Ipotenuse (26)

13 Lug

fantastorie

MONDO ASINO

Asini.
Animali a metà fra i ciuchi e i somari, caratterizzati dalla forgia cranica dei primi e dal senso dell’algebra dei secondi. Se fosse l’inverso, allora sareste delle zanzare dell’era giurassica. In quel caso, il quotidiano miracolo della ruminazione non avrebbe luogo sulla terra.
C’era una volta un uomo che insieme a suo figlio si stava recando sulla cima di una montagna, per parlare col santone Babasciò. L’uomo voleva porgli un unico e semplice quesito, che da tempo lo attanagliava: “Quando me li ridai i soldi, stronzo?”. Infatti, anni prima, Babasciò era andato a cena con l’uomo e, al momento del conto, il santone aveva voluto dividere, anche se lui aveva preso anche il dolce (un budino) e l’uomo no. Così l’uomo e suo figlio salivano la montagna. L’uomo, che sentiva il peso dei suoi anni, montava su un asino, mentre il figlio lo seguiva a piedi lemme lemme. Quando i due incontrarono dei viandanti, questi li guardarono sdegnati e dissero: “Guarda quell’uomo, che se ne sta spaparanzato sul quadrupede e lascia che il ragazzo vada a piedi! Vergogna!”. Colpito da quelle parole, l’uomo si voltò e disse al figlio: “Figlio mio, sali tu sull’asino, sarò io ad andare a piedi”. Il figlio obbedì e il padre lo seguì arrancando. Venne il momento in cui i due incrociarono altri pellegrini, che dissero in coro: “Che tempi grami! Quel moccioso lascia che suo padre vada a piedi! Non c’è più rispetto! Cornelia!” Al che il ragazzo si sentì in colpa e disse al padre: “Padre, venga anche lei sull’asino”. “Ma non ci staremo”, replicò l’anziano genitore. “Vorrà dire che ci stringeremo, geometra Fonelli”, lo rassicurò il figlio. Poco dopo passarono altri due viandanti: “Non avete cuore! In due su quella povera bestia! Gli spezzerete la schiena!”. Allora padre e figlio, senza proferir parola, scesero dall’asino e proseguirono il cammino a piedi. Erano un padre, un figlio, un asino, una chitarra e cento illusioni. Quando videro appropinquarsi altri viandanti, il ragazzo disse al padre: “Adesso non avranno niente da rimproverarci”. Ma quando incrociarono quegli uomini sentirono uno di loro ridere e confabulare con gli altri: “Avete visto quei due stupidi? Hanno un asino e vanno a piedi!”. Allora il padre decise che avrebbe preso sulle proprie spalle entrambi, tanto il figlio quanto la bestia. L’uomo continuò così il suo cammino, a passi lenti e faticosi, vomitando tetrapak accartocciati per il grande sforzo. Passarono altri viandanti: “Che mondo è questo? Quell’uomo trasporta un asino e un neonato sulle spalle? O è un parafrenico o un terrorista! Chiamate i brigadieri!” Al che l’uomo posò l’asino e il figlio e riflettè su cosa fare, quindi si avvicinò al ragazzo e lo guardò con un triste e dolce sorriso. Poi, in un attimo, il padre tirò fuori dalla bisaccia una pistola, se la mise sotto il mento e sparò. Il figlio scappò urlando nella boscaglia e di lui si persero le tracce fino alla metà degli anni ’80, quando assurse agli onori della cronaca: era il cantante Raf! Nel 1989 fu tutto contento di portare a Sanremo la canzone “Cosa resterà di questi anni ottanta”. E i viandanti, dal loggione: “Che schifo!”

Annunci

40 Risposte to “Ipotenuse (26)”

  1. Pinxor luglio 13, 2009 a 9:19 am #

    OTTIMAMENTE

  2. fox in the snow luglio 13, 2009 a 10:04 am #

    Il 14 luglio giornata di silenzio dei blog, qui.

  3. ilmarinaio luglio 13, 2009 a 12:01 pm #

    concordo sull’ottimamente.  questa ipotenusa è particolarmente saporita, sembra una parabola di qualche civiltà antica.  “Cornelia!”  probabilmente va letto come “Nunziaaa!”, “Assuntaaa!” etc.

  4. ilmarinaio luglio 13, 2009 a 12:02 pm #

    Il 14 luglio giornata di silenzio dei blog, qui.magari serve a poco, ma nel dubbio aderirò.

  5. acidshampoo luglio 13, 2009 a 12:45 pm #

    Questa è grossa. Ecco QUI chi, pare, sarà il quarto candidato alle primarie del Partito Democratico.

  6. fox in the snow luglio 13, 2009 a 1:00 pm #

    Autoassistenza Fare a meno della badante è la soluzione più diretta ed economica. Previsto un corso di autogestione per gli afflitti da Alzheimer e demenza senile. Il corso consiste in una lunga serie di nodi, uno diverso dall’altro, fino a un massimo di 20, da praticare su un fazzoletto enorme – quasi due metri quadrati – fornito dal ministero della Salute. Ogni nodo aiuterà l’anziano a ricordare autonomamente quello che deve fare nel corso della giornata. Ancora incerta l’efficacia del corso perché all’esame finale gli anziani avevano dimenticato il fazzoletto a casa. (continua)

  7. fox in the snow luglio 13, 2009 a 1:05 pm #

    W le ipotenuse!

  8. acidshampoo luglio 13, 2009 a 1:09 pm #

    Ho letto l’articolo completo, proprio bello. Meno male che il corso di autogestione per i malati di Alzheimer è una provocazione del giornalista, ma non è detto che non diventi una Brodoliniana realtà.

  9. fox in the snow luglio 13, 2009 a 1:10 pm #

    >Questa è grossa. Ecco QUI chi, pare, sarà il quarto candidato alle primarie del Partito Democratico. Ecco cosa ne pensa Sofri: Grillo e il purgatorio dei democratici. Scommetto che molti di voi avranno reagito alla notizia che Grillo vuole candidarsi (o dice di volere) a guidare il Pd sbuffando ed esclamando: “Ma siamo seri!” Be’, sbagliato. Intanto perché essere seri, è un vasto programma, e forse ormai tramontato. E poi perché un partito che si sia dato delle regole, fossero anche le più insulse (non dico una porcata di regole, ma una scemenza magari sì), non può che rispettarle. Dunque se di qui al 23 luglio Beppe Grillo si iscrivesse davvero al più vicino circolo del Pd e raccogliesse le 2 mila firme di iscritti in almeno 5 regioni e tre circoscrizioni prescritte dallo Statuto, nessuna obiezione formale potrebbe venire alla sua candidatura. Obiezioni sostanziali sì, ma è un altro paio di maniche. Io per esempio penso che Grillo dilapidi le cose buone che gli succede di dire col modo in cui le dice: e il modo vale, nel suo caso, almeno il 51 per cento. Così, ammesso che non sia lui stesso a dire fra cinque minuti che la sua era solo “una provocazione” – del resto le provocazioni pesano- si troverà paradossale che uno si candidi a dirigere un partito di cui ha fatto il proprio bersaglio grosso. […]

  10. fox in the snow luglio 13, 2009 a 1:29 pm #

    Questa me l’ero persa. Chissa che fine ha fatto questo ramo dell’inchiesta su Noemi.

  11. fox in the snow luglio 13, 2009 a 4:19 pm #

    Una risposta del genere non poteva che venire da una pari di Salvini.

  12. fox in the snow luglio 13, 2009 a 4:19 pm #

    Una risposta del genere non poteva che venire da una pari di Salvini.

  13. acidshampoo luglio 13, 2009 a 5:10 pm #

    Questa non la sapevo! Questo venerdì esce al cinema, “Niente velo per Jasira”, l’esordio cinematografico di Alan Ball (Six Feet Under, True Blood) come regista oltre che come sceneggiatore (era sua la sceneggiatura di American Beauty). QUI il trailer. Troppo meglio il titolo originale però: “Nothing Is Private”.

  14. fox in the snow luglio 13, 2009 a 6:11 pm #

    Ecco invece cosa ne pensa Di Pietro, sulla candidatura di Grillo:Caro Beppe,è assurdo quello che sta accadendo nel PD:scaricano te, tacciandoti di essere semplicemente un comico, ma seilunico ad aver già esposto un programma, che noi dellItalia dei Valoricondividiamo in pieno ed appoggiamo. Già! Il tuo è lunico programma, inquanto gli altri candidati a segretario di quel partito ancora non cihanno fatto conoscere il loro.Il Parlamento pulito, la legge sulconflitto dinteressi, lacqua pubblica, il no al nucleare e lo sviluppodelle fonti energetiche rinnovabili, il massimo di due legislature peri parlamentari, wi-fi gratuito, linformazione libera con il ritirodelle concessioni televisive di Stato ad ogni soggetto politico: tuttipunti che lItalia dei Valori sta portando avanti da tempo e che, perquesto, condivide. Insomma un programma serio, concreto e che, forse,proprio per questo porta i Soloni della politica a irriderlo. Antonio Di Pietro

  15. giggi luglio 13, 2009 a 9:31 pm #

    bravo acid, sei dunque a busta paga di abrahamovic!|| un unico || Al che

  16. acidshampoo luglio 14, 2009 a 1:33 am #

    > bravo acid, sei dunque a busta paga di abrahamovic!|| un unico || Al cheMa come? “Al ché” non va con l’accento? Non ci capisco niente. Una volta pensavo si scrivesse “alché” tutto attaccato, ora pensavo di averlo risolto.

  17. caramelleamare luglio 14, 2009 a 2:16 am #

    per me è stat divertentissima anche questa ipotenusama la piu buffa qua dentro è sempre la fox: scrive scrive e non se la caca nessuno!

  18. caramelleamare luglio 14, 2009 a 2:19 am #

    Ma come? “Al ché” non va con l’accento? Non ci capisco niente. perche incasinare le cose? al / che take it easy acid, take it easy!!

  19. acidshampoo luglio 14, 2009 a 4:26 am #

    QUESTA è come minimo curiosa. L’Osservatore Romano che elogia il Dr. House.

  20. acidshampoo luglio 14, 2009 a 4:32 am #

    > Caro Beppe, è assurdo quello che sta accadendo nel PD: caricano te, tacciandoti di essere semplicemente un comico, ma sei unico ad aver già esposto un programma, che noi dellItalia dei Valori condividiamo in pieno ed appoggiamo.Ma infatti tutto pensavo meno che Grillo potesse annunciare una candidatura (anche se di sicuro è una provocazione) col PD. Visto che è amico di Travaglio l’avrei visto molto più con Di Pietro. Per me è la scelta del PD che fa capire che è tutto uno scherzo. Lì è l’opposizione più immobile, ombelicale e contestata, quindi si candida Grillo e sa di rivoluzione. Con L’Italia Dei Valori, che c’ha pure meno voti ma più attributi, la notizia non avrebbe lo stesso impatto.

  21. acidshampoo luglio 14, 2009 a 4:51 am #

    > perche incasinare le cose? al / che take it easy acid, take it easy!!Sei un tossicone meraviglioso.

  22. caramelleamare luglio 14, 2009 a 9:17 am #

    Ma infatti tutto pensavo meno che Grillo potesse annunciare una candidatura (anche se di sicuro è una provocazione) col PDpero come sarebbe vedere grillo che incontra obama, chirac, alessio, putin ?! sarebbe uno spettacolo voglio una risposta da tutti:ma secondo voi gente quale è il rumore che non potete mai essere sicuri di non sentire?anche nel silenzio piu assoluto c’è un rumore che non sai mai se c’è o se te lo stai inventando da solo, che se ci fosse in gioco la vita non sapresti mai dove mettere la ics. secondo me è il sibilo

  23. giggi luglio 14, 2009 a 10:17 am #

    Se qualche volta la Gertrudina trascorreva a qualche atto un po’ arrogante e imperioso, al che la sua indole la portava molto facilmente, – tu sei una ragazzina, – le si diceva: – queste maniere non ti convengono: quando sarai madre badessa, allora comanderai a bacchetta, farai alto e basso -.

  24. caramelleamare luglio 14, 2009 a 11:30 am #

    giggi ma cosa cazzo scrivi ste stronzate invece di rispondere alla mi domanda!?PORCA MADORA!! schifosi, rispondete o no!?

  25. caramelleamare luglio 14, 2009 a 11:40 am #

    Questa me l’ero persa. Chissa che fine ha fatto questo ramo dell’inchiesta su Noemi.letto tutto. difficile stargli dietro, ma a me ste cose con gli intrecci, la mafia e le persone coi cognomi strani  mi piacciono. sanno molto di cinema

  26. acidshampoo luglio 14, 2009 a 1:00 pm #

    Caramelle, per me quel rumore che dici te è il fruscìo, però ancora di più il frùscio.

  27. Daiana luglio 14, 2009 a 9:23 pm #

    Questa ipotenusa è spettacolare! L’ho sempre detto io che a chi dispensa consigli senza essere interpellato si merita una sola risposta: che cazzo vuoi!?

  28. Daiana luglio 14, 2009 a 9:24 pm #

    Confermo la teoria che i cani hanno un brutto rapporto coi postini!

  29. fox in the snow luglio 14, 2009 a 11:00 pm #

    >ma la piu buffa qua dentro è sempre la fox: scrive scrive e non se la caca nessuno!C’hai proprio ragione, ma io spero sempre!

  30. caramelleamare luglio 15, 2009 a 8:33 am #

    Caramelle, per me quel rumore che dici te è il fruscìoil fruscio c’è solo a ottobre, quando cadone le foglie rosse. possibile che ultimamente non azzecchi una?!

  31. chiara luglio 17, 2009 a 11:37 am #

    ipotenusa bella, bella.tra le tante cose che mi sono piaciute c’è il fatto che l’hai costruita su una storiella che mi raccontava  mio babbo quando ero piccina.non c’entra nulla: ieri sono stata alla nuova fiera di roma e credo che lì abbiano girato diverse scene del film “tutta la vita davanti” di virzì…le scene del call center.

  32. ilmarinaio luglio 17, 2009 a 1:29 pm #

    ma secondo voi gente quale è il rumore che non potete mai essere sicuri di non sentire?anchenel silenzio piu assoluto c’è un rumore che non sai mai se c’è o se telo stai inventando da solo, che se ci fosse in gioco la vita nonsapresti mai dove mettere la ics. secondo me è il sibiloè il fruscìo.  si sente anche nelle linee telefoniche.  quello stesso fruscio di fondo delle linee telefoniche, un libro di fisica che avevo diceva che era l’eco del Big Bang.  nientemeno!  sembrerebbe assurdo, ma giuro che diceva così. una specie di effetto elettromagnetico rimasto ancora “in giro” che disturba le cose elettromagnetiche

  33. ilmarinaio luglio 17, 2009 a 1:32 pm #

    ricontrollo su internet, dicesi “radiazione cosmica di fondo”.  ma non so se è quella stessa dei telefoni etc.

  34. acidshampoo luglio 17, 2009 a 1:32 pm #

    > tra le tante cose che mi sono piaciute c’è il fatto che l’hai costruitasu una storiella che mi raccontava  mio babbo quando ero piccina.A me mi hanno raccontato una storiella su quel pretino del tu babbo che mi sta ispirando un’ipotenusa. Il titolo provvisorio: “La conta del bidet”.

  35. acidshampoo luglio 17, 2009 a 1:34 pm #

    > quello stesso fruscio di fondo delle linee telefoniche, un libro difisica che avevo diceva che era l’eco del Big Bang.  nientemeno! sembrerebbe assurdo, ma giuro che diceva così. una specie di effettoelettromagnetico rimasto ancora “in giro” che disturba le coseelettromagnetiche Bella ed evocativa questa!Ma a proposito di rumori strani. Dice che quando nei ristoranti buttano la aragoste vive nell’acqua bollente, queste cacciano uno strillo.

  36. caramelleamare luglio 18, 2009 a 7:35 am #

    Bella ed evocativa questa!perche, ti giunge nuova!?!

  37. acidshampoo luglio 20, 2009 a 11:38 am #

    > perche, ti giunge nuova!?! Sì, non l’avevo mai sentita.

  38. ilmarinaio luglio 20, 2009 a 2:08 pm #

    Dice che quando nei ristoranti buttano la aragoste vive nell’acqua bollente, queste cacciano uno strillo.Le aragoste in quella situazione urlano la stessa frase del non-morto nella copertina dell’ultimo Dampyr (La vendetta di Bugsy) che ha la mano di Harlan sulla testa:   “Dio iniquo, ma perché proprio a me?”

  39. caramelleamare luglio 21, 2009 a 1:41 am #

    > perche, ti giunge nuova!?! Sì, non l’avevo mai sentita.mah, strano, dopo “mamma” t’insegnano questa di solito

  40. acidshampoo luglio 21, 2009 a 2:20 am #

    > Le aragoste in quella situazione urlano la stessa frase del non-morto nella copertina dell’ultimo Dampyr (La vendetta di Bugsy) che ha la mano di Harlan sulla testa:   “Dio iniquo, ma perché proprio a me?”C’ha anche la faccia da uno che, se sopravviverà al dampyr e un giorno lo racconterà ai nipoti, chioserà con un classico della chiosa: “c’armassi come’n coglione”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: