Serie TV: esordi ’07/’08

2 Nov




Fra i telefilm che hanno esordito nella scorsa stagione televisiva, Dexter e soprattutto The Riches sono state le assolute rivelazioni. Due serie che hanno sposato un piglio popolare ad una narrazione genuinamente bizzarra, autoriale e coraggiosa. Quest’anno, al contrario, nessuna nuova serie si è imposta come realmente imperdibile. Ma fra cloni dei cloni, polizieschi, sitcom fuori tempo massimo e sbarbinerie assortite, un poker di titoli spicca e merita almeno un occhio di riguardo. 



DIRTY SEXY MONEY

(NBC)



Dirty Sexy Money aveva l’ambizione di essere il nuovo Dinasty. Era stata annunciata come una serie drammatica, mentre un cambio in corsa l’ha resa una fin troppo brillante, disimpegnata e leggera (solo che di serie del genere ce ne sono di assai migliori). Peccato, se avesse rinunciato a questo aspetto cool avrebbe alzato la media anagrafica del suo pubblico, meno appetibile per i pubblicitari, ma la serie ne avrebbe decisamente guadagnato, anche grazie ad un cast davvero splendido, che comprende Peter Kraus, Donald Sutherland, Jill Clayburg e William Baldwin. Meglio i personaggi che la sceneggiatura, con snodi eccessivamente disinvolti, di altalenante qualità e da una drammatizzazione non sempre ben gestita. Il punto più alto è il personaggio del giovane prete, interpretato da Glenn Fitzgerald, talmente imperdibile che meriterebbe uno spin-off tutto per sè. 









CALIFORNICATION

(Showtime)



Duchovny nei panni di uno scrittore in crisi, sessuomane, cinico, irresponsabile, sarcastico e pieno di dipendenze. L’aura pruriginosa e vagamente maledetta di Californication ha fatto abboccare molti, così la serie sta riscuotendo un ottimo successo e fa parlare di sè. E’ più la forma che la sostanza, ma sicuramente si tratta di un prodotto vispo, ben scritto e che trova la sua perfetta dimensione in episodi veloci da ventisette minuti. Una serie più studiata a tavolino che guidata da un autore forte, da cui derivi uno stile personale e simile a nessun altro. La cosa che sorprende è che l’agente Fox Moulder appare decisamente convincente nel ruolo, per lui atipico, del protagonista. Pregevole anche il cast di contorno, compresa Natasha McHelone per una volta più che sopportabile. La serie avrà una seconda stagione.









CANE


(CBS)



Cane è un dramma sulle eterne rivalità e lotte interne di una ricca famiglia di origini cubane, che nella Florida del Sud possiede un’importante industria del rum e dello zucchero. Serie più interessante che intrigante, ben fatta ma già vista, in parte prevedibile e inchiodata da troppi paletti. D’altronde è prodotto di nicchia sì, ma comunque della generalista CBS, che non può permettersi un audience sotto ai dieci milioni. E’ per questo che il politically uncorrect appare fin troppo mainstream. Inoltre la narrazione, seppur mai mediocre, è comunque media, tendenzialmente passiva, che interessa più il “cosa” che per il “come”. Queste prime puntate saranno forse valutabili retroattivamente, se il continuo della serie rivelerà coraggio, personalità e idee originali. 









MAD MEN

(AMC)



Scritta da uno degli autori de I Soprano, è una serie drammatica ambientata nel mondo dei pubblicitari. E’ il 1960, non esistono leggi per le pari opportunità fra sessi, una donna può farsi prescrivere per undici dollari la pillola dal proprio medico e farsi trattare come una puttana, mentre se entri in un ristorante e parli col cameriere nero, un suo collega bianco viene a chiederti se questi ti ha disturbato. E’ una serie ambiziosa e raffinata, dove quello che succede è sottopelle ma mai edulcorato. Paga una certa lentezza, ma dopo le prime quattro puntate può decisamente coinvolgere. Inoltre è la proposta dell’AMC, una piccola rete che sfida i grandi network con una serie su cui sembra aver investito molto. Ma la fortuna ha arriso a Mad Men e, visto il buon successo riscontrato, è già stata confermata una seconda stagione.



Advertisements

39 Risposte to “Serie TV: esordi ’07/’08”

  1. chiara novembre 2, 2007 a 5:22 pm #

    ma queste serie Tv si vedono solo sui canali satellitari?
    P.S.qualche erroretto di ortografia, eh!!!
    a proposito si serie Tv, ieri sera ho visto gray’s anatomy…sono poche le puntate che ho seguito, ma da quando l’ho scoperta sono rimasta meravigliata ..sono solita snobbare i telefilm in genere, già solo per il fatto che ti costringono a divenirne dipendente…inchiodato ogni settimana, alla sera stabilita, davanti alla Tv o cercando disperatam un amico che ti possa registrare la puntata qualora un imprevisto non ti faccia tornare a casa per tempo.
    ma grey’s anatomy…accipicchia, rapisce, coinvolge, sono così piacevoli i personaggi perchè così umani, così veri…loro e gli eventi fanno riflettere.
    ieri però m’ha fatto stare male e sono andata a letto coi tumulti e le angosce…”morire è come sparire…qualcuno se ne accorgerà?”
    bhè…giusto per rimanere in tema di spiriti, di santi e di morti …di questi gg.
    _Chiara_
     

  2. Dillydoll novembre 2, 2007 a 11:19 pm #

    Per Californication sottotitoli rigorosamente di <a href=”http://extremesubs.netsons.org/index.php”>eXtremeSubs</a>! 😉

  3. acidshampoo novembre 3, 2007 a 10:26 am #

    Dillydoll ben trovata! Oh, ma torna a commentare anche oltre ai richiami dei (pregevoli) sottotitoli di ExtremeSubs eh! Che t’ha fatto questo bloggarello?!

  4. acidshampoo novembre 3, 2007 a 10:30 am #

    Chiara, se trovi errori ortografici segnalameli che li correggo. Ho riletto tutto ma mi sono sfuggiti ancora. I telefilm segnalati sono per ora trasmessi dalle tv americane. Con mezzi empirici e non propriamente legali, tali puntate si possono scaricare. E ci sono team italiani che le sottotitolano del giro di poche ore. Comunque quando ci si rivede ti faccio vedere un po’ di puntate pilota che meritano.Comunque se il telefilm che ha dissolto i tuoi pregiudizi è Grey’s Anatomy, ti dico: da lì non si può che migliorare. Io non lo patisco. Ma se ti dico Nip/Tuck che mi rispondi?

  5. frank novembre 3, 2007 a 10:32 am #

    Anch’io ogni tanto guardo Grey’s Anatomy, e ogni volta riporto la
    stessa impressione. Non mi piace, a partire dalla protagonista che
    trovo patetica, direi una Bridget Jones in corsia se avessi degnato
    Bridget Jones di uno sguardo. Trovo falsi come giuda i dialoghi, a vero
    uso e consumo di femminucce in perenne sconquasso ormonale, trovo che
    il “lui” della serie sia un complotto di luoghi comuni sul bello e
    impossibile come lo vedono le donne, e che in tal senso il doppiaggio
    italiano di questi due protagonisti sia perfetto.
    Ma si sa, è più facile prendere in antipatia qualcosa che ti sfiora e
    un po’ ti riguarda. La prima volta che lessi Julia ne riportai
    un’impressione simile (“chick flick” è l’espressione adatta, roba per
    titillare le donne), e in altri tempi sono stata capace di affezionarmi
    a Sex And The City, che riguardo con piacere.

  6. acidshampoo novembre 3, 2007 a 10:41 am #

    In post-produzione il primo film con la regia dell’immenso sceneggiatore Charlie Kaufman. Questo il notevole cast: http://italian.imdb.com/title/tt0383028/fullcredits#cast

  7. acidshampoo novembre 3, 2007 a 10:44 am #

    SEGNALAZIONEDa lunedì 5, supplemento a Tv Sorrisi & Canzoni, saranno date le stagioni della mitica serie televisiva del tenente Colombo. Il primo dvd sarà venduto a 5,90, e dalla settimana successiva usciranno in coppia a 12.90.

  8. lozissou novembre 3, 2007 a 3:31 pm #

    Charlie Kaufman è nato il 20 settembre ed è alto 164 cm. Ganzo!

  9. frank novembre 3, 2007 a 4:12 pm #

    >Da lunedì 5, supplemento a Tv
    Sorrisi & Canzoni, saranno date le stagioni della mitica serie
    televisiva del tenente Colombo
    Io sono una fan di Colombo, come ho già avuto occasione di dire. Peter
    Falck mi sta simpaticissimo, somiglia a mia nonna dopo l’ictus e a mio
    zio materno, le puntate sono sempre dei mini-film curatissimi, spesso i
    “cattivi” sono intriganti e simpatici e quasi sempre la loro psicologia
    è interessante. L’unico grosso difetto della serie è di avere uno
    schema così rigido – che di per sé non sarebbe un difettaccio – ma così
    rigido, che in qualunque momento della trasmissione vi sintonizziate,
    potete capire al primo sguardo chi è l’assassino: il personaggio con
    cui Colombo sta parlando in quel momento. Sempre.

  10. acidshampoo novembre 3, 2007 a 5:34 pm #

    I gialli di Colombo mi piacciono, oltre ovviamente al carisma inarrivabile del protagonista, per il fatto che l’assassino è noto fin dall’inizio e seguiamo in parallelo le sue gesta e quelle del sagace tenente. Il genere “Who dunnit?” invece m’ha sempre irritato, sembra un giochino enigmistico e svilisce la dignità che un’opera filmica dovrebbe comunque avere. Meglio le partite a Cluedo allora. Quello che non mi piace di Colombo sono invece i personaggi collaterali, fin troppo tipici e stereotipati. Ah, tra l’altro Tiziano Sclavi è un fan sfegatato della serie.

  11. Daiana novembre 3, 2007 a 5:57 pm #

    A me colombo non mi ha mai ispirato per niente. Mi ricordo che tutte le volte che ci passavo col telecomando ne fuggivo velocemente. Un pò mi dava il senso di vecchio stantio, mi immaginavo che lo guardasse la mia nonna e i suoi gusti in fatto di televisione erano pessimi e un pò non riesco proprio a tenere l’attenzione su qualsiasi cosa passi su rete4.

  12. chiara novembre 4, 2007 a 8:53 am #

    dirty sexi money:
    9°rigo “spendido”
    13°rigo “gestista”
    mad men:
    1°rigo “degli uno”
    4°rigo “prescivere”
    vado di fretta…questi sono gli erroretti che ho trovato..(tra l’altro ne ho fatti anche io nel mess scorso, lascio così?)
     
    Nip\Tuck…rimango in silenzio per assoluta ignoranza.
    grey’s anatomy…non mi ricordo però la sera che lo danno in Tv…forse il martedì o il giovedì…mi fa arrivare prestissimo alla mezzanotte, lo apprezzo anche per questo…certo, soprattutto i discorsi di grey fuori campo spesso sono un po’ patetici, ma nel complesso secondo me scorre bene e fa volare il tempo.
    e poi sembrerà stupido ma vedere tutti quei medici innamorati del proprio lavoro, che tentano strenuam di salvare le vite (o una gamba, quando non una mano…) e addirittura che tengono proprio al paziente, ci chiacchierano, si curano della loro famiglia e di eventuali problemi…sai che la realtà non è questa…ma per 2-3 ore è così coccolante per la mente.
    mi sembra che quest’estate uscì la serie in dvd di “Sex in the city” con TV SORRISI E CANZONI…presi il primo dvd che costava una sciocchezza…poi non ho saputo continuare perchè già alla seconda uscita il prezzo si alzò mi pare a 12,90 o forse a 9,90.
    anche “sex in the city” è piacevole, scorre e diverte.
    devo proprio andare.
    buona domenica a tutti.
    _Chiara_
     

  13. acidshampoo novembre 4, 2007 a 1:20 pm #

    > mi sembra che quest’estate uscì la serie in dvd di “Sex in the city” con TV SORRISI E CANZONI…presi il primo dvd che costava una sciocchezza…poi non ho saputo continuare perchè già alla seconda uscita il prezzo si alzò mi pare a 12,90 o forse a 9,90.No no, ti sbagli. Il primo dvd era dato a 5.90 più il prezzo del giornale. Dalla seconda uscita erano sì a 12,90, ma ne davano ben 2 alla volta e non dovevi pagare il giornale. Quindi il prezzo era anche minore. Questa la politica di Tv Sorrisi & Canzoni per i dvd delle serie tv (che io ho fatto tutte).

  14. Rouge novembre 4, 2007 a 3:00 pm #

    Avete visto ieri sera il ritorno in tv di Luttazzi?FENOMENALE!

  15. acidshampoo novembre 4, 2007 a 3:18 pm #

    Occazzo, ero convinto che Decameron di Luttazzi fosse in tv dal 10 novembre! Devo recuperarmelo in qualche modo.Ma senti, alla vigilia lui ha detto “non offenderò nessuno”. Penso scherzasse, ma te lo chiedo: è stato caustico come al suo solito? Il mio credo per Luttazzi è a dir poco assoluto, come musicista e come artista della satira.

  16. Rouge novembre 5, 2007 a 12:19 am #

    Guarda Gori, non ha risparmiato niente e nessuno… ti sarebbe piaciuto. L’ho registrato in videocassetta, sapessi come travasarlo sul pc lo metteri su YouTube

  17. chiara novembre 5, 2007 a 8:38 am #

    dalla videocassetta si può mettere su youTube?!?
    mannaggia!
    anche io ho visto decameron…il problema è che la seconda serata non la reggo e infatti dopo una mezz’oretta abbondante gli occhi mi si sono chiusi…
    quindi, se potessi rivedrei volentierissimo la puntata.
    cmq è vero, all’inizio non ha risparmiato niente e nessuno, ha fatto quel monologo tutto d’un fiato…ma Luttazzi è un grande, in assoluto!
    se mi sono addormentata è solo perchè ad una certa ora gli occhi mi si chiudono meccanicam…è una maledizione!
    _Chiara_

  18. frank novembre 5, 2007 a 7:16 pm #

    >Avete visto ieri sera il ritorno in tv di Luttazzi?FENOMENALE!
    Come no! E’ stato spettacolare. Credo che sia verosimile che gli
    abbiano data carta bianca, e col cavolo che è stato inoffensivo. E’
    stato mozzafiato, e gli anni di astinenza mi hanno indotto
    un’attenzione totale a tutta la trasmissione.
    Un riassunto efficace l’hanno fatto sul solito (buon) rainews24.it. Eccolo qua:
    ——————-
    Roma | 4 novembre 2007

    Il ritorno dell”epurato” Luttazzi in tv

    Daniele Luttazzi

    Critiche e ironia a 360 gradi nel ritorno in televisione del comico Daniele
    Luttazzi nella trasmissione Decameron in onda ieri sera su La Sette.
    Daniele Luttazzi riparte dall’ ‘Editto bulgaro’ e da un affondo contro
    il governo Prodi. Le prime immagini del programma sono state infatti quelle
    dell’aprile 2002, con cui l’allora premier, Silvio Berlusconi accuso’ lo stesso
    Luttazzi, insieme a Biagi e a Santoro, di “uso criminoso” della tv, di fatto poi
    causandone l’allontanamento dagli schermi Rai. Una pernacchia ha suggellato il
    filmato.   Subito dopo, la sigla del programma e un monologo
    al vetriolo dell’attore, in piedi su un enorme tavolo di plexiglas. “Pensate –
    ha esordito Luttazzi – e’ gia’ passato un minuto e siamo ancora in onda. Chi
    l’avrebbe detto? In questi anni mi sono chiesto perche’ sia rimasto lontano
    dalla tv. Poi l’ho scoperto: la colpa era del mio agente, Bin Laden. Chissa’
    perche’ in questi anni Bin Laden e’ andato in video, io no”. Della Rai, ha
    aggiunto, “l’unica cosa che mi manca sono i grattini di Lilli Gruber sulla
    schiena”.   Se ‘politica, sesso, religione e morte’ e’ il
    sottotitolo del programma, il primo affondo di Luttazzi e’ stato contro il
    governo Prodi. “Mi chiedono perche’ ho votato centrosinistra: perche’ avevo ben
    presente la squallida alternativa”. Poi la lunga lista di “tutte le cose che non
    mi piacciono per niente del governo in carica: innanzitutto non ha cancellato la
    legge 30, che ha generato il fenomeno enorme della precarieta’… Non e’
    democrazia se non te la puoi permettere. Ragazzi, datevi da fare, perche’ con la
    balla della flessibilita’ ve lo stanno mettendo nel c…”.   
    Al governo Luttazzi ha rimproverato anche “di non aver cancellato tutte
    le leggi vergogna di Berlusconi. Ora vogliono ripristinare il reato di falso in
    bilancio, ma e’ come dire: ‘Berlusconi e’ uscito dal recinto, chiudi pure’. Non
    c’e’ ancora – ha aggiunto l’attore – una legge sul conflitto di interessi: c’e’
    la proposta di Violante, ma se sara’ approvata Berlusconi potra’ tranquillamente
    venire eletto ancora e poi decidere se rinunciare all’incarico o affidare le
    proprie aziende a un blind trust o, ma evidentemente non ci hanno pensato, farsi
    una legge che cancella la legge Violante”.   Nel mirino di
    Luttazzi, anche il disegno di legge Gentiloni di riforma della tv: “Non mi piace
    perche’ non permettera’ la nascita di un terzo polo generalista e per l’ennesima
    volta lascera’ intatto l’esistente”. Poi l’affondo contro il ministro della
    Giustizia Clemente Mastella: “Se lo avessero detto prima delle elezioni che lo
    avrebbero fatto Guardasigilli, vinceva Berlusconi”. Le critiche dell’attore
    hanno colpito in particolare la legge sull’indulto: “piuttosto – ha detto –
    tiriamo fuori i tossicodipendenti, legalizziamo le droghe e facciamo nuove
    carceri che siano davvero luoghi di recupero”.     
    Nell’elenco di Luttazzi anche “la legge razzista Bossi-Fini, con i
    centri di permanenza temporanea che sono luoghi disumani e vanno chiusi” e il
    recente pacchetto sicurezza, “che in parte obbedisce a una logica repressiva e
    penalizza i piu’ deboli senza risolvere il problema. Quella accaduta a Roma – ha
    aggiunto, riferendosi all’omicidio di Giovanna Reggiani – e’ stata una tragedia
    insensata e straziante. Ai familiari va il nostro cordoglio e il ringraziamento
    per aver dato un grande esempio di civilta’ con la richiesta di evitare
    strumentalizzazioni. In Italia il 75% dei delitti contro le donne e’ compiuto da
    italiani. Conosco albanesi, macedoni e romeni che sono persone
    squisite”.   Gli strali di Luttazzi si sono poi abbattuti
    sulla Rai: “Da cinque anni non fa piu’ programmi di satira e la qualita’ si e’
    decisamente abbassata. Ora i programmi Rai che si vedono sono quelli che sceglie
    il cane pestando il telecomando. Dire che la Rai e’ in crisi e’ come dire che
    sul Titanic c’era un rubinetto che perdeva”. Poi uno sketch in cui Luttazzi ha
    invitato un finto presidente di viale Mazzini Claudio Petruccioli, impersonato
    da un bambino con tanto di barba. “Che novita’ ci sono nel palinsesto Rai?” gli
    ha chiesto. E la risposta e’ stata: “Conosco solo i programmi fino alle 21.30
    perche’ poi devo andare a letto”.   Altro bersaglio il
    Vaticano, al centro di una scenetta ambientata nell’antica Grecia, in un
    immaginario dialogo tra sofisti: “I preti che molestano i bambini vanno
    all’inferno? No, vanno a Los Angeles, dove la diocesi ha sborsato 660 milioni di
    dollari per risarcire le vittime. Il Vaticano e’ quello che non paga le tasse,
    la Chiesa cattolica e’ quella che incassa l’8 per mille. La pedofilia tocca solo
    alle chiese locali”.Daniele Luttazzi aveva aperto con l’ ‘Editto
    bulgaro’ e ha chiuso il programma tornando sulla vicenda della sua ‘epurazione’
    legata in particolare a un’intervista a Marco Travaglio sul libro ‘L’odore dei
    soldi’, andata in onda nel maggio 2001 nell’ambito del programma Satyricon:
    “Berlusconi, Mediaset, Fininvest e Forza Italia – ha ricordato l’attore –
    volevano 41 miliardi di danni, ma ho vinto io. Vaffa… Per la Magistratura le
    mie domande erano continenti e le risposte di Travaglio basate su fatti veri e
    documentati. Ho fatto semplicemente delle domande e in democrazia le domande
    sono lecite. Piuttosto e’ grave magari nascondere le risposte. Quell’intervista
    potrebbe essere ritrasmessa cosi’ com’e’ dalla Rai, ma col cavolo che lo fanno”.
    —————–
    Se proprio vogliamo trovare il pelo nell’uovo (ma io non voglio) la
    cosa si è ammosciata solo negli inserti recitati da altri, quelli
    affidati ai 4 filosofi che discutono sullo scandalo dei preti pedofili,
    e quelli affidati alle attrici. Ma chi se ne frega.
    Ora che ci penso, oltre al titolo, “Decameron” ha qualcosa che mi
    ricorda Pasolini regista: avete presente quando quei dieci personaggi
    camminano dietro a Luttazzi su un prato? Ecco, quella per me è
    Pasolini. Ma solo perché non l’ho capita.

  19. frank novembre 5, 2007 a 7:19 pm #

    Certo che ormai qui va ai maiali tutto: formattazione dei commenti,
    foto, accapo, link… Che dicono in redazione Leonardo, non si può fare
    niente?

  20. frank novembre 5, 2007 a 7:23 pm #

    Mentre in p2p si moltiplicano le versioni di Decameron reperibili, qui si può vedere l’inizio:
    http://www.la7.it/intrattenimento/dettaglio.asp?prop=decameron

  21. infrarosa novembre 5, 2007 a 10:24 pm #

    che spettacolooooo lo voglio vedere anche io!!!! voi linkate mi raccomando

  22. frank novembre 6, 2007 a 9:37 am #

    Restando in tema, è morto Enzo Biagi.
    Aveva una certa età, e per nostra fortuna ha lasciato chilometri di
    scritti lucidi e intelligenti dietro di sé. Quando parlava, mi pareva
    uno di quei galantuomini del Giornalismo come ormai non ne vedo più.
    La vera nota amara è constatare che buona parte dei suoi ultimi anni li
    ha dovuti spendere lontano dalla televisione, per colpa del solito
    mitico editto bulgaro, e quando è tornato ne aveva ancora tante di cose
    sensate da dire, e chissà quante ce ne siamo perse in quegli anni di
    buio.

  23. il parra novembre 6, 2007 a 9:37 am #

    Ma… Luttazzi farà satira anche su Telecom? Ricordiamo che è Telecom è proprietaria de La 7.

  24. frank novembre 6, 2007 a 9:41 am #

    >Ma… Luttazzi farà satira anche su Telecom? Ricordiamo che è Telecom è proprietaria de La 7.
    Conoscendo il tipo, mi stupirei che se ne facesse un problema. Ho
    sentito più volte il direttore della rete dire “avrà totale carta
    bianca” e “non ho idea di cosa farà”. Stiamo a vedere.

  25. pepita novembre 6, 2007 a 10:49 am #

    > Restando in tema, è morto Enzo Biagi.Cazzarola, ci son rimasta malissimo. Da piccola era il mio mito, con quell’aria da nonno buono e il cervello sempre al galoppo. Io lo guardavo e volevo diventare giornalista come lui.
    Poi la mamma mi ha scoraggiata facendomi credere che col tempo mi sarebbe venuta la sua faccia da gufo…
    Grande uomo, comunque.

  26. ilmarinaio novembre 6, 2007 a 11:13 am #

    > Restando in tema, è morto Enzo Biagi.una cosa intelligente l’ha detta la mi’mamma:  chissà se Berlusconi avrà la faccia tosta di andare al funerale.

  27. acidshampoo novembre 6, 2007 a 12:43 pm #

    Biagi non lo seguivo, ma quando lo incrociavo mi garbava sempre. Io ho letto pochissimi libri, ma il primo in assoluto che lessi era uno suo. Era il 1987 e avevo una insana passione per l’AIDS, così mi feci comprare il libro-reportage di Biagi “Il Sole Malato”. Il secondo libro invece fu “Il Manovale Del Bravo Presentatore” di Nino Frassica.

  28. acidshampoo novembre 6, 2007 a 12:48 pm #

    > Certo che ormai qui va ai maiali tutto: formattazione dei commenti, foto, accapo, link… Che dicono in redazione Leonardo, non si può fare niente?Le ultime innovazioni sostanziali sono di un anno e mezzo fa, quando furono aggiunti alcuni template. Poi più niente di realmente percepibile per i blogger e i visitatori. E io che vorrei che rimettessero almeno questa barra dei commenti così com’era, mentre hanno detto che hanno tolto diverse opzioni a causa dello spamming. Poi ai tempi dissero che sarebbe stata implementato anche un template personalizzabile, con la possibilità di inserirci radio, sondaggi e tutti i plug-in spettacolari che si trovano in giro. Io ancora aspetto fiducioso.

  29. infrarosa novembre 6, 2007 a 1:07 pm #

    senza retorica, secondo me Biagi era un signore.

  30. infrarosa novembre 7, 2007 a 1:52 am #

    gori, conosci “boston legal”, ne hai già parlato qui, o me lo sono perso?

  31. acidshampoo novembre 7, 2007 a 2:14 am #

    Sì Infrarosa, ma non mi piace per niente. L’ho guardato un po’ solo per Rhona Mitra, l’indimenticabile Kit McGrow della terza serie di Nip/Tuck. Tra l’altro nella prima serie di Boston Legal c’è l’attrice Lake Bell (anche in Surface) che secondo me assomiglia un po’ alla Daiana.

  32. infrarosa novembre 7, 2007 a 10:35 am #

    premetto che non l’ho mai visto e non ne so nulla. perché non ti piace?

  33. acidshampoo novembre 7, 2007 a 2:11 pm #

    Perchè lo trovo commerciale, di consumo, senza nessuno stile, già visto, esattamente come la maggior parte dei telefilm in onda su canali in chiaro.Fra tutte le serie in corso, per me le uniche imperdibili sono:Nip/TuckRescue MeThe RichesDexterBig LoveDesperate HousewivesMy Name Is EarlPrison BreakMad MenSouth Park

  34. infrarosa novembre 7, 2007 a 3:26 pm #

    …….le uniche!!!!!!!!!!!!!!

  35. acidshampoo novembre 7, 2007 a 3:46 pm #

    > …….le uniche!!!!!!!!!!!!!!Perchè? Ti sembrano tante? Guarda che sono meno di 1/10 rispetto all’offerta delle tv americane in fatto di telefilm.

  36. Daiana novembre 8, 2007 a 2:37 pm #

    Lake Bell (anche in Surface) che secondo me assomiglia un po’ alla Daiana.Secondo me però io sono meglio…

  37. caramelleamare novembre 8, 2007 a 9:47 pm #

    fra queste serie so indietro solo con mad men che lo devo iniziare, big love di una stagione e south park che n’ho viste tante ma non con regolarità come meriterebbe.ma gori, la seconda stagione dei riches!? quando parte?

  38. acidshampoo novembre 8, 2007 a 10:47 pm #

    La seconda stagione di The Riches dovrebbe partire a marzo. PERO’ – perchè c’è un però – quest’anno è possibile che nessuna serie televisiva uscirà indenne dallo sciopero degli sceneggiatori, iniziato lunedì scorso e che potrebbe prolungarsi (nel 1988 durò 22 settimane!). I network televisivi stanno tremando e i palinsesti sono in eterno divenire. Per dirti: a sorpresa, Prison Break si interromperà la settimana prossima, per riprendere a febbraio con altri episodi fino al raggiungimento di appena 13 (se lo sciopero continuasse), perchè fino ad ora sono quelli che sono stati scritti. Una mini-season praticamente, sorte che potrebbe toccare anche ad altre serie che erano ancora in fase di scrittura e che hanno subito uno stop causa sciopero.Per vedere a che punto è la scrittura delle puntate delle varie serie, ti rimando a questo link fondamentale, con la speranza che questo sciopero finisca presto o sarà un bel casino:http://www.latimes.com/business/la-striketvgrid-html,0,7606966.htmlstory?coll=la-home-centerCosa vogliono gli sceneggiatori è presto detto: avere un compenso anche sulle repliche dei loro telefilm e sull’uscita in home-video. Mi pare cosa buona e giusta!

  39. caramelleamare novembre 9, 2007 a 10:02 am #

    Cosa vogliono gli sceneggiatori è presto detto: avere un compenso anche
    sulle repliche dei loro telefilm e sull’uscita in home-video. Mi pare
    cosa buona e giusta!giustissima. e complimenti per le recensioni che come te non le fa nessuno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: