Fissando gli occhi di chi muore

2 Apr

jade_273

Coltivavo la remota speranza che fosse tutto un bluff, invece Jade Goody alla fine è morta sul serio. Il suo pubblico ha avuto quello che voleva: conoscere le sue ultime parole, ascoltare il suo respiro farsi lento, guardarla negli occhi mentre moriva. Il giusto dazio, il raggiungimento di una sazietà rotonda, per poi poterla televotare alla santità e cambiare canale.
Jade Goody aveva 21 anni quando partecipò all’edizione 2002 del Big Brother inglese, dove si classificò terza. Avete presente Vicky Pollard della serie televisiva Little Britain? Ecco, Jane Goody era la sua versione reale. Una tipaccia, figlia di un pappone morto d’overdose e di tossica che si fingeva prostituta per derubare i clienti, vissuta fra violenze, droga e prostituzione. Rozza, volgare, arrogante, senza talento né istruzione (pensava che Rio De Janeiro fosse un calciatore e che l’autore della Gioconda fosse un tale “Pistacchio”), fastidiosa anche da vedersi. Nel 2007 partecipò all’edizione “vip” del reality, facendosi notare per i suoi insulti razzisti nei confronti di una concorrente indiana. Come contrappasso, l’estate scorsa fece parte del cast dell’edizione indiana del programma. Fino a che, il 21 agosto, fu chiamata in confessionale, dove apprese di avere un tumore al collo dell’utero in fase avanzata. Le venne consigliato di non far sapere niente ai compagni, perché la redazione doveva avere il tempo di avvertire la sua famiglia, che altrimenti l’avrebbe saputo dalla tv. Una delicatezza commovente da parte di quelli dietro le scrivanie. Gli stessi a cui, una volta sbrigata la pratica, non parve il vero di mandare in onda quel drammatico confessionale e fare il botto di ascolti. Che rumore fa il cuore che si spezza quando vieni a sapere che molto presto sarai carne morta? Bastava essere sul canale giusto per saperlo. E se volevi perderti quello spettacolo, sarebbe stato lui a venirti a cercare ogni ora di ogni giorno nei mesi successivi.
Come gli ultimi sette anni la Goody li aveva vissuti sotto gli occhi di tutti, fu così anche per il tempo che gli rimaneva. Pochi giorni dopo la terribile notizia, sotto la guida del promoter della stampa-spazzatura Max Clifford, la Goody firmò un oneroso contratto perché fossero montati i riflettori sulla parte finale della sua vita, senza rispamiare al pubblico nessun sugoso dettaglio, dalla perdita di capelli alla rinuncia delle cure, dalla solitudine delle sue notti alle crisi di chi non vuole morire ma sa che morirà. I suoi guadagni sarebbero poi andati ai suoi due figli, di 4 e 5 anni. Neanche un mese prima di morire, Jade Goody si era sposata. E fa tremare i polsi pensare a come un essere umano possa raggiungere il suo apice di bellezza e grazia, proprio mentre cadono gli ultimi granelli della sua clessidra. Il 20 febbraio aveva festeggiato il suo matrimonio con il ventunenne Jack Tweed, in permesso dal carcere. Jade era elegante, dolce e bellissima, non sembrava proprio quella malata terminale che ci dicevano fosse. Chissà se anche lei quel giorno sentiva di reggersi su ginocchia forti. Cosa provava ad avere per certo che comunque, di lì a poco, quelle ginocchia salde avrebbero trovato un motivo per piegarsi, che la stanchezza l’avrebbe portata a sdraiarsi su un letto e da lì non si sarebbe più alzata? Come in un esperimento di mesmerismo, il corpo in decomposizione di Jade ce l’ha raccontato.
Jade Goody ha fatto la più greve delle scelte possibili. Ovviamente non poteva mancare una comoda lettura assolutoria che ha messo tutti d’accordo, che svenderebbe questo snuff-movie come un atto sociale per riaccendere l’interesse sulla prevenzione. Io vedo solo un branco di stronzi morbosi, spaparanzati in poltrona, a suggestionarsi commozione cercando i segni della decadenza fra i pixel di un televisore. La morte di Goody ci fa stare male, ma la sua salvezza ci avrebbe deluso. La Goody questo non l’ha capito ma più probabilmente non gliene è fregato niente, magari lei stessa sarebbe stata una del suo pubblico. Tuttavia il contesto ha voluto che per lei, oggi, fosse disponibile solo il ruolo di un pezzo di carne da sbranare per riempire le pance di tutti e risolvere certi noiosi dopocena. Non lo sapeva, non gliene importava, ma il risultato è questo. Una scelta brutale, senza dignità, tutta sulla sua pelle, dove non c’è investimento, vie d’uscita, happy ending possibili o premi di consolazione, perché è il contenitore ultimo ad essere in discussione. Jade Goody non ha nessun merito se non il suo cancro e un obiettivo puntato addosso, ciononostante finisce per risultare la migliore di tutti, l’unica ad uscirne pulita, perché oggi tocca a noi sprofondare giustamente nella merda.

Annunci

116 Risposte to “Fissando gli occhi di chi muore”

  1. acidshampoo aprile 2, 2009 a 5:09 am #

    QUI e QUI, l’intervento di Beppe Grillo ieri ad Exit.

  2. frank aprile 2, 2009 a 9:31 am #

    Ottima riflessione sulla cosa, e non è che dopo la lettura si stia più comodi, che mi faccia sentire a posto lo “sdegno” e il “dissociarsi”. Primo perché si tratta di morte e di irreversibilità. Secondo perché l'”anestetica” (intendo il gusto basato sullo stordimento dei sensi) e l’assuefazione della morale alle peggio cose mi pare di vederle tutti i giorni dovunque.Sottoscrivo soprattutto:>La morte di Goody ci fa stare male, ma la sua salvezza ci avrebbe delusoche mi ricorda una riflessione simile sulla vicenda Englaro. Sarebbe il motivo per cui, in entrambi i diverissimi casi, ci si è mossi e coimmossi sì, ma comunque fuori tempo massimo per salvarle.

  3. giggi aprile 2, 2009 a 10:16 am #

    non poteva mancata|mancare

  4. fox in the snow aprile 2, 2009 a 10:19 am #

    Bello questo post, Acid, si vede che è molto sentito. Forse dall’emozione in un paio di punti ti sei anche sbagliato (Jade o Jane?).>La morte di Goody ci fa stare male, ma la sua salvezza ci avrebbe delusoSì. A me fa pensare anche un po’ a Funny Games, a come lo spettatore spera che le vittime si salvino ma allo stesso tempo vuole vedere cosa succede se non si salvano. Ma è la televisione che ci ha reso così necrofili o lo eravamo già e la televisione ha solo peggiorato le cose?  

  5. infrarosa aprile 2, 2009 a 12:10 pm #

    la seconda che hai detto, fox

  6. acidshampoo aprile 2, 2009 a 1:46 pm #

    Questa QUA su Berlusconi la sapevate?

  7. acidshampoo aprile 2, 2009 a 2:11 pm #

    Paolo Villaggio shock al ‘Chiambretti Night’Un PaoloVillaggio a ruota libera, quello in scena ieri sera al “ChiambrettiNight” di Italia 1. Chiamato a raccontare la figura di Moana Pozzinello spazio “Moana’s Story”, Villaggio – che ha conosciuto bene ladiva del porno prematuramente scomparsa – non ha lesinatorivelazioni-shock. A cominciare dalla sieropositivitàrivelatagli dalla Pozzi stessa: “Un giorno eravamo al Ritz di Madrid,in una suite – ha ricordato Villaggio intervistato da Piero Chiambretti- Moana va in bagno e torna solo con gli slip indosso. Mi guarda e fa:‘Io con te l’amore non lo farò mai. Ti voglio molto bene. Sonosieropositiva’. E’ stata una frase che mi ha molto molto colpito. L‘hoabbracciata e lei si è commossa”.Ma le rivelazioni nonfiniscono qui: “La cosa più curiosa di Moana Pozzi era che odiava ilsesso. Era completamente frigida. E’ una cosa abbastanza triste: facevaun mestiere che in realtà odiava. La sua frigidità l’ha portata a farecon una certa rabbia questo mestiere, l’ha fatto con poca gioia.Sinceramente lei non ha capito qual’era la strada giusta perraggiungere la felicità. Per lei, nata in un quartiere povero, era faresoldi in qualunque modo, anche rischiando l’infelicità”. yahoo.tv (01-04-2009)

  8. fox in the snow aprile 2, 2009 a 2:11 pm #

    E dove sono finiti i 9/10 del reddito dichiarato l’anno prcedente? E come facevano le due parlamentari nullatenenti a campare? Allora non erano già parlamenatri e non guadagnavano quei 20.000 euro al mese minimo? Comunque quei redditi cosi sfacciatamente alti (dichiarati, figurati quelli reali) mi fanno proprio schifo. Di tutti eh, mica solo di Berlusconi. Specialmente quello di Veltroni. Perché di Bertinotti hanno criticato in passato lo stipendio da Presidente della Camera, che in parte devolveva al partito, mentre di Veltroni nessuno dice niente? Questo fa il paio con i 23 MILIONI DI DOLLARI dati come buona uscita al presidente della General Motors, senza niete da pagare di tasca sua alle famiglie di operai e azionisti che ha rovinato gestendo male la sua azienda. Invidia sociale totale.

  9. acidshampoo aprile 2, 2009 a 2:20 pm #

    Stupendo. Dopo Italian Spiderman, è la volta di Toei Spiderman, l’uomo ragno giapponese. Online i primi tre episodi, poi uno ogni giovedì. Potete vederli sottotitolati QUI.

  10. laura aprile 2, 2009 a 5:45 pm #

    avevo le idee abbastanza confuse al riguardo e non sapevo che giudizio dare alla scelta di farsi riprendere ma dopo aver letto il tuo -bellissimo- post, e aver appreso dettagli di cui non ero a conoscenza, non posso che prendere le distanze da tutta questa buffonata.credo che la malattia e la morte siano un fatto privato, non qualcosa da sbattere in tv all’ora di cena e, se per emozionarci, abbiamo bisogno di questo, allora forse è il caso di farci un esame di coscienza. anche perchè la malattia non ha solo dei lati malinconici, tristi, sentimentali…da lacrime insomma; ne ha anche di squallidi, di isterici, di rabbiosi che, a mio avviso, non vale la pena far vedere. che si debba parlare di prevenzione, di cure, delle difficoltà di chi ci passa, sono d’accordo, è giusto fare informazione..ma quello di cui si parla qui non è informazione, è audience. e mi spiace per la goddyn, mi spiace davvero, sulla morte non si scherza mai. tuttavia mi irrita pensare che si pianga solo per lei, quando ci sono milioni di persone nelle sue condizioni, che ogni giorno lottano per sopravvivere; qualcuno ci riesce, qualcun altro no. non meriterebbero anche loro un attimo di visibilità, se questo è ciò che serve per far riflettere la gente? allora si dovrebbe entrare con le telecamere nei reparti d’ospedale, e far vedere i bambini privati di un arto, a causa dei tumori ossei..?mi rendo conto di aver scritto in maniera un po’ sconclusionata ma mi è salito il sangue al cervello e non sono riuscita a fare di meglio. spero comunque che i concetti siano sufficientemente comprensibili.pace all’anima di jade goddyn: stronza, volgare e tutto quello che volete ma un cancro annienta chiunque…e pace all’anima di tutte le altre persone che non ce l’hanno fatta e che se ne sono andate in silenzio. a chi è sopravvissuto, complimenti per la forza.

  11. Rouge aprile 2, 2009 a 6:45 pm #

    Bel post… pensavo che avresti dibattutto l’argomento con ironia nera.Ed invece mi hai sorpreso con riflessioni che condivido appieno.

  12. caramelleamare aprile 2, 2009 a 7:04 pm #

    di questa storia me n’è fregato poco e niente fin dall’inizio. piu per scelta e pigrizia che altro. Se avessi pensato che mi risolveva i dopocena magari un pensierino ce lo facevo.pero mi chiedo (ora faccio la nofri della situazione), senza togliere niente allo sguardo di chi se l’è goduta, se lei davvero ha voluto attivamente questa soluzione, gli dici di no perche non la tua emittente si rifiuta? Poi c’è modo e modo di gestire la cosa si sa, e immagino che gli addetti ai lavori si siano fregati le mani senza farsi scrupoli.

  13. acidshampoo aprile 2, 2009 a 7:10 pm #

    Ciao Laura e ben trovata! Non sei stata affatto sconclusionata ma anzi,m’è arrivato molto quello che dici. Anche se io non farei dei distinguofra gli aspetti “sentimentali” della malattia e quelli più terragni.Non penso che sia per il lato meno presentabile della malattia checerti show non debbano essere realizzati, ma semplicemente per il fattoche non è neanche lontanamente concepibile l’esistenza di un “pubblico”attorno alla malattia. E’ un’aberrazione vera e propria, come l’incestoo il cannibalismo. La cosa che più mi fa incazzare è che in tv seripeti una bugia due volte diventa automaticamente vera. E se adassistere allo sdoganamento di quella frottola c’è un pubbliconumeroso, allora diverrà vera anche nel mondo là fuori, dal giornodopo. E’ tutto un dire su come la morte sia l’ultimo tabù della societàoccidentale e di come si cerchi ogni giorno di nasconderla, di nonparlarne, di far finta che non esista. Se a farmi questa lezione è unTiziano Terzani gli posso anche dare un credito, non se è un qualcheorganizzatore di eventi televisivi alla Bibi Ballandi. Se per sdoganarela morte s’arriva allo show di Jade Goody, beh allora la cura èpeggiore della malattia. Ognuno di noi ha il proprio fardello diistinti morbosi e necrofili. Chi in questa dotazione sta sotto lamedia, beato lui. Il problema per me non è tanto alimentare questiistinti, ma che tutto il contesto intorno cerchi di metterti a tuoagio, di rassicurarti, di toglierti ogni responsabilità. Di fronte alloshow della Goody io personalmente entro in contatto anche con la partepiù bassa di me, mi sento un essere umano peggiore e sono contento disentirmi così e di non raccontarmela. Ma oggi la gente è così impegnataa sentirsi bene, che non sia mai che accetti questo fardello. No, si dàsfogo al peggior istinto necrofilo, ma poi ci si racconta che ètutt’altro e che siamo gente sensibile fuori dal normale. E il contestoattorno ci asseconda, perché tutti sono impegnati in questo giochinoche torna troppo comodo per sentirsi esseri umani potabili senza fareun cazzo.

  14. caramelleamare aprile 2, 2009 a 7:13 pm #

    Bel post… pensavo che avresti dibattutto l’argomento con ironia nera.Ed invece mi hai sorpreso con riflessioni che condivido appieno.see, figuriamoci se si lascia scappare l’occasione di farsi bello davanti alle citte del blogma te sei quello che una volta scriveva in questo blog? quello che si firmava “Ruge”?pensava che Rio De Janeiro fosse un calciatore e che l’autore della Gioconda fosse un tale “Pistacchio”Pistacchio me lo vedo troppo bene come soprannome…. me le facevo tutte, scopavo con qualsiasi cosa si muovesse. Ma piu di tutto mi piaceva fare innamorare le ragazze di me, usarle per chiavare e poi buttarle come dei fazzoletti usati. Ero ormai una leggenda vivente e non a caso tutti mi conoscevano con il nome di Pistacchio

  15. acidshampoo aprile 2, 2009 a 7:18 pm #

    > se lei davvero ha voluto attivamente questa soluzione, gli dici di no perche non la tua emittente si rifiuta?Ma è chiaro che ci debbano essere dei rigidi paletti. Anche un volere attivissimo per questa cosa da parte della Goody, non dovrebbe essere preso nemmeno minimamente in considerazione. Altrimenti s’arriverà a far sì che un gruppetto di adolescenti giapponesi si propongano di loro sponte per sfidarsi alla roulette russa in diretta televisiva, e una rete si senta legittimata a dargli retta, ché tanto nel contratto hanno firmato di averlo voluto loro.

  16. acidshampoo aprile 2, 2009 a 7:25 pm #

    > Bel post… pensavo che avresti dibattutto l’argomento con ironia nera.Ciao Rouge. L’umorismo nero a questo giro non m’è scappato. Ma in ogni caso l’umorismo nero non è da allineare con uno sguardo cinico, ma anzi ne è la negazione: è un gesto irrispettoso di fronte a tutto quello che c’arriva come ingiusto nella vita e da cui non abbiamo armi per difenderci. Uso una frase cazzuta ma che rende: è un gavettone di piscio tirato addosso a Dio.

  17. acidshampoo aprile 2, 2009 a 7:29 pm #

    > Ottima riflessione sulla cosa, e non è che dopo la lettura si stia piùcomodi, che mi faccia sentire a posto lo “sdegno” e il “dissociarsi”.Ma è proprio quella la questione. Se percepisci sdegno, se ti dissoci, allora hai fatto il gioco di qualcun’altro. Nota che quando ho parlato del pubblico necrofilo della Goody, mi ci sono infilato con tutte le scarpe. Non so quante persone, credo pochissime, possano davvero permettersi di dissociarsi. Certo, farlo è la tentazione di tutti.

  18. acidshampoo aprile 2, 2009 a 7:35 pm #

    > Sì. A me fa pensare anche un po’ a Funny Games, a come lo spettatorespera che le vittime si salvino ma allo stesso tempo vuole vedere cosasuccede se non si salvano.Preciso, c’ho avuto in mente Funny Games fin dal primo momento in cui ho sentito parlare del Jade Goody Show.> Ma è la televisione che ci ha reso cosìnecrofili o lo eravamo già e la televisione ha solo peggiorato le cose?Credo che sia un istinto connaturato nell’uomo ed è sotteso in un sacco di contesti per molti insospettabili. La televisione non ha tanto la responsabilità di creare questi istinti, quanto di alimentarli, metterci comodi e convincerci che quello abbiamo compiuto si chiami “atto di sensibilità ed empatia”.

  19. Rouge aprile 2, 2009 a 7:46 pm #

    ma te sei quello che una volta scriveva in questo blog? quello che si firmava “Ruge”?Si, sono io. grazie per avermi calcolato.

  20. Rouge aprile 2, 2009 a 7:51 pm #

    see, figuriamoci se si lascia scappare l’occasione di farsi bello davanti alle citte del blogNon c’è che dire, mi sgami tutte le volte. Ma avevo forse la minima possibilità di farla franca quando c’è al giro gente perspicace come te?

  21. Daiana aprile 2, 2009 a 8:18 pm #

    Post che, come sempre quando si affronta l’argomento, mi tocca particolarmente. La fotografia poi mi fa venire i brividi. Come si fa a sorridere così con la coscienza di quello che ti sta succedendo?!

  22. ilmarinaio aprile 2, 2009 a 8:30 pm #

    condivido in pieno.  soprattutto non riesco a raffigurarmi cosa direbbe sull’argomento, oggi, un responsabile del programma inglese.  la butterebbe sull’impegno, arrampicandosi sugli specchi, o farebbe il maledetto?  oppure magari direbbe “la gente vuole questo”.. comunque lo giustifichi ci passerebbe male.

  23. acidshampoo aprile 2, 2009 a 8:38 pm #

    Rouge, ma guarda che dicendo “see, figuriamoci se si lascia scappare l’occasione di farsi bello davanti alle citte del blog” credo che Caramelle si riferisse a me (chiedo a lui la conferma). In pratica, te gli hai detto che pensavi che io tirassi fuori l’ironia nera parlando della Goody, lui t’ha risposto che non mi sarei mai lasciato sfuggire l’occasione di fare il sensibile davanti alle donne.

  24. acidshampoo aprile 2, 2009 a 8:40 pm #

    > condivido in pieno.  soprattutto non riesco a raffigurarmi cosa direbbesull’argomento, oggi, un responsabile del programma inglese. A me inquieta anche l’idea che possa essere stata la Barbara D’Urso inglese ad avvertire i figlioli.

  25. acidshampoo aprile 2, 2009 a 8:46 pm #

    Qual’è il serial televisivo durato più a lungo? Pochi lo sanno ma è Sentieri, che dura da ben 72 anni. Però chiuderà a settembre, QUI la notizia.

  26. acidshampoo aprile 2, 2009 a 8:55 pm #

    QUI il trailer di Dorothy, nuovo horror made in France che pare niente male, anche se mi pare che giochi più sulle atmosfere che sul budello.

  27. fox in the snow aprile 2, 2009 a 9:01 pm #

    Ho iniziato a vedere Vinyan, ma è sicuro che è un horror?

  28. acidshampoo aprile 2, 2009 a 9:01 pm #

    QUI informazioni sul libro di Cesare Cremonini, in uscita a maggio.

  29. acidshampoo aprile 2, 2009 a 9:11 pm #

    > Ho iniziato a vedere Vinyan, ma è sicuro che è un horror?Beata te!Non direi che sia strettamente un film dell’orrore, ma più un film drammatico con venature horror.

  30. caramelleamare aprile 2, 2009 a 9:19 pm #

    Non c’è che dire, mi sgami tutte le volte. Ma avevo forse la minimapossibilità di farla franca quando c’è al giro gente perspicace come te?hai frainteso. io mi riferivo ad acid che invece di farne del nero umorismo ha sfruttato l’occasione per farsi bello e sensibile agli occhi delle ragazze del blog.

  31. acidshampoo aprile 2, 2009 a 10:57 pm #

    Pensavo: può Caramelleamare essere considerato il Ferdi dei poveri?

  32. giggi aprile 2, 2009 a 11:28 pm #

    come quotate wenders su nicholas ray?

  33. acidshampoo aprile 3, 2009 a 12:59 am #

    Ma che spettacolo! QUESTO il bellissimo trailer di Bruno, il nuovo film con Sasha Baron Coen basato sul suo nuovo personaggio dopo Borat.Tra l’altro negli USA uscirà col divieto ai minori di 17 anni, ottimo biglietto da visita.

  34. caramelleamare aprile 3, 2009 a 2:03 am #

    Pensavo: può Caramelleamare essere considerato il Ferdi dei poveri?se è per questo ci sono anche Roberto “bartolommei” e Vanessa “contessa”

  35. acidshampoo aprile 3, 2009 a 4:30 am #

    > se è per questo ci sono anche Roberto “bartolommei” e Vanessa “contessa” Ora, ammesso e non concesso che Roberto assomigli alla squalo, che c’azzecca la Vanessa con la Contessa? Ma mi sa che sono io che non ho capito…

  36. Movie Scary aprile 3, 2009 a 7:37 am #

    Lovely post. Thanks!!!

  37. frank aprile 3, 2009 a 8:33 am #

    >Questa QUA su Berlusconi la sapevate?Io sapevo che “Ridottissime le sue spese elettorali: appena 19,02 euro per l’aperturae la chiusura di un conto alla filiale di Segrate del Monte Paschi diSiena intestato a Giuseppe Spinelli, in qualità di mandatarioelettorale.“, il che la dice lunghissima. Mentre “Quanto ai beni mobili, il premier possiede una Mercedes 600 Sel del 1992” mi fa immaginare che la tenga in garage ben nascosta perché è preziosa sì, ma fa tanto vucumprà arricchito.

  38. frank aprile 3, 2009 a 8:45 am #

    >>Ma è la televisione che ci ha reso cosìnecrofili o lo eravamo già e la televisione ha solo peggiorato le cose?>Credoche sia un istinto connaturato nell’uomo ed è sotteso in un sacco dicontesti per molti insospettabili. La televisione non ha tanto laresponsabilità di creare questi istinti, quanto di alimentarli,metterci comodi e convincerci che quello abbiamo compiuto si chiami”atto di sensibilità ed empatia”.Non la sola tv, ma il mondo dell’entertainment in genere mescolato sempre più ambiguamente a quello dell’informazione, tira a un livellamento verso il basso. Come dico spesso, io non sono tanto sconvolta dalle trasmissioni “immorali” (volete una lista?), quanto dalla effettiva scarsità di alternativa e di riflessione, dibattito, critica intorno ai contenuti. In questo ribasso morale continuo, è più rapido ed efficace toccare certi tasti (in questo caso la necrofilia) senza troppe dietrologie, senza riflessioni critiche attive e schiette, perché il risultato a breve termine è garantito, e perché l’etica paga solo a lungo termine. E, in un circolo vizioso,  il pubblico diseducato paga e fomenta questo andamento.

  39. Rouge aprile 3, 2009 a 11:55 am #

    hai frainteso. io mi riferivo ad acid che invece di farne del nero umorismo ha sfruttato l’occasione per farsi bello e sensibile agli occhi delle ragazze del blog.Ah, Ok. Chiedo scusa

  40. infrarosa aprile 3, 2009 a 12:15 pm #

    la nofri della situazione dice la sua sul tema: io penso che la cosa più necrofila, in questi casi, è fornire alla spettacolarizzazione di tali vicende un pubblico. è il pubblico che le fa prosperare. per questo mi sono rifiutata di leggere, vedere e approfondire e le uniche informazioni le ho dal post. non voglio coltivare in me gli istinti bassi che acid ben discrive, e quindi rifiuto di fare numero.

  41. fox in the snow aprile 3, 2009 a 1:54 pm #

    >Ma che spettacolo! QUESTO il bellissimo trailer di Bruno, il nuovo film con Sasha Baron Coen basato sul suo nuovo personaggio dopo Borat. Bello!

  42. fox in the snow aprile 3, 2009 a 1:56 pm #

    >”Ridottissime le sue spese elettorali: appena 19,02 euro per l’aperturae la chiusura di un conto alla filiale di Segrate del Monte Paschi diSiena intestato a Giuseppe Spinelli, in qualità di mandatarioelettorale.“, il che la dice lunghissima. Cioè? Invece io non ho capito. Come mai spese così basse? 

  43. ilmarinaio aprile 3, 2009 a 2:03 pm #

    certo ragazzi quanto sarà simpatico questo del Movie Scary!Hey, Movie Scary, i dream about putting a little fork in your left eye and then trying to get it out!  I suppose it must have a nice peach flavour!  I want to see you dilaniated by chains and hooks!  Thanks for your comment!

  44. acidshampoo aprile 3, 2009 a 2:17 pm #

    Thank you, Movie Scary. Can i masturbate you? Can i drusciare your head very slowly?

  45. acidshampoo aprile 3, 2009 a 2:20 pm #

    > la nofri della situazione dice la sua sul tema: io penso che la cosapiù necrofila, in questi casi, è fornire alla spettacolarizzazione ditali vicende un pubblico. è il pubblico che le fa prosperare. perquesto mi sono rifiutata di leggere, vedere e approfondire e le unicheinformazioni le ho dal post. non voglio coltivare in me gli istintibassi che acid ben discrive, e quindi rifiuto di fare numero.Ultimamente Infrarosa hai delle opinioni troppo normali. Anche giuste eh, ma poco strane. O comunque di quelle che non sembrano fatte apposta per fare incazzare un cartesiano puro come me. Com’è ‘sta cosa? Con la gravidanza te sei messa in riga?

  46. andrea aprile 3, 2009 a 2:21 pm #

    martedì ho visto watchmen. la computer grafica non è invasiva, però le riprese sono effettivamente non reali, quindi non ti piacerebbe di sicuro, caro acid. a me invece è piaciuto e non poco, nonostante alcune scelte non le ho apprezzate. jade goody?un sottoprodotto della società dello spettacolo. tantissima gente muore di tumore e soffre quanto se non più di lei senza bisogno di darne spettacolo.

  47. andrea aprile 3, 2009 a 2:27 pm #

     > Non la sola tv, ma il mondo dell’entertainment in genere mescolatosempre più ambiguamente a quello dell’informazione, tira a unlivellamento verso il basso. Come dico spesso, io non sono tantosconvolta dalle trasmissioni “immorali” (volete una lista?), quantodalla effettiva scarsità di alternativa e di riflessione, dibattito,critica intorno ai contenuti. In questo ribasso morale continuo, è piùrapido ed efficace toccare certi tasti (in questo caso la necrofilia)senza troppe dietrologie, senza riflessioni critiche attive e schiette,perché il risultato a breve termine è garantito, e perché l’etica pagasolo a lungo termine. E, in un circolo vizioso,  il pubblico diseducatopaga e fomenta questo andamento.più o meno sono d’accordo. non si possono ascrivere le colpe ad una sola parte. è un sistema chiuso di continui rimandi, dove i media e il loro fantomatico pubblico si influenzano a vicenda in una spirale verso il basso. così la televisione stupida fa sì che gente stupida rifletta sempre di meno e chieda sempre di più della televisione stupida che aumenta così di continuo la soglia di stupidità.chiedersi se abbia iniziato il “pubblico” o la “televisione” è un po’ come chiedersi se venga prima l’uovo o la gallina: è una questione senza risposta perchè in realtà nessuna delle due cose esiste senza l’altra e si alimentano a vicenda.

  48. andrea aprile 3, 2009 a 2:51 pm #

    se a qualcuno può interessare, dopo 72 anni si è conclusa la soap Sentieri. mia nonna lo guardava sempre e quando sento la sigla mi viene una vampata di nostalgia dell’infanzia.  

  49. acidshampoo aprile 3, 2009 a 2:57 pm #

    > martedì ho visto watchmen. la computer grafica non è invasiva, però leriprese sono effettivamente non reali, quindi non ti piacerebbe disicuro, caro acid. a me invece è piaciuto e non poco, nonostante alcunescelte non le ho apprezzate.Io l’ho visto, dico pure che l’ho apprezzato, ma questo non potrà mai essere il cinema che amo. Io non capisco nemmeno come si possano fare dei distinguo qualitativi fra film da 200 milioni di dollari, dove riconosci prima il produttore e solo dopo (forse) il regista. O li accetti a priori, o li rifiuti in toto. Artisticamente sono roba che non esiste. Se poi si vuol dire che Watchmen è il meno peggio del gruppo mi va benissimo. In mano a Darren Aronofsky, come doveva essere, con carta un po’ più bianca da parte della produzione, un budget molto minore e quindi meno soldi da far rientrare per forza, allora sì sarebbe stato cinema.

  50. acidshampoo aprile 3, 2009 a 2:58 pm #

    > se a qualcuno può interessare, dopo 72 anni si è conclusa la soapSentieri. mia nonna lo guardava sempre e quando sento la sigla mi vieneuna vampata di nostalgia dell’infanzia.Ma a tal proposito, te la sapevi questa notizia QUI?

  51. andrea aprile 3, 2009 a 3:00 pm #

    non l’avevo vista….;D

  52. andrea aprile 3, 2009 a 3:02 pm #

     > Io l’ho visto, dico pure che l’ho apprezzato, ma questo non potrà maiessere il cinema che amo. ti ho pensato subito all’inizio, nella scena in cui inquadra la spilla del comico sul tombino e poi la “telecamera” sale fino all’ultimo piano del grattacielo, inquadrando i poliziotti. come dicevi tu, quelle sono riprese “impossibili” e “irreali”. a me, nonostante tutto, non dispiacciono ma capisco la tua posizione.

  53. acidshampoo aprile 3, 2009 a 3:02 pm #

    Dicono che Uwe Boll sia il peggior regista vivente. Io ho visto il suo House Of The Dead ed era francamente tremendo. Ora ho trovato su Youtube una sequenza dal suo torture-porn Seed. Porcaputtana, veramente pesante. Eccola QUI. Peccato, anche lì, per l’uso della computer grafica da un certo punto in poi.

  54. acidshampoo aprile 3, 2009 a 3:09 pm #

    > ti ho pensato subito all’inizio, nella scena in cui inquadra la spilladel comico sul tombino e poi la “telecamera” sale fino all’ultimo pianodel grattacielo, inquadrando i poliziotti. come dicevi tu, quelle sonoriprese “impossibili” e “irreali”. a me, nonostante tutto, nondispiacciono ma capisco la tua posizione.Mammamia che sequenza tremenda! Che siano riprese impossibili non sarebbe un problema, solo che non c’è la minima volontà di nascondere che è fatto con la computer grafica. Il problema non è tanto l’impossibilità, quanto il risultato pacchiano, di plastica, insopportabilmente giocattoloso.

  55. andrea aprile 3, 2009 a 3:18 pm #

    non abbiamo mai avuto modo di parlarne, quindi te lo chiedo qui a bruciapelo.ti è piaciuto kill bill?che io sappia tutta la scena degli 88 folli è girata con stuntman senza nessun supporto di computer grafica; a mio parere, il risultato è enorme.

  56. acidshampoo aprile 3, 2009 a 3:22 pm #

    > Come dico spesso, io non sono tanto sconvolta dalle trasmissioni”immorali” (volete una lista?), quanto dalla effettiva scarsità dialternativa e di riflessione, dibattito, critica intorno ai contenuti.Le alternative intelligenti ci sono (basta vedere lo spettacolare bouquet di Primo Sky, talmente pieno di roba interessante che si fatica a stare dietro a tutto), ma è chiaro che non pagano come il budello. Credo che in nessuna società al mondo, Quark potrebbe avere più share di una roulette russa o di un’esecuzione capitale trasmessa in diretta. Poi è vero, manca anche il dibattito. Ma no, se guardi bene c’è pure quello ma è calcolato, reso inoffensivo perché assorbito, fa parte del gioco. Quando ci fu lo scandalo della Juve e di Moggi, in ogni bar, fra i tifosi juventini che difendevano a prescindere la loro squadra, ce n’era qualcuno che diceva: “Io sono della Juve, ma fanno bene a processarla”. Era l’intellettuale del bar, faceva colore e veniva anche stimato, però il mondo continuava a girare allo stesso modo.

  57. acidshampoo aprile 3, 2009 a 3:24 pm #

    > ti è piaciuto kill bill?Il Vol. 1 è il più bel film che abbia mai visto in 30 anni.> che io sappia tutta la scena degli88 folli è girata con stuntman senza nessun supporto di computergrafica; a mio parere, il risultato è enorme.Esatto, e il risultato si vede. Tarantino ha capito tutto. Così come ha detto che non userà mai telecamere digitali finché ci sarà pellicola.

  58. andrea aprile 3, 2009 a 3:58 pm #

    ci avrei scommesso che ti piaceva.tarantino è un vecchio nostalgico come te.e i risultati, sono d’accordo, si vedono.ti dovrebbe piacere anche, allora, c’era una volta in messico di rodriguez.l’ho visti a spizzichi e bocconi, ma anche lì, tutto stuntman.

  59. lozissou aprile 3, 2009 a 4:13 pm #

    >>ti dovrebbe piacere anche, allora, c’era una volta in messico di rodriguez.l’ho visti a spizzichi e bocconi, ma anche lì, tutto stuntman. Magari sì, peccato che il film faccia cacare. Azzardo: il peggior Rodriguez?

  60. andrea aprile 3, 2009 a 4:16 pm #

    non saprei zissou, io pensavo che il peggior rodriguez fosse quello di spykids;D

  61. acidshampoo aprile 3, 2009 a 4:41 pm #

    Il peggior Rodriguez per me è senza dubbio Shark Boy & Lava Girl. I miei preferiti sono The Faculty, ma devo dire che anche gli Spy Kids invece non mi sono dispiaciuti. E’ vero che abusavano di computer grafica, però era inserita in un contesto più innocuo e di basso profilo.C’Era Una Volta In Messico non m’è garbato. Rodriguez non ha niente del rigore e del senso estetico di Tarantino. Inoltre i film di Rodriguez accumulano idee su idee, e sarebbe un pregio, se non fosse che il risultato è sempre parecchio lontano dalla somma delle parti.  

  62. caramelleamare aprile 3, 2009 a 6:37 pm #

    Ora, ammesso e non concesso che Roberto assomigli alla squalo, chec’azzecca la Vanessa con la Contessa? Ma mi sa che sono io che non hocapito…niente, fa rima. come i personaggi del’ovi: gigino sbrodolino, franco portofranco e sandro scamandrio

  63. acidshampoo aprile 3, 2009 a 9:04 pm #

    QUI Emilio Fede su Saviano.

  64. ilmarinaio aprile 3, 2009 a 9:09 pm #

    Pensavo peggio da questo video:  Mr. ObamaaaaaComunque si capisce troppo che Berlusconi, come un ragazzino povero napoletano entrato da poco in una classe di snob leghisti, odia gli altri capi di stato.  Lui è basso, brutto, nessuno parla con lui, non sarà mai uno come gli altri, per quante ville e barche possa avere, anche se ha il diario firmato, la cartella dell’Invicta, il Barbour..e allora fa il maledetto, attira l’attenzione, bercia.  Consiglio pedagogico:  un rapporto

  65. acidshampoo aprile 3, 2009 a 9:20 pm #

    QUI intervista a Pupi Avati (e non solo) su Gli Amici Del Bar Margherita, da stasera al cinema.

  66. acidshampoo aprile 3, 2009 a 9:25 pm #

    Che poi chiama Obama come Mike Bongiorno avrebbe detto “Allegriaaaaaa!”. Poi è bello vedere la regina che si risente e poi si apparta con quei tre, di cui due giapponesi. Ce li vedo che le spiegano tutto: “E’ un cletino… Un cletino!”

  67. lozissou aprile 3, 2009 a 9:57 pm #

    Spy Kids (ho visto solo il primo), pensa, per me è uno dei suoi risultati più alti, il che vuol dire poco più che sufficiente ma già è robba. Non ho visto Sharkboy e Lavagirl per restare fra i peggiori invece.

  68. acidshampoo aprile 3, 2009 a 10:11 pm #

    > Non ho visto Sharkboy e Lavagirl per restare fra i peggiori invece.Tremendo, sulla carta avrebbe voluto inaugurare un nuovo franchising per ragazzi sullo stile di Spy Kids, senza averne né la simpatia né la leggerezza. Comunque anche gli altri due SpyKids sono degnissimi.

  69. fox in the snow aprile 3, 2009 a 11:15 pm #

    Un’altra cosa che m’interessa di Jade Goody, è come è possibile confrontarla con Lady D. Lei, povera, volgare e anche brutta. Lady D., una principessa, simbolo di eleganze e di glamour. Com’è possibile che un popolo si affezioni ad entrambe? Che cos’è che determina la popolarità di un personaggio rispetto a un altro? Nell’un caso il popolo si identifica, all’altro aspira?La popolarità della Goody è iniziata prima o dopo la comunicazione della sua malattia? >Consiglio pedagogico:  un rapporto  Marinaio, l’avevi finita questa frase?

  70. caramelleamare aprile 4, 2009 a 8:01 am #

    Un’altra cosa che m’interessa di Jade Goody, è come è possibileconfrontarla con Lady D. Lei, povera, volgare e anche brutta. Lady D.,una principessa, simbolo di eleganze e di glamour. Com’è possibile cheun popolo si affezioni ad entrambe? Che cos’è che determina lapopolarità di un personaggio rispetto a un altro? Nell’un caso ilpopolo si identifica, all’altro aspira?dio che voglia di pigliatti a schiaffi !  tu sapessi quanta. L’ultima domanda della serie poi non ce la faccio manco a leggerla.ma te non sei in imbarazzo per quello che scrivi?

  71. frank aprile 4, 2009 a 10:07 am #

    >>”Ridottissime le sue spese elettorali: appena 19,02 euro[…]>Cioè? Invece io non ho capito. Come mai spese così basse?  Appunto, non è possibile. Vuol dire che tutta quella visibilità, compresa la campagna elettorale sarda, viene fatta figurare in altro modo, magari accollata a prestanome o fatta passare come comunicazione del governo, o che ne so io. E vuol dire anche che il B non si preoccupa nemmeno che quel che risulta dalla dichiarazione dei redditi sia vagamente verosimile.

  72. frank aprile 4, 2009 a 10:26 am #

    >Comunque si capisce troppo che Berlusconi, come un ragazzino poveronapoletano entrato da poco in una classe di snob leghisti, odia glialtri capi di stato.  Lui è basso, brutto, nessuno parla con lui, nonsarà mai uno come gli altri, per quante ville e barche possa avere,anche se ha il diario firmato, la cartella dell’Invicta, il Barbour..eallora fa il maledetto, attira l’attenzione, bercia.Una parola sola per tutto questo: “parvenu” (“fr. spreg.,persona che si è elevata a un livello economico e sociale superioresenza avere però acquisito i modi adeguati al nuovo stato: modi da p.“). E non che me ne freghi qualcosa dell’etichetta o dei modi da gente perbene: è lui che corre corre e non ce la fa, perché prima si deve curare i complessi, o almeno non buttarceli addosso. >Consigliopedagogico:  un rapportoIntendevi un rapporto umano vero?

  73. ? aprile 4, 2009 a 10:28 am #

    Pare brutto se di tutto ho colto soprattutto la tua capacità di scrivere, di parlare di emozioni, di cogliere nel profondo, di sottolineare brutture…? 

  74. frank aprile 4, 2009 a 10:34 am #

    >Le alternative intelligenti ci sono (basta vedere lo spettacolarebouquet di Primo Sky, talmente pieno di roba interessante che si faticaa stare dietro a tutto)Non ho Sky e non ho in programma di comprarlo, però se mi segnali i programmi imperdibili magari riesco a scaricarmeli. Sull’argomento del cortocircuito informazione-intrattenimento ed etica-soldo-audience, ieri sera ho finito di vedere ‘Quinto potere’ di Sidney Lumet, veramente bello… Forse non è un film alla Acidshampoo, ma penso che a Fox, Marinaio, etc potrebbe piacere…

  75. Daiana aprile 4, 2009 a 11:12 am #

    dio che voglia di pigliatti a schiaffi !  tu sapessi quanta. Caramelle ha scritto questa frase e poi è andato a lavorare in mezzo ai cavalli…

  76. Daiana aprile 4, 2009 a 11:15 am #

    Ho letto l’ultimo numero di Julia, quello dove il protagonista è la copia di woody allen. La storia in sè non mi è dispiaciuta anche se mi è sembrata un pò piattina ma Julia sta diventando veramente insopportabile! Io in ordine cronologico ero arrivata intorno al 55 e non credevo potesse peggiorare tanto nei modi. SPOILER (anche se non si può proprio parlare di spoiler in questa serie) La frase con cui liquida la sua ultima storia poi m’ha fatto vergognare per lei: “Ti sei dimenticato questo cappotto a casa mia, tieni, ora dimenticati anche di me!” altro che john doe, lei si che c’ha le palle!

  77. ilmarinaio aprile 4, 2009 a 11:51 am #

    >Consiglio pedagogico:  un rapporto  Marinaio, l’avevi finita questa frase?Ero svenuto, scusatemi, ….  Comunque volevo dire un rapporto disciplinare, la Regina che lo mette in ginocchio sui ceci, non lo invita più.  Ma forse, visto che lo fa per farsi vedere, sarebbe meglio ignorarlo.  La prossima volta che B prenderà per le palle il premier giapponese urlandogli “fischia!” o farà un collino a Obama, tutti gli altri premier dovranno fare finta di niente o ridere di un’altra battuta detta dal lato opposto della sala.  Forse alla fine smette. Intendevi un rapporto umano vero?  Oppure un rapporto sessuale, da parte dello stalliere Mangano. Madonna ragazzi, come mi sento avvilito a dover scrivere sempre queste cose!  Chi ci governa dovrebbe essere meno noioso, variare di più nelle figure.  

  78. acidshampoo aprile 4, 2009 a 1:11 pm #

    Daiana, sull’ultima storia di Julia, ti faccio capire come è messo uno 70 storie davanti a te: non lo leggo, non perché mi faccia fatica ma non c’ho voglia di passare del tempo con palonculo-briccichina-fintasensibilità-Kendall e la sua crew, lo lascio lì per qualche viaggio in treno, però mi sono letto tutte le pagine sulla sua storia con Jeffrey. Cioè, come nei film porno che mandi avanti le scene, uguale. Ma mi sono imbarazzato per lei ancora di più due numeri fa, Il Paese Del Grande Spirito, su come risolve la fine della sua storia con Jeffrey, specialmente nelle ultime pagine, quando si dice semplicemente “disgustata”. Piccininaaaaa!

  79. acidshampoo aprile 4, 2009 a 1:18 pm #

    Come dicesti te, in Gran Bretagna c’è un’antica e sentita tradizione gossipara, quindi questo facilità certi fenomeni. Poi è ovvio che, con tutta probabilità, Jade Goody non avrà il seguito, anche a distanza di tempo, che ha avuto Lady Diana. Pure se ora viene portata in processione come “eroina della working class”. Insomma c’è posto per tutti quando devono crearsi questi fenomeni sul niente. Lady Diana è così amata non perché la gente ci aspirasse, quanto perché se la sentiva più vicina di Carlo, Elisabetta o la regina madre. Diana è una donna che mi sta sui coglioni, tra l’altro, non per fare il bastian contrario ma m’è sempre piaciuta più Camilla, anche come donna proprio, bella stoppacciosa.

  80. acidshampoo aprile 4, 2009 a 1:31 pm #

    > Non ho Sky e non ho in programma di comprarlo, però se mi segnali iprogrammi imperdibili magari riesco a scaricarmeli. Purtroppo pochissimo di quello che trasmettono nei canali di quel pacchetto finisce nel p2p, proprio perché l’offerta è tanta e continuativa. Però le cose che guardo io non credo ti piacerebbero, da Cambio Moglie a SOS Tata a Dr. 90210 a Naked Wild On.> Sull’argomento delcortocircuito informazione-intrattenimento ed etica-soldo-audience,ieri sera ho finito di vedere ‘Quinto potere’ di Sidney Lumet,veramente bello… Forse non è un film alla Acidshampoo, ma penso che aFox, Marinaio, etc potrebbe piacere…C’hai preso, proprio un film posso pure reputare interessante (invecchiato però), ma che m’ha detto poco. C’è tutta una corrente di film, da questo a Tutti Gli Uomini Del Presidente al recente Zodiac, che non so come chiamarla ma che trovo proprio sfibrante. Film che ti sbatacchiano due ore per i corridoi di una rete televisiva o di una redazione giornalistica e ti danno informazioni su informazioni, parole su parole, dialoghi che sono verbali, solleticandoti il cervello ma veramente nient’altro. E, soprattutto, i personaggi sono solo portatori di queste parole, al massimo caratterizzati con i cliché dell’idealista e dell’amorale.

  81. frank aprile 4, 2009 a 2:09 pm #

    Eh, però così mi fai di tutta l’erba un fascio. A parte il fatto che io sono restia a mettere le cose in “categorie” e “generi” e a giudicarle di conseguenza, c’è una cosa su cui posso smentirti seccamente: “i personaggi sono solo portatori di queste parole, al massimo caratterizzati con i cliché dell’idealista e dell’amorale“: no no! Magari lo spessore ce l’ho messo io, ma in questo film nella maggior parte dei personaggi sfuma proprio la divisione fra puro/buono e sporco/cattivo. Esempio, anche il più positivo dei protagonbisti in più di un punto cede alle lusinghe (dell’audience, del potere, delle donne) e non ne esce pulitissimo né vincente.Poi ci sta che non ti appassioni quel livello di dibattito. Io l’ho trovato intelligente e intrigante, e non pacificante per chi guarda e per chi l’ha scritto. Mica male…

  82. acidshampoo aprile 4, 2009 a 2:23 pm #

    Parlando di personaggi manichei non mi riferivo al film di Lumet, ma a moltissimi film appartenenti a quel sottogenere. Resta il fatto che Quinto Potere è un film che ha una tesi interessante, ma il mezzo per arrivarci secondo me lo è molto meno. Poi dovrei rivederlo, l’ho visto quindici anni fa quando dettero la cassetta con L’Unità. Ricordo che mi piacque l’inizio-shock, ma il resto del film non lo eguagliò, pur restando comunque interessante e con una Faye Dunaway arrapantissima.

  83. ilmarinaio aprile 4, 2009 a 2:31 pm #

    Quinto potere’ di Sidney Lumet,veramente bello… Forse non è un film alla Acidshampoo, ma penso che aFox, Marinaio, etc potrebbe piacereLo beccai al Cineforum delle medie, dove avevo, al contrario della maggior parte delle superiori, delle prof. di italiano in gamba.  Se lo riguardassi ora penso mi garberebbe di più (alle medie non mi godei neanche la gita a Pompei, che ora mi farebbe probabilmente più godere di ogni altra vacanza).

  84. fox in the snow aprile 4, 2009 a 3:28 pm #

    >’Quinto potere’ di Sidney Lumet, veramente bello… Forse non è un film alla Acidshampoo, ma penso che a Fox, Marinaio, etc potrebbe piacere…Grazie della segnalazione, lo cercherò.

  85. lozissou aprile 4, 2009 a 3:50 pm #

    Il peggio del peggio dei film a tesi (interessantissima) e verbosi è “La morte in diretta” di Bertrand Tavernier, non a caso un film francese, che ha pure punti di contatto con “Quinto potere”. Me lo ricordavo appetibile e invece… due coglioni e una capanna.

  86. acidshampoo aprile 4, 2009 a 4:18 pm #

    Di Tavernier ho visto solo Una Domenica In Campagna e m’è bastato per capire che mi sta sui coglioni, come tutti i registi-enologi.

  87. acidshampoo aprile 4, 2009 a 8:01 pm #

    Va’ che fisionomista. Sul forum di Dampyr ho chiesto a Luca Raimondo: “Ciao Luca e complimenti sinceri per la tua ottima prova sull’ultimo numero. Volevo chiederti: per la caratterizzazione del personaggio di Marko, ti sei mica ispirato al cantante spagnolo Tonino Carotone?”E lui: “Esatto! E’ stata un’altra precisa richiesta di Diego.”

  88. caramelleamare aprile 5, 2009 a 7:03 am #

    Però le cose che guardo io non credo ti piacerebbero, da Cambio Moglie a SOS Tata a Dr. 90210 a Naked Wild On.io naked wild on l’ho quasi abbandonato. preferisco quasi funny etc…concettualmente non c’è paragone, troppo meglio il primo. pero a volte è talmente sciatto che non lo reggo. invece in quell’altro c’ha una delle protagoniste niente male.è una mora coi capelli neri e con un bel muso. ecco, lei è abbastanza arrapante.  

  89. caramelleamare aprile 5, 2009 a 7:08 am #

    “La morte in diretta” di Bertrand Tavernier,invce omicidio in diretta del de palma è bello, anche perche c’è lui, Nicola CagataGente: vado nel campo a togliere i pali di cemento che servivano per i lamponi, cosi valdemaro poi ci passa su col tritastocchi e ci si fa un giardino come si deve.Per i lamponi state tranquilli, ne metto un filare vicino alla serra

  90. ilmarinaio aprile 5, 2009 a 8:12 am #

    E lui: “Esatto! E’ stata un’altra precisa richiesta di Diego.”preciso!  anch’io ce l’avevo visto. 

  91. andrea aprile 5, 2009 a 10:55 am #

     > io naked wild on l’ho quasi abbandonato. preferisco quasi funny etc…concettualmentenon c’è paragone, troppo meglio il primo. pero a volte è talmentesciatto che non lo reggo. invece in quell’altro c’ha una delleprotagoniste niente male.è una mora coi capelli neri e con un bel muso. ecco, lei è abbastanza arrapante.   sexy camera all’italiana è il migliore del pacchetto FX/E.le protagoniste sono veramente belle e non le solite barbie della versione originale americana, la regia è gradevole e la grafica è rifatta sul cinema trash italiano.secondo me è perfetto.

  92. acidshampoo aprile 5, 2009 a 1:47 pm #

    Naked Wild On ha una voice over insopportabile, però mi piace per il suo contesto in molti casi amatoriale (che per me è l’unico porno possibile), promiscuo, esibizionista e scambista.Comunque c’è poco da fare, quando si parla di sesso sul satellite, Caramelle ha un solo guru: QUESTO.

  93. acidshampoo aprile 5, 2009 a 1:51 pm #

    > preciso!  anch’io ce l’avevo visto.  Lo sapevo che l’avresti riconosciuto, però gli ha smussato parecchio i tratti del viso, hai notato? Alla fine è la tenuta, i baffi e i capelli che rimandano a Carotone. Tra l’altro ti consiglio di recuperare il suo terzo album, “Ciao Terresti!”Ma quest’ultimo numero t’è garbato e t’ha fatto fare la pace con Cajelli? A me Cajelli piace, però questa per me è una delle sue storie più deboli.

  94. acidshampoo aprile 5, 2009 a 3:05 pm #

    QUI il trailer di Dead Girl, un horror “morale” che pare male per niente.

  95. caramelleamare aprile 5, 2009 a 6:50 pm #

    Naked Wild On ha una voice over insopportabile, però mi piace per ilsuo contesto in molti casi amatoriale (che per me è l’unico pornopossibile), promiscuo, esibizionista e scambista.la stessa cosa vale per me, l’amatorialità e tuttoi l resto fanno la differenza. ma sempre piu spesso un po per il gia visto, un po per la voce, un po per alcune cose che dicono poco, m’annoia dopo poco. sexy camera all’italiana è il migliore del pacchetto FX/E.leprotagoniste sono veramente belle e non le solite barbie della versioneoriginale americana, la regia è gradevole e la grafica è rifatta sulcinema trash italiano. non lo vedo da tempo. devo vere in mente la versione americana che è una baggianata delle peggio.Se ci penso si, ho visto anche quella italiana e confermo che è migliore e che le ragazze sono meglio.pero si trna sempre li, manca il movente, sai che è una gag e che non c’è volonta sessuale da parte della donna, di conseguenza è un po come guardare un calendario in movimento. In piu c’ha solo che se ti impegni a immaginare che non è uno scherzo bensì una realtà amatorialeallora funziona. pero è un lavoraccio

  96. ilmarinaio aprile 5, 2009 a 7:29 pm #

    Ma quest’ultimo numero t’è garbato e t’ha fatto fare la pace conCajelli? A me Cajelli piace, però questa per me è una delle sue storiepiù deboli.ci sono diverse cose che non mi sono garbate, eddire che il tema di base (il cuore nello scrigno) mi rimaneva bene.  non ho capito bene che voleva fare la zingara, quali erano le sue motivazioni.. inoltre era più “un film d’azione” che “un film horror”.  e i film d’azione mi garbano solo quelli antiretorici, non cazzuti, realistici.  oppure quelli esagerati, supercazzuti, grotteschi. e questo invece non aveva elementio che mi pigliassero.  Insomma, resto della mia idea:  meglio Colombo che Cajelli.

  97. fox in the snow aprile 5, 2009 a 10:05 pm #

    >QUI il trailer di Dead Girl, un horror “morale” che pare male per niente.Infatti sembra interessante.

  98. Daiana aprile 5, 2009 a 10:23 pm #

    Che discorsi patetici da maschi!

  99. fox in the snow aprile 5, 2009 a 11:10 pm #

    Io li ho saltati a pie’ pari per non innervosirmi.

  100. caramelleamare aprile 7, 2009 a 4:14 pm #

    Che discorsi patetici da maschi!cioè se per voi esiste solo the sex perche si ama o si è innamorati, non è colpa nostra.quando sarete meno piatte intervenite pure e fateci sapere la vostra

  101. anfiosso aprile 8, 2009 a 10:22 am #

    Se non altro perché lei ci è già sprofondata. R.I.P. (Che schifo, comunque).

  102. acidshampoo aprile 8, 2009 a 1:38 pm #

    > Se non altro perché lei ci è già sprofondata. R.I.P. (Che schifo, comunque).Non ultimo per il fatto di esserci sprofondata volutamente (col suo show), anche se magari lei non la riteneva affatto merda, io c’ho massimo rispetto per la Goody.

  103. fox in the snow aprile 8, 2009 a 10:30 pm #

    >quando sarete meno piatte intervenite pure e fateci sapere la vostraSei te che appiattisci il discorso, almeno per quanto mi riguarda. Il non c’è sesso senza amore l’hai dedotto solo dal fatto che sono femmina, io non ti ho dato nessun indizio a riguardo.

  104. caramelleamare aprile 8, 2009 a 11:01 pm #

    Sei te che appiattisci il discorso, almeno per quanto mi riguarda. Ilnon c’è sesso senza amore l’hai dedotto solo dal fatto che sonofemmina, io non ti ho dato nessun indizio a riguardo.in realtà la cosa è molto piu semplice. intendevo piatte nel senso delle pocce. Quando vi sarete fatte delle belle pocce come dio comanda, avrete voce in capitolo cmq che c’è fox, ti brucia il culo?

  105. fox in the snow aprile 9, 2009 a 8:53 am #

    >in realtà la cosa è molto piu semplice. intendevo piatte nel senso delle pocce.Sempre per quanto mi riguarda, non mi sembra proprio. >cmq che c’è fox, ti brucia il culo?Non direi, chi mi provoca in continuazione sei tu. Però mi fai tenerezza, secondo me lo fai per attirare l’attenzione. Guarda che ti voglio bene anche quando fai la persona perbene.

  106. fox in the snow aprile 9, 2009 a 6:11 pm #

    Josh Brolin sarà nel nuovo film di Woody Allen, previsto per il 2010, insieme a Hanthony Hopkins, Naomi Watts e Antonio Banderas, e sarà anche in “Jonah Ex”, un western con John Malkovich. Mi fa piacere rivedere Brolin in un Western.

  107. fox in the snow aprile 9, 2009 a 6:26 pm #

    L’Aquila crolla e il TG1 si vanta degli ascolti che registra grazie a questo evento, qui.

  108. acidshampoo aprile 9, 2009 a 6:34 pm #

    > Josh Brolin sarà nel nuovo film di Woody Allen, previsto per il 2010,insieme a Hanthony Hopkins, Naomi Watts e Antonio Banderas, e saràanche in “Jonah Ex”, un western con John Malkovich. Mi fa piacererivedere Brolin in un Western.Tra l’altro anche i Coen stanno per girare un film western, a loro dire violentissimo. Non vedo l’ora.

  109. caramelleamare aprile 9, 2009 a 11:14 pm #

    Brolin, mi pare thomas, ha giocato nel verona forse o nel parma. svedeseNon direi, chi mi provoca in continuazione sei tu. Però mi faitenerezza, secondo me lo fai per attirare l’attenzione. Guarda che tivoglio bene anche quando fai la persona perbene.va bene, allora faccio il serio:Sei te che appiattisci il discorso, almeno per quanto mi riguarda. Ilnon c’è sesso senza amore l’hai dedotto solo dal fatto che sonofemmina, io non ti ho dato nessun indizio a riguardo.hai detto una stronzata. i discorsi fatti sull’argomento non erano ne piatti ne terra terra, ne patetici, ne giustificano un innervosimento. a meno che a una gli girino le palle a capire che puo essere dignitosissimo anche un uomo che sarà sempre attratto da molti dettagli in giro per le citta. e non solo dalla solita fica vista e rivistai discorsi piatti sono altri, hai perso un occasione per dire la tua seriamente.io ne ho dedotto l’unica cosa deducibile da quello che hai scritto. avrò sbagliato, ma non hai dato informazioni sufficienti per indirizzare chi legge nella direzione giusta. amesso che ci sia.P.S. la tenerezza tiella per occasioni migliori

  110. Daiana aprile 10, 2009 a 10:11 am #

    cioè se per voi esiste solo the sex perche si ama o si è innamoratiQuesta cosa non c’entra niente col fatto che i programmi che avete citato sono quanto di più patetico ci possa essere nella ricerca della sessualità, per me ovviamente. In rapporto mi sembra più eccitante la pubblicità del wiskas

  111. Daiana aprile 10, 2009 a 10:16 am #

    Però mi fai tenerezza, secondo me lo fai per attirare l’attenzione.Diglielo caramelle, e sò piccino!

  112. caramelleamare aprile 11, 2009 a 7:54 am #

    Questa cosa non c’entra niente col fatto che i programmi che avetecitato sono quanto di più patetico ci possa essere nella ricerca dellasessualità, per me ovviamente.prima cosa avete detto che erano i nostri discorsi ad essere patetici e non i programmi. Che quei programmi sono penosi e fra le cos peggiori mai viste credo che nessuno lo metta in discussione, ma il nostro modo di fruirne è piu che dignitoso In rapporto mi sembra più eccitante lapubblicità del wiskasok, liberissima. a questo punto pero facci un esempio di qualcosa di eccitante da vedere per te.

  113. caramelleamare aprile 11, 2009 a 8:10 am #

    la sessualità è qualcosa che trascende spesso e volentieri tutti gli altri sensi. a volte li rovescia proprio. i canoni che valgono per tutto il resto non è detto che vengano applicati o che funzionino. è una specie di pozzo nero personale dove uno puo trvare eccitante cose di nessun valore oggettivo, oppure belle, o orribili o contrarie ai propri stessi principi. Per lo meno per persone con un minimo di complessità.I motivi per cui riusciamo a trovare interessante anche quei programmi non hanno niente di patetico. io trovo piu patetico che una persona trovi eccitante solo qualcosa in linea con tutto il resto dei suoi canoni, sempre sulla stessa linea. avere sempre bisogno del massimo della dignita anche quando si parla di sborrare, culo, cazzo e fica lo capisco, ma per me è un limite e mi mancherebbe sicuramente qualcosa. almeno qui lasciamoci andare in basso quanto piu se ne ha bisogno.se non riuscite a vedere questa cosa in modo positivo è un limite vostro, nonche una lacuna che ognuno cecherà di colmare a modo suo

  114. acidshampoo aprile 11, 2009 a 1:14 pm #

    > la sessualità è qualcosa che trascende spesso e volentieri tutti glialtri sensi. a volte li rovescia proprio. i canoni che valgono pertutto il resto non è detto che vengano applicati o che funzionino. èuna specie di pozzo nero personale dove uno puo trvare eccitante cosedi nessun valore oggettivo, oppure belle, o orribili o contrarie aipropri stessi principi. Per lo meno per persone con un minimo dicomplessità.Sintesi perfetta. Se c’aggiungo una sola parola la sciupo.> ok, liberissima. a questo punto pero facci un esempio di qualcosa di eccitante da vedere per te.Corona che s’encazza.

  115. acidshampoo aprile 11, 2009 a 1:23 pm #

    > In rapporto mi sembra più eccitante la pubblicità del wiskas A te appunto. Ma qual’è il discorso? Disconosci che a qualcuno possa eccitare qualcosa o lo delegittimi?Ci dengo a dire che per me Naked Wild On è uno spettacolo deludente, ma non tanto per la voce fuori campo, ma perché comunque è patinato e perché sono quasi tutte ragazze giovani. Io vorrei vedere crociere scambiste, gangbang, cuckoldismo, incesti consenzienti, sesso fra malati di Alzheimer e sadomaso spinto. Quando va bene fanno vedere questi contest sulla spiaggia, che sarebbero ottimi, però sono parecchio plastificati e fatti per piacere a tutti.

  116. Daiana aprile 11, 2009 a 8:42 pm #

    almeno qui lasciamoci andare in basso quanto piu se ne ha bisogno.senon riuscite a vedere questa cosa in modo positivo è un limite vostro,nonche una lacuna che ognuno cecherà di colmare a modo suoSarò limitata ma non ci vedo niente di complesso o di contorto in quei programmi. A me danno la sensazione di essere la parte più banale del mondo dell’eccitazione. Le situazionei descritte da acid sono già tutt’altro.  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: