883 – Sei un mito

10 Set

max2_270

Tappetini nuovi, Arbre Magique
deodorante appena preso che fa molto chic
appuntamento alle nove e mezza ma io
per non fare tardi forse ho cannato da dio
alle nove sono gia’ sotto casa tua.

Max è uno che per le donne si strugge, si annienta, si mette a zerbino. Ma fra una storia da hit-single e l’altra, non disdegna qualche avventura disimpegnata. Fosse anche per, parafrasando Leopardi, “scaricare le pile”. La domanda è: fino a quanto riesce a tenerla disimpegnata?
“Sei un mito” si apre con la lista degli accessori che Max ha predisposto per far cadere la preda fra le sue spire. Tappetini, deodorante al sottobosco, gelatina scolpente, mutandone di flanella, spigato siberiano, pantalone bianco di una sua zia ricca. Non sappiamo se la sfitinzia attesa al rendezvous è una groupie da dare per scontato o l’inarrivabile “regina del Celebrità”, ma lo intuiamo quando Max ci fa sapere di essere arrivato all’appuntamento in anticipo. Un anticipo però umano, non le classiche otto ore fantozziane. Max ti arriva quella mezz’ora prima.

Tu scendi bella come non mai
sono anni che sognavo ‘sta storia lo sai
sento il cuore che mi rimbalza in bocca e tu
con un body a balconcino che ti tiene su
un seno che cosi’ non si era mai visto prima.

Max già fatica a pensarla come una botta e via. Lui ambisce a qualcosa di più, già gli scappa a mezza bocca il fatto che sono anni che sognava questa “storia” e che, oltretutto, lei questo lo sa benissimo! Non per dire, ma la tipa passerebbe dalla parte del torto se lo illudesse con una limonata e poi non seguisse, come minimo, una vita insieme con tre figlioli, un sanbernardo e le vacanze a Viserbella. In ogni caso lei scende le scale e sulle prime pensiamo che sia così malmessa da essere tenuta insieme giusto da un body a balconcino. Ci immaginiamo la versione femminile di Ambrogio Fogar ultima maniera. Poi capiamo che Max si è espresso male per l’emozione. D’altronde ha il cuore che gli rimbalza in bocca, salivazione azzerata, mani due spugne, manie di persecuzione, miraggi.

Sei un mito, sei un mito per me
sono anni che ti vedo così irraggiungibile
sei un mito, sei un mito perché
tu per tutti noi sei la più bella ma impossibile.

Max ci conferma che si tratta della regina del Celebrità: inarrivabile, corteggiata da qualsiasi etero, il sogno di molti, l’incubo kinghiano di tutti. Per lui, la signorina Silvani.

Ancora adesso non capisco perché
hai accettato il mio invito ad uscire con me
forse perché tu non sei quel freddo robot
che noi tutti pensavamo tu fossi però
l’importante e’ che adesso siamo qui insieme.

Max è già pronto a darle della troia non appena le cose andranno diversamente da come vuole lui, però non si fa mancare la sua brava valutazione retroattiva. Quanto si sbagliavano gli amici nel darle della “fica di legno” e del “freddo robot” (parafrasi per bagascia)! La regina del Celebrità è tutt’altro, una da pasta e fagioli, peroni gelata e rutto libero. In ogni caso Max è per i condoni: alla fine la regina è bene che sia come sia, l’importante è che gliela dia.

Appoggiati al tavolino di un bar
scopro che oltretutto sei anche simpatica
nonostante tu sia la piu’ eccitante che
abbia visto in giro sono a mio agio con te
ordiniamo un altro cocktail poi si va via.

Ellisse. Max e la regina sono al tavolino di un bar. Ed è nelle chiacchiere fra un Crodino e una Tassoni che Max scopre che lei non è solo “bella come non mai”, “mito” e “bella e impossibile”, ma anche più umanamente simpatica. Simpatica come lo è, per esempio, il comico Enrico Beruschi. La regina è un po’ come se Enrico Beruschi fosse nato donna, col body a balconcino e un seno fantastico. E visto che Max non lascia niente di non detto, ma dichiara anche quando deglutisce, le fa sapere che nonostante lei sia la più arrapante che lui abbia mai visto in giro per Pavia, lui è a suo agio con lei come a guidare la bianchina. Poi ordinano un altro cocktail da asporto. Un mojito versato in un frigoverre Bormioli Rocco. Lo ordinano così, di striscio, prima di andare via. Lo facevano duemila anni fa gli ebrei col pane azzimo: “Lo mangerete in piedi, di fretta, coi fianchi cinti, i sandali ai piedi e il bastone in mano: questa è la pasqua del signore” (Esodo 12, 11-12).

Quasi esplodo quando mi dici: “Dai,
vieni su da me che tanto non ci sono i miei.”
Io mi fermo a prendere una bottiglia perché
voglio festeggiare questa figata con te
anche se non mi sembra neanche vero.

La regina lo invita a salire a casa sua. Lei abita con i genitori, che non ci sono perché il venerdì hanno il club privé fisso. Quel cuore che a Max rimbalzava in bocca è ora sul punto di scoppiare. Evidentemente Max è soffre di una dislocazione cardiaca, visto che la deflagrazione avviene dentro al suo slippino Cotonella. Per non sapere né leggere né scrivere, Max si ferma da un ambulante a prendere qualcosa che lui non chiama “spumante” o “vinello”, ma più genericamente “bottiglia”. Una bottiglia che si presume vuota, con cui dilettarsi in giochini su di lei e su se stesso, perché essere titillato là lo aiuta a mantenere l’erezione. E non sottovalutate un’adeguata stimolazione del perineo!

E’ incredibile abbracciati noi due
un ragazzo e una ragazza senza paranoie
senza dirci “io ti amo” o “ti sposerei”
solo con la voglia di stare bene tra noi
anche se soltanto per una sera appena.

Esattamente come De André ha la delicatezza di non mostrarci l’ultimo convegno d’amore di Marinella, facendoci sapere che solo i fiordalisi ne furono testimoni, alla stessa maniera Pezzali si ferma prima dell’atto grosso. Lo lasciamo così, sul divano, patta sbottonata, abbracciato a lei, un fiore. E lui si gasa e decide per un attimo di annullare l’abisso che c’è fra i due e agire con un ennesimo condono: entrambi sono definibili “ragazzi senza paranoie”. Cioè nel senso: anche lui. Della serie: “Ok questa storia… ma senza imparanoiarci, catzo”. Arriva a dire che a tutti e due non frega niente dirsi “ti amo” o “ti sposerei”, ma conta solo la voglia di bombarsi a vicenda, solo per quella sera, e dal giorno dopo grasse risate disimpegnate, tanto lei da domani sarà assurta a mito del bar, anche quando andrà sul Cervino col geometra Calboni. Sei sicuro, Max?

Sei un mito, sei un mito per me
perché vivi e non racconti in giro favole
sei un mito, sei un mito perché
non prometti e non pretendi si prometta a te

Per Max lei è un mito, c’è poco da fare. Un mito perché “se ne frega”, come lui, come Stifler di American Pie, come Sid Vicious dei Sex Pistols e come Berlusconi di Italia. Ma quanto durerà questa sicumera? Quand’è che quel sorriso ecumenico si gelerà in una smorfia e inizieranno crampi e lacrime? Non per spaccare in quattro il capello, ma va detto che la canzone che segue a “Sei un mito” è “Non ci spezziamo”, in cui Max ci fa sapere che non ne vuol più sapere di donne e che l’unica cosa che gli frega è di fare il coglione coi suoi amici del bar. Finita quella, puntuale come un ictus, arriva “Come mai”: gli amici erano solo un palliativo, Max si rigira insonne fra le coperte, torturandosi per un amore non corrisposto o finito troppo presto, presumibilmente due tracce prima. Tempo netto: tre minuti e venti.

Annunci

119 Risposte to “883 – Sei un mito”

  1. infrarosa settembre 10, 2009 a 7:58 am #

    oddio come ho cominciato bene la giornata grazie al nostro sgargabonzi e ad acid!!! ancora un capolavoro critico sugli ottottotre, la storia di max e della sua signorina silvani (geniale!). il testo lo sapevo a memoria ma ignoravo il balletto epilettico di repetto (ma come si fa-ceva!!!) e il mix assortito di modelle milanesi primi ’90 a noleggio, e che oltretutto body-a-balconcino fosse “anche simpatica” l’avevo incamerato al’epoca come optional non indifferente per lo svolgimento della vicenda, mentre la rima “due/paranoie” l’avevo recepita come stonata ma per questo oh-tanto-tenera (!). (la rospina mugola, devo sbrigarmi a scrivere). ma com’è pregnante il momento della finta chiacchierata “dai alò fai finta di dirmi qualcosa” dei nostri al bancone del bar? “puntuale come un inctus (senza enne vero?) e Berlusconi di Italia sono delle intuizioni fantastiche, ancor più lo è la citazione dall’Esodo. Ma la regina del Celebrità che è invece? Questo riferimento non l’ho capito. Comunque è i miei giovani uomini che “viva la fica” hanno lo spirito di max pezzali.

  2. andrea settembre 10, 2009 a 9:33 am #

    bella.

  3. Pinxor settembre 10, 2009 a 10:27 am #

    Approvazione totale. Sdilinquimento. L’esegesi dell’opera di Max non poteva essere migliore.

  4. acidshampoo settembre 10, 2009 a 12:25 pm #

    Infrarosa, la regina del Celebrità è QUESTA.

  5. acidshampoo settembre 10, 2009 a 12:54 pm #

    Ambrosini, sulla pagina Facebook di Jan Dix, dice che sta cercando una collocazione editoriale per Napoleone. Cazzo sarebbe stupendo se tornasse in edicola!

  6. acidshampoo settembre 10, 2009 a 1:23 pm #

    QUI la scheda del primo numero di Greystorm, la miniserie “verniana” di Antonio Serra in edicola dal 10 ottobre prossimo.

  7. ilmarinaio settembre 10, 2009 a 1:30 pm #

    perfetta telecronaca della canzone!  con tanto di esempi (Beruschi, l’Esodo) che veramente aiutano a visualizzarne i contenuti, suggerendo un videoclip che qualcuno dovrebbe avere il coraggio prima o poi di girare.

  8. kris settembre 10, 2009 a 1:34 pm #

    quanto è geniale il tira e molla tra i due, il non prometti e non pretendi si prometta a te, fatto di tutti quei luoghicomuni, che però cazzo come sono veri quando capitano a te e finisciper rimanerci sotto!lui che la adora, lo ammette, ma non vorrebbe essere cosi arrendevole,e si illude di potersi accontentare di una serata da botta e via,quando lui è il primo a non crederci. lei che passa da gran figa, che si atteggia a prima donna, che se latira in fondo e in fine, anche a detta dei discorsi da camerata degliamici, per cui è facile che lei, nel caso molto probabile in cui non cistia, sia destianta a diventare automaticamente la frigida di turno.ma… lei gli dà una possibilità, incredibile, e lui si emraviglai chedietro tanto corpo ci sia anche tanta testa e persino l’odiata simpatiache nessun comune uomo mortale cerca nella propria compagna.e il giro ricomincia: dopo l’atto d’amore, lui si autoconvince che infondo va bene cosi, anzi meglio che sia solo stata la storia di unanotte perchè lui è il primo a cui non gliene frega niente; altro chelei! lui ne trova quante ne vuole… ma poi no, capisce che l’ha presaproprio brutta e che ci sta troppo male, che non gli frega un cazzodelle comuni teorie da maschi al bar, che lei è tutto e via dicendo conaltre mille smancerie al limite dello stucchevole…certo che vista da fuori è veramente assurda la chimica delel relazioni umane!

  9. acidshampoo settembre 10, 2009 a 2:38 pm #

    QUESTO film ispira da matti. Trattasi di Black Dynamite, un filologico tributo al genere blaxploitation (Shaft, Superfly, Foxy Brown…).

  10. giggi settembre 10, 2009 a 5:25 pm #

    che dire? un testo da tatuare sul mento di max!

  11. acidshampoo settembre 10, 2009 a 9:00 pm #

    QUI il trailer del remake Plan 9 From Outer Space, il cult-movie di Ed Wood.

  12. Daiana settembre 10, 2009 a 9:12 pm #

    Per mia esperienza personale direi che la tipa in questione nonpretende promesse perchè davvero l’invito a casa era solo un modo perfinire la serata fra due chiacchere e due risate in compagnia…fraamici.

  13. caramelleamare settembre 10, 2009 a 10:13 pm #

    Esattamente come De André ha la delicatezza di non mostrarci l’ultimo convegno d’amore di Marinella, facendoci sapere che solo i fiordalisi ne furono testimoni, alla stessa maniera Pezzali si ferma prima dell’atto grossoil paragone con deandre è perfetto per qunto è imbarazzante per il tarchiatello milanesel’analisi è magnifica dall’inizio alla fine, ma la cosa che piu mi piace è il continuo ritorno a fantozzi. Ha creato quel tredunion che fa la differenza fra otto singoli perfetti poemetti e una grande opera lirica.

  14. fox in the snow settembre 10, 2009 a 10:19 pm #

    Sono d’accordo con Pinxor e infrarosa, pezzo bellissimo, rende belle e interessanti anche le canzoni di Pezzali.Qui però un sito interessante 🙂

  15. caramelleamare settembre 10, 2009 a 10:27 pm #

    io comunque non ci credo al mito della ragazza che scopa senza paranoie.credo invece che molte volte lo fa credere perche sa di piacere cosi al maschio, per difesa, perche non ha il coraggio di dire di no.le altre volte semplicemente tiene tutto per se perche sa che chi ha davanti nin capirebbe un cazzo e piglia quel poco che puo.per il resto delle volte è direttamente lui che senza na domanda in piu se ne convince perche è piu comodo, viene piu duro, e si racconta meglio…..maschiacci!!scendendo piu in profondità: se c’è qualcuna che realmente arriva a ripetere quel gesto alllo sfinimento e senza un sogno dietro, è solo per esasperazione. fosse anche la piu cretina, deficiente e aculturata della provincia di cagliari, avra avuto i sui sogni prima di arrivare a tanto.se poi proprio ce n’è una che è tutta normale ma gli piace fare cosi, telefonare ore pasti. mi innamoro facile

  16. giggi settembre 10, 2009 a 11:00 pm #

    finalmente un bel film:Lake Tahoe. lo dedico a pallini, ma penso piacerebbe pure a acid (caramelle chissà)

  17. andrea settembre 10, 2009 a 11:39 pm #

     > Qui però un sito interessante 🙂 tu non hai idea che delusione sia stata per me cliccare su arezzo e non trovare nessun annuncio. siamo indietro di cento anni.

  18. ??? settembre 10, 2009 a 11:43 pm #

    Va bene Giggi, ti perdono quella strana associazione Gelimini/Pallini.Grazie per la dedica del film. Sono sicura che mi piacerà molto. Quella “disarmante  gentilezza” promessa, la sobrietà e la calda umanità che sembrano caratterizzarlo me lo fanno già apprezzare.

  19. acidshampoo settembre 11, 2009 a 2:50 am #

    > certo che vista da fuori è veramente assurda la chimica delel relazioni umane!Io trovo assurdo il fatto che ti sei autoincoronata “la Hilary Duff delle case del popolo” (parole tue). Spiegamela, perché non la capisco.

  20. acidshampoo settembre 11, 2009 a 2:55 am #

    > l’analisi è magnifica dall’inizio alla fine, ma la cosa che piu mipiace è il continuo ritorno a fantozzi. Ha creato quel tredunion che fala differenza fra otto singoli perfetti poemetti e una grande operalirica.Avrei voluto anche inserirci il montaggio analogico, l’occhio della madre, gli stivali dei soldati e la carrozzella col bambino.

  21. acidshampoo settembre 11, 2009 a 2:59 am #

    > Qui però un sito interessante 🙂 Mi chiedo: ma la gente che va coi trans ci va per metterglielo o per pigliarlo? No perché io, etero purosangue, c’andrei per pigliarlo ma proprio alla grandissima.

  22. acidshampoo settembre 11, 2009 a 3:02 am #

    > Va bene Giggi, ti perdono quella strana associazione Gelimini/Pallini.Io t’ho sempre vista più come Nilde Iotti.  

  23. acidshampoo settembre 11, 2009 a 3:21 am #

    > Per mia esperienza personale direi che la tipa in questione non pretende promesse perchè davvero l’invito a casa era solo un modo per finire la serata fra due chiacchere e due risate in compagnia…fra amici. Certo, una serata innocente fra amici. Poi magari lei se ne esce con un provocatorio “E se ora ti dicessi di sì?”… ma non vuole dire niente, si scherza, d’altronde a Max piace così!

  24. chiara settembre 11, 2009 a 7:53 am #

    max non mi  piace, non mi è mai piaciuto, nemmeno ai tempi di nord-su-ovest-est…tutti la cantavano e non capivo perchè.mi piacciono da matti queste “analisi”…un po’ di spessore, cazzo!

  25. ??? settembre 11, 2009 a 8:28 am #

     “c’andrei per pigliarlo ma proprio alla grandissima.”Acid è che spesso l’omosessualità resta latente perchè è troppo difficile riconoscere in noi delle diversità. Ma tu stai tranquillo , va tutto bene…. 😉 ricordati che stai vivendo nel periodo storico del miglior presidente degli ultimi 150 anni.Firmato: Nilde

  26. acidshampoo settembre 11, 2009 a 10:40 am #

    QUI Noemi Letizia sbarca al festival di Venezia. Un fiore. C’è un vecchio che le chiede l’autografo e uno dell’organizzazione gli fa: “Lei è un fan di Noemi Letizia? La segue da sempre?”. E il vecchio: “Sì”.

  27. acidshampoo settembre 11, 2009 a 10:43 am #

    > max non mi  piace, non mi è mai piaciuto, nemmeno ai tempi di nord-su-ovest-est…tutti la cantavano e non capivo perchè.In compenso sei la fan numero uno di quelle due belle personcine di Cristicchi e Allevi! Cioè… meglio loro eh!?!

  28. acidshampoo settembre 11, 2009 a 1:19 pm #

    QUI una bellissima e acuta intervista a Michele Medda.

  29. fox in the snow settembre 11, 2009 a 1:22 pm #

    >In compenso sei la fan numero uno di quelle due belle personcine di Cristicchi e Allevi! Cioè… meglio loro eh!?!Allevi l’ho sentito parlare per la prima volta in televisione qualche giorno. E’ strano, sempra un po’ handicappato.

  30. acidshampoo settembre 11, 2009 a 3:10 pm #

    QUI una gran bella recensione di Videocracy scritta da Giopep.E chi non è andato a vederlo, c’andasse.

  31. acidshampoo settembre 11, 2009 a 3:16 pm #

    > Allevi l’ho sentito parlare per la prima volta in televisione qualche giorno. E’ strano, sempra un po’ handicappato. Più che altro vuol dare questa idea qui, del puro, candido, geniale, peter pan e listz insieme. A Parla Con Me è arrivato e s’è seduto sul divano, accanto alla Dandini, ma a gambe conserte, mica l’ha fatto apposta eh, è solo che lui è un puro. Poi ha detto che lui dedica ogni giorno ad un’attività: il lunedì mangia, il martedì cammina, il mercoledì telefona etc.Tanto è l’odio, che l’avrei fatto pigliare a tortoiate da Berlusconi.

  32. giggi settembre 11, 2009 a 3:38 pm #

    acid, fammi fare una prova perché penso di conoscere il tuo punto g: senti questa e dimmi se sei venuto www.youtube.com/watch?v=5k_iDUIxRMA 

  33. acidshampoo settembre 11, 2009 a 4:03 pm #

    Giggi, io apprezzo il modernariato 60’s, però non tanto quando si vuol ricreare lo stile delle varie vocalist italiche, che poi è sempre il timbro di Mina a cui aspirano (la Vanoni mai eh!). Preferisco un Bianconi che vuol essere De André e, senza fare filologia, riesce ad essere anche meglio. Altrimenti mi fa un effetto freddo alla Mondo Candido (li conosci?). Poi questa tipa è troppo manierata, si vede che non ci crede, e poi butta più di un occhio alla Giusy Ferreri. Però apprezzo la segnalazione.Io invece ti segnalo LORO.

  34. giggi settembre 11, 2009 a 4:30 pm #

    non avevo visto il video, sentita in radio mi sembrava un bel gruppo di liscio. mo vogliono far tutti il verso all’inimitabile wine, sti burini!

  35. chiara settembre 11, 2009 a 5:34 pm #

    QUI Noemi Letizia sbarca al festival di Venezia. Un fiore.  non ho ben capito il motivo della sua presenza, tra l’altro con tutta quella pompa-magna. …

  36. chiara settembre 11, 2009 a 5:42 pm #

    In compenso sei la fan numero uno di quelle due belle personcine di Cristicchi e Allevi! Cioè… meglio loro eh!?!Allevi l’ho sentito parlare per la prima volta in televisione qualche giorno. E’ strano, sempra un po’ handicappato. ok,  allevi = personaggio più o meno costruito; però la sua musica tendenzialm mi piace.cristicchi…senti, acid, lo sai bene che ad avermi avvicinata a lui è stata la canzone sui matti e libro e cd che seguirono sugli istituti di igiene mentale. avrà anche lui difetti sulla personalità…ci faccio meno caso rispetto a uno come max pezzali che a pelle mi ispira meno simpatia, anzi provo un certo fastidio nella sua faccia e nel  suo modo di comporre testi…mi suonano male, tutto qua.

  37. kris settembre 11, 2009 a 7:01 pm #

    > certo che vista da fuori è veramente assurda la chimica delel relazioni umane!Iotrovo assurdo il fatto che ti sei autoincoronata “la Hilary Duff dellecase del popolo” (parole tue). Spiegamela, perché non la capisco.tocca spiegarti propri otutto, eh? niente, semplicemnete mi pareva buffa la scena vista con occhi di un estraneo, che magari si chiede perchè i due macchinino tutto qunto e montino castelli per aria senza parlarsi direttamente e apertamente (tralascio il sinceramente).forse perchè malizia, e il “cosa pensa se faccio cosi” e compagnia cantante aggiungono divertimento ed eccitaizone alla cosa, non so, io, da buona hilary duff de noantri, non ho mai avuto bisogno di tutto ciò, ahahah!bellissima invece, caramelle, la tua ripartizione dell’universo femminile secondo la reazione all’invito e l’atteggiamento nell’andare a letto, davvero la trovo molto verosimile. visto che ti innamori facile, occhio a non beccare quella dal cuore e dai sogni infranti, eh, che poi son beghe!chiara, spessore dell’analisi, cazzo! a parte, che condivido pienamente, non sai quanto mi trovi d’accordo con max non mi  piace, non mi è mai piaciuto.anche se purtroppo mi scopro a conoscerne i testi e persino a canticchiarla tutto il giorno se malauguratamente la mattina la sento alla radio (di qualcun altro, sicuro non la mia!). maledetto max…(lo stesso effetto, per amor di cronaca e onestà intellettuale, me lo fanno in ordine sparso, tiziano ferro, la pausini e ultimamente neffa). pora a me!

  38. ilmarinaio settembre 11, 2009 a 7:42 pm #

    Gori, la prossima volta che canto al Karaoke faccio assolutamente questa.  Pensa a che versi che farei.

  39. caramelleamare settembre 11, 2009 a 9:38 pm #

    mi piacciono da matti queste “analisi”…un po’ di spessore, cazzo!hai usato quella parola per fare eccitare tutti noi maschi, o solo me? Poi ha detto che lui dedica ogni giorno ad un’attività: il lunedì mangia, il martedì cammina, il mercoledì telefona etc.ahahahahahcon tutta quella pompa-magna. … ah, va beh chiara, a questo punto qual’è il tuo scopo è molto chiaro…

  40. acidshampoo settembre 11, 2009 a 10:43 pm #

    Marinaio, in effetti come Bono Vox ti ci vedo, ma anche come The Edge. Però ieri a X-Factor c’era un trio che io ti ci vedevo troppo come quarto componente, specie dopo i fasti del karaoke allo Zanzibar. Trattasi degli Horrible Porno Stuntmen, tre ragazzi di Cattolica che più rock’n’roll non si puole, nel senso fifthies del termine eh. Guarda QUA che mattarini!  Seriamente: veramente bravi, di gran lunga i migliori fra i 12 in gara. Io faccio il tifo per loro.

  41. acidshampoo settembre 11, 2009 a 10:46 pm #

    > ok,  allevi = personaggio più o meno costruito; però la sua musica tendenzialm mi piace.Chiara, costruito una sega! Fosse quello il problema! Il fatto che il suo modo d’essere sia sincero e non costruito, lo ritengo un aggravante!Una volta quando ascoltavi musica di testa tua mi tiravi fuori un Ludovico Einaudi e allora sì che ti stimavo. Ti sei involgarita a bestia.

  42. ilmarinaio settembre 12, 2009 a 9:23 am #

    Trattasi degli Horrible Porno Stuntmen, tre ragazzi di Cattolica chepiù rock’n’roll non si puole, nel senso fifthies del termine eh.ganzi, il il nome poi è spettacolare

  43. caramelleamare settembre 12, 2009 a 1:41 pm #

    a proposito di maschi, non so se ve l’avevo gia raccontata o no cmq:Anni fa verso settembre andai a fare degli allenamenti con una squadretta del cazzo come ce ne sono tante in ogni città. Mi ricordo che una sera durante la corsetta di riscaldamento iniziale, il gruppo chiaccherava del piu e del meno e io zitto come sempre.A una certo punto si mettono a parlare di una citta, una certa Marta, che stranamente in parecchi li dentro conoscevano causa i vari giri di amicizie e conoscenze. Questa Marta si capisce che era stata una citta per loro molto “abbona” fino a poco tempo prima, poi s’era sciupata di colpo.Era un continuo dire “certo la marta per com’era è diventata bruttina eh, ma poi è ingrassata, gli s’è allargato il viso, anche la pelle pare invecchiata” “sisi, è vero l’ho rivista qualche giorno sembrava un altra, quasi brutta” “nono, secondo me ora è bruttina proprio, chissa come mai”. Tutto cosi per un paio di giri di campo, poi a un certo punto uno dice la sua: “Oh, gente, cmq io un colpo glielo darei uguale eh”Praticamente all’unisono gli altri 25 aprono bocca e parte un coro: “Ah sisi che c’entra, per un colpo va sempre bene, figuriamoci”Mi sono sentito a casa….

  44. acidshampoo settembre 12, 2009 a 6:55 pm #

    Michele Placido mi ripiglia punti. Ha denunciato il ministro Brunetta. Ecco QUA l’articolo.

  45. baer settembre 12, 2009 a 9:04 pm #

    Repetto sembra uno scherzo. Magnifico, non come Max, certo, ma rimane comunque un ragazzaccio. Un diamante grezzo. Il suo blues lancinante è degno di Captain Beefheart: <a href=

    >QUI</a>

  46. acidshampoo settembre 12, 2009 a 10:26 pm #

    “Voglia di cosce e di sigarette”! Una delle mie preferite da Zucchero Filato Nero, album di raro scult che non mi filai ai tempi in cui lo trovavi a bizzeffe nei cestoni della Standa, fino a che non m’è capitato di ascoltarlo in tempi recenti e ho sborsato una cifra per accaparrarmelo originale. Notevolissima anche “Porno a Las Vegas”, ma ce ne fosse una che non spicca per cattivo gusto! Ai tempi Repetto lasciò da un giorno all’altro in braghe di tela Max durante le registrazioni del terzo album, “La donna, il sogno e il grande incubo”, andandosene in america al seguito di una modella di cui s’era innamorato. La modella lo lasciò in braghe di tela dopo poco, quindi lui, perso il treno degli 883, se ne uscì col suo ad oggi unico album solista, che presentò anche da Costanzo ma che fu un flop della madonna. Dopo questo buco nell’acqua, finì  fra gli animazioni di Eurodisney francese, vestito nientemeno da orso Baloo. Quindi entrò nel direttivo artistico di Eurodisney e oggi c’ha un’attività in questo settore insieme alla moglie (QUESTO il loro sito). Tra l’altro c’è da dire che il tamarro dei due non era Pezzali, ma Repetto. Una volta che Repetto se n’è andato, s’è portato via tutte le canzoni maschiliste e da puttaniere. Infatti Pezzali, rimasto unico autore, ha preso una strada totalmente intimista e depressiva. Di contro, Zucchero Filato Nero è il vademecum del puttaniere. Chi l’avrebbe detto. Hai capito il biondino…

  47. caramelleamare settembre 12, 2009 a 10:53 pm #

    davvero la trovo molto verosimile. visto che ti innamori facile, occhio a non beccare quella dal cuore e dai sogni infranti, eh, che poi son beghe!in realtà io non mi innamoro mai, non mi sai innamorato.ciaoè una volta si, pero poi prese un paio di kili e gli lasciai un biglietto d’addio sul cruscotto: “ma ti sei vista?!”

  48. caramelleamare settembre 12, 2009 a 10:54 pm #

    sai = sono mai

  49. acidshampoo settembre 12, 2009 a 11:55 pm #

    Ho ascoltato The Boy Who Knew Too Much, il nuovo album di Mika. Esattamente come nelle previsioni, si sta rivelando un disco sufficiente e nulla più, troppo prodotto, molto meno eclettico del precedente ma comunque molto in linea con quei vecchi difetti. Per una volta tirerei fuori il parolone “commerciale”, inteso nel senso negativo del termine. Niente, da questo secondo lavoro m’aspettavo molto di più.

  50. acidshampoo settembre 13, 2009 a 12:02 am #

    QUI tutti i premiati di Venezia. Merda, il film di Solondz si piglia solo il premio Robiola Osella per la sceneggiatura. QUI i premi collateranensi.

  51. caramelleamare settembre 13, 2009 a 1:46 pm #

    solo una cosa: vorrei chiedere scusa a tutti quelli del blog che in questi anni si sono almeno una volta sentiti offesi da quello che ho scritto. non era mia intenzione offendere nessuno, io faccio cosi solo per gioco. Sono disposto a tutto per farmi perdonare, chiedete pure… (suggerimento: sono bravo a fare le imitazioni)

  52. caramelleamare settembre 13, 2009 a 3:47 pm #

    a me sta cosa che nei giorni festivi la gente non scrive mi sta veramente sulle palle

  53. ??? settembre 13, 2009 a 4:14 pm #

    Guarda Caramelle, non sono quasi mai d’accordo con quello che dici, ma questa cosa che la domenica la gente non scrive irrita anche a me. Che poi, mi chiedo, ma che c’avranno da fare la domenica da essere così assenti??!! E mi viene anche una sorta d’invidia perchè me li vedo tutti lì a divertirsi e a fare cose meravigliose mentre io sto qui come una sfigata, da sola, a pormi domande esistenziali.

  54. giggi settembre 13, 2009 a 4:44 pm #

    pallini, non è che di cognome fai colleoni (questo per dirti: ti amo)

  55. caramelleamare settembre 13, 2009 a 4:57 pm #

    E mi viene anche una sorta d’invidia perchè me li vedo tutti lì a divertirsi e a fare cose meravigliose mentre io sto qui come una sfigataè buffo come le offese peggiori nascano dal niente. io qua sopra leggo: stare nello sgargabonzi la domenica è proprio da sfigati.visto acid?! quando uno pensa di conoscere la gente e invcece….

  56. ??? settembre 13, 2009 a 5:07 pm #

    Oh non ci provare Caramelle…Acid mi conosce troppo bene per credermi capace di questo. Per me lui è geniale, ironico, unico e sono io a sentirmi inadeguata per lo Sgargabonzi e non viceversa. E poi io le domande esistenziali me le faccio sul divano mentre guardo la Ventura.

  57. ??? settembre 13, 2009 a 5:08 pm #

    giggi non facci Colleoni… mi spiace. Avrei voluto tanto però…

  58. giggi settembre 13, 2009 a 5:58 pm #

    anch’io. però m’aveva incuriosito la storia dei 3 pallini… caram, giù le mani da °°°! 

  59. acidshampoo settembre 13, 2009 a 6:58 pm #

    NOSSIGNORI! INVECE TUTTI E DUE GIU’ LE MANI DA PALLINI! QUA IL FICHIERE SONO IO!

  60. caramelleamare settembre 13, 2009 a 9:14 pm #

    anch’io. però m’aveva incuriosito la storia dei 3 pallini… caram, giù le mani da °°°! e chi ha alzato mai un dito!?!?

  61. giggi settembre 14, 2009 a 1:52 am #

    non capisco perché in un blog informato come questo manca un’analisi strutturale di paola e chiara 

  62. acidshampoo settembre 14, 2009 a 5:44 am #

    Quanto odio quest’ominide.

  63. acidshampoo settembre 14, 2009 a 5:46 am #

    > non capisco perché in un blog informato come questo manca un’analisi strutturale di paola e chiara Se l’argomento Paola e Chiara non è mai stato affrontato su queste pagine è per una ragione ovvia e banale: per rispetto al povero Giorgio Tosatti (buon’anima).

  64. caramelleamare settembre 14, 2009 a 9:53 pm #

    non capisco perché in un blog informato come questo manca un’analisi strutturale di paola e chiara in compenso l’ha affrontato in privato con me. ha provato a farmene apprezzare i lati positivi, ma io non le digerisco. mica che le odio con tutto il cuore, ma proprio non ci siamo. io paola e chiaro non le conosco per niente, pero la penso cosi e non mi scassate la minchia senno faccio un casino mondiale

  65. chiara settembre 15, 2009 a 8:37 am #

    una sorta d’invidia perchè me li vedo tutti lì a divertirsi e a fare cose meravigliose mentre io sto qui come una sfigata…giusto per contro-bilanciare e ridurre la sensazione da “sfigati”… scrivo poco già di mio ma sparisco soprattutto nel finesett: 2 giorni in cui raggiungo la mia casetta in campagna (niente linea telefonica, nessuna copertura adsl) per andare avanti con  qualche lavoretto di manutenzione…che detto così pare una sciocchezza ma nella pratica torno domenica sera parecchio stanca. spesso sono sola, ultimam meno perchè mi son entrati i ladri in casa mentre dormivo, comunque isolata.da parte mia, penso sia un dolce lusso poter rimanere a casa.mi sento una sfigata per i miei fine sett vincolati, per l’ansia e le preoccupaz che mi da una casa dove non ci abito più e che per mantenerla basta giusto il mio modesto stipendio da lavoro part-time, non mi rimanegranchè.per carità, potrei venderla.. ma è un passo che non voglio fare per ora.  

  66. chiara settembre 15, 2009 a 8:43 am #

    …se ti va e se puoi, potrest venire una domenica dalle mie parti se ti piace la campagna, se gli insetti e qualche animaletto non ti disturbano molto…altre particolari contro-indicazioni non mi vengono in mente…bhè, non rispondo di eventuali furti o danneggiam di oggetti personali (soprattutto soldi)

  67. chiara settembre 15, 2009 a 8:51 am #

    ah, va beh chiara, a questo punto qual’è il tuo scopo è molto chiaro…caro caramelle…che ci vuoi fare? sono una povera ragazza che non viene scopata da mesi; e la mia voglia di c….trapela inconsciam anche dai discorsi più innocui che faccio.abbi pazienza…non ti faccio un po’ pena?un’altra cosa,  abbi pazienza, te ne prego, anche per la mia incessante auto-commiseraz di questi giorni…dev’essere la fase lunare…o forse questo cazzutissimo sole autunnale che cale sempre più presto la sera.please.

  68. chiara settembre 15, 2009 a 8:56 am #

    kris scrive: a parte, che condivido pienamente, non sai quanto mi trovi d’accordo con max non mi  piace, non mi è mai piaciuto.anchese purtroppo mi scopro a conoscerne i testi e persino a canticchiarlatutto il giorno se malauguratamente la mattina la sento alla radioanche a me succede, sigh…una di neffa, addirittura una o due dei negramaro…qualche altra di non so chi. è tremendo.

  69. chiara settembre 15, 2009 a 9:00 am #

    caramelleamare scrive: in realtà io non mi innamoro mai, non mi sai innamorato.ciaoè una volta si, pero poi prese un paio di kili e gli lasciai un biglietto d’addio sul cruscotto: “ma ti sei vista?!” …questa m’è piaciuta….ma cosa hai trovato in caravan da  farti bacare il tuo aggeggio? non che voglia esser indiscreta, si capisce, vero? vero? vero?

  70. caramelleamare settembre 15, 2009 a 10:52 am #

    …ma cosa hai trovato in caravan da  farti bacare il tuo aggeggio? non che voglia esser indiscreta, si capisce, vero? vero? vero?rispetto alla prima puntata sparisce il mistero e l’apocalittico imminente che cmq hanno funzionato bene e m’hanno tenuto attivo. anche se il bello vero era la struttura narrativa e i dialoghi iperrealisti quasi non da fumetto. ma non è solo questo: praticamente è come se il progetto avesse una forma a imbuto ed è paritto dalla parte larga. mi sembrava potesse essere un fumetto corale dove ogni numero interagivano magari molti protagonisti sullo stesso livello e la situazione evolvesse lentamente con loro, quasi sottopelle ma cmq ansiogena. invece improvvisamente si stringe e ogni numero è dedicato ad un singola storia vissuta verticalmente. e siamo alla parte stretta dell’imbuto.In quest’ottica anche se ufficialmente la fine del mondo è sempre li alle porte, mi perde di significato in quanto non è altro che un motivo per racconatre le storie dei vari personaggi  e come è noto a me di stare a sentire le storie di vite di altre persone non me ne frega un cazzo, mi annoia.Per il resto niente da eccepire, i pregi che aveva rimangono, ma mi è calato di brutto lo stimolo. Ma ci pensi? volevo un cilindro e m’hanno dato un Imbuto!!!!? ti pare poco?! 

  71. caramelleamare settembre 15, 2009 a 10:59 am #

    caro caramelle…che ci vuoi fare? sono una povera ragazza che non viene scopata da mesi; e la mia voglia di c….trapela inconsciam anche dai discorsi più innocui che faccio.abbi pazienza…non ti faccio un po’ pena?la completo io:caro caramelleAMARE  che ci vuoi fare? sono una povera ragazza che non viene scopata da mesi; e la mia voglia di cROCCOLO, CARLO CROCCOLO, trapela inconsciamENTE anche dai discorsi più innocui che faccio. abbi pazienza DIO CARO, non ti faccio un po’ pena?

  72. acidshampoo settembre 15, 2009 a 11:00 am #

    > anche a me succede, sigh…una di neffa, addirittura una o due dei negramaro…qualche altra di non so chi. è tremendo.Faccio due più due e immagino che quella dei Negroamaro (li voglio morti) sia Meraviglioso, la cover di Modugno, leit-motiv di quel film ORRIPILANTE che m’hai consigliato e che ho visto giorni fa: Italians, di Veronesi.Io mi domando e dico: cosa cazzo ha di bello l’episodio di Verdone per averti spinta a rivederlo una seconda volta al cinema? “E’ incredibilmente scorrevole”. Anche la vaselina lo è. Il personaggio del magnaccia simpatico, Dario Bandiera, non è da pigliarlo a roncolate? E poi questa morale del film, che gli italiani all’estero sono cialtroni, intrallazzoni, simpatici, puttanieri, mammoni, vigliacchi ma con un cuore grande accussì. I brividi!

  73. caramelleamare settembre 15, 2009 a 11:05 am #

    caro caramelle…che ci vuoi fare? sono una povera ragazza che non viene scopata da mesicapisco e mi dispiace. se posso permettermi un consiglio… io per esempio quando non riesco a fare l’amore per tanto trempo, per sopperire alla mancanza mi faccio fare le carezze nelle chiappe da un mio amico camionista. cosi come preparazione, e poi facciamo l’amore con lui dietro e io a pecora. a volte lo sento grugnire

  74. acidshampoo settembre 15, 2009 a 11:10 am #

    > In quest’ottica anche se ufficialmente la fine del mondo è sempreli alle porte, mi perde di significato in quanto non è altro che unmotivo per racconatre le storie dei vari personaggi  e come è noto a medi stare a sentire le storie di vite di altre persone non me ne fregaun cazzo, mi annoia.E allora avete rotto i coglioni, mangofili e comicsofili del cazzo! Prima vi lamentate di tutte le imbragature Bonelliane, poi quando c’è una miniserie che ne scardina diverse… niente, rivolete le imbragature. Caramelle, torna a leggere i tuoi amati Orange Road e Le Situazioni Di Lui & Lei.Sul fatto che per ora la catastrofe è in secondo piano, ok. Ma non sono d’accordo sul fatto che non sia una serie corale. Se li volevi in ogni numero tutti protagonisti con lo stesso peso allora volevi Lost, ed è molto meglio così. Però nota che la serie propone nuovi personaggi e non se ne dimentica. Per esempio, i personaggi collaterali presentati nel numero due, vengono approfonditi nel quattro, dove c’è oltretutto un rigurgito dei fatti tesi successi nel primo numero, quelli del figliolo dell’imprenditore che irrompe in casa Donati. E m’aspetto che anche il sindaco Banks abbia un ruolo nella serie. Insomma, secondo me è una serie libera ma bella coesa. Per adesso è la miniserie che preferisco, seguita a ruota da Volto Nascosto e Jan Dix.

  75. caramelleamare settembre 15, 2009 a 1:03 pm #

    Se li volevi in ogni numero tutti protagonisti con lo stesso peso allora volevi Lost, ed è molto meglio così.no, veramente volevo magnolia e roba similePerò nota che la serie propone nuovi personaggi e non se ne dimenticace l’ho ben presente, ma non mi basta. sara anche un problema di pazio fisico, che ti devo dire. non è che ogni numero parla di una cosa diversa abbandonando i vecchi protagonisti, quindi in questo senso capisco che tu lo definisca corale. Ma ti torna che rispetto al primo numero zumma molto di piu? ecco io volevo che non zummasse. probabilmente la situazione non puo portare ad altro. e a me invece che farmi l’effetto psichedelico di un mondo sospeso, stavolta lo sento come un limite. al cinema mi funziona megliose poi sei bravo solo te ok, io ho l’anima di lost e te quella di kill bill

  76. acidshampoo settembre 15, 2009 a 1:21 pm #

    Difficile fare Magnolia in 94 tavole mensili, in questo senso la serie risente parecchio del fatto che ne leggiamo un pezzo al mese e non ce la possiamo bere tutta di filato. Perché secondo me i dodici numeri totali, quelli sì che faranno Magnolia (o qualcosa di simile). Comunque il fatto di zoomare sui personaggi è una scelta coraggiosa, impopolare e molto più da autore che da artigiano. Sarebbe stato facile scrivere un serie “catastrofica” con vari cliché di personaggi (perché cliché sarebbero stati come sono sempre in questi casi) parallelamente alle prese con essa. Ma a Medda non interessa offrire una serie meramente “di genere”, bensì far confluire in Caravan quelle che sono tutte le sue passioni, cinematografiche e musicali in primis, che appare evidente hanno le loro radici nell’america del decennio dopo Woodstock. In ogni caso, le nuvole e il conseguente esodo non sono un espediente neutro, ininfluente, ma serve per tirare fuori le interazioni fra personaggi, i loro caratteri in una situazione di forte stress. E’ evidente che alla fine Caravan non sarà una serie thrilling, ma un vero e proprio romanzo di formazione.

  77. caramelleamare settembre 15, 2009 a 2:22 pm #

    Difficile fare Magnolia in 94 tavole mensili, e allora andate a lavorare, confrontatevi con il mercato, mettete su un complessino fuori orchestra, perche io sono buono io….

  78. hiss settembre 16, 2009 a 12:01 am #

    Oh Acid, ma come hai fatto a tirare fuori tutte queste figure ale-gori-che da una canzone-cazzeggio come questa?

  79. acidshampoo settembre 16, 2009 a 3:40 am #

    > Oh Acid, ma come hai fatto a tirare fuori tutte queste figure ale-gori-che da una canzone-cazzeggio come questa? Perché io Sei Un Mito l’ho vissuto a metà degli anni ’90. La mia irraggiungibile “Regina del celebrità” era Alex Revelli, quello di Teletruria. Vecchie storie, altri orgasmi…

  80. chiara settembre 16, 2009 a 8:35 am #

    caramelle scrive: se posso permettermi un consiglio…permettiti pure, caramelle, e senza remore. tra l’altro, il tuo consiglio m’è stato utile la notte passata. unico inconveniente, il mio camionista pare avesse… sai quelle simpatiche bestioline?…le piattole. ecco ora ho loro che mi tengono compagnia e mi ricordano il tepore del suo “su-e-giù”.non fa niente, come non fa niente che non sia venuta…come si può pretendere da un estraneo? d’altronde, vengo da una famiglia in cui m’hanno inculcato fin da piccola un unico sacro comandamento “dalla, dalla, dalla…più che puoi”. per questo, in questo periodo di stallo mi sento un po’ giù di morale, mi sento (come dire…) sporca, una peccatrice.

  81. acidshampoo settembre 16, 2009 a 12:59 pm #

    Chiara, ma come parli? Tu una volta non eri così. Tu eri quella di “mannaggia mannaggina!”Ho capito, stai combattendo le provocazioni di Caramelle sul suo stesso territorio. Però ti chiedo: cosa ne penserebbe tuo padre, Don Cagliaritano, se ti leggesse?

  82. Daiana settembre 16, 2009 a 2:21 pm #

    ciaoè una volta si, pero poi prese un paio di kili e gli lasciai un biglietto d’addio sul cruscotto: “ma ti sei vista?!” ahahahahah questa volta davvero sei stato simpatico!! Cmq ora capirà la genteperchè io non ingrasso mai… con te c’è poco da rischiare!

  83. Daiana settembre 16, 2009 a 2:24 pm #

    (suggerimento: sono bravo a fare le imitazioni)Io voglio vedere il conte occhiocchiale e il cormorano finferli…

  84. Daiana settembre 16, 2009 a 2:35 pm #

    per l’ansia e lepreoccupaz che mi da una casa dove non ci abito più e che permantenerla basta giusto il mio modesto stipendio da lavoro part-time,non mi rimanegranchè.per carità, potrei venderla.. ma è un passo che non voglio fare per ora.Sappi che c’è qualcuno che ti capisce parecchio bene! 

  85. acidshampoo settembre 16, 2009 a 3:36 pm #

    > Cmq ora capirà la genteperchè io non ingrasso mai… Non solo, io penso che non ingrasserai mai né avrai mai rughe e occhio che fra poco t’inizia l’acne giovanile.Io penso che se anche ti iniziettassero grasso marcio di gallina sotto la pelle, tempo tre ore e l’hai arcacato.

  86. caramelleamare settembre 17, 2009 a 11:20 pm #

    Non solo, io penso che non ingrasserai mai si, ma se anche fosse secondo me lei sarebbe comunque bellissima

  87. kris settembre 17, 2009 a 11:24 pm #

    Michele Placido mi ripiglia punti. Ha denunciato il ministro Brunetta. è stato anche troppo buono! viviamo in un paese dove il peggio della politica (controllo, opportunismo, da cui favoritismi e compagnia bella) invade tutta la sfera dell’informazione, dello spettacolo e di quel che è rimasto delal cultura dopo l’appiattimento dei tempi moderni. un paese dove il cinema non è mai diventato industria, con tutti i casini che questa cos si porta dietro. un paese e uno stato che, in tmepo di crisi, taglia i fondi a tutto ciò che è superflu oe accessorio (cosa più della cultura?) e anzichè proteggere il mercato interno, come ha fatto la francia, lo fa affondare comprando all’estero (per la tv palinsesti bloccati e impossibilità materiale di occupazione per i lavoratori dle settore, per lo più costantemente sottopagati e destinati al precariato a vita, condizione strutturale a meno che non hai i cosiddetti “agganci”). perchè lo si continau a fare (qui l’esempio del docuemtnario è lampante), a volte con sacrifici anche coem seconda occupazione? evidentemene c’è chi ancora ci crede, con un occhio rivolto alla soddisfazione, mai ripagata abbstanza, di veder nascere uan cosa propria. NB. i finanziamenti che dà lo staot italiano ai cosiddetti film di lungometraggio di interesse anzionale sono caccolette rispetto all’estero, e ovviamente non vige meritocrazia nelal scelta dell’assegnazione.  

  88. kris settembre 18, 2009 a 12:54 am #

    in realtà io non mi innamoro mai, non mi sai innamorato.dicono (diciamo) sempre tutti cosi, tanto che poi se ti capita non sai manco cos’è, non lo sai riconoscere e rischi di imputtanare tutto! ma è tutto nella tua testa…

  89. kris settembre 18, 2009 a 1:08 am #

    spesso sono sola, ultimam meno perchè mi son entrati i ladri in casa mentre dormivo, comunque isolata.da parte mia, penso sia un dolce lusso poter rimanere a casa.l’idea di qualcuno che ti entra i ncasa qando sei sola è una delle poche cose che mi mette, non dico paura, ma quasi. personalemnte in uqesto preciso momento non considero casa mia nessun posto dove sto e passo e ho idea ne passerà di tempo perchè succeda.

  90. kris settembre 18, 2009 a 1:12 am #

    anche a me succede, sigh…una di neffa, addirittura una o due dei negramaro…qualche altra di non so chi. è tremendo.io quando mi sento canticchiare la pausini arrivo ad odiarmi dal profondo, credimi!

  91. acidshampoo settembre 18, 2009 a 3:51 am #

    > si, ma se anche fosse secondo me lei sarebbe comunque bellissimaMa infatti secondo me se ingrassasse parecchio, le cadessero tutti i capelli, le spuntasse la gobba e infine le amputassero la gamba destra e il braccio sinistro, sarebbe comunque molto più bella della ragazza media che incontri per strada. E’ la Daiana, ragazzi!

  92. acidshampoo settembre 18, 2009 a 3:53 am #

    > personalemnte in uqesto preciso momento non considero casa mia nessunposto dove sto e passo e ho idea ne passerà di tempo perchè succeda.E’ arrivato Marco Polo, è arrivato!Ma faaaaaaaaalla finitaaaaaa… 

  93. acidshampoo settembre 18, 2009 a 4:13 am #

    Kris, d’accordissimo sulla tua puntuale e acuta disamina sul sistema cinematografico in italia. Solo su una cosa storco il naso: che il cinema in italia non sia diventato industria non è un male a priori, ma ha tanti aspetti negativi quanti altrettanti positivi.

  94. kris settembre 18, 2009 a 9:02 am #

    > personalemnte in uqesto preciso momento non considero casa mia nessunposto dove sto e passo e ho idea ne passerà di tempo perchè succeda.E’ arrivato Marco Polo, è arrivato!Ma faaaaaaaaalla finitaaaaaa… cazzo c’entra mar o polo? stavo parlando d’altro, ma nisba, figurati! comunque prova a stare un pò fuori casa e poi ne riparliamo…

  95. kris settembre 18, 2009 a 9:04 am #

    Kris, d’accordissimo sulla tua puntuale e acuta disamina sul sistemacinematografico in italia. Solo su una cosa storco il naso: che ilcinema in italia non sia diventato industria non è un male a priori, maha tanti aspetti negativi quanti altrettanti positivi.non ho dubbi, il bello e il brutto del cinema italiano, quello che rende cosi particolare nel panorama moniale. ma in tempo  ocrisi, quando il sistema collassa, a conti fatti, dei lati positivi ci ai ben poco, questo ammettilo.

  96. lozissou settembre 18, 2009 a 10:47 am #

    Secondo me nella stagione che va dal neorealismo (ma forse anche prima, è che conosco poco il periodo fascista dei telefoni bianchi) all’avvento della televisione, il cinema italiano è riuscito a essere industria, tanto da essere esportato in tutto il mondo e da influenzare paesi lontani e insospettabili come la stessa America, il Giappone e via dicendo.

  97. kris settembre 18, 2009 a 11:23 am #

    Secondo me nella stagione che va dal neorealismo (ma forse anche prima,è che conosco poco il periodo fascista dei telefonibianchi) all’avvento della televisione, il cinema italiano è riuscito aessere industria, tanto da essere esportato in tutto il mondo e dainfluenzare paesi lontani e insospettabili come la stessa America, ilGiappone e via dicendo. potrà anche darsi, ma esserlo in un circoscritto peridoo storico, tra l’altro moderno, ma non contemporaneo (che è il qui e ora che viviamo), non significa che sia strutturale. in america uno sciopero di sceneggiatori per la tv fa crollare l’industria, in italia scrittori per i lcinema sono a mala pena riconosciuti. 

  98. lozissou settembre 18, 2009 a 1:36 pm #

    Sulla differenza fra cinema moderno e contemporaneo, essendo il cinema vecchio solo 100 anni, disquisirei. O quantomeno ora come ora mi sfugge se e quale sia.Sul resto, è chiaro che la differenza esista ed eccome, ma allora esiste a tutti i livelli professionali: la nostra forma di sciopero, per dire, è un’alta forma di ipocrisia. Come a dire, mettere in mostra una volontà di cambiare per sperare in realtà che non cambi nulla o per non fare nulla di veramente concreto perché qualcosa cambi. E’ la logica del Gattopardo, peculiarmente italiana. L’America è un altro -nuovo, moderno, contemporaneo- paese, e per quel che mi riguarda che paese!Quel che volevo solo dire è che forse, in quel periodo circoscritto, se i vari Flaiano, Fellini, Leone, Moravia & compagnia bella (artigiani da cinema di serie B compresi) avessero decisero di non lavorare più per qualsiasi motivo, la differenza si sarebbe sentita e qualcosa di grosso sarebbe saltato fuori, per restare sul tuo paragone americano. Un’industria magari piccola insomma c’era, il problema è che è stata del tutto cancellata inopinatamente.

  99. chiara settembre 19, 2009 a 12:40 pm #

    l’idea di qualcuno che ti entra i ncasa qando sei sola è una delle poche cose che mi mette, non dico paura, ma quasi.iKris,  è successo di notte, non mi sono accorta di nulla…sono entrati dalla finestra del  soggiorno, hanno preso la borsa e i pantaloni e se ne sono andati. ero nella camera accanto, dormivo senza lenzuolo (per il caldo), completam nuda!quando mi son svegliata e mi son accorta del furto, ho cominciato a piangere dalla tensione che mi dava il pensiero di quanto sarei stata vulnerabile se…o forse, in questo mio periodo di magra, non sono considerabile neppure per un atto vile e oltraggioso come lo stupro?!?ahi-ahi-ahi…povera la mia autostima…

  100. caramelleamare settembre 19, 2009 a 8:14 pm #

    Kris,  è successo di notte, non mi sono accorta di nulla…sono entrati dalla finestra del  soggiorno, hanno preso la borsa e i pantaloni e se ne sono andati.dev’essere tremendo….ero nella camera accanto, dormivo senza lenzuolo (per il caldo), completam nuda!quando o forse, in questo mio periodo di magra, non sono considerabile neppure per un atto vile e oltraggioso come lo stupro?!?ahi-ahi-ahi…povera la mia autostima… ma chi la vuoi raccontare, dicci come sono andate veramente le cose…una curiosità, ti sono mai successe cose nella tua vita che non fanno direttamenmte riferimento a situazioni pornografiche?

  101. ??? settembre 19, 2009 a 8:38 pm #

    Sono in un momento di silenzio ,ma dopo quello che ha scritto Chiara non posso tacere. Ma via Chiara un po’ di rispetto per le donne oggetto di violenza, Secondo te un bruto che violenta una donna lo fa perchè la trova appetibile, sensuale? Stai parlando di mostri che compiono mostruosità. Non mi dire che stavi scherzando perchè io non riescoa  capire questo genere di scherzi. Sono una donna e vivo empaticamente ciò che le donne debbono subire. Non deve passare MAI il concetto che dietro ad uno stupro ci sia il desiderio, la passione, l’avvenenza o la provocazione dei sensi. MAI!

  102. caramelleamare settembre 19, 2009 a 10:49 pm #

    Non deve passare MAI il concetto che dietro ad uno stupro ci sia il desiderio, la passione, l’avvenenza o la provocazione dei sensi. MAI!infatti!! i lo vedo piu come gesto d’amore, devozione, dolcezza, simpatia. pallini ha ragione, basta con questa sessualità da tutte pe parti, c’è anche altro!!

  103. ??? settembre 19, 2009 a 11:30 pm #

    Birbantello costì! 

  104. andrea settembre 20, 2009 a 1:04 am #

     > Sono in un momento di silenzio ,ma dopo quello che ha scritto Chiaranon posso tacere. Ma via Chiara un po’ di rispetto per le donne oggettodi violenza, Secondo te un bruto che violenta una donna lo fa perchè latrova appetibile, sensuale? Stai parlando di mostri che compionomostruosità. Non mi dire che stavi scherzando perchè io non riescoa capire questo genere di scherzi. Sono una donna e vivo empaticamenteciò che le donne debbono subire. Non deve passare MAI il concetto chedietro ad uno stupro ci sia il desiderio, la passione, l’avvenenza o laprovocazione dei sensi. MAI!magari ha fatto solo una battuta per stemperare la tensione no?

  105. andrea settembre 20, 2009 a 1:09 am #

     > Un’industria magari piccola insomma c’era, il problema è che è stata del tutto cancellata inopinatamente.come dovresti sapere non sono e non mi sento un intenditore di cinema. però curiosando qua e là mi è sembrato di capire che i grandi dela grande cinema americano il cinema italiano lo conoscono meglio di noi italiani e ne hanno tratto ispirazione a piene mani. il problema del cinema italiano, secondo me, non è stato il non essere industria(o esserlo poco), quanto la cecità della critica e probabilmente del pubblico italiano che non ha mai saputo considerare giustamente quel che aveva tra le mani. 

  106. ??? settembre 20, 2009 a 8:23 am #

    Appunto, ho detto “mai” Andrea. Ma questa è solo la mia personale convinzione. Gli stupri si fanno, si subiscono, se ne parla, ci si scherza sopra.Probabilmente solo una minoranza.

  107. ??? settembre 20, 2009 a 8:24 am #

    volevo dire “sono una minoranza”

  108. chiara settembre 20, 2009 a 10:20 am #

    Sono in un momento di silenzio ,ma dopo quello che ha scritto Chiaranon posso tacere. Ma via Chiara un po’ di rispetto per le donne oggettodi violenza,pallini, ci sono rimasta male….la mia voleva essere una stupida provocazione: la penso come te. la violenza in sè, mi fa aborrire, da quella psicologica, a quella fisica e sessuale.  volevo sdrammatizzare un fatpuò msubire o recente che m’ha spaventata parecchio per le conseguenze che potevano esserci. Sono una donna e vivo empaticamente ciò che le donne debbono subire.anche io sono una donna ma mi sforzo di vivere empaticam ciò che un uomo o una donna può ritrovarsi a subire.

  109. chiara settembre 20, 2009 a 10:26 am #

    Kris,  è successo di notte, non mi sono accorta di nulla…sonoentrati dalla finestra del  soggiorno, hanno preso la borsa e ipantaloni e se ne sono andati.dev’essere tremendo….proprio così. tremendo…perchè sono entrati nella MIA PROPRIETA’, per di più con la MIA PRESENZA. una curiosità, ti sono mai successe cose nella tua vita che non fanno direttamenmte riferimento a situazioni pornografiche?Caramelle, suvvia, non mi far passare male a tutti i costi. saranno mesi che frequento questo post e me ne son stata parecchio ma parecchio bonina eh!cosa c’è:vuoi le botte?

  110. chiara settembre 20, 2009 a 10:37 am #

    io scrivo: volevo sdrammatizzare un fatpuò msubire o recente che m’ha spaventata parecchiocioè: volevo sdrammatizzare un fatto che ho subìto recentem e che m’ha spaventata parecchio

  111. ??? settembre 20, 2009 a 11:19 am #

    Scusami Chiara, non volevo essere aggressiva. Volevo solo esporre il mio punto di vista. So che rispetto a queste tematiche ho un atteggiamento fondamentalista. Non riesco proprio ad accettare che passino dei messaggi di questo genere. Si è sempre ammiccanti e si cerca di sdrammatizzare quando si parla di violenze sulle donne o di uomini che vanno con le prostitute. A me fa solo orrore. E mi fa ancora più impressione quando è una donna a far passare questi messaggi E’ che è talmente normale pensare che gli uomini violentano perchè le donne provocano e i maschi vanno con le prostitute, ovvia! il mestiere più vecchio del mondo… e così via.  

  112. chiara settembre 20, 2009 a 6:34 pm #

    pallini, non ci conosciamo perciò capisco cosa puoi aver pensato nelleggermi, la prossima volta però cerca di non attaccarmi così che se nomi chiudo a riccio, succedesse poche volte nella vita di tutti i giornigli uomini che vanno con prostitute… non conosco attenuanti. spesso ne ho parlato anche con acid e te lo può confermare.violenzasulle donne… non mi stanno simpatiche le categorie. c’è chi ne èvittima e chi ne è consenziente. solitam parlo sui casi singoli, quindidonna, bambino, uomo che sia che si ritrovano a subire tremende eviolente situaz per colpa di.

  113. caramelleamare settembre 20, 2009 a 9:21 pm #

    …cmq alla fine del salmo quello che rimane è che c’è una ragazza del blog che dorme nuda, da sola e senza lenzuolo

  114. andrea settembre 20, 2009 a 10:48 pm #

     > …cmq alla fine del salmo quello che rimane è che c’è una ragazza del blog che dorme nuda, da sola e senza lenzuoloandiamo a violentarla!

  115. chiara settembre 21, 2009 a 9:23 am #

    andiamo a violentarla! …andrea, andrea…la persiana del soggiorno, quella che rimane a destra del portone principale, la tengo chiusa ma senza alcun fermo mentre la finestra interna è sempre aperta.shhhhhhhhhhh….però ricordati che entro un  mese monterò filo spinato sulla recinzione e una cinquantina di piante da siepe…  

  116. chiara settembre 21, 2009 a 9:32 am #

    nuda, da sola e senza lenzuoloe non l’ho detto per stuzzicare, sia chiaro, solo per dover di cronaca. e poi…dormivo così…ora “dormo” (si fa per dire) con una specie di scafandro addosso e un piccone e mattarello accanto al letto.

  117. lozissou settembre 21, 2009 a 1:39 pm #

    >>e non l’ho detto per stuzzicare, sia chiaro, solo per dover di cronaca. See, come no. Lo dicono tutte, poi però non t’eri fatta scrupoli nell’attardarti in dettagli morbosi. Ma in quel mentre c’avevi finanche le cosce spalanche?

  118. acidshampoo settembre 21, 2009 a 6:35 pm #

    > ora “dormo” (si fa per dire) con una specie di scafandro addossoChiamare tuo padre “specie di scafandro” mi pare francamente offensivo.Apprezzo l’onestà e la discrezione di quel “dormo” virgolettato: il messaggio è arrivato. Mi dispiace, Chiarina. 😦

  119. acidshampoo settembre 21, 2009 a 6:42 pm #

    > quanto la cecità della critica e probabilmente del pubblico italianoche non ha mai saputo considerare giustamente quel che aveva tra lemani. Vero è anche che il pubblico te lo devi allevare, lo devi far crescere. Mi riesce difficile dare delle colpe al pubblico e toglierlo alle produzioni. Penso che i fattori che stanno alla base della crisi del cinema italiano siano moltissimi, più di quelli che riesco a immaginare. Ma su uno non c’ho mai creduto: la mancanza di registi di talento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: