Un anno al brucio!

31 Dic
Hello galli!
Vi rullo sul papiro per augurarvi un anno nuovo al brucio a tutti quanti, dai burghini ai geronti. Vorrei fonarvi per swattarvelo di persona, ma non ho gettone. L’anno che tira le cuoia per me è stato veramente un anno del calfort. Ero fuori di cotenna per una sfitty iperwere di Lambrate very very arrapation conosciuta al Carisma. L’ho slumata su Wild Boys e le ho fatto il vinavil per ore, tanto che me la stavo intagliando very original. Alla fine ha talmente capitolato al mio ipertacchinaggio che mi ha appiovrato lei. Diceva che amava l’uomo cedro, ma puffoso al momento giusto, ma però senza esagerare! Così ci siamo inforrati sulla mia Zundapp 175 e abbiamo manzito come ricci. Poi la memory mi tradisce, ricordo solo che mi ha passato la Big Babol e poi mi sono svegliato ore dopo in un sottoscala in San Babila, solo come un bulldog e very very nudo. Ero stato privato dei jeans Americanino, la felpa Best Company, il Moncler d’ordinanza, le Timberland nuove di pacca, i calzini Burlington a rombi, il tic-tac Scuba Swatch e la cassetta degli Spandau. Che momento ram! Ma la cosa che mi ha cipponato di più è stata la mancanza di un rene dalla mia attrezzatura biologica. In compenso ho guadagnato una candida albicans very very menosa, che prego San Charro non sia segno di una paccosissima HIV. Caule, la tipa mi fondeva la calotta cranica e mi son lasciato fregare come un amburghese! Dovevo avere più genza! E’ stata davvero una Pearl Harbour!
Ma quel che è peggio è che ho rivisto giorni dopo la sfitty all’asfittico Leonca, tutta vestita Upim e appiovrata ad un cinese gaggio. Caule, era una cinghios in borghese! Troooppo tapira! Vai a fidarti delle sfitinzie di Lambrate.
Meditate galli, meditate.

Un 1987 al brucio per tutti!

Alessandro Gori
Annunci

69 Risposte to “Un anno al brucio!”

  1. infrarosa dicembre 31, 2006 a 3:54 am #

    doppio wow e triplo wow! ma siamo fuori? questo post griffato alex gori è mondiale raga, fa schizzare al brucio!

  2. Nicola dicembre 31, 2006 a 11:10 am #

    Ok. Questo post m’è piaciuto da matti, e come non poteva piacermi! Ottimo Gori.

  3. caramelleamare dicembre 31, 2006 a 11:47 am #

    un capolavoro. non sapevoche il paninaro fosse un linguaggio cosi autonomo e completo. credevo si limitasse solo a qualche parola gergale.ma la cosa piu bella del post è che ora la blimunda ce lo spiega. gia gori, la blimunda che spiega quello che riece a capire di quel che hai scritto, potrebbe essere un altro post.

  4. Oleandro dicembre 31, 2006 a 12:00 pm #

    Ué Africa! Cos’é che vuoi té?!
    Questo pezzo è troppo avaaanti!

  5. Dillydoll dicembre 31, 2006 a 12:27 pm #

    Bellissimo! Nonmpotevi chiudere un anno di blog meglio di così!
    Tanti auguri per il 2007 a tutti!
    ps. se stasera capiti a Firenze, telefonami!

  6. DEATH 13 dicembre 31, 2006 a 1:20 pm #

    PER UN ULTIMO OOOOK
    ALEX GORI DJ……
    AUGUNI GOFFI E SLABBRI A TODOS……
    SVALVOLO….
    MARRAXXXX CONTROL ALT CANC

  7. frank dicembre 31, 2006 a 1:38 pm #

    Medito, Acid, medito. Sul 2007, sul 1987, sul grunge (che non ha
    prodotto gerghi credo), sulle aspettative, sull’avere 28,5 anni senza
    un manuale d’uso… Sulla labilità dell’essere e del suo equilibrio…
    Buon Passaggio d’Anno a tutti, e un 2007 decente.

  8. maryann dicembre 31, 2006 a 1:44 pm #

    Tutta questa cuktura su siffatto gergo merita davvero apprezzamenti. Alle spalle anni di militanza nei paninari, si suppone.
    Auguri a tutti, se siete ariete avrete un 2007 da “sballo”, altrimenti aspettate il 2008. 

  9. Bracco dicembre 31, 2006 a 2:55 pm #

    Ragazzi..io alla Upim ci compro i calzini a righe…Bel post acid!! E ilo cinese che ne pensa?Auguroni a tutti quelli che credono all’arrivo della Befana!Sono io la Befana.

  10. Blimunda dicembre 31, 2006 a 3:26 pm #

    Bellissimo post, Gori, penso sia IL CAPOLAVORO. Sensibile, inteligente, onesto, integro, comico, divertente, drammatico, un po’ teatrale, riflessivo, saggio, creativo, profondo, spirituale, profano. Insomma, una cosa così non ho mai trovato nella mia vasta esperienza litterale.Cacarelli, penso userò la tua idea per il post.

  11. M.Sturbation dicembre 31, 2006 a 4:02 pm #

    Alex!
    Figa,bel post,da cuccare alla stragrande,ma se il Daddy ti taglia i fondi sei on the road…
    (…e niente Cortina quel troione della Titty…)

  12. infrarosa dicembre 31, 2006 a 4:37 pm #

    frank: 28,5 anni senza un manuale d’uso… non illuderti, perché tra poche ore a MILLESIMO saranno ben-bentinueve, e lì te voglio! anzi: ci voglio!

  13. acidshampoo dicembre 31, 2006 a 4:38 pm #

    M.Sturbation carissimo, ti consiglio la visione di Vita Smeralda (di Jerry Calà) dove il nostro Guido “Cummenda” Nicheli fa una rentrée straordinaria nel ruolo del capitano di uno yacht.Tra l’altro la chicca di quel film sono certi scorci del Billionaire filmati addirittura col cellulare e inseriti bellamente nel film in post-produzione. Mi sa che gli era venuto corto e però non c’avevano più pellicola. Roba da matti.

  14. acidshampoo dicembre 31, 2006 a 4:39 pm #

    > Cacarelli, penso userò la tua idea per il post. Non volevo dirlo, ma sarebbe spettacolare. Occhio che ci conto eh! Ci conto?

  15. acidshampoo dicembre 31, 2006 a 4:42 pm #

    > Ragazzi..io alla Upim ci compro i calzini a righe…Io alla Upim ci vado a ravanare fra la roba audio-video in offerta.Tra l’altro ci persi il cd di Mauro Repetto, Zucchero Filato Nero. Alle superiori non me lo filai anche se era in una cesta delle offerte. C’avevo pochi soldi e ne comprai uno degli Aeroplani Italiani. Ora l’ottimo Junkpuppet me l’ha fatto conoscere e mi girano troppo i coglioni non averlo in originale.

  16. acidshampoo dicembre 31, 2006 a 4:50 pm #

    > Alle spalle anni di militanza nei paninari, si suppone.
    Ebbene sì Maryann, dopo anni di piombo passati chiusi in casa, era ora che noi giovani borghesi avessimo la nostra brava legittimazione.Ti consiglio una perla: l’ermetica canzone Paninaro dei Pet Shop Boys.Questo il testo:PANINAROPassion and love, sex, money,Violence, religion, injustice, deathPaninaro, paninaro, oh oh ohGirls, boys, arts, pleasureGirls, boys, arts, pleasurePaninaro, paninaro, oh oh ohFood, cars, travel, food, cars, travel, travel(travel travel)New york, new york, new york,New yorkPaninaro, paninaro, oh oh ohArmani, armani, a-a-armani, versace, cinquePaninaro, paninaro, oh oh ohPaninaro, paninaro, oh oh ohArmani, armani, a-a-armani, versace, cinquePaninaro (ro ro), paninaro, oh oh oh (oh)Paninaro (ro ro), paninaro, oh oh oh (oh)(I dont like country & western.I dont like rock music.Ehm, I dont like, I dont like rockabilly.- rocknroll in particular -I dont like much, really, do i? [laugh]But what I do like, I love passionately)Paninaro, paninaro, oh oh ohPaninaro, paninaro, oh oh ohPaninaro, paninaro, oh oh ohPaninaro, paninaro, oh oh ohYou! youre my lover,Youre my hope, youre my dreams, my lifeMy passion, my love, my sex, my money,Violence, religion, injustice and deathPaninaro, paninaro, oh oh ohPaninaro, paninaro, oh oh ohPaninaro, paninaro, oh oh ohPaninaro, paninaro, oh oh ohPaninaro, (I dont like much, really, do i? )Paninaro, oh oh ohPaninaro, paninaro, oh oh ohPaninaro, paninaro, oh oh ohPaninaro, (but what I do like, I love passionately)Paninaro, oh oh ohPaninaro, paninaro, oh oh ohPaninaro, paninaro, oh oh ohPaninaro, oh oh oh

  17. acidshampoo dicembre 31, 2006 a 4:52 pm #

    > ps. se stasera capiti a Firenze, telefonami!Purtroppo mi sono beccato la febbra proprio per capodanno e quindi starò in zona, probabilmente chiotto a casina mia. Comunque buon anno, carissima!

  18. maryann dicembre 31, 2006 a 5:36 pm #

    Un testo con contenuti più intensi della sigla del tg Uno. Grazie della perla, la conserverò tra le cose più care.

  19. ilmarinaio dicembre 31, 2006 a 6:11 pm #

    ma te Gori devi scrivere in paninarese un romanzo serio,
    esistenzialista, intorno alle 300 pagine..  in cui un
    narratore-protagonista affronta vicende varie, serie, ma tutte filtrate
    attraverso il suo linguaggio, che è il suo modo di vedere il
    mondo.  non so neanche quale potrebbe essere il titolo:  io
    come tutti i cinghios non parlo il gallo-idioma.  forse “La
    coscienza di Simon Le Bon”.

  20. Puzza87 dicembre 31, 2006 a 7:17 pm #

    Stima socio, sto pezzo mi rulla un cifro e mezzo. Ke poi i paninari nn scrivono sui blogs, quindi sdraiami un panollo e una pinta e stai manzo.Ci si bekka il prox anno, divertitevi, devastatevi, mbriacatevi, lumate, pasturate, sbrindellate, sbarellate, ma restate vivi per raccontarlo!

  21. acidshampoo dicembre 31, 2006 a 7:25 pm #

    > Un testo con contenuti più intensi della sigla del tg Uno. Eh ma occhio che il palinsesto generalista spesso non lesina in sorprese. Pensa a One Of These Days dei Pink Floyd (dall’album “Meddle”), sigla nientemeno che di Dribbling.

  22. acidshampoo dicembre 31, 2006 a 7:29 pm #

    > ma te Gori devi scrivere in paninarese un romanzo serio, esistenzialista, intorno alle 300 pagine..  in cui un narratore-protagonista affronta vicende varie, serie, ma tutte filtrate attraverso il suo linguaggio, che è il suo modo di vedere il mondo.  non so neanche quale potrebbe essere il titolo:  io come tutti i cinghios non parlo il gallo-idioma.  forse “La coscienza di Simon Le Bon”.E che non c’avevo pensato. Qualcosa tipo “Lettera di D’Annunzio alla madre di un ragazzo morente”, però tutta rivista in paninaro. Ci starebbe tutto e penso che anche D’Annunzio approverebbe, perchè se fosse nato nel ’70, il decennio dopo sarebbe stato un paninaro di sicuro. Ma proprio uno dei peggio. E tu dimmi se non è paninara la Rinascente in piazza Duomo, a cui lui dette in nome.

  23. acidshampoo dicembre 31, 2006 a 7:32 pm #

    > Ci si bekka il prox anno, divertitevi, devastatevi, mbriacatevi, lumate, pasturate, sbrindellate, sbarellate, ma restate vivi per raccontarlo!Puzza, ti dico solo che secondo mie recenti statistiche l’85 per cento dei bazzicatori di questo blog passa il capodanno all’ACLI. Il resto, quelli veramente trasgressivi (e mi ci metto), al Dopolavoro Ferroviario.

  24. acidshampoo dicembre 31, 2006 a 7:34 pm #

    > Ué Africa! Cos’é che vuoi té?!Me ricorda il povero Aziz, cameriere di casa Zampetti. Quante ne subiva…TAAC!

  25. acidshampoo dicembre 31, 2006 a 11:15 pm #

    Canzone sanremese triste sul tema “capodanno triste”: Perchè.Sia nella versione di Aleandro Baldi, che l’ha anche scritta, che in quella di Fausto Leali, che la portà a Sanremo.Ascoltatela perchè merita.PERCHE’
    L’anno nuovo per magiaDeponeva regaliLa tristezza, l’allegriaEd i giorni normaliL’anno vecchio stava lìMento in mezzo alle maniCome chi ha finito ormaiI domani e non sa perchéPerché perché perchéNella luminosità di un trascorso NataleCon il vento che da nordDava un freddo glacialeL’anno nuovo si giròE colpì di pugnaleL’anno vecchio che morìSenza avere alcun maleL’anno nuovo scese giùIn un mondo di festaSeminando gioventùE altre felicitàE ballò sui grandi amoriE sugli onori come un reUbriacato da quel succoChe la vita ha dentro séPrima di scoprire il trucco dei perchéPerché perché perché perchéSi sposò, e il suo primo figlioFu un gennaio gentileMa a febbraio si drogòE lo perse ad aprileIl successo lo inseguìSvelto come un leopardoLui pian piano si inghiottìNel suo primo miliardoPoi d’estate si buttò nelle onde del mareFra la alghe e i pedalòE autostrade di gasA settembre un po’ di tosseNell’orgoglio lo ferìE capì di aver vissuto troppo in frettaAdesso cheStava stretto nell’imbuto dei perchéPerché perché perché perché perché…Nell’invernoNell’inverno si specchiò in un giovane biondoGli affittò una stanza suCon la vista sul mondoQuando poi l’accarezzòCome un ultimo figlioLa sua mano gli sembròUn inutile artiglioL’anno nuovo stava lìCon la faccia da killerL’anno vecchio si sentì come mille anni faE partì senza capire quel dolore che cos’èQuella ruvida ferita che ogni uomo ha dentro séQuella favola infinita dei perchéPerché perché perché perché perchéPerché perché perché perché…Nell’isola dei se all’amo dei perchè si fa tirare il tonno Non domandarlo a me bambino dei perchè sciuriddi tutto l’anno

  26. GB gennaio 1, 2007 a 4:46 am #

    Grande Gizmo! Il capodanno paninaro proprio non me l’aspettavo.
    Approfitto per augurare a tutti un 200sette colmo di leggera allegria che, sarà il vino a parlare, mi sento di suggerire nella sua simplicità come la migliore cura che si possa prescrivere a risoluzione di qualsiasi male. Salute e saluti a tutti!

  27. Nicola gennaio 1, 2007 a 2:17 pm #

    ah, buon 2K7

  28. Nicola gennaio 1, 2007 a 2:17 pm #

    Ieri sera abbiamo giocato al mercante in fiera, le carte vincenti:1. La Bonamici2. Il Bastini3. La Borsa Prada4. La Liposuzione5. La Buon Ora6. Il Frenulo 

  29. Blimunda gennaio 1, 2007 a 2:37 pm #

    Feliz Ano Novo pra vocês!

  30. DEATH 13 gennaio 1, 2007 a 3:38 pm #

    ANKE NOI MERCANTE IN FLAUAR STANOTTE….VINCENTI..
    4-PAGODA3-FOCA2-ANANASSO1-RINOCERONTE
    SALUTISS

  31. caramelleamare gennaio 1, 2007 a 4:43 pm #

    a casa gori le carte vincenti sono state le seguenti:al primo giro: cincinelli , rossella, palazzial secondo giro: rossella, daiana, palazzi…menomale che ci sono le serate dal gori, senno mi sarei rotto la cazza tutto il tempo

  32. Daiana gennaio 1, 2007 a 4:59 pm #

    Ma le carte più vincentissime in assoluto del mercante in fiera sono quelle di Jacovitti: il fumagiorgio, il bicarlo  lo scaccopardo e la pomodora… spettacolari! Grazie Gori!A casa Gori ho passato la migliore fine anno della mi vita, soprattutto quando il gori in persona ha letto ad alta voce questo post paninaro, non scherzo…. finalmente una fine che non lascia tristezza ma solo la sensazione di aver passato una bella serata… e in buona compagnia. Non vedo l’ora di rifarlo, inizio a contare: – 365.

  33. infrarosa gennaio 1, 2007 a 6:01 pm #

    vero!

  34. occhidoro gennaio 1, 2007 a 9:27 pm #

    aò buonasera ragazzi e buon anno ancora, Gori sei uno splendido e mi inchino davanti alla tua figaggine, ragazzi vi saluto tutti uno per uno e vi dico arrivederci alla prossima che mò devo slumare il pc, mi ha fatto piacere conoscervi, ringrazio ancora per il brindisino e l’ospitalità.
    Cià smollo la tastiersa e mi getto in branda va.
    AOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOò!
    http://imperor.blog.deejay.it/riccardochef/images/i_fichissimi5.jpg
     

  35. ilmarinaio gennaio 1, 2007 a 10:21 pm #

    ragazzi, vi sottopongo un mistero.  andando su youtube a cercarmi
    delle cose di Lamù, che fuori dall’Italia si chiama Lum (credo ovunque,
    ma non sono sicuro), vedo sotto il tag lum dei video di giapponesi che
    fanno un sospiro e piegano la testa di lato.  il più delle volte non ce la fanno perché gli viene da ridere.  cosa c’é dietro a questi video?

  36. ilmarinaio gennaio 1, 2007 a 10:24 pm #

    a questa invece gli è riuscito bene.

  37. ilmarinaio gennaio 1, 2007 a 10:29 pm #

    eccoli qua tutti e quattro.  stanotte su questa cosa non ci dormo.

  38. acidshampoo gennaio 1, 2007 a 11:19 pm #

    > Non vedo l’ora di rifarlo, inizio a contare: – 365.No no ma per me si possono fare simulazioni ogni mese. Anzi, ti dirò, da un paio di anni ho preso l’abitudine di conservare un panettone e un pandoro per mangiarmeli al posto della colomba (che odio) o financo in primavera/estate, visto che scadono sempre al dicembre dell’anno successivo. In ogni caso il Mercante unn’ha scadenze!Comunque sappi che la carta sfortunata di quello di Jacovitti è Il Karateka, numerata 35 come il Lattante delle Dal Negro.Piuttosto: maledetta te! Vuoi che ero disturbato di stomaco, vuoi che avevo magnato come un’otre, il dolce che me lo lasciavo per fine serata, certo che avanzasse. Quando tutti se ne sono andati però ho visto che ne era rimasto quasi niente. E quel quasi niente m’è garbato che ne volevo de più.

  39. acidshampoo gennaio 1, 2007 a 11:22 pm #

    > cosa c’é dietro a questi video?Non lo so per certo, ma mi pare evidente: commercio d’organi.Comunque sempre meglio le mosse di questi nipponici, che i cittini del coro dell’Antoniano che se bamboleggiano a baby-finocchi.

  40. acidshampoo gennaio 1, 2007 a 11:26 pm #

    > …menomale che ci sono le serate dal gori, senno mi sarei rotto la cazza tutto il tempoStasera al telefono t’ho sentito conteeeeeeento di andare a lavorare e passatti le tu belle orine a sentire le battutine del PomodoraaaAAARGH!Comunque la 2.03 di My Name Is Earl è la puntata che, pur essendo sempre bella, a me è piaciuta meno. Quella sì, un po’ buonista. E poi mi sarò fissato, ma ormai odio ogni minimo make-up. L’uomo rinoceronte non lo reggevo.

  41. acidshampoo gennaio 1, 2007 a 11:39 pm #

    Ciao occhidoro e benvenuta su queste pagine, che spero apprezzerai nottetempo. Sappi che ieri ti sei persa un Mercante In Fiera al fulmicotone, che già ha fatto storia e di cui hanno parlato pure al TG di Tele Etruria nella pagina della cronaca locale. Una girandola di emozioni forti, più estrema di una roulette russa. Ti dico solo una cosa: per la carta del Castello sono stati spesi la bellezza di 60 centesimi. E non aggiungo altro!Comunque spero vivamente vorrai restare fra noantri e bazzicare queste pagine per dire la tua, sempre, in-topic e off-topic che sia. E, da fanatica del cinema horror, pretendo la tua meditata Top Ten horror, che ieri fra una cosa e l’altra è rimasta a metà.

  42. infrarosa gennaio 2, 2007 a 12:46 am #

    Natale

    Non ho voglia | di tuffarmi | in un gomitolo | di strade |

    Ho tanta | stanchezza | sulle spalle |

    Lasciatemi così | come una | cosa | posata | in un | angolo | e dimenticata |

    Qui | non si sente | altro | che il caldo buono |

    Sto | con le quattro | capriole di fumo | del focolare |

    di Giuseppe Ungaretti

  43. Bracco gennaio 2, 2007 a 9:50 am #

    Eccomi..in ritardo per motivi tecnici.Buon anno a tutti!Acid..le statistiche non posso dartele per un motivo semplice semplice…Non s’è giocato al Mercante..Io bellina lì, con le mi carte da spacchettare…Alle 2 e mezzo dormivano tutti nel divano, tranne 2 cretine (io e la mi’ cognata) che lavavno i piatti. L’unica ben disposta a giocare a quell’ora sarebbe stata la mi’ nipote, che ululava in salotto con in mano la sua cucina coi tegamini (di plastica). Perògiocare in due io e lei non mi tirava granché. Se non altro perché lei si mangia le carte. E per me non è igienico.pS:sai dove si trova il Mercante in fiera in chianino? Me ne hanno parlato già in due.

  44. mirko gennaio 2, 2007 a 9:57 am #

    Bello questo linguaggio simil Burgess:):) Bravo!!

    Auguri a tutti, per quanto io detesti sia natale che capodanno

  45. Daiana gennaio 2, 2007 a 1:19 pm #

    Quando tutti se ne sono andati però ho visto che ne era rimasto quasi niente.
    La colpa è del cincinelli che si è presentato a 2 minuti alla
    mezzanotte e senza neanche salutare si è buttato su quel povero
    millefoglie… proprio senza ritegno quel citto. Cmq non ti preoccupare al prossimo raduno ne porto due di quei dolci lì e uno lo nasconderò… ma lo troverai solo se il mercante lo vinco io.

  46. Daiana gennaio 2, 2007 a 1:25 pm #

    Cacarelli, penso userò la tua idea per il post. Blimunda visto che nessuno ha il coraggio di farlo te lo dico io: Caramelleamare ci sta parecchio male che lo chiami così. Gli ricorda che quando era piccolo lo prendevano in giro perchè si faceva sempre la cacca addosso. Lui si cacava addosso. Per questo lo chiamavano Cacarelli.

  47. occhidoro gennaio 2, 2007 a 1:40 pm #

    ciao Gori, ti posto la mia top ten horror di mescolanze trash, son tutti film che ho guardato in tenera età, poi se vorrai ti posterò anche quella recente e più consapevole, visto che, di quelli che ho citato, ne ricordo solo l’entusiasmo nel guardarli, non ho una buonissima memoria, ma posso dirti che il primo in lista è uno di quelli che ogni tanto rivedo volentieri.
    i film migliori comunque, rimangono quelli targati anni 80, quelli dove la computer grafica non esisteva neanche, insomma quelli fatti con tecniche scenografiche come l’animazione in stop motion (da ricordarsi la casa e tutte le possessioni che si liquefavano)
    la scelta è stata un pò difficile visto che, la maggiorparte dei film che ho guardato da piccola, non li ricordo neppure, ma tutto sommato credo che ne rimarrai soddisfatto.
    AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAò.
    1 _ragazzi perduti
    2_piramide di paura
    3_the gate-non aprite quel cancello
    4_morte a 33 giri
    5_dovevi essere morta
    6_per favore non mordermi sul collo
    7_inferno
    8_fracchia contro dracula
    9_ammazzavampiri
    10_splatters gli schizzacervelli
    ciao Gori, ciao a tutti!
     
     

  48. acidshampoo gennaio 2, 2007 a 6:37 pm #

    Una bella selezione, Occhidoro. Sì, vedo che ti piace molto l’horror anni ’80, che poi è stato l’ultimo decennio prima di un apnea durata circa quindici anni. Anche se a dire il vero molto cinema di genere degli anni ’80 è invecchiato peggio di quello dei due decenni precedenti. Ed è così anche nella musica. Fra i tuoi film, Fracchia Contro Dracula è anche un mio cult. Poi Edmund Purdom nel ruolo del Conte Vlad era veramente spaventoso (“Lei ha detto che vuol sbattermi fuori a calci… dove?”). In Inferno amo la morte sulle note del Nabucco, poi la scena del tipo che ode delle urla, esce dal negozio, sembra accorrere a salvare la vittima e invece l’accoltella.Splatters è un altro capolavoro, anche se gli preferisco di poco l’esordio di Peter Jackson, Bad Taste, che mi pare più genuino e meno calcolato. Di Ammazzavampiri amo Chris Sarandon, grande attore e grande faccia, che meritava maggior fortuna. Dovevi Essere Morta è un Craven che mi ispira ma che ho sempre rimandato.Replico con la mia Top Ten, in ordine sparso:La Casa (di Sam Raimi)Carrie (di Brian De Palma)Scream (di Wes Craven)Creepshow (di George A. Romero)The Descent (di Neil Marshal)Funny Games (di Michael Haneke)Hostel (di Eli Roth)Il Fantasma Del Palcoscenico (di Brian De Palma)American Psycho (di Mary Harron)Gran Bollito (di Mauro Bolognini)P.S. Ho inserito una citazione a Fracchia Contro Dracula in QUESTO mio racconto della saga di Gunther Brodolini. Vediamo se la scopri.

  49. acidshampoo gennaio 2, 2007 a 6:41 pm #

    > Bello questo linguaggio simil Burgess:):) Bravo!! Auguri a tutti, per quanto io detesti sia natale che capodannoBuon anno a te, carissimo! Sì, ricordo un tuo manifesto sul Natale, mooolto nero, che postasti qui l’anno scorso. Ma in effetti un Aretini che spasima per il Natale sarebbe una contraddizione bella e buona!

  50. acidshampoo gennaio 2, 2007 a 6:43 pm #

    > La colpa è del cincinelli che si è presentato a 2 minuti alla mezzanotte e senza neanche salutare si è buttato su quel povero millefoglie… proprio senza ritegno quel citto. Cmq non ti preoccupare al prossimo raduno ne porto due di quei dolci lì e uno lo nasconderò… ma lo troverai solo se il mercante lo vinco io.Parliamoci chiaro: te al Mercante non vincerai mai se continui a comprare quelle cartacce lì. Comunque l’altro ieri anche io non ho vinto. Qua l’acqua va al mare, il Cincinelli s’accatta gnicousa: tombole, mercanti e millefoglie. Ma l’olmo no, non ce s’azzardi, l’olmo sarà mio. A lui, al limite, la grafiosi.

  51. acidshampoo gennaio 2, 2007 a 6:52 pm #

    > Se non altro perché lei si mangia le carte. E per me non è igienico.Altra credenza da sfatare!Le carte del Mercante In Fiera sono tutte perfettamente commestibili e hanno il 98% di parte edibile. L’unica non commestibile è La Pagoda, che comunque è solo leggermente tossica, ma non mortale.

  52. Bracco gennaio 2, 2007 a 7:11 pm #

    Acid…non hai risposto alla domanda fondamentale. Dove lo vvendono il Mercante chianino? Non era una battuta, esiste sul serio.

  53. Nicola gennaio 2, 2007 a 7:41 pm #

    Il mercante in fiera chianino non l’ho mai sentito, per quanto riguarda Brodilini e fracchia credo di sapere la risposta a ricordo senza rileggerlo, te la dico in mail per non spoilerare nessuno.

  54. BRACCO gennaio 2, 2007 a 9:10 pm #

    Ho trovato un link al Mercante in Chiana.http://www.asinalongabasket.it/pagine/mercante.htm

  55. acidshampoo gennaio 3, 2007 a 5:32 pm #

    Comunque il Mercante Chianino a occhio e croce non mi pare un granchè. Ha un po’ quel look da Mercante improvvisato, tipo le carte del programma con Pino Insegno o del Mercante di Coming Soon. Mi aspettavo quancosa di più evocativo e artigianale (nel senso alto del termine).

  56. acidshampoo gennaio 3, 2007 a 5:33 pm #

    > te la dico in mail per non spoilerare nessuno.Mail non arrivata. Comunque dopo lo spoilerare ci va il complemento di termine: “a nessuno”.

  57. frank gennaio 5, 2007 a 1:04 pm #

    >ma restate vivi per raccontarlo!
    Mi rifiuto!

  58. frank gennaio 5, 2007 a 1:19 pm #

    Ciao Occhidoro, benvenuta! Mentre mi arrovello per capire se ti conosco
    già, di persona o virtualmente, cuccati i miei auguri di un lungo bel
    2007 sotto l’ala di Acid. Intravedo potenzialità e affinità nel vostro
    incontro.
    Solo una curiosità: hai veramente gli occhi color dell’oro? Se rispondi
    sì mi stupisco tanto ma almeno deduco che non ti ho mai incotrato.
    Oppure ti ho incontrato e avevi gli occhiali da sole, e siamo punto e a
    capo.

  59. frank gennaio 5, 2007 a 1:22 pm #

    Interessante il Mercante In Chiana ma… qualcuno mi spiega la carta “a buco ritto”?
    Innanzitutto, come la si bandisce? Secondamente, lo considerereste un
    oggetto animato o un personaggio evocativo? E quanto paghereste per un abucoritto, tanto o poco?

  60. Bracco gennaio 5, 2007 a 3:47 pm #

    Guarda…il Mercante in Chiana potrebbe esse’ si, una boiata, l’ho solo visto in foto. La carta abucoritto è sicuramente una carta fortunata. Non si dice infatti: “Toh…hai avuto un gran buco ritto!”? Quindi è sicuramente la carta più ambita.. Come annunciarla resta un fatto interpretativo del banco. Puoi anche darne effettiva dimostrazione, visto che il gesto è di sepmlicissima attuazione..Boh!

  61. caramelleamare gennaio 5, 2007 a 6:17 pm #

    Comunque dopo lo spoilerare ci va il complemento di termine: “a nessuno”.ormai gori, il palazzi è questo. e anche peggio.

  62. acidshampoo gennaio 5, 2007 a 8:05 pm #

    > ormai gori, il palazzi è questo. e anche peggio.Tra l’altro ultimamente ha lanciato un nuovo life-style. Scrive le email col testo non nel corpo dell’email, bensì sotto “Oggetto”.Penso che sia per risparmiare tempo prezioso, che se no gli si divide l’atomo.

  63. occhidoro gennaio 6, 2007 a 1:13 pm #

    la poeasia recitata dalla figlioccia racchiosa?non miricordo mannaggia.
    ciao
    Chiara

  64. acidshampoo gennaio 6, 2007 a 4:30 pm #

    Eh no! Non chiamarla figlioccia racchiosa! Quella che dici tu è la scena più commovente e amara del primo Fantozzi, insieme alla partita di biliardo. Roba che io ci sto male ogni volta. “Un signore grande e bello, disse a un piccolo alberello…”. Poi quando quei capoccioni la deridono ed entra Fantozzi pieno di dignità… mammamia, i brividi…Invece il particolare di Fracchia Contro Dracula che citavo io è il “Tritacarnone” (così lo chiama Fracchia), che è la fine che avrebbe fatto chi perdeva nella partita a poker.

  65. Costa gennaio 6, 2007 a 8:13 pm #

    Ciao a tutti!
    E rieccomi.. Eh sì, me ne son già involato a casa… Comunque.. Credo ci volesse un pezzo tutto bello infighettento per salutare il nuovo ahem vecchio anno! Non sapevo avessi anche questo ‘lingo’ nelle tue opzioni delle lingue straniere. Mi credi se ti dico che non ci capisco un’acca?! =_= Com’è che sei anche così street!? Boh.
    Ooookhay…
    LADIES & GENTLEMEN…
    BUON ANNO NUOVO!
    GO 2007!
    ^_^

  66. Costa gennaio 7, 2007 a 4:12 pm #

    ..Ah domenticavo, dicono sia l’anno del Sagittario..
    Peccato che io sia SOLO uno scorpione =_=
     

  67. acidshampoo gennaio 7, 2007 a 5:11 pm #

    No Costa, stai tranquillo che non sono nè street nè paninaro. Mai avuto bisogni d’appartenenza e anche volendo ero troppo piccolo per esserlo, quando il fenomeno prese piede. Però me lo ricordo di riflesso, il fratello della mia migliore amica dei tempi lo era e pure a me sono passate fra le mani diverse copie de Il Paninaro, tutt’oggi il mensile che abbia venduto di più in Italia. E poi come dimenticare il paninaro Enzo Braschi in Drive In e il suo mitico “suggellare lo zillo sulla slandra”? Te lo ricordi?

  68. Costa gennaio 8, 2007 a 12:47 pm #

    Ah ecco, lo avevo sempre pensato ma come si dice non si sa mai.. non farmi venire più sti colpi, guai a te!!!
    Non ricordo nè Il Paninaro nè Drive In.. forse se cerco nell’armadio di qualche parente serpente più grande potrei trovare risposta alle tue domande.. oppure nelle riviste che gli fottevo e non restiruivo.
    La cosa bella è che manco le leggevo.
     
     

  69. lozissou gennaio 14, 2007 a 2:55 pm #

    >che il caldo buono
    Infrarosa, ho letto solo ora. Una delle più spettacolari intuizioni di Ungà. Le quattro capriole di fumo…E poi, ragazzi, ma vogliamo mettere: il caldo buono, il caldino bòdo, ma bòdo ragazzi, il caldino nataloso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: