironico e menefreghista, sprezzante, di chi ha già la testa al conto in banca. Ma la frase più bella è stata quella detta da Filiberto, sul palco nella serata di venerdì, fra i fischi del pubblico: “Questa canzone è un grande passo per l’Italia!”

  30. (andrea82) febbraio 24, 2010 a 9:10 pm #

    secondo me pupo ne è uscito vincitore.è ovvio che se si presenta a cantare con emanuele filiberto, lo fa solo per far parlare di sè. ci è riuscito benissimo.

  31. acidshampoo febbraio 24, 2010 a 9:30 pm #

    > che ne dici di QUESTA Ne avevo sentito parlare ma non li avevo mai ascoltati. Apprezzo, però sono poco il mio genere. Ma m’accorgo che con la musica italiana contemporanea, eccezion fatta per i Baustelle e Daniele Silvestri, c’ho parecchia difficoltà ad appassionarmi. Magari apprezzo, ma non m’appassiono.Ma questo Sanremo? Hai ascoltato niente?

  32. acidshampoo febbraio 24, 2010 a 9:36 pm #

    > è ovvio che se si presenta a cantare con emanuele filiberto, lo fa solo per far parlare di sè. ci è riuscito benissimo. In realtà inizialmente doveva essere un duo: Filiberto e Canonici. Mentre Pupo, oltre che il produttore del disco di Canonici che contiene la canzone, voleva comparire solo come autore della musica (il testo è di Filiberto). Però gli è stato detto dal direttore artistico che la sua presenza era la conditio sine qua perché questa canzone venisse presa in gara. Altrimenti si sarebbe creata la situazione ridicola di vedere, fra i big, un non-cantante e un tenore sconosciuto e questo avrebbe alimentato polemiche (come se poi non ce ne fossero state comunque).

  33. acidshampoo febbraio 24, 2010 a 9:47 pm #

    QUI Elio E Le Storie Tese rifanno i laghi di Valerio Scanu.

  34. giggi febbraio 25, 2010 a 1:52 pm #

    acid, cosa pensi di steve buscemi?

  35. acidshampoo febbraio 25, 2010 a 2:27 pm #

    Buscemi, da attore feticcio dei Coen, non può che piacermi, ha pure avuto un bell’esordio come regista (Mosche Da Bar) anche se non ha mantenuto la qualità nei film successivi. Comunque, in linea generale ne penso come ne pensa Marta Marzotto di Drupi.

  36. caramelleamare febbraio 25, 2010 a 3:24 pm #

    a me pupo per certi versi mi sta molto sulle palle, soprattutto perche per esempio si presenta come cantautore invece di essere un normale gelataio come tutti gli altri.

  37. caramelleamare febbraio 25, 2010 a 3:30 pm #

    Nadal ha problemi al ginocchio, Nalbandian s’è operatao all’anca, Del Potro gli fa male una spalla, Davydenko s’è fatto male al polso. Federer no, non gli vengono i problemi da persona normale, lui ora ha preso un infezione a un polmone. O perche è cosi mongoloide in tutto quel che fa?!

  38. dj nepo febbraio 25, 2010 a 6:28 pm #

    “I Mistici Dell’Occidente” non è male come titolo. Ha un qualcosa di mistico… Pare che uno dei brani si inititolerà “le rane”. Tutto il resto è top secret. Coma mai prima d’ora. cordiali saluti a tutti. siete sempre i migliori….  

  39. acidshampoo febbraio 25, 2010 a 7:05 pm #

    Ciao DjNepo carissimo! Speriamo di vedersi in qualche data baustelliana del nuovo tour!”I mistici dell’occidente” mi piace solo se sarà un concept album, tipo con una serie di ritratti di vari “mistici”. Se invece non fosse così, finirebbe per suonare come un appellativo che si danno i Baustelle e non mi garberebbe.Sapevo de Le Rane. Mi confermi che saranno 10 canzoni?

  40. caramelleamare febbraio 25, 2010 a 8:59 pm #

    a me i mistici dell’occidente non mi piace punto. poi ci sono le sfumature, ma si sta sempre sul campo del non piacermi

  41. acidshampoo febbraio 26, 2010 a 12:59 am #

    Che i tre Baustelle titolari si stiano montando il capo? Sul forum Bauaffair, un utente ha postato la risposta del batterista Sergio Carnevale (già nei Bluvertigo), a cui aveva chiesto se sarà nel nuovo tour. Eccola:Caro Mauro,io non sono stato contattato x questo disco, pare che illoro produttore abbia preferito dei musicisti americani(mah!?!?)…aimècon molta amarezza ti dico che non so per quale motivo i Baustelle nonmi hanno sostenuto dopo il lavoro (penso io..anzi deduco molto buonosentendo le critiche dei miei amici musicisti e dei fans) che ho fattocon “amen” disco e tour!!..ma visto che hai un forum sui Baustellemagari puoi capire anche tu se io ero ben visto o no!??…oppure nonappena avrai l’occasione di incontrarli potrai rivolgere la stessadomanda direttamente ai Baustelle.Ti ringrazio per aver capito ed apprezzato il lavoro che ho fatto!!!Che ne pensate?

  42. dj nepo febbraio 26, 2010 a 9:00 am #

    mah, non so cosa pensare. a me sembra un batterista coi fiocchi. quanto ai live, io cercherò di essere presente alla data di roma. dove spero di rivederti. per il resto, anche io so di dieci brani.e del romanzo del bianconi sai qualcosa? 

  43. acidshampoo febbraio 26, 2010 a 1:34 pm #

    Del libro del Bianca so solo che si intitolerà “Un romantico a Milano” e che esce per la collana Arcobaleno della Mondadori il 30 marzo e che in allegato ci sarà un piede di porco a pila.Piuttosto Dj, te forse saprai rispondermi: ma Massara che fine a fatto? A cinque anni di distanza dal suo addio al gruppo non ne ho risentito parlare…

  44. acidshampoo febbraio 26, 2010 a 1:35 pm #

    Fox, QUI una news per te.

  45. acidshampoo febbraio 26, 2010 a 1:51 pm #

    QUI info su Valter Buio e Factor V, le due nuove miniserie StarComics, rispettivamente di Bilotta e Stivaletti, in uscita il 17 marzo prossimo.

  46. acidshampoo febbraio 26, 2010 a 3:48 pm #

    Marinaio, QUI una news per te.

  47. acidshampoo febbraio 26, 2010 a 3:54 pm #

    QUI Morgan, ieri ad AnnoZero, esegue “La sera”, la canzone esclusa dal Festival di Sanremo. C’è poco da dire, sarebbe stata la meglio.

  48. caramelleamare febbraio 26, 2010 a 8:11 pm #

    Che ne pensate?sulla scelta non saprei, nei modi invece è gia da un po che secondo me si sono montati la testa. ma piucchealtro s’atteggia parecchio. tutto quel suo mondino interiore ora lo mostra orgoglioso e fiero. non mi convince

  49. fox in the snow febbraio 26, 2010 a 9:34 pm #

    >Fox, QUI una news per te.Grazie! Non lo conosco abbastanza da sapere se è meglio da solo o con il gruppo però. Credo che più che altro lo conosco come solista.

  50. dj nepo febbraio 26, 2010 a 10:09 pm #

    geniale l’idea del piede di porco a pila… anche se da qualche parte avevo letto di una mini-torcia a dinamo col refrain della canzone di alain delon… quanto al massara, l’ho seguito per un pò sul suo sito. componeva samples per alcuni software musicali. da un pò non ho più sue notizie.     

  51. acidshampoo febbraio 27, 2010 a 2:43 am #

    QUI si vede la copertina del nuovo album dei Baustelle.Giudizio: di gran lunga la miglior copertina di sempre, mi piace tantissimo. Ricorda quella di Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band. E si sposa benissimo col titolo, che a questo punto mi guadagna punti.

  52. acidshampoo febbraio 27, 2010 a 4:30 am #

    > quanto al massara, l’ho seguito per un pò sul suosito. componeva samples per alcuni software musicali. da un pò non hopiù sue notizie.   Non so, penserò male, ma ho sempre più il dubbio che ai tempi sia stato fatto fuori dai tre Baustelle odierni (non sarebbe stata la prima né l’ultima volta), magari per volere della Warner, e però gli abbiano lasciato dire che era lui a lasciare il gruppo. Si spiegherebbe così anche il tono polemico che aveva nelle interviste dell’era-Malavita.

  53. acidshampoo febbraio 27, 2010 a 4:40 am #

    > sulla scelta non saprei, nei modi invece è gia da un po che secondo me si sono montati la testa.La scelta potrebbe anche derivare da Pat McCarthy, produttore dell’album (già produttore di Madonna e dei Rem). Non è un caso che i nuovi turnisti siano americani.Ho paura di come suonerà questo disco eppure, dopo questa copertina meravigliosa, sono fiducioso! Me l’aspetto piuttosto acustico.Che poi, tornando alla copertina, questa volta i Baustelle hanno capito tutto. Nelle copertine bisogna osare, suggestionarsi a tal punto da pensare al proprio disco già come ad un “classico” e ponderare l’immagine per cui sarà conosciuto nei secoli a venire. Che sia bella, forte, originale, carismatica. E’ un passaggio fondamentale, che ti cambia l’ascolto del disco stesso. Per Amen scelsero quel cazzo di occhio da procione (molto meglio quello del disco dei The La’s, tra l’altro) invece che quella spettacolare foto del gruppo in stile country.

  54. ilmarinaio febbraio 27, 2010 a 7:33 am #

    Marinaio, QUI una news per te.mi garba che ci sia Flea, sicuramente il più intelligente e professionale dei RHCP, (quello che, dai dati in mio possesso, tiene insieme la band), già uso a collaborazioni, sperimentazioni, etc.  un bassista de niente! 

  55. ilmarinaio febbraio 27, 2010 a 7:36 am #

    QUI si vede la copertina del nuovo album dei Baustelle.quello in basso a sinistra sembrerebbe un ritratto giovanile di Karl Marx.

  56. dj nepo febbraio 27, 2010 a 8:39 am #

    copertina stupenda. davvero. da applausi.

  57. acidshampoo febbraio 27, 2010 a 1:11 pm #

    Spettacolo! Non avevo notato che nella copertina c’è pure il teschio che regalai a Bianconi nel lontano 2000! Lo portavano sempre sul palco, troppo bello ritrovarlo qui!!!

  58. dj nepo febbraio 27, 2010 a 3:51 pm #

    io l’avevo visto. stavo giusto per chiederti se era proprio quello…. (ricodo c’era pure sul palco a montepulciano)

  59. acidshampoo febbraio 27, 2010 a 4:10 pm #

    > io l’avevo visto. stavo giusto per chiederti se era proprio quello…. (ricodo c’era pure sul palco a montepulciano)Aspetto di avere una scansione migliore per esserne certo, ma visto che il teschio che gli regalai era un teschio professionale-da-necrofili e del tutto realistico, direi che sia quello. Ne presi uno anche per me, lo confronterò.

  60. caramelleamare febbraio 27, 2010 a 4:20 pm #

    Spettacolo! Non avevo notato che nella copertina c’è pure il teschioche regalai a Bianconi nel lontano 2000! Lo portavano sempre sul palco,troppo bello ritrovarlo qui!!!che spettacolo !! io c’ero quando glielo regalasti. bisogna dire che, al di la dei gesti stile “..chiamiamoci, magari gia domani stesso” c’ha sempre tenuto a quel teschio

  61. caramelleamare febbraio 27, 2010 a 4:30 pm #

    Ne presi uno anche per me, lo confronterò.ecco si confrontalo perche io, dai miei ricordi avrei detto che il tuo c’ha la faccia meno a scivolo, cioè piu verticale nel senso che percorrre dalla fronte verso il mento. non so s emi sono spiegato.  ma conoscendomi ho preso per buono la vostra affermazione.mi ricordo bene pero che il tuo a differenza del suo c’ha uno scaldabagno come naso, per il resto identici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: