Intervistato!

18 Ott





Tempo addietro, mi trovavo in gita ad Isernia con due miei colleghi indossatori di cappelli militari. La giornata scorreva tranquilla, quando n
ei dintorni della Gelateria Tropicalia chi ti incontro? Una tipa di LeonardoQuesta mi riconosce immediatamente dalla sintassi e sfodera il suo microfono migliore per un’intervista al fulmicotone. L’intervista, con tanto di presentazione che ancora mi commuove nottetempo (grazie Leona’!), è stata poi pubblicata su Vanity Fair, sulla Gazzetta Ufficiale nonchè sulla Bloghouse</EM>”>Bloghouse e mi si scompagnerebbe il servizio non averla anche qui. Tosto ve la posto.

—– da bloghouse.leonardo.it —–



LO SGARGABONZI: L’IRONIA VISIONARIA E LA MAGNIFICA OSSESSIONE




É difficile, si sa, essere “pop” – brillante e chiassoso, colto e scanzonato – e popolare allo stesso tempo. Lo Sgargabonzi ci riesce: tra i blog più letti di Leonardo fin dalla sua nascita, coniuga umorismo visionario e raffinato, buona scrittura, riferimenti labirintici e mai ovvi con interminabili e spesso esilaranti flussi collettivi di commenti appassionati “che nemmanco in un mélo di Douglas Sirk”; e forse davvero nello Sgarga si palesa una Magnifica Ossessione, nascosta appena appena sotto l’apparenza di un Helzapoppin’ aggiornato alle generazioni e al secolo corrente.

Abbiamo fatto le nostre domandine ad Acidshampoo, il titolare –  il frontman? – di questa blog band. Ci si aspettava molto e abbiamo avuto anche di più. Le risposte, ricche di quell’autoironia che è soprattutto consapevolezza, sono tutte da leggere. “Annoiare chi ti legge è la cosa peggiore”. Beh, con Lo Sgargabonzi non si corre il rischio: parola di redazione.



Come è nata la tua idea di creare un blog? Hai sempre amato scrivere o questa è stata la tua prima esperienza?



I libri che ho letto in vita mia stanno sulle dita di due mani e ci stanno larghi.

Sono un divoratore di fumetti, ma leggere un libro è  un’attività che mi  è sempre stata del tutto innaturale. Poi – da buon feticista – amo solo i libri rilegati e – da buon compulsivo – dovrei avere davanti l’opera omnia di un autore, prima di affrontare la lettura anche di una sola pagina. E se anche mi ci metto, poi non basta. Dopo venti righe mi accorgo di aver staccato il cervello dieci righe prima, e di stare pensando al perché la BoFrost tolse la favolosa torta Ape Regina dal suo catalogo o robe così.

In tal senso è molto più quello che ho scritto rispetto a quello che ho letto. Ma ho il buon gusto di vergognarmene.

L’idea di creare un blog  è nata un anno fa, distrattamente, nemmeno troppo convinto. Mi ero imposto di non perdere tempo, perché dovevo dare tre esami nella sessione estiva, visto che sono fuoricorso da eoni. Ma quando non sono io a cercare l’inutile, é l’inutile a trovarmi. Così è nato Lo Sgargabonzi.

Credevo che sarebbe finito dopo una settimana, invece è passato più di un anno e sono ancora qua. Nel frattempo la talentuosa Frank ha aperto la sezione fotografica del blog, che cura con passione nonché sprezzo del pericolo e della decenza. E anche altri frequentatori si sono fatti compagni di ventura e hanno contribuito coi loro scritti.



Puoi fare un bilancio della tua esperienza di blogger? Cosa ti ha dato? Ha cambiato il tuo sguardo sulla realtà in cui vivi?



Sicuramente mi ha reso più attento e curioso, ma soprattutto mi ha messo in relazione con uno stile. Per il resto non ha cambiato il mio sguardo sulle cose, d’altronde non mi impongo di trovare in giro la ragione o lo stimolo per il mio prossimo post. E’ per questo che navigo sempre a vista e scrivo ogni cosa come se fosse l’ultima. A ogni idea che mi viene, penso sempre che non ce ne sarà una successiva. A rifletterci, sono troppo poco lungimirante per essere un blogger.



Lo Sgargabonzi è formato da racconti “in prima persona” firmati da diversi personaggi. Puoi darci una breve descrizione di ciascuno di loro? 



Gunther Brodolini è un Gian Burrasca del dopobomba. Un bimbo tanto tenero quanto necrofilo, il cui miglior amico è un vecchio pagliaccio pederasta. Sono storie sadomaso di un moccioso marcio, a zonzo per un mondo più marcio di lui. Tutto raccontato con badilate di umorismo nero e senza nessuna pietà.

Il professor Ferraccio Linfociti invece è un personaggio stralunato e naif. Un docente senza nessuna competenza, un tuttologo approssimativo e raffazzonato. Le sue lezioni, dall’informatica allo sport, sono sempre di scientifica e rigorosa demenza. Il suo sguardo è obliquo e presuntuoso, ma magari ha ragione lui.

Nero Guarnacci è personaggio di stampo più realistico. Un giovane rampante annoiato dal mondo e dalla vita, il cui unico piacere deriva dal plagio e dall’umiliazione del prossimo. Ama sedurre per poi torturare psicologicamente, ma meglio ancora insegnare alla malcapitata come autotorturarsi, così lui può andare a caccia della successiva. E’ uno che ama oggettivare la sua “bellezza” facendosi maestro e spettatore del degrado altrui. 

Roger Federer (che scrivo col mio fraterno amico Gianluca “Caramelleamare” Cincinelli)  invece è un’altra ipotetica faccia dell’omonimo e talentuoso tennista svizzero. Il nostro Federer è un vanesio lobotomizzato che sta attaccato con lo sputo, ma che vince ogni incontro e ama perdersi in storie di scoiattoli marziani, nani impazziti e sciarpe assassine. Pura psichedelia tennistica.

Infine il parto più recente: le Ipotenuse. Sono storie mitiche sul niente, dietrologia sull’aria fritta. Complotti, amori, tradimenti fra entità astrali, Minipimer, supereroi, tipi di energia, plancton, la BoFrost e l’enzima Giacomazzi. Non è una fredda cronaca, ma il delirio di un narratore nell’ombra, sensazionalista, polemico e predicatore.



Come nasce e si sviluppa la comunità che dà vita allo Sgargabonzi? si  è allargata dopo la nascita del blog?



Ecco, questa è in assoluto la cosa che amo di più. Sullo Sgargabonzi, i miei post sono quasi solo una scusa per dar vita a dei flussi di commenti che sono ogni volta tutt’un programma e che sempre vale la pena seguire. I loschi figuri del giro sono tutti diversi, ma ognuno ha il suo fascino e le sue peculiarità. I thread sono puntualmente pieni di personalità e idee, di odio, amore, risse, copule, litigi e riappacificazioni come nemmanco in un melò di Douglas Sirk.

Ed è proprio questo ritrovo di personalità che mi stimola ad andare avanti e soprattutto mi fa sentire bene, in buona compagnia e lontano da pericoli come bere la droga o andare in moto per l’autostrada contromano con gli occhi bendati.



Cosa ne pensi dei blog? Cosa pensi ci riservi il futuro in questo campo?



Sul futuro dei blog non ho un’idea precisa e non mi ha mai interessato troppo farmene una. Come sociologo poi sarei un’autentica mezzasega.

Da lettore, amo i blog che non prescindono dal fattore “intrattenimento” (che non vuol dire per forza divertimento). Questo lo trovo fondamentale. Annoiare chi ti legge è la cosa peggiore.

Per questo vorrei che Lo Sgargabonzi fosse, innanzitutto, un blog “pop”. Non amo certi blog con eterni flussi di coscienza solipsistici e per nulla comunicativi, codificati e per pochi privilegiati. Ma questo è ciò che penso di tutto lo scibile umano. Meglio Avati che Bellocchio. Meglio Bacharach che Battiato. Meglio Antonello Da Messina che Pollock. Megli
o Ken Parker che Corto Maltese.



Come hai conosciuto Leonardo.it? Come ti trovi? Hai dei suggerimenti da darci?



L’ho conosciuto da utente di Eutelia e avido bazzicatore di FilmUp. Trovo che sia una piattaforma giovane, accogliente e molto promettente, nonché assolutamente in ascesa. Questo grazie anche ad una redazione piena d’entusiasmo, sempre attiva e – questo non è un dettaglio da niente – con un rapporto di genuina informalità con i blogger. Quello che mi piacerebbe è una maggior personalizzazione dei template, poter poi implementare sondaggi e inserire musiche, filmati, piscina e mensa messicana.

Annunci

19 Risposte to “Intervistato!”

  1. Blimunda ottobre 18, 2006 a 2:42 pm #

    Gori, bella bella la foto e l’introduzione! La intervista avevo già detto che ho amato. Sei grande, ragazzo!

  2. acidshampoo ottobre 18, 2006 a 3:14 pm #

    > Gori, bella bella la fotoUna curiosità: il tipo sulla sinistra, con gli occhiali, è in realtà un delfino geneticamente mutatissimo.

  3. DEATH 13 ottobre 18, 2006 a 3:42 pm #

    GIà LETTA ANKIO….
    MA MOLTO APPREZZATA…
    LO SGARGA SI FA VALERE….
    SIAMO SEMPRE MOLTO LETTI E CLIKKATI….
    FA PIACERE…
    SPERIAMO KE UN PO DI GENTE ESCA DALL OMBRA DELLA “SOLA-LETTURA” E SI DECIDA A FARCI SCRIVENTE COMPAGNIA…
    è UN INVITO…SE NON SI ERA CAPITO….
    BYEZZZ
    MARRA ^^^^

  4. maryann ottobre 18, 2006 a 4:24 pm #

    Tanto di cappello…

  5. frank ottobre 18, 2006 a 4:32 pm #

    Fatto bene a ripubblicarla qui… sono onorata di far parte di cotanta
    ganga. E a me sicuramente l’apertura di questo blog m’ha migliorato la
    qualità delle giornate, non lo ripeto mai abbastanza.
    Ora che non posso connettermi regolarmente, si vede: sfiorisco, perdo
    capelli unghie e petali, scodinzolo di meno, metto più sale nei cibi,
    mi sveglio sudata fredda nel cuore del notturno…

  6. acidshampoo ottobre 18, 2006 a 9:27 pm #

    A tutti gli scaricatori di Nip/Tuck. Come avete visto, la puntata trasmessa ieri (la 4.07) ancora non è reperibile nè sul Mulo nè su Torrent. Questo per il fatto che nessuno l’ha rippata e quindi c’è da attendere venerdì, quando verrà replicata su FX. Una cosa del genere è successa anche in passato, e la puntata è comparsa sul p2p solo di domenica. Grazie alla Blimunda per la segnalazione.

  7. ilmarinaio ottobre 19, 2006 a 6:11 pm #

    io una volta ero “l’anziano e la rottura del femore”

  8. caramelleamare ottobre 19, 2006 a 6:27 pm #

    la puntata trasmessa ieri (la 4.07) ancora non è reperibile nè sul Mulo nè su Torrent.
    che delusione, da raian marfi un errore del genere non me l aspettavo, non credo che guardero piu N/T con gli stessi occhi

  9. caramelleamare ottobre 19, 2006 a 6:29 pm #

    E a me sicuramente l’apertura di questo blog m’ha migliorato la qualità delle giornate
    …ma smettila puttana!!

  10. DEATH 13 ottobre 19, 2006 a 6:53 pm #

    “…ma smettila puttana!!”
    TOH…è TORNATO CARAMELLE…DAI CONTENUTI NON  AVREI MAI DETTO FOSSE LUI CON CERTEZZA…
    PER UN RADUNO 27 O 28 TEMO DI NO….ANCORA NON LO SO…MA LA VEGGO BUIA….PRIMO WEEK END LIBBERO….11-12 NOVEMBRE…. COME DA PATTI DEL MERCANTE IN FIERA…ENTRO UN MESE TOnNO….
    MARRA ^^
    PS-ANKE PERKè UNA SERATA SPETTACOLARE IN QUEL MODO VA STRA RIPETUTA….

  11. Puzza87 ottobre 19, 2006 a 8:04 pm #

    tanto di cappella! =)e come dissi recentemente: hai creato qualcosa…

  12. Daiana ottobre 19, 2006 a 10:40 pm #

    Ho riletto quest’intervista per la seconda volta e si, è proprio Gori originale, mi da tante soddisfazioni. Io non lo so se il Gori è sempre stato così “a misura” di tutto perchè l’ ho conosciuto solo di recente, cmq complimenti davvero.
    Passiamo alle cose serie: Prison break la seconda serie mi ha messo un’ansia… devo vedere la terza puntata che i mulo tarda a scaricare. non vedo l’ora che quei due trovino un pò di pace, la tensione è insostenibile a questo punto. Dopo aver bramato così tanto la libertà per tutta la prima serie me lo potevano dare un pò di respiro… e invece niente!Ah Grazie per le nuove serie che hai suggerito. Ho visto la prima puntata di Dexter e mi è sembrata geniale. Sono riuscita a connettere un portatile qui a casa nuova sicchè dovrei riuscire a collegarmi più spesso e a scrivere di più… un saluto a tutti.

  13. acidshampoo ottobre 20, 2006 a 5:21 am #

    >> E a me sicuramente l’apertura di questo blog m’ha migliorato la qualità delle giornate> …ma smettila puttana!!La Lupo va a format. Lo Sgargabonzi come Ken Parker. “Qualcosa di molto simile all’innamoramento”.Ma smettila puttana!!

  14. acidshampoo ottobre 20, 2006 a 6:33 am #

    > Ho riletto quest’intervista per la seconda volta e si, è proprio Gori originale, mi da tante soddisfazioni. Io non lo so se il Gori è sempre stato così “a misura” di tutto perchè l’ ho conosciuto solo di recente, cmq complimenti davvero.Fammi capire se ho letto bene: io-do-delle-soddisfazioni-a-te? Ma chi ti credi di essere? Questa è insubordinazione bella e buona.
    > Passiamo alle cose serie: Prison break la seconda serie mi ha messo un’ansia… devo vedere la terza puntata che i mulo tarda a scaricare. non vedo l’ora che quei due trovino un pò di pace, la tensione è insostenibile a questo punto. Dopo aver bramato così tanto la libertà per tutta la prima serie me lo potevano dare un pò di respiro… e invece niente!Come diceva il Cincinelli, è pazzesco come rilanciano continuamente e come riescono ogni volta ad essere emotivamente coinvolgenti. Ma è chiaro il perchè. Da altre parti rilancerebbero per non cambiare nulla, lo farebbero senza rischiare veramente niente, con eterni abbocchi e il ricomponimento di uno status quo a fine puntata. Prison Break è un mondo dove lo status quo non esiste. Poi assistere ai personaggi che si muovono e agiscono separatamente è stupendo. Sembra di vedere più serie insieme. In ogni caso non rilassarti, non è veramente il caso, non ORA! Questa caccia all’uomo è un survivor game senza pietà. E il cacciatore, Mahone, è una nuova entrata PERFETTA, quella che ci voleva.> Ah Grazie per le nuove serie che hai suggerito. Ho visto la prima puntata di Dexter e mi è sembrata geniale. Sono riuscita a connettere un portatile qui a casa nuova sicchè dovrei riuscire a collegarmi più spesso e a scrivere di più… un saluto a tutti. Molto bene. Vedi di farlo senza fartelo ridire, perchè se non l’hai notato noi due non è che andiamo d’accordissimo. Fin dall’inizio è stato così, poi un piccolo guizzo al mare, ma subito dopo una parabola che ha raggiunto soglie inesplorate di distanza. Sintetizzando, il nostro rapporto si gioca qui e ora. E al 50% dipende da te. Il Serboli (bellino anche quello) ha comprato la prima serie di Six Feet Under, indi guardatela. Anche la seconda è in offerta, indi fategliela comprare. E Desperate Housewives, mi raccomando. Poi te devi vedere ancora Sleeper Cell e Rome.Dexter per adesso è un capolavoro assoluto. L’unico vero capolavoro di questa nuova stagione. Talmente bello che m’accingo a comprare il libro da cui è tratto, La Mano Sinistra Di Dio di Jeff Lindsay.

  15. acidshampoo ottobre 20, 2006 a 6:35 am #

    > tanto di cappella! =)e come dissi recentemente: hai creato qualcosa…Crassie, Puzza carissimo!

  16. caramelleamare ottobre 20, 2006 a 10:18 am #

    E il cacciatore, Mahone
    fantastico! un nuovo bellik, un “bellik dei piani alti”. e il bello è che l’oroginale c’è ancora. mahone ha personalità, è un leader(nel senso buono) nel privato e nel lavoro. e c’ha intorno come un aura di sospensione del tempo.secondo me lui non respira.e a fish gni brucia, oh se gni brucia avere trovato uno con piu carisma di lui…!

  17. acidshampoo ottobre 20, 2006 a 1:02 pm #

    Un’aura di sospensione del tempo… assolutamente vero! Poi a me fa veramente. Lo vedo sempre gelido e controllato, un uomo dai pensieri insondabili. E però questo dettaglio di imbottirsi di psicofarmaci. Verrebbe da pensare che potrebbe essere anche leale, e che vuol fare solo il suo lavoro al meglio, ma poi mi accorgo che ogni volta che compare sullo schermo mi piglia un’ansia della madonna, perchè lo vedo come una bomba ad orologeria.A Fish gni brucia, gni brucia…Certo che anche T-Bag quanto a carisma non scherza…

  18. Daiana ottobre 20, 2006 a 8:39 pm #

    Fammi capire se ho letto bene: io-do-delle-soddisfazioni-a-te? Ma chi
    ti credi di essere? Questa è insubordinazione bella e buona.Lo sapevo che ti sarebbe sembrata una presunzione ma era solo un modo diverso per fare un complimento anche se tu non ne hai bisogno… cercavo di essere dalla tua parte anche se non vuoi deciderti a venire da “Noi costassù”!!

  19. acidshampoo ottobre 20, 2006 a 9:25 pm #

    > cercavo di essere dalla tua parte anche se non vuoi deciderti a venire da “Noi costassù”!!
    Dopo aver sentito il Serboli stasera, meno ancora. Lui e le sue telefonate inutili. Vai vai, state lassù tutti insieme chiotti chiotti, godetevi reciprocamente.E io fossi in te la piglierei meno di punta. Sei sicura di essere all’altezza quanto a ospitalità? Difficile esserlo. Per me sei una che dopo un po’ non rinnova i discorsi, che a domanda risponde, che è normale, che va a letto quando ha sonno o se ci va tardi è solo per farmi un favore. E io che faccio nel frattempo? M’annoio? Guardo la televisione? C’è stata gente che m’ha ospitato a frigo vuoto, senza fare un minimo di spesa, coi silenzi in casa e le lenzuola lezze. Nessun rito, nessun problema, solo prendere atto che arrivo, per il resto improvvisazione pura e la vita di ogni giorno. Sono stato ospite tre giorni dalla Frank l’anno scorso. M’è bastato per non tornarci mai più. Lei e il suo muso di merda. Daiana, l’osmosi fra di noi va tutta a favore tuo. Questo ti dovrebbe bastare perchè sia la Montagna ad andare da Maometto. Maometto ha l’unico difetto di essere ansioso fuori di casa, quindi che si muova la Montagna, così fa una cosa buona nella sua vita. Ma questo teoricamente, perchè se non vieni non c’è veramente nessun problema.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: