Una faccia pulita

29 Nov

waitress1_319

Finalmente una strada fuori mano e un bar, sono sei ore che pedalo, ho i cerchioni ovalizzati dalla canicola e non ho più le scarpe, quindi ho bisogno di un toast. Sono tutto sudato, mi conviene entrar dal retro perché se mi vedono in queste condizioni il toast non me lo scaldano. Mi sentivo osservato dalla testa in giù, dalle decine di sparvieri europei appollaiati sui bidoni della spazzatura. “Che mi dai da fumare che io non ne ho più?“, chiesi allo sparviero Sottili, che per tutta risposta mi berciò in faccia una lisca. Nel sentir questa voce mi voltai convinto che fosse lo sparviero dietro di me ad aver berciato: no no, era Sottili. Manco a farlo apposta ho visto lei, Cinzia Caligaris, la cameriera del bar, che veniva a buttare via una busta di mandorle. La maglietta scollata con la foto di un quaderno a righe fece arrapare terribilmente Sottili, che in un raptus ornitologico si scagliò contro di lei, prima abbranchiandola con le ali, poi beccandola a ripetizione negli occhi. Una faccia pulita fa sempre piacere, ma come darle colpa se nel giro di pochi minuti la Caligaris aveva la faccia completamente sfigurata? “Scusa se sono stata sfacciata da Sottili”, mi disse timidamente e mi invitò a seguirla nel locale. E con lei, con lei e tutta la sua avvenenza, feci finalmente il mio ingresso trionfale nel bar. Mi son messo seduto sul flipper, coi calzoni e le mutande calate, e ho iniziato a dare ordini in tedesco a tutti per impressionarla. Però che peccato che ci fosse quell’espositore di paste ad impedirle la visuale, a causa delle centinaia di krapfen di cui era farcito. Mi avesse veduto in quello spettacolo di dominio sarebbe crollata ai miei piedi, eppure c’era qualcosa nel mio look che non la convinceva e non capivo cosa. “Un poco più pettinato” mi urlò sua madre, la proprietaria, “non ci voleva molto”.  E con lei, con lei e con quell’uscita inopportuna, me la presi tantissimo: non sapeva che sotto i caschi da ciclisti anche il gel migliore tende a fondersi con il sebo, formando una sorta di calotta vinilica? Seduto in quel posto mi sentivo intorpidire le gambe, perché giocherellavo senza accorgermene coi respingenti del flipper, che si surriscaldava. Quanto sono rimasto male quando Sottili è entrato di colpo da una finestra e, senza nemmeno scusarsi con la cameriera, l’ha uccisa! Ci provavo gusto, a dirla tutta, nel vedere quegli artigli che dilaniavano le carni della sguattera e le sparpagliavano nel locale. “E chi s’è visto s’è visto! Massì! Chi se ne frega!” sembrava pensare il pennuto mentre affondava nel di lei cuore il suo becco di frassino. C’è lei, la proprietaria, che se ne sbatte altamente della figlia e mi fissa vogliosa mostrandosi nella sua magnificenza: rossa, occhi verdi, bocca carnosa, alta, elegante, pelle abbronzata, cicciona. Una coca, un panino e quel suo naso in su fu quello che le ordinai da mangiare. “Le Muratti finite le ricompri tu” di Bobby Solo faceva da sottofondo alla nascita, forse, di un amore. “Sei mai stato operato?” mi chiese, perché non mi impressionassi mentre si affettava il naso per me. “Sì, una volta qui” le risposi, perché al posto del bar c’era stata una sala operatoria in stile rustico. “Hai avuto paura?” mi domandò, mentre si iniettava del cloroformio nelle froge. “Mah, così e così” le dissi, mentre col coltello da prosciutto iniziava a dissossarselo. Di nascosto sbirciavo sotto il tavolino per vedere i brandelli di carne che cadevano, ma non facevano tempo a posarsi sul pavimento che lo sparviero Sottili volava rasoterra, li afferrava e spariva da una finestra. Per guardarle le gambe da vicino avrei dovuto chiederle di segarsele e appoggiarmele davanti, ma non me la sentivo, visto il regalo bellissimo che mi stava facendo col fatto del naso. Ma non mi riusciva a non pensare a quei moncherini stupendi, che avrei potuto usare come mazze da baseball durante la finale di domenica contro l’Ares, davanti a centomila spettatori terrorizzati e la polizia che irrompe in campo e mi stordisce con un taser. Lei che se ne accorgeva era uno spettacolo troppo eccitante. Ma non se la prendeva e rideva dell’assassinio di Aldo Moro, appena annunciato dalla radio. E con lei, con lei e la sua sete di vita, avrei fatto pazzie, arrivando addirittura a regalarle i pulmini e la frittata. Il tempo andò in fretta, tanto che quel naso lo consumai senza nemmeno accorgermene, spalmato dentro al panino e annaffiato di coca. “C’è mia madre che aspetta” gridò mia madre dalla finestra. “Non casca giù il mondo se la nonna fa dieci minuti di chemio in più!”, le risposi infastidito. “Se tu resti un secondo” mi disse la proprietaria, “ti faccio vedere cosa ho in serbo per lo sparviero Sottili”. E con lei, con lei e la sua brama di vendetta, ci incamminammo verso i bidoni. Mi son chiesto spesso durante quei due metri di tragitto cosa provano gli sparvieri quando muoiono. Che cos’era successo in Angola, allo sparviero José Eduardo Neto, quando fu garrotato sulla pubblica piazza per scoraggiare ogni tentativo di ribellione al regime dittatoriale? Ma ci avrei scommesso, non dico la frittata, ma almeno i pulmini che prima di morire il volatile Sottili c’avrebbe dato una lezione di vita a tutti. Di starle ad un passo dal cuore non me la sentivo, così mi nascosi dietro al frigo dismesso della Eldorado. “Il telefono è questo” disse la proprietaria, passando a Sottili un apparecchio imbottito di tri-nitro-toulene. “Devo andare via” disse lei e si dileguò in un tombino per evitare i rischi della detonazione. “Se ti va di chiamarmi…” riuscii a malapena a sussurrarle prima che sparisse nelle fognature di Varsavia. “Sono a casa mia” disse Sottili per fare il simpatico, prima di venire squarciato dall’ordigno.

Acidshampoo & Caramelleamare

Advertisements

98 Risposte to “Una faccia pulita”

  1. ilmarinaio novembre 29, 2009 a 8:46 am #

    bravi, bravi!  questa mi ricorda tanto un lontano Federer dal sapore di sale.  in più qua c’è un’atmosfera discretamente nippentacchesca, ma anche proprio partticolare, specifica, di questo blog qui.  commovente lo sparviero che dice “sono a casa mia”, forse più per rassicurarsi, per immaginarsi in un altro posto, avendo capito che sta per morire.  come Gianfranco Manfredi in No more Masoch:  “e farò finta/di non gridare../ farò finta/di far l’amore…”

  2. caramelleamare novembre 29, 2009 a 12:26 pm #

    visto che questo post è un capolavoro e sono uno dei due autori, non voglio assolutamente i soliti commenti di un rigo anche fossero i meglio complimenti. per ogni frase di questo post c’è il lavoro di anni e poi si passava a quella successiva. questo post merita un commento analitico con, in bella evidenza, le genialate che più vi sono piaciute. non deludetemi, esagerate, datemi uno schiaffo morale che non m’aspetto, con un bel commento di quelli che danno troppa soddisfazionemarinaio, il tuo andava abbastanza bene

  3. ruphus novembre 29, 2009 a 1:18 pm #

    mi piace come sai trasformare una padella in una chemio nel breve volger di una piroetta

  4. Daiana novembre 29, 2009 a 3:46 pm #

    Mi è piaciuto molto l’ultimo jan dix…. ora leggo il post che già mi ha messo bene con le frasi in neretto qua e là che indica un certo tipo di scrittura cretaiva che mi garba un sacco.

  5. Daiana novembre 29, 2009 a 3:55 pm #

    Bellissimo!! Mi sono piaciute di più tutte le frasi in neretto seguite da quelle scritte normali!!Oh caramelle non mi criticare il commento sono appena tornata da lavoro…. ah giovedì si inaugura!! Vi aspetto numerosi!

  6. ??? novembre 29, 2009 a 6:01 pm #

    Cosa mi è preso adesso? Ho letto il post e la mia vita è cambiata, devo convincermi pero’ che non è nulla, ma le mie mani tremano… è troppo, troppo bello questo racconto. In qualche modo devo farlo sapere ai due geniali autori.Devono scriverne ancora di pezzi così illuminati perchè mi sembra già che non potrò più farne a meno… com’è  banale adesso ogni cosa che leggo , ogni cosa che dico  a confronto con  questo racconto che è bello come il cielo bello come il giorno bello come il mare .Bello come un bacio bello come il buio bello come Dio

  7. acidshampoo novembre 29, 2009 a 7:39 pm #

    > mi piace come sai trasformare una padella in una chemio nel breve volger di una piroettaGrazie Ruphus. Suppongo che ti sei letto la versione beta, pubblicata stanotte per qualche minuto. Comunque padella o chemio poco cambia: sborra, merda e cancro sono le tre specialità della casa.

  8. acidshampoo novembre 29, 2009 a 7:54 pm #

    Pallini, non ci casco. So benissimo che oggi contestipubblicamente Baglioni perché negli anni ’70 era uno dei pochicantautori non militanti (anche se certamente di sinistra), nonchéfiglio di un “brigadiere che scrive poesie”, e fingidi non notare i sottotesti hippie di diverse sue canzoni, e però ciscommetto che te lo ascolti alla grandissima quando sei da sola, perripigliarti dalla noia dei vari Lolli, Locasciulli e Bubola (non cimetto Manfredi), che però ti rendono popolare nelle case del popolo.

  9. ??? novembre 29, 2009 a 8:05 pm #

    Sì, diciamo che in linea generale è così. Ma il mio voleva essere un omaggio, non all’altezza, del vostro lavoro. Quindi poteva bastare un “grazie, pallini, un commento davvero simpatico ed originale” 

  10. acidshampoo novembre 29, 2009 a 9:02 pm #

    > Quindi poteva bastare un “grazie, pallini, un commento davvero simpatico ed originale”No Pallini, sarebbe stato troppo poco. Io amo Baglioni e mi sta sul cazzo chi lo fraintende, ma che una ex-brigatista come te ne sia infastidita lo capisco benissimo.

  11. Daiana novembre 29, 2009 a 9:06 pm #

    Rendo noto che la giornata di aggregazione non è altro che un escamotage poco ortodosso per fare ai dipendenti il lavaggio del cervello.

  12. ??? novembre 29, 2009 a 9:23 pm #

    Ma Acid… ti immagini se ero una brigatista, avrei avuto paura anche del simbolo perchè quelle punte lì della stella..mmm si sa mai…

  13. ??? novembre 29, 2009 a 11:42 pm #

    ops! Questo linguaggio colloquiale non va bene.Ti immagini se fossi stata una brigatista.Così va meglio.Ho visto UP stasera….mmmmm. E non aggiungo altro. (Ma Monster è stato meglio)

  14. giggi novembre 30, 2009 a 2:16 am #

    dopo il corvo di poe, lo sparviero sottili: finalmente 2 veri compagni!

  15. ??? novembre 30, 2009 a 6:47 am #

    Monster’s & Co. Chiedo scusa. Perchè poi lo so che Acid mi prende in giro per anni su questi errori

  16. (andrea82) novembre 30, 2009 a 8:19 am #

    monster’s & co non l’ho visto, ma UP mi è piacuto parecchio.

  17. acidshampoo novembre 30, 2009 a 11:24 am #

    Alla fine anch’io ho ceduto e ho visto Up, dopo la segnalazione di Mato. Devo dire che, nonostante continui a non essere il mio genere, non m’ha dato fastidio e anzi m’è piaciuto abbastanza, così come l’anno scorso avevo apprezzato Wall-E (specie la prima parte muta). Però se penso a Monster & Co., quello proprio non si poteva guardare, tutto teneroso-patatoso, la bambina vestita di rosso che bercia perché ha paura dei mostri ma i mostri sono hanno il cuore buono anche quello blu che è grosso ma tardo come garrone del libro cuore. Unica cosa che gradii: il geko cattivo doppiato dal grande e dimenticato Daniele Formica.Comunque il cartoonist che preferisco è QUESTO.

  18. mato novembre 30, 2009 a 1:05 pm #

    beh, io confesso che ho un debole per i film della pixar (compresi quei corti che precedono le prime visioni, che son dei piccoli capolavori), up e wall-e (entambi nelle parti mute e meno bambinesche, soprattutto) li trovo sulla soglia di quello che potrebbero fare quelle menti che ci sono dietro, se venissero lasciati non dico liberi ma almeno un po’ sciolti dalla logica del film per famiglie durante le feste. e in effetti wall-e e up son quelli che piacciono meno ai bambini, che guardano e non è che capiscano bene, fanno qualche risatina ma niente di più, e perdono un po’ di spessore quando entra la filosofia disney dell’avventura caciarona. però mille volte meglio il conforto pixar del conforto tim burton…

  19. acidshampoo novembre 30, 2009 a 1:22 pm #

    > però mille volte meglio il conforto pixar del conforto tim burton… Quello è poco da sicuro. Dopo Almodovar, è il regista che oggi mi sta più sui coglioni.Ma oltre a Up e Wall-E, la Pixar ne ha fatti altri per quel target lì, meno bambinesco? Io mi sono perso Gli Incredibili, Nemo, Cars e Ratatouille. Insomma ce n’è qualcun’altro, oltre a quei due, che scontenta i mocciosi?

  20. ??? novembre 30, 2009 a 1:33 pm #

    Ma perchè il bambino di up non è teneroso patatoso? Io me lo volevo portare a casa ad un certo punto!!Invece per la bambina di Monster’s & Co ho provato empatia per identificazione…

  21. lozissou novembre 30, 2009 a 3:10 pm #

    >>me lo volevo portare a casa ad un certo punto!!Anche Acid!!!>>Ma oltre a Up e Wall-E, la Pixar ne ha fatti altri per quel target lì, meno bambinesco? Secondo me Cars e Gli incrediili. Nemo è bellissimo ma più pacciocoso, Ratatouille è uno dei più deboli. Monsters & Co. lo vidi con te al Trionfo (che ricordi!), vero? Non ci piacque, ma forse io ero suggestionato dalla tua maieutica presenza. Sono in molti a citarlo come il capolavoro Pixar.

  22. acidshampoo novembre 30, 2009 a 4:14 pm #

    > Ma perchè il bambino di up non è teneroso patatoso? Io me lo volevo portare a casa ad un certo punto!!Sarebbe stato come portarsi a casa Lozissou. Quanto a rompere i coglioni sono uguali, cambia solo il fatto che uno vuole solo farsi amare, l’altro vuole i dvd promozionali, i viaggi in Egitto spesati, i privilegi, le raccomandazioni, le tesserine per il cinema, i passpartù per Euronics, i campioncini gratuiti, le amnistie retroattive, tutte le tue collezioni, l’annem’e’chitemmuort e sapere dove tieni i soldi in casa e se dormi con una finestra aperta. Te la senti, Pallini? Sono cose che rimangono eh.

  23. mato novembre 30, 2009 a 4:17 pm #

    Ma oltre a Up e Wall-E, la Pixar ne ha fatti altri per quel target lì,meno bambinesco? Io mi sono perso Gli Incredibili, Nemo, Cars eRatatouille. Insomma ce n’è qualcun’altro, oltre a quei due, chescontenta i mocciosi?Uhm, in qualche modo gli altri sono molto più orientati verso i bambini. Poi questo non significa che non siano gradevoli. Su tutti, direi Nemo è quello più ricco, di idee, battute, trovate. Ed è anche l’unico che ti consiglierei, c’è il rischio che ti diverta. Gli incredibili e Ratatouille, soprattutto il secondo, mi son sembrati un po’ deboli (a parte la grafica, che è sempre eccellente). mentre Cars è forse l’unico che proprio non mi è piaciuto.Il che la dice male, per quanto mi riguarda, sui prossimi pixar, visto che è in produzione il seguito di Cars (oltre a Toy Story 3).In tutto questo, la palma per la migliore sceneggiatura del filone cartoon holliwoodiano resta ancora in mano all’Era Glaciale, il primo, non bellissimo nell’animazione, ma superbo nei dialoghi e nelle scene comiche…  

  24. caramelleamare novembre 30, 2009 a 5:18 pm #

    Che mosciarume di thread gente!Siamo arrivati a parlare della pixar pur di racimolare due commenti!I due post precedenti sono pieni di discorsi fantastici e idee rivoluzionarie. Questo che è il post a cui tenevo di piu in assoluto, c’ha i peggiori commenti che io abbia mai letto in vita mia. Fate schifo!Ringrazio di cuore tutti quelli che hanno contribuito a regalarmi l’ennesima triste giornata di questo periodo della mia vita gia di per se cupo.Ti ricordi Chiara quando giorni fa contribuivi a rendere brillanti i thread con i tuoi interventi simpatici e acuti? ecco chi sei realmente quando ho avuto bisogno di una mano (ce la fai a non fraintendere?)

  25. lozissou novembre 30, 2009 a 6:49 pm #

    >Te la senti, Pallini? Sono cose che rimangono eh. Secondo me però poi valgo la pena, Pallini.  Sw vuoi provare, ora sono in promozione.

  26. mato novembre 30, 2009 a 7:53 pm #

    hai ragione caramelle, e mi scuso. a me il pezzo, da grande amante di baglioni, un cantautore che vale qualche de gregori e trentacinque guccini messi insieme,è piaciuto molto e, ascoltare adesso una faccia pulita avra un sapore di incompletezza.passaggi che ho amato di più:l’assassinio di aldo moro, la canzone di bobby solo e la geniale idea con cui si è annullata la ripetitività tutta musicale del “e con lei, con lei”… oltre naturalmente a sottili.

  27. andrea dicembre 1, 2009 a 8:40 am #

    gli incredibili per me era una bomba.

  28. caramelleamare dicembre 1, 2009 a 1:42 pm #

    grazie mato, ti sei accollato le colpe di tutti e sei stato l’unico a capire la situazione e darmi un commento complimentoso ma analitico che mi tirasse su il morale. per gli altri: dovreste imparare da mato e intanto vergognarvi. grazie mato

  29. caramelleamare dicembre 1, 2009 a 1:53 pm #

    Mi è piaciuto molto l’ultimo jan dix…. l’ho letto anche io eee sssi, non è male per carità. ho trovato piu interessante la parte onirica di quella nel presente. Dove il difetto principale è che c’è poca tensione emotiva, troppo poca e i personaggi non sono approfonditi a dovere. Tranne la padrona di casa che risulta un bel personcino e abbastanza fuori schema. Oltre alla trama non c’è granche purtroppo.Ho trovato molto piu intensa l’avventura nel deserto del numero otto “Orizzonti di sabbia”Ma io credo di sapere perche a te, daiana, t’è piaciuto questo numero….

  30. caramelleamare dicembre 1, 2009 a 3:06 pm #

    gli incredibili per me era una bomba. invece questo post che t’ha fatto?

  31. kreisky dicembre 1, 2009 a 4:03 pm #

    un perla di FINI su Berlusconi

  32. l'idiota dicembre 1, 2009 a 4:24 pm #

    il presidente del consiglio sabato aveva attaccato i film sulla mafia dicendo che avrebbe “strozzato” chi ha scritto “la piovra” allora i familiari del regista damiano damiani hanno risposto con una lettera aperta dicendo che non c’è niente di male anzi, a essere un paese che riesce a raccontare i propri problemi e le proprie difficoltà , mentre è negativo il contrario…e che quando usci la piovra nel 1984 fu un gran successo ,il che fece capire quanto il pubblico fosse ben disposto anche verso la denuncia sociale… questa notizia l’ho letta sul tirreno di iericerto che la situazione è davvero deprimente…io non sono contro l’italia egli italiani a prescindere, anzi sono orgoglioso ad esempio dello spirito del risorgimento italiano dell’800 che ha portato all’unità d’italia, ma certo ora ne siamo lontani parecchio..alla fine forse la fonte del peggioramento generale è l’abbandono della vita agreste a vantaggio delle città con tutti gli annessi e connessi.comunque niente solo considerazioni..  

  33. l'idiota dicembre 1, 2009 a 4:29 pm #

    a che punto siamo arrivati ovviamente intendo il berlusconismo per cui si deve strozzare tuttoquello che è diverso da lobotomia e accettazione acritica dello squallore dello stato presente delle cose..

  34. ilmarinaio dicembre 1, 2009 a 7:37 pm #

    anzi sono orgoglioso ad esempio dello spirito del risorgimento italianodell’800 che ha portato all’unità d’italia, ma certo ora ne siamolontani parecchio..alla fine forse la fonte del peggioramento generaleè l’abbandono della vita agreste a vantaggio delle cittàper esempio sono bellissime da leggere le “Memorie” di Garibaldi, questo citto impetuoso, grezzo, coraggioso, che a 16 anni aveva già una condanna a morte sul groppone. oppure un romanzo come “Le confessioni di un italiano” di Ippolito Nievo.  la fonte del gran casino probabilmente è in qualche modo la modernità, ma soprattutto è la modernità gestita male,  dipende che intende uno per “città” e per “modernità”:  io non saprei campare senza cose del tutto cittadine come gli antibiotici, la lavatrice, internet e la privacy in casa.  invece per esempio voglio campare senza tre cose “moderne” come la catena di montaggio, l’isolamento ognuno in casa sua a guardare la tv, la spocchia dell’impiegato fantozziano verso il campagnolo    

  35. Daiana dicembre 1, 2009 a 8:04 pm #

    Ma io credo di sapere perche a te, daiana, t’è piaciuto questo numero….sentiamo… perchè?

  36. caramelleamare dicembre 1, 2009 a 9:06 pm #

    sentiamo… perchè? per i disegni del tuo mito bacilieri ovviamente

  37. caramelleamare dicembre 1, 2009 a 9:22 pm #

    per i disegni del tuo mito bacilieri ovviamentemi ricordo la prima volta che ti feci vedere un fumetto con i suoi disegni: subito mi dicesti, commossa, che ti ricordavano le coreografie dei balletti di Britney Spears.non ti risposi, ma appuntai mentalmente.. 

  38. chiara dicembre 1, 2009 a 9:27 pm #

    ma che post bello! una bravura, la vostra, quasi imprevedibile.spesso mentre leggo mi spunta la frase: “ma come  si fa? ma come si fa?”…a tirar fuori  una narrazione simile; a costruire storie che per quanto posson essere paradossali e assurde son però  legate alla realtà.bravi, complimenti. anche perchè un lavoro simile sarà costato tanto tempo e poca improvvisazione…la canzone, inoltre, non me la ricordavo…eh sì che quel cd d baglioni fu il primo, e unico,  che comprai.

  39. acidshampoo dicembre 1, 2009 a 9:39 pm #

    Il 13 gennaio prossimo esce No Distance Left To Run, il film documentario sulla storia dei Blur. Non s’ha da perdere. Il trailer QUI.

  40. (andrea82) dicembre 1, 2009 a 10:07 pm #

    > invece questo post che t’ha fatto?stabo meditando la risposta.inizio dalla fine: da qui  (Ma non mi riusciva anon pensare a quei moncherini stupendi, che avrei potuto usare comemazze da baseball durante la finale di domenica contro l’Ares,) in poi, è uno spettacolo, migliora di parola in parola.in particolare mi hanno strappato un sorriso l’omicidio di aldomoro ela mamma della mamma in chemio, nonchè la lezione di vita di Sottili.la prima parte, invece, è loffia. almeno, rispetto alla seconda.

  41. acidshampoo dicembre 2, 2009 a 1:40 am #

    QUI aggiornamento Gallagher minore.

  42. acidshampoo dicembre 2, 2009 a 1:42 am #

    QUI i primi dieci minuti della fiction “Moana”. Certo che la Violante Placido sta alla Moana Pozzi come Melissa Satta a Rita Hayworth.

  43. acidshampoo dicembre 2, 2009 a 2:38 am #

    > Mi è piaciuto molto l’ultimo jan dix…. Che è poca cosa rispetto al bellissimo numero tre di Lilith, veramente spettacolare per come affronta la tematica della guerra, soffermandosi sulle fucilazioni e le missioni suicide, senza nessuna epica (e ci mancherebbe). Teso come e più del primo numero, niente missioni-simpatia ‘stavolta.

  44. chiara dicembre 2, 2009 a 8:05 am #

    Che è poca cosa rispetto al bellissimo numero tre di Lilith, veramentespettacolare per come affronta la tematica della guerra, soffermandosisulle fucilazioni e le missioni suicide, senza nessuna epica (e cimancherebbe).vero. col num 2 avevo vacillato ma il num 3 m’è piaciuto tanto Teso come e più del primo numero, niente missioni-simpatia ‘stavolta. proprio per questo motivo.

  45. acidshampoo dicembre 2, 2009 a 9:33 am #

    QUI un fuorionda di Gianfranco Fini che ha fatto incazzare Berlusconi.

  46. caramelleamare dicembre 2, 2009 a 1:11 pm #

    ma che post bello! una bravura, la vostra, quasi imprevedibile.oh, brava chiarina, finalmente un commento decentelo metto fra i tre migliori insieme a quello di mato e del marinaio

  47. Daiana dicembre 2, 2009 a 2:31 pm #

    subito mi dicesti, commossa, che ti ricordavano le coreografie dei balletti di Britney Spears.Eh si britni è sempre stata il mio mito!

  48. ilmarinaio dicembre 2, 2009 a 4:07 pm #

    Che è poca cosa rispetto al bellissimo numero tre di Lilith, veramentespettacolare per come affronta la tematica della guerra, soffermandosisulle fucilazioni e le missioni suicide,me l’immaginavo che ti garbava. decimazioni, fucilazioni, generali imbecilli.. la prima guerra mondiale è stata veramente un massacro mai visto prima.  inquietanti anche le scene con gli austriaci che prima buttano i gas e poi vanno tra i soldati italiani morenti a finirli con le mazze, come cacciatori che ammazzano le foche

  49. caramelleamare dicembre 2, 2009 a 4:07 pm #

    Eh si britni è sempre stata il mio mito! certo, perche è brutta eti ci confronti facile.di certo non sarà mai il tuo mito una fica come jessica alba che tra l’altro m’ha fatto eiaculare piu di una volta quando mi scaricai un filmato di lei ancora ragazzina dove inquadrano lei che mentre si cambia nel camerino per sbaglio si tira su la maglietta e si gira verso la telecamera troppo presto.praticametne le pocce non mi sono mai interessate, ma quella scena involontaria m’ha sempre fatto effetto

  50. acidshampoo dicembre 2, 2009 a 4:18 pm #

    > inquietanti anche le scene con gli austriaci che prima buttano i gas epoi vanno tra i soldati italiani morenti a finirli con le mazze, comecacciatori che ammazzano le foche[SPOILER]Da matti, così come il testo ufficiale di Cadorna sull’utilità delle decimazioni, i soldati che vanno in quella missione suicida solo perché se no saranno giustiziati, poi il soldato che illustra le espressioni dei cadaveri dei suo commilitoni uccisi. Veramente denso. Ma pure Lilith col suo maestro di combattimento, poi quell’ellisse finale di quando porta a termine, purtroppo, la sua missione e il fatto che inizi a nutrire dei dubbi su quanto sta facendo.

  51. (andrea82) dicembre 2, 2009 a 8:21 pm #

     > [SPOILER]Da matti, così come il testo ufficiale di Cadornasull’utilità delle decimazioni, i soldati che vanno in quella missionesuicida solo perché se no saranno giustiziati, poi il soldato cheillustra le espressioni dei cadaveri dei suo commilitoni uccisi.Veramente denso. Ma pure Lilith col suo maestro di combattimento, poiquell’ellisse finale di quando porta a termine, purtroppo, la suamissione e il fatto che inizi a nutrire dei dubbi su quanto stafacendo.non ho ancora letto il numero 3.per rispondere a te, ma soprattutto al marinaio che nei giorni scorsi aveva esposto una sua idea su come si evolverà la trama di lilith, ti dirò la mia.secondo me lilith scoprirà che lei in realtà sta lavorando per il triacanto, che tipo lo sta liberando ogni volta che ammazza qualcuno, perchè chi l’ha mandata in missione lavora, lui consciamente, per il triacanto.

  52. acidshampoo dicembre 2, 2009 a 8:55 pm #

    > secondo me lilith scoprirà che lei in realtà sta lavorando per iltriacanto, che tipo lo sta liberando ogni volta che ammazza qualcuno,perchè chi l’ha mandata in missione lavora, lui consciamente, per iltriacanto.Secondo me è più facile che Lilith metterà in discussione la nobiltà del fine impartitole dai suoi mandanti e, al contempo, l’assoluta negatività del triacanto. Penso che le due fazioni resteranno ben distinte, a Enoch interessa più sfumare il bianco e il nero in toni di grigio, l’ha fatto anche con Gea.

  53. (andrea82) dicembre 2, 2009 a 8:57 pm #

    QUI un interessante articolo de El Pais.a chi interessa posso mandare la traduzione in privato, è troppo lunga per metterla qui.

  54. fox in the snow dicembre 3, 2009 a 12:02 am #

    Cioè, a me già mi stava piacendo così di per sè, come storia, che filava. Non conoscendo questa canzone, solo alla fine, vedendo il video, ho capito che era una canzone di baglioni. Siete due geni.

  55. giggi dicembre 3, 2009 a 12:44 am #

    caram, che il mio era un’offesa?!! *dopo il corvo di poe, lo sparviero sottili: finalmente 2 veri compagni!*

  56. caramelleamare dicembre 3, 2009 a 12:55 am #

    caram, che il mio era un’offesa?!! *dopo il corvo di poe, lo sparviero sottili: finalmente 2 veri compagni!*no un offesa no, e edgar non è nemmeno un peregrino come omino che scrive nei fogli con una penna pero il commento è poco piu di un rigo e allora me lo so dimenticato… e poi dicono che le dimensioni non contano!

  57. acidshampoo dicembre 3, 2009 a 1:15 am #

    E’ incredibile come Chiara ami dare piacere alla sua vagina. Che si tratti delle giovanili di calcio del Fiesole o di un intero braccio del carcere di Sollicciano, è toccante come non se ne perda una. Brava Chiarina!

  58. acidshampoo dicembre 3, 2009 a 3:28 am #

    QUI il trailer di La Prima Cosa Bella, il nuovo film di Virzì. Ispira da matti.

  59. caramelleamare dicembre 3, 2009 a 3:35 am #

    troppo bellina questa canzone, mi ricorda charlie fa surf dei baustelle che però mi piace meno. che ne pensate?

  60. Daiana dicembre 3, 2009 a 10:28 am #

    che ne pensate?ma chi è questo demente??

  61. caramelleamare dicembre 3, 2009 a 11:54 am #

    ma chi è questo demente?? demente dici? boh secondo me è un tipo che ha molto da dire. sara che in fondo anche sono un ribelle e soprattutto mi piace risolvere la serata e non organizzarmi la vita…pensaci: in fondo la vita non è fatta di tante serate? se le risolve tutte, sei apposto

  62. acidshampoo dicembre 3, 2009 a 1:31 pm #

    Voglio vedere chi avrà il coraggio di dire che QUESTO trailer è brutto.

  63. Pinxor dicembre 3, 2009 a 4:58 pm #

    bellissimo il finale 😄 cmq non mi ha colpito molto.. speriamo sia bello come i primi

  64. acidshampoo dicembre 3, 2009 a 6:05 pm #

    QUI Adesso E’ Facile, ultimo singolo di Mina scritto e cointerpretato da Manuel Agnelli.Tra l’altro in un momento del testo cita la loro precedente collaborazione: QUESTA.

  65. ??? dicembre 3, 2009 a 8:10 pm #

    Adesso è facile è una canzone bellissima. Ogni volta che la sento mi commuovo. Anche la musica è malinconica.

  66. acidshampoo dicembre 3, 2009 a 8:29 pm #

    >Adesso è facile è una canzone bellissima. Ogni volta che la sento mi commuovo. Bella ma – diamo a Cesare – Tre Volte Dentro Me è meglio.

  67. ??? dicembre 3, 2009 a 10:04 pm #

    Sono due belle canzoni , questo è indubbio. Poi il coinvolgimento emotivo è sempre strettamente personale. Impossibile dare un giudizio oggettivo.

  68. ??? dicembre 3, 2009 a 10:09 pm #

    Pensa Acid che ho letto una recensione del film Primo Amore che diceva : film veramente brutto, non per la trama. Noiosissimo, con dialoghi da deficienti, girato male male male, con quelle scene che vorrebbero sembrare d’autore ma sono penose.Dimmi te!

  69. chiara dicembre 3, 2009 a 10:15 pm #

     Adesso è facile è una canzone bellissima. Ogni volta che la sento mi commuovo. Anche la musica è malinconica.  stò scrivendo mentre ascolto adesso è facile, a me come testo non piace tanto, posso sembrare stupida ma non mi dice niente di che..mi piace però la musica, la voce di lui e la voce di lei, per la quale ho un debole molto forte…non c’entra niente: si può avere un volo aereo tra 24h  e accorgersi di non sapere dove cavolo possa trovarsi la carta d’identità (passaporto scaduto)?…sì, si può. scusate lo sfogo.

  70. acidshampoo dicembre 3, 2009 a 10:30 pm #

    > Pensa Acid che ho letto una recensione del film Primo Amore che diceva: film veramente brutto, non per la trama. Noiosissimo, con dialoghi dadeficienti, girato male male male, con quelle scene che vorrebberosembrare d’autore ma sono penose.Mica puoi risalire a chi l’ha scritta? Non mi parrebbe strano fosse il Farinotti, ovvero la barzelletta dei critici cinematografici (e sì che ha pure un suo dizionario del cinema, ma quello pure Lozissou). Ci scommetto una palla che è il Farinotti. Due no, ma una sì.

  71. fox in the snow dicembre 3, 2009 a 11:20 pm #

    >troppo bellina questa canzone, mi ricorda charlie fa surf dei baustelle che però mi piace meno. che ne pensate?Oh, finalmente vedo e sento ‘sti Finley. e ora che li ho visti, c’hanno la stessa finezza musicale che avevano a suo tempo quelli che cantavano “Alzati la gonna“. Cosi lì, come si chiamavano. Steve Rogers Band.

  72. fox in the snow dicembre 3, 2009 a 11:24 pm #

    >non c’entra niente: si può avere un volo aereo tra 24h  e accorgersi dinon sapere dove cavolo possa trovarsi la carta d’identità (passaportoscaduto)?Ora voglio sapere dove vai. E se non trovi la carta d’identità puoi usare la patente.

  73. chiara dicembre 3, 2009 a 11:46 pm #

    E se non trovi la carta d’identità puoi usare la patente. la ryanair non l’accetta!!!…cmq…dopo2ore di panico l’ho trovata, da 12 min…tra le scartoffie dell’ultimo viaggio, risalente ad agosto…in questi casi odio il mio vivere fra le nuvole. hai presente qualche fiaba dei fratelli grimm? vado là dove un asino, un gane, un gatto e un gallo volevano andare a fare i musicanti…

  74. (andrea82) dicembre 3, 2009 a 11:53 pm #

    cioè, a codroipo?

  75. Daiana dicembre 4, 2009 a 12:01 am #

    si può avere un volo aereo tra 24h  e accorgersi di non sapere dove cavolo possa trovarsi la carta d’identità E’ il destino di noi persone allo sbando… non ti preoccupare è successo anche a me! 🙂

  76. Daiana dicembre 4, 2009 a 12:03 am #

    in fondo la vita non è fatta di tante serate? se le risolve tutte, sei appostoNon hai mica tutti i torti sai?! Cmq è fatta anche di tante giornate e quelle come me le risolvi?!

  77. acidshampoo dicembre 4, 2009 a 2:11 am #

    > Non hai mica tutti i torti sai?! Cmq è fatta anche di tante giornate e quelle come me le risolvi?! Ione ho provate tante, dal calcetto al tango figurato, dal volontariatoai corsi di ceramica. E’ quindi dall’alto della mia esperienza che tidico che oggi giorno le giornate vuote può risolvertele lui, solo edesclusivamente LUI. E fa anche la pelle bella.

  78. ilmarinaio dicembre 4, 2009 a 7:13 am #

    hai presente qualche fiaba dei fratelli grimm? vado là dove un asino,un gane, un gatto e un gallo volevano andare a fare i musicanti.Chiara, prima di partire ripassati questa che è in argomento

  79. ilmarinaio dicembre 4, 2009 a 7:34 am #

    segnalo, da Carmilla, un’analisi dell’attuale situazione italiana come se fosse una stagione televisiva:  QUI

  80. Daiana dicembre 4, 2009 a 8:34 am #

    E’ quindi dall’alto della mia esperienza che tidico che oggi giorno le giornate vuote può risolvertele lui, solo edesclusivamente LUIAllora sono a cavallo!! cmq credo sia una lei…

  81. fox in the snow dicembre 4, 2009 a 8:41 am #

    >vado là dove un asino, un gane, un gatto e un gallo volevano andare a fare i musicanti…Brema! E che c’è da vedere a Brema?

  82. caramelleamare dicembre 4, 2009 a 11:23 am #

    E’ il destino di noi persone allo sbando… non ti preoccupare è successo anche a me! 🙂 certo che siete proprio delle persone pazze voi due eh!!acid, ma quanto se la raccontano quando fanno cosi!?Non hai mica tutti i torti sai?! Cmq è fatta anche di tante giornate e quelle come me le risolvi?!  ascolto i “girls” e mangio patatine

  83. caramelleamare dicembre 4, 2009 a 11:35 am #

    è mai successo a nessuno di voi di doversi confrontare con questa moltiplicazione? 17×6=102 a me no, mai, me ne sono reso conto stanotte.

  84. acidshampoo dicembre 4, 2009 a 3:25 pm #

    > ascolto i “girls” e mangio patatine Stai zitto, che non fai che togliermeli per mettere i Finley.

  85. acidshampoo dicembre 4, 2009 a 4:02 pm #

    > segnalo, da Carmilla, un’analisi dell’attuale situazione italiana come se fosse una stagione televisiva:  QUILa descrizione nella prima parte del post, pare proprio quella del declino di Prison Break!Però attenzione: l’ultima stagione di molte serie televisive non è stata decisa prima di girarla, ma che è l’ultima si sa solo quando non rinnovano la serie per un’altra ulteriore annata. Quindi molte serie restano senza un finale vero e proprio, troncate così, magari nel bel mezzo di un cliffhanger che avrebbe dato l’hype per un’altra stagione. Così è successo a Popular, My Name Is Earl, The Riches. Tutte serie che sono state smantellate ma che restano, in ogni caso, senza una fine. Che sia così anche per il Berlusconesimo? Speriamo almeno che, dopo che questa brutta serie sarà finita, non ne facciano uno spin-off.

  86. acidshampoo dicembre 4, 2009 a 4:04 pm #

    > Brema! E che c’è da vedere a Brema? Ma scherzi? La cosa più esclusiva di Brema: i turisti. Da tutti il mondo si smuovono per vederli.

  87. acidshampoo dicembre 4, 2009 a 4:41 pm #

    QUI sul prossimo ispirevolissimo film di Paul Thomas Anderson, con Phillip Seymour Hoffman protagonista. Dopo Il Petroliere, Anderson continua a dargli sulla religione.

  88. ilmarinaio dicembre 4, 2009 a 5:14 pm #

    Speriamo almeno che, dopo che questa brutta serie sarà finita, non ne facciano uno spin-off.per esempio sarebbe bello uno spin-off avente per protagonista Calderoli, o Bondi.

  89. acidshampoo dicembre 4, 2009 a 5:46 pm #

    > per esempio sarebbe bello uno spin-off avente per protagonista Calderoli, o Bondi.L’unico spin-off che gradirei è quello con protagonista QUESTA DONNA con una tuta in latex e un frustino in mano.

  90. giggi dicembre 4, 2009 a 6:19 pm #

    3 volte dentro me è meglio, e sarebbe stata + meglio a 2 voci. quello contro il primo amore: 1 lingotto in culo 

  91. ??? dicembre 4, 2009 a 7:14 pm #

    “Non importa quanto freddo sia l’inverno, dopo c’è sempre la primavera.” (E. Vedder)Lo so che non c’entra ma mi sembrava la frase giusta per rincuorare in questo momento buio. Dopo Annozero di ieri sera io un po’ la speranza l’ho persa.

  92. fox in the snow dicembre 4, 2009 a 11:26 pm #

    >L’unico spin-off che gradirei è quello con protagonista QUESTA DONNA con una tuta in latex e un frustino in mano.Sì, capisco che ci si possa trovare qualcosa, però la trovo veramente, come dire, stereotipata.

  93. fox in the snow dicembre 4, 2009 a 11:26 pm #

    >L’unico spin-off che gradirei è quello con protagonista QUESTA DONNA con una tuta in latex e un frustino in mano.Sì, capisco che ci si possa trovare qualcosa, però la trovo veramente, come dire, stereotipata.

  94. (andrea82) dicembre 4, 2009 a 11:26 pm #

    letto il 15 e il 16 di magico vento.piaciuti molto entrambi, con l’unica pecca che groddek lo avrei voluto vedere qualche volta in più, magari approfondito.

  95. acidshampoo dicembre 5, 2009 a 3:52 am #

    > piaciuti molto entrambi, con l’unica pecca che groddek lo avrei voluto vedere qualche volta in più, magari approfondito. Preciso! Una faccia che non si scorda e mi dispiace di averlo visto in soli due numeri. Stesso rimpianto per Vurdalak in Dampyr.Ma il 16 sbaglio o è La Grande Visione? Una delle vette della serie, secondo me.

  96. (andrea82) dicembre 5, 2009 a 7:33 am #

     > Ma il 16 sbaglio o è La Grande Visione? Una delle vette della serie, secondo me.sì, interessantissimo. tra l’altro, delle varie storie in parallelo tr poe e ned, è la più riuscita. di quelle che ho letto io almeno.

  97. caramelleamare dicembre 5, 2009 a 8:03 pm #

    Sì, capisco che ci si possa trovare qualcosa, però la trovo veramente, come dire, stereotipata. non so cosa intendi, pero quel video sembra la presentazione del un film sadomaso che seguirà dove ci sarà lei protagonista sadica. fa effetto che quella di quel video sia un ministropoi pero l’ho vista anche in altri cenci e non m’ha ridato quell’impressione. ma li è una maestrina porno perfetta

  98. acidshampoo dicembre 5, 2009 a 8:08 pm #

    > sì, interessantissimo. tra l’altro, delle varie storie in parallelo trpoe e ned, è la più riuscita. di quelle che ho letto io almeno.La sua parte la fa anche il prattiano Parlov alle matite. Comunque diciamo che Magico Vento acquisisce energia cinetica fino al numero 22, e da lì in poi piglia un andare veramente appassionante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: