Flash!

2 Lug

 FLASH!





delitti del pentagramma

nella dolce vita insanguinata

tutti i particolari in cronaca

tutti gli uomini di evelyn

svelati i colori del buio

dodici gigli per un’assassina

cento righe per i suoi segreti

sorridi evelyn

guarda in camera

fatale bocca di lucertola

vivo all’ombra di un rotocalco

disperatamente tuo

Advertisements

19 Risposte to “Flash!”

  1. frank luglio 2, 2007 a 2:50 pm #

    Ma come siamo noir oggi… e come siamo glam… quando ho letto il verso “nella dolce vita insanguinata” mi è venuto in mente il mistero della morte di Wilma Montesi, magistralmente raccontato da Lucarelli e efficacemente dettagliato qui <http://www.misteriditalia.com/altri-misteri/montesi/&gt;…

  2. Daiana luglio 3, 2007 a 11:30 am #

    Io non c’ho capito niente. Ma chi è questa evelyn!? Quale rotocalco?! Quale assassina!? Però… avvincente!

  3. caramelleamare luglio 3, 2007 a 11:31 am #

    gente io alla poesia non c’arrivo. nel senso che non la capisco proprio, mai, nessuna. ma che senso hanno le poesie? a che servono?ciao

  4. frank luglio 3, 2007 a 6:20 pm #

    Eh ma caramelle caro una poesia è come un rito d’iniziazione… tu stai
    al gioco deciso da qualcuno più anziano di te, che dice cose che forse
    ma forse in astratto hanno senso, e quando finalmente fai finta di
    capire e di rispondere a tono è fatta, sei massone. Il guaio semmai è
    quando fingono di dirti per finta di fingere di uccidere qualcuno per
    finta.
    Fai come me, prendi un verso a caso e fai finta che ti evochi qualcosa. Essendo arte, qualunque cosa va bene.

  5. mato luglio 3, 2007 a 7:24 pm #

    potrebbe essere benissimo il testo di una canzone dei baustelle (e sarebbe uno dei miei testi preferiti dei baustelle)..

  6. ilmarinaio luglio 3, 2007 a 8:41 pm #

    potrebbe essere il trailer di un film..  un film che  abbia qualcosa dell’atmosfera di Quo vadis, baby?

  7. frank luglio 4, 2007 a 9:46 am #

    Vedi caramelle, Mato e Il Marinaio hanno capito il trucco in pieno…
    (Acidshampoo sto scherzando, non sminuendo la poesia)

  8. caramelleamare luglio 4, 2007 a 11:35 am #

    ah ho capito…potrebbe essere la pubblicita del domopak, ma non un domopak normale, il mio domopak  preferito

  9. kreisky luglio 4, 2007 a 1:09 pm #

    salve! totalmente fuori sincrono, ma l’ultimo Brodolini è proprio sadicissimo e esilarante, leggevo soffrivo e ridevo.
    ciao

  10. Tamika luglio 4, 2007 a 3:08 pm #

    Dinanzi a versi ispirati, “il tacere è bello”… ma non è da me! Domande. Per rivelare a me dettagli e a te la mia ignoranza. C’entra qualcosa Mervyn LeRoy? E Maxwell Anderson prima di lui? E William March prima di tutti?
    Temo di no… ma la miccia della mia curiosità ormai è accesa. C’entri qualcosa o meno, sono ormai a caccia de Il Giglio Nero.
    Grazie per questa Nuova Ossessione!

  11. acidshampoo luglio 4, 2007 a 7:09 pm #

    Tamika, se sono scrittori quelli che citi, caschi male. O meglio: casco male io, perchè i libri che ho letto in 29 anni saranno appena una decina. E ce ne includo anche qualcuno di quelli dei comici della Baldini & Castoldi, nonchè Il Libro Delle Domande di Gregory Stock, letto per il fatto che era corto ma però rilegato. Le mie uniche suggestioni arrivano se mai dal giallo all’italiana anni ’70. Non quello scritto, ma quello visto al cinema. Che io Evelyn me la figuro come la Florinda Bolkan di Indagine Su Un Cittadino Al Di Sopra Di Ogni Sospetto, anche se lì l’assassino era il Giamma. Oh Tamika, benvenuta sullo Sgargabonzi!

  12. acidshampoo luglio 4, 2007 a 7:10 pm #

    > salve! totalmente fuori sincrono, ma l’ultimo Brodolini è proprio sadicissimo e esilarante, leggevo soffrivo e ridevo. ciaoGrazie Kreiskey! Occhio che c’ho in mente un Brodolini A Parigi che mi dovrai supervisionare.

  13. acidshampoo luglio 4, 2007 a 7:11 pm #

    > potrebbe essere benissimo il testo di una canzone dei baustelle (e sarebbe uno dei miei testi preferiti dei baustelle)..Ecco Mato, a parte il fatto che non miro a tanto, ma sappi che non potevi farmi complimento migliore!

  14. Tamika luglio 6, 2007 a 5:19 pm #

    Rieccomi! Carissimo, i tre loschi figuri da me incautamente menzionati sono – nell’ordine – un regista, un drammaturgo e un romanziere! C’era una volta uno scrittore, che congegnò un crimine di tragica purezza e decise di serbarne memoria imprimendone l’orma inquietante su pagine bianche. C’era due volte un drammaturgo, che – folgorato dall’immagine mentale che il rilevamento di tale orma gli tratteggiò sul retro della retina – decise di sostituire quelle pagine col legno ed il broccato di un vecchio palcoscenico. C’era tre volte un cineasta – cresciuto all’ombra di tali bizzarre ossessioni – che, seduto sulla sua seggiola pieghevole, insegnava a una bambina di otto anni come uccidere senza perdere un briciolo di candore. E quattro volte dopo ci sono io. Curiosa ed insaziabile.
    Scusa il fraintendimento. E grazie dell’accoglienza. Ora “passo (a leggere) Paperino” (un-due-tre)!

  15. acidshampoo luglio 7, 2007 a 2:50 pm #

    Tamika, dei tre loschi figuri che citi io preferisco la terza fiera: “una lonza leggiera e presta molto”. Vabbè, reminiscenze delle scuole medie. Com’è che si chiamava l’autore? Aveva un nome tipo Alghero o Alighiero e scrisse questa commedia brillante sul tema degli zombi, diviso in inferno, paradiso e limbo.Comunque secondo me, se anche non c’ho messo del buono in questa poesia, ce l’hai messo te con questa dietrologia, sicchè ti ringrazio.Però sappi che C’Era Una Volta In America resta un film di merda e non accetto opinioni contrarie!

  16. lukes luglio 11, 2007 a 11:57 am #

    Come sempre, queste tue poesie piacciono, ultimamente più dei post.. ma sono in fase trascendentale… uhm… viaggio in India? potrebbe aiutarmi….

  17. Daiana luglio 12, 2007 a 1:09 pm #

    ” viaggio in India? potrebbe aiutarmi….”
     mmmm conosco uno che è appena tornato da un viaggio in india durato sei mesi. Diceva di andare a cercare una spiritualità perduta e invece sono gli indiani ad aver trovato lui: il suo borsello, i suoi documenti, le sue carte. Dice che si sente parecchio più spirituale ora, al sicuro nella sua cameretta si può trascendere quanto ci pare.

  18. lukes luglio 13, 2007 a 12:16 pm #

    Mi ha già aiutato direi… nella mia mente ho già fatto quel viaggio…. bene Riccione?

  19. acidshampoo luglio 19, 2007 a 8:37 am #

    > Come sempre, queste tue poesie piacciono, ultimamente più dei post.. ma sono in fase trascendentale… uhm… viaggio in India? potrebbe aiutarmi…. Ahia… anche perchè di poesie non ne scrivevo da un pazzo! Comunque io sono stato in India e l’ho trovata deludente: è come Perugia, solo grande il doppio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: