Il stupro

2 Ott
rubensrape1_272

La violenza sessuale sono emeriti cazzi. Nel senso che è un atto vergognoso, che sminuisce la dignità della donna rendendola alla stregua di un oggetto sessuale e addirittura la stupra. Un atto di meschina brutalità, poiché pone la donna al centro di un pentagono di violenza i cui vertici si configurano nei concetti di “signorina”, “penetrazione”, “zitta!”, “denuncia” e “troia!”. La violenza sessuale è un atto innaturale, parafrenico e abominevole, di una maleducazione unica. La stessa pederastia, per quanto detestabile e tremenda, a confronto rimane già più simpatica. Quando sento raccontare di una studentessa stuprata solo per il fatto di aver attraversato il parco da sola, di notte, vorrei davvero dimettermi da uomo. Lo stupro mi fa schifo e sarei tranquillamente per eseguire la castrazione chimica agli stupratori e alle loro vittime. Tuttavia ci sono alcune attenuanti, seppur minime, sulla violenza sessuale. Iniziamo col dire che è un atto perfettamente naturale, che si basa sull’introduzione di un corpo solido in uno spazio perfettamente vuoto. In nove stupri su dieci infatti, non c’è il minimo contatto fisico. Altra attenuante sta nel fatto che a volte le donne escono di casa vestite veramente come delle – scusate la parola – si mettono la minigonna. Ora, è chiaro che se ti metti la minigonna mandi un certo messaggio. Che, sia chiaro, non è certo un invito ad essere stuprata! Ma pensiamoci: è un messaggio più simile a “ho voglia dei rapporti sessuali con le persone” o “basta col glutammato nei dadi vegetali”? La prima, ovviamente. Altra cosa: il sesso orale. Non tanto per il fatto che sono pratiche sessuali che vedono la donna in un ruolo attivo (sciocchezze, con una pistola puntata contro l’avrebbe succhiato anche Enzo Tortora!), quando per il fatto che alcune signore questo famoso sesso orale lo fanno proprio bene. Potrebbero farlo male o così così, invece si impegnano pure con tanto di slinguettate all’attaccatura del frenulo e sgonfiotti sulla cappella dei rapitori. Altra delicata questione: lo stupro in una coppia sposata. Dove finisce il friccicarello gioco dell’amore, fatto di negarsi e concedersi, e inizia la violenza vera? E’ un argomento da prendere con le molle. Troppo facile dire, retroattivamente, “mio marito mi ha stuprata!”. E’ come andare dal benzinaio e sconvolgersi perché ti fanno dieci euro di super. Per ultimo, seppur la violenza sessuale è da considerarsi tremenda di suo, c’è da dire che quando uno proprio gli piace un’altra, e c’ha provato e riprovato in mille salse ricevendo sempre picche, e gli ha fatto dei regali anche importanti, come le spume e le foto delle frasche, e ha aspettato aspettato aspettato ancora… beh, viene un momento che a un certo punto basta: ti chiavo!

Annunci

41 Risposte to “Il stupro”

  1. acidshampoo ottobre 2, 2009 a 2:08 pm #

    QUI il nuovo trailer di The Fantastic Mr. Fox, il nuovo film di Wes Anderson.

  2. giggi ottobre 2, 2009 a 5:30 pm #

    equilibrato (comunque a prenderla nel culo sono sempre i ceti meno abbietti)

  3. lozissou ottobre 2, 2009 a 6:21 pm #

    Stupendo! A volte è un college di detti e ridetti sullo stupro, vero?

  4. acidshampoo ottobre 2, 2009 a 7:21 pm #

    Questa è parecchio interessante. Ecco cosa ha risposto Mauro Boselli, sul forum di Dampyr, a chi gli ha chiesto quali sono, fra le sue storie, quelle che reputa meglio riuscite e quali quelle che preferisce:————-Non intendo dare giudizi sui disegni. Tutti fanno del loro meglio etalvolta arrivano alla LORO eccellenza. Il capolavoro di Bartolini èper es. il prossimo imminente Speciale, quello di Picicininnol’imminente Il Penitenziario.Ti posso dire quali sono le storie MIEdi cui sono TECNICAMENTE soddisfatto a livello di sceneggiatura erisultato complessivo con regia e disegni…E sono, alla rinfusa:I Lupi Mannari *I cacciatori di fantasmiNato nella palude/Delta bluesSotto il ponte di pietraTransylvanian Ex/Il segreto delle 7 cittàVarney/ I misteri di NapoliKwaidan/Castello dei mille soliIncubo fiammingoCasa di bamboleLe Terminatrici *La colonna InfernalePaese Sogno/DreamlandI sogni di Lisa *Notte e nebbia / L’armata della morteLe figlie del fuocola prossima di Luca Rossi- Pioggia di demoniLo speciale di Bartolini -La leggenda del vecchio ponte *perfortuna me ne piacciono MOLTE altre, sia peri testi che per i disegniche per entrambi ecc… ma queste sono quelle più difficili dascrivere, non solo le più belle o meglio riuscite- Le eccellenze sonosegnalate dagli asterischi.Borden

  5. acidshampoo ottobre 3, 2009 a 2:47 am #

    Di “Storia Di Un Bellimbusto”, il nuovo singolo degli Elii, è uscito anche il videoclip. Eccolo QUA.

  6. acidshampoo ottobre 3, 2009 a 2:54 am #

    QUESTE secondo me sono le persone brave.

  7. acidshampoo ottobre 3, 2009 a 3:17 am #

    QUI la prima recensione di Dead Of The Night, il film su Dylan Dog.

  8. rezio ottobre 3, 2009 a 8:01 am #

    argomento “delicato ” affrontato con rara maestria…e sticazzi!

  9. rezio ottobre 3, 2009 a 8:08 am #

    carino il nuovo singolo degli elii..sai se sarà seguito da un album…

  10. rezio ottobre 3, 2009 a 8:44 am #

    QUESTE secondo me sono le persone brave.io mi sparo

  11. chiara ottobre 3, 2009 a 10:37 am #

    La violenza sessuale sono emeriti cazzi.già solo per questo inizio, m’è piaciuto molto per la sensibile analisi delle dinamiche uomo-donna.

  12. acidshampoo ottobre 3, 2009 a 12:49 pm #

    Quando la realtà supera la fantasia. La seconda puntata di Anno Zero (su RaiDue), con la D’Addario ospite, inchioda più di otto milioni di telespettatori, diventa scomoda e sicché cosa fanno? La puntata di ieri di Porta A Porta (RaiUno) era tutta dedicata all’Anno Zero della sera prima, con l’evidente impegno di togliergli credibilità. Leggete QUA.

  13. anfiosso ottobre 3, 2009 a 1:35 pm #

    Mah. La spregiudicatezza di altri pezzi non m’ha disturbato per niente, ma questo sembra solo un po’ scemo, e potevi anche risparmiartelo. O ti sentivi più loffio del solito, o hai creduto che certe cose urtassero più il riso che il vomito, mentre è vero l’inverso.

  14. acidshampoo ottobre 3, 2009 a 2:05 pm #

    Anfiosso, mi rincresce che non ti sia piaciuto. Scrivo solo quello cheso scrivere. Non mi sentivo “più loffio del solito”. Di pezzi che ritengo deboli ne scrivo a bizzeffe, ma non pubblico niente se non mi convince del tutto. Poi magari quelli che a me piacciono possono pure non piacere agli altri eh, non c’è una formula infallibile. Sulla genesi di questo: mi piace (direi quasi mi eccita) fare il ridicolo pigiandotasti di una tastiera e buttando giù, senza rileggermi, un umile einsieme tronfio temino che si vende come dignitoso ma che è un collagedi ragionamenti cialtroni e imbarazzanti. L’ho fatto mille volte in questo blog. Pigliare luoghi comuni, farlicandidamente miei e fraintenderli a loro volta e condire il tutto conpresunzione e innocenza. Ovviamente funziona meglio su argomentidelicati come questo (vedi anche un paio di altri teminisull’eutanasia). Quasi qualsiasi pezzo finisca sotto “Ragionamenti” èun divertissement (magari solo mio, non voglio dire) scritto in questomodo. E’ un po’ lo stesso gioco che faccio con Caramelleamare quandoc’è un auditorio di gente che non lo conosce, magari amici di amici. Lospaccio per un provetto imitatore, “alle autogestioni del classicoaveva un gruppo tutto per sè!”, lui fa il timido, gli altri lo voglionosentire, si incuriosiscono, lo incoraggiano, lui recita il modesto, poialla fine si fa convincere e imita Mike Bongiorno o Corrado oCelentano. Solo che non è un imitatore, fa schifo come imitatore, nonl’ha mai fatto, e allora vedi la delusione negli altri, i sorrisitiepidini, “sì, in effetti Bongiorno fa un po’ così…” e cambianodiscorso e finisce pure per stare un po’ sui coglioni. E’ la commediadell’imbarazzo.Ah, spero di non dover specificare che la mia opinione, quella vera, sul tema è tutt’altra.

  15. kreisky ottobre 3, 2009 a 3:47 pm #

    Ciao Acid, l’argomento a me piace un sacco, però secondo me il racconto è un pò “spezzettato”, non cresce. Forse sei stato un pò troppo delicato, dovevi andarci giù ancora più deciso. oh! cmq considerando che è gratis, non è mica male.

  16. acidshampoo ottobre 3, 2009 a 4:31 pm #

    Kreisky, il fatto è che la delicatezza è il mio forte e a volte mi rema contro. Comunque sappiamo FIN TROPPO BENE che ti piace l’argomento, secondo me dovresti farlo presente anche alla tipa delle tartarughe o al limite ai suoi. Anche per un fatto di correttezza.

  17. fox in the snow ottobre 4, 2009 a 3:26 am #

    Non è un divertissement solo tuo Acid, a me mi ha fatto scompisciare (persino a me).”La puntata di ieri di Porta A Porta (RaiUno) era tutta dedicataall’Anno Zero della sera prima, con l’evidente impegno di toglierglicredibilità.” Ma va anche rispondere a una trasmissione con una trasmissione, l’importante è che non lo cancellino. Comunque rispetto alla prima puntata questa l’ho trovata un po’ noiosa. Ricomincio a stufarmi che si parli solo di Berlusconi. Che è il male assoluto, ma non è l’unico male.

  18. rezio ottobre 4, 2009 a 11:00 am #

     E’ la commediadell’imbarazzo.amo molto “la commedia dell’imbarazzo”, è un tipo di comicità che rientra completamente nelle mie corde..

  19. acidshampoo ottobre 4, 2009 a 1:35 pm #

    > amo molto “la commedia dell’imbarazzo”, è un tipo di comicità che rientra completamente nelle mie corde..Anch’io, da matti. Non a caso fra i miei attori comici preferiti ci metto Renato Pozzetto, Peter Sellers, Chevy Chase ma pure Sacha Baron Cohen.Per me il punto più alto della commedia dell’imbarazzo è la serie The Office. Quella inglese però, assolutamente non quella americana. Ricky Gervais è un genio e tocca al cuore.

  20. giggi ottobre 4, 2009 a 5:08 pm #

    e che, siamo alle giustifiche scritte? la prossima volta, accompagnato dai genitori? robe da matti! 

  21. acidshampoo ottobre 4, 2009 a 8:07 pm #

    QUI un’infilata di scene inedite per Nel Paese Delle Creature Selvagge, il nuovo film di Spike Jonze in uscita a Natale.

  22. acidshampoo ottobre 4, 2009 a 8:13 pm #

    In arrivo il seguito di Lady Oscar (QUI).

  23. Kreisky ottobre 5, 2009 a 1:15 pm #

    Kreisky, il fatto è che la delicatezza è il mio forte e a volte mi rema contro. Comunque sappiamo FIN TROPPO BENE che ti piace l’argomento, secondo me dovresti farlo presente anche alla tipa delle tartarughe o al limite ai suoi. purtroppo è tutto finito, niente più tartarughine. adesso la più piccola ha 19 anni, per fortuna che io invecchio quindi mi sembra già abbastanza immatura da farmi dolcezza, almeno esco dal penale.

  24. fox in the snow ottobre 5, 2009 a 1:16 pm #

    >In arrivo il seguito di Lady Oscar (QUI)Mm ma che rapporto c’ha Lady Oscar con il fumetto? Era una manga che si è trasformato in cartone? Sono tutti così?

  25. acidshampoo ottobre 5, 2009 a 2:07 pm #

    Asia Argento e il razzismo nel cinema italiano. Un bell’intervento (QUI), tra l’altro se la prende col film Bianco E Nero, della sempre più pessima (al contrario della sorella Francesca) Cristina Comencini.

  26. acidshampoo ottobre 5, 2009 a 2:14 pm #

    Sulla libertà di stampa: i giornalisti del TG1 si schierano pubblicamente contro il loro direttore Minzolin. La notizia QUI.

  27. acidshampoo ottobre 5, 2009 a 2:15 pm #

    QUI, nuovo singolo e nuovo video di Mika, “Blame It On The Girls”.

  28. fox in the snow ottobre 5, 2009 a 3:02 pm #

    >Asia Argento e il razzismo nel cinema italiano. Un bell’intervento (QUI)Infatti è interessante e condivido anche il giudizio su Bianco e nero, un film razzista travestito di buonismo, ma che del resto rispecchia bene quello che piace e in cui si vuole rispecchiare il pubblico italiano. Il fatto degli attori italiani di origine straniera relegato a certi ruoli è credo una fase, come lo era fino a poco tempo fa nel cinema americano, che i neri erano sempre relagati a ruoli di gangster. Ma il cinema è un prodotto culturale, finché lo stereotipo dello straniero in Italia resterà legato al disagio e alla criminalità, tali saranno i ruoli che ricopriranno gli immigrati nel cinema italiano. Quando cambierà la società cambierà anche il cinema.

  29. infrarosa ottobre 6, 2009 a 11:33 am #

    fox, la maggior parte dei cartoni animati belli (anime) vengono dai fumetti (manga, ora non sto a darti tutti i dettagli), di una certa ikeda ryoko in questo caso, famosa in giappone per le storie che trattano androginismo lesbismo e ambiguità sessuali, lady oscar ne è un esempio edulcorato. il manga originale si chiama la rosa di versailles. ce ne sono altri della stessa autrice che ti sarebbero piaciuti. i cartoni senza manga alle spalle sono spesso disegnati male e fatti per guadagnare in fretta. secondo me!

  30. ruphus ottobre 8, 2009 a 9:29 pm #

    secondo me spiegare una barzelletta la uccide, sempre. se qualcuno non l’ha capita, peggio per lui

  31. acidshampoo ottobre 8, 2009 a 10:20 pm #

    > secondo me spiegare una barzelletta la uccide, sempre. se qualcuno non l’ha capita, peggio per luiSono perfettamente d’accordo. Però preferisco spiegarla la barzelletta, a costo di sciuparla, se un amico mi s’offende. Non è buonismo eh, è che mi scoccia che mi si associno intenti/atteggiamenti che non ho.

  32. chiara ottobre 9, 2009 a 9:16 am #

    Ma il cinema è un prodotto culturale, sono d’accordo Fox, il buonismo spalmato su queste questioni poi è vomitevole. mi è piaciuta Asia Argento quando ha detto:”Per non parlare poi di come vengono dipinte le donne, quelle chesgambettando e sculettando non si accorgono di portare un burka alcontrario.” 

  33. fox in the snow ottobre 9, 2009 a 4:57 pm #

    A propostio del stupro, qui una lettrice propone un’idea interessante: “BuongiornoVi scrivo per esporre una mia idea che riguarda le donne sfruttate dalla prostituzione.Vorreiche si esprimesse alla società e agli organi istitzionali interessati epreposti a legiferare quanto riguarda questa piaga sociale che valica inostri confini e ci tocca da molto vicino. Lo sfruttamento delle donnenella prostituzione. L’ultima legge varata su tale argomento èsoltanto una vergogna. Non si risolve affatto il problema. La mia ideache espongo non tende a risolverlo, non ho i mezzi nè le conoscenze perfarlo. Molto modestamente vorrei cambiare concetto che si dà a questotipo di prostituzione.Sarebbe ora che si finisse di chiamare prostituzione ciò che invece è STUPRO.” Acid, °°° ecc., che ne pensate?

  34. fox in the snow ottobre 9, 2009 a 5:00 pm #

    Bella la definizione “burqa al contrario”, sono perfettametne d’accordo.

  35. ??? ottobre 9, 2009 a 5:44 pm #

    Io credo Fox, che il discorso sulla prostituzione sia molto complesso e che sia sbagliato anallizzare il fenomeno se non partendo da un condizionamento culturale , ma anche da una tradizione sessuale, che fa di noi donne oggetti a disposizione del piacere dell’uomo, e parlo nel senso più ampio del termine . Credo ci sia tanto ancora da capire, da cambiare. Credo ci sia dignità da tirar fuori, rispetto da esigere in un contesto di quotidianità.  Credo che il concetto di stupro sia adeguato anche a tante altre situazioni che vivono le donne sempre. In un momento storico come questo però risulta tutto troppo difficile. Mi sembra che siamo ridotti a batterci per i diritti basilari, indispensabili per la vita di ogni essere umano in un paese democratico e progredito.Scusami , ma sono un po’ stanca e questo è tutto quello che riesco a dire e che mi viene dal cuore. Però, finchè ci saranno donne come te,sarà un segno di speranza per un reale cambiamento. 

  36. fox in the snow ottobre 9, 2009 a 5:50 pm #

    E di che ti devi scusare? Hai detto comunque delle cose interessanti. Grazie del complimento, sono contenta che la pensi così, anche se a volte certe cose mi danno ai nervi e faccio la maestrina.

  37. acidshampoo ottobre 9, 2009 a 6:19 pm #

    > Sarebbe ora che si finisse di chiamare prostituzione ciò che invece è STUPRO.” Acid, °°° ecc., che ne pensate?Per quel che mi riguarda, la prostituzione mi inorridisce anche più dello stupro. Quest’ultimo è un atto violento oggettivo, netto, senza sfumature, nessuno (oddio, quasi nessuno) penserebbe mai di giustificarlo. L’atteggiamento di molti nei confronti della prostituzione è molto più ipocrita e viscido. Per giustificarlo ci si riempie la bocca di cliché del cazzo come “scelta” e “non scelta” (termini totalmente senza significato), “pagare un servizio” o il vecchio adagio che è “è il mestiere più antico del mondo”. La prostituzione, al contrario dello stupro, è quell’orrore perfettamente assorbito nella nostra società (d’altronde cosa c’è di più rassicurante del rito di una compravendita?), gioiosamente integrato, che nessuno nota più in quanto orrore ma che anzi, fa colore, dà vita alle migliori barzellette e a personaggi divertenti al cinema. In virtù di questo, mi fa infinitamente più schifo.

  38. nat?lia ottobre 12, 2009 a 2:05 am #

    per il momento vado a nanna stracotta di sonno, ma spero di tornarci domani.un bacio Ale, ‘notte.

  39. acidshampoo ottobre 12, 2009 a 10:04 am #

    Ben trovata Natàlia! Che dirti? Spero tornerai domani, che poi è già oggi. Me racumandi.

  40. caramelleamare ottobre 16, 2009 a 7:52 pm #

    E’ la commedia dell’imbarazzo.soprattutto del mio, te te la godi da perfetto paraculo, e io dimagrisco dalla vergogna

  41. Trisomia gagliarda agosto 22, 2014 a 5:05 pm #

    Su consiglio di un amico, uno di quegli amici forse più che amici, uno di quelli che sanno cosa piace agli amici, e forse pensandoci bene, uno a cui probabilmente piaccio anche, più che come solo più che amico intendo, ho iniziato a leggere questo blog. Che meraviglia, che capolavoro. Che settimana di lavoro mi avete fatto buttate nel cesso. Vi voglio bene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: