Insert coin

31 Ago

Do un colpo al bottone unto e scendo dal treno. Una vampata di aria calda e umidiccia delle due mi sega il fico della gola. Deglutendo ho come l’impressione di avere un anello felpato extra nella trachea. A stento rotolo fino alla panchina all’angolo della stazione, quella dietro al distributore automatico delle bibite. Tranquillo, penso alle ghiande. Dalla vapa si avvicina un bambolotto: quarantacinquina d’anni, metro e sessantatre, brachitipo, cesto di capelli cotonato-riccio-brizzolato, irsutismo indisponente. Camicia in denim aperta fino alla quarta-quinta costola. Pantaloni canarino misto-lana. Espadrillas cachi con crini sfilaccicati nel calcagno. Ascot misto-giungla anti-frescata.
Freschezza, disinvoltura e passo snello. Amico di tutti, dispensa un saluto mentre s’appropinqua al distributore. Si fruga nella tasca sinistra, slabbrata e lezza nel fianco. Rimesta, ruma un minuto. E questo rumare concitato è accompagnato da un movimento pelvico rotatorio col suo culino smilzo, interrotto da scatti dei fianchi. Ora a destra ora a sinistra. La testa rimane fissa con lo sguardo proiettato alla fessura della macchinetta, mentre il labbro inferiore è martoriato da incisivi dell’arcata superiore, radi ma bianchissimi. Dentini da latte, ma anche tipici del vecchio puttaniere.
Moneta trovata. Insert coin. Ma con stizza tipo: “Toh, mangia anche questi!” Credito: 50 centesimi. Neanche riflette su quale numero deve digitare – che scherzi, lo sa già quel che deve fare – ma poggia in maniera molle e disordinata la sfilza di ditini grassi sulla tastiera alfanumerica. Pruuhh… il mollone elicoidale, quello vuoto dietro il vetro, ruota e nel vano-cassetto cade un bel cazzo di niente. Piihh… “Grazie e arrivederci”. Quindi, “Selezionare altro prodotto”. Ovviamente dopo avere introdotto altro money. Lo sventurato è colto da un brivido e si vede chiaramente lo sciabordimento. Si volta con volto da bambolotto fregato e si mette a fissarmi per un tempo indefinito. Labbra serrate e sottili, guancine con zigomo a punta e occhiolini semistretti lucidissimi. Tremante: “Mah… mah… mah…”. Come a voler dire:
“Io? Io? A me? Ma come? O che succede?”.
Sicumera dissolta. Terrorizzato e sbigottito. Aria da cuniglio impagliato. Schiena arcuata con culo ritto. Testa insaccata tra le scapole. Gambe intirizzite e braccia a ciondoloni. Si guarda intorno con occhio stitico, poi barcolla pensoso: “Ragazzi, boni. Non so finocchio, non so finocchio, non so finocchio…” Si allontana balzellando in punta di piedi con frociaggine malcelata. Come se stesse giocando a campana. Calzare destro più grande di due taglie che sguilla ed esce. Smalto vermiglio sulle unghie. Bobi, ora vienici a raccontare qualche altra cazzata. Indietreggiando a spazzaneve, va in dissolvenza progressiva fino a sparire. Evanescente e irritante come vapa. Orsacchiotto-chiottochiotto.

Alessio “Oleandro” Franci

Advertisements

66 Risposte to “Insert coin”

  1. ilmarinaio agosto 31, 2006 a 6:13 pm #

    primo!

  2. Makegatsu Robot agosto 31, 2006 a 6:14 pm #

    Terzo!

  3. Makegatsu Robot agosto 31, 2006 a 6:16 pm #

    Skerzo…
    Secondo!
    Anzi no, ormai…
    Terzo!
    …o no? 

  4. Mr.Costa agosto 31, 2006 a 6:23 pm #

    Fermi, zitti tutti che questo è il mio numero e non me lo tocca nessuno!
    4!!!!!!!
    Evvai, ti ho preso.
    ^^

  5. DEATH 13 agosto 31, 2006 a 6:52 pm #

    OLEANDRO UNBELIEVABLE….
    ME GUSTA ANKE SE NON AFFERRO IL WHY E IL BECAUSE….
    COMUNQUE PLAUDO….
    SARà KE C è DEL DISPREZZO DENTRO VERSO FORME DI VITA NIENTAFFATTO MALCELATO…
    SARà…
    E ALLORA GODO
    DI(o) BRUTTO…GODO
    CIAO OLEANDRO CONCIMATO COLLA MERDA
    C HAI STILE TE…
    ALTRO KE IL PAPETE
    MARRAbarbaro ^^^^

  6. hiss agosto 31, 2006 a 10:52 pm #

    Te, ti fa male ‘sto lavoro, da’ retta!
    Comunque, sempre più bravo!
    “Ragazzi, boni. Non so finocchio, non so finocchio, non so finocchio…” 

  7. infrarosa agosto 31, 2006 a 11:45 pm #

    oleandro, dopo gb e caramelle pensavo che non fosse possibile salire ancora più in alto e invece te ne vieni fuori con un nuovo capolavoro. sticazzi! sto blog le infila una dietro l’altra come la mi’ nonna quando faceva le collane di perline!
    volevo inoltre dire a oleandro: peccato che poi il 10 agosto non t’hanno più dato il turno!

  8. ilmarinaio settembre 1, 2006 a 12:10 am #

    io approvo in pieno la ricerca lessicale, come già ne La motozappa:Una vampata di aria calda e umidiccia delle due mi sega il fico della gola.Tranquillo, penso alle ghiande.anti-frescata
    però non ho capito tanto bene la trama, sì, la macchinetta non gli piglia i soldi ma poi… non ho capito bene il senso.
    a proposito, ma la “vapa” che è?

  9. acidshampoo settembre 1, 2006 a 12:18 am #

    > però non ho capito tanto bene la trama, sì, la macchinetta non gli piglia i soldi ma poi… non ho capito bene il senso.No no, non è che non gli piglia i soldi. I soldi glieli piglia.Il problema è che il tipo, per fare il ganzo che sa il fatto suo, coi suoi ditini pacioccosi digita un codice-prodotto sbagliato. E così vede muoversi la molla elicoidale di una fila già vuota. Quando realizza di aver sprecato i suoi cinquanta centesimi, ogni sua sicumera decade.

  10. GB settembre 1, 2006 a 12:30 am #

    Ebbravo Leandro. Un’altra perla.Che poi la capacità di sto citto è farti vedere subito e benissimo le cose, le prime cinque righe ti proiettano subitaneamente nel contesto toccando tutti i sensi: vedi, tocchi, senti l’aria, percepisci la felpa in gola, rotoli fino alla panchina, pensi alle ghiande.Vapa mi rimane ignoto anche a me.

  11. acidshampoo settembre 1, 2006 a 12:50 am #

    “Vapa” io la uso come sinonimo de “elcaldapiccecoso”.

  12. frank settembre 1, 2006 a 9:02 am #

    Di nuovo grande Oleandro!! Spero che ti duri a lungo questo ruzzo da
    antropologo de noantri, perché quello che scrivi e come lo scrivi è
    sempre ottima sorpresa. Bravo!!!

  13. mato settembre 1, 2006 a 9:31 am #

    il succo del racconto è un altro, va da sè.. ma, trallasciando l’umanista sporca, ancora porto addosso il dispiacere di quella volta che le sticky (patatine di merda) sono rimaste incastrate e non è scesa una minchia beata nel vano..

    ci sono rimasto male..

    ho cominciato a prender a calci la macchina, a darle colpi col gomito, con le mani aperte, il corpo tutto, ad agitarla con la forza disperata che avevo (può essere che nello sforzo abbia addirittura scoreggiato.. ma l’ho fatto comunque con rabbia, per salvaguardare la dignità).. ho smesso quando ho ripensato ad homer simpson in ospedale per essere stato schiacciato dalla macchinetta..

    insomma, l’ometto in questione è uno stronzo, ma nel dolore io gli sono vicino..

  14. acidshampoo settembre 1, 2006 a 12:27 pm #

    Mato, il tuo nickname m’ha riportato alla mente il “Mato-mato”, ketchup dei gloriosi anni ’80, disponibile nelle varianti normale e piccante, che per un periodo fu pure lo sponsor di Telemike.Comunque anche a me è capitata lo stesso problema col distributore degli snack della stazione di Arezzo. Ma la colpa era loro! I numeri erano tutti sfalzati, scunigliati e scarognati. E solo dopo aver insertato il money mi sono accorto che il Kinder Paradiso era numero-leso. A quel punto potevo ripiegare sul Pinguì, sulla Fetta Al Latte, financo sulle scaglie di mela secche Del Monte. Ma io no, in un moto di ambizione e orgoglio, ho tentato di intuire quel numero per avere il Paradiso. E ho fallato. Sono rimasto calmo sì, ma avevo un nervoso addosso che smannavo il mondo.

  15. acidshampoo settembre 1, 2006 a 12:28 pm #

    Dimenticavo Mato, benvenuto su questo blog e rimani nei paraggi eh. E scrivi, bazzica, commenta, dicci la tua, metti bocca, polemizza, etici etici etici. Ma rimani fra noantri, ci conto. Ci conto?

  16. acidshampoo settembre 1, 2006 a 12:39 pm #

    QUI tre scene della premiere della quarta stagione di Nip/Tuck.(è il file sotto su Videos For Nip/Tuck)

  17. mato settembre 1, 2006 a 12:48 pm #

    un’altra volta, invece (tanto perchè si sappia che non sono destinato a cambiare il mondo) ho inserito il soldo e, tronfio come milingo sullla sung, ho digitato 80 e ho guardato la merenda.. che cazzo è? perchè non gira eppure sento il rumorino?.. abbasso lo sguardo e sta uscendo una merda di the alla pesca.. non capisco, non mi raccapezzolo.. poi faccio un pochetto attenzione.. 80 i centesimi messi, 80 il numero digitato.. mannò, fanculo, il numero era 36, ho schiacciato l’importo.. un calcio alla macchina l’ho tirato comunque.. (ma l’avrei tirato anche se la merenda era quella giusta, c’è da essere virili)..

    (grazie del benvenuto)

  18. DEATH 13 settembre 1, 2006 a 1:03 pm #

    E BENVENUTO SI MATO…..CI SI TIENE KE TU ENTRI IN PIANTA STABILE….
     
    + SEMO E + SE DIVERTIMO….
    POI ME PARI UN TIPO D ANDARE D AKKORDO COL PIANISTA KE C è IN ME…
    DATA LA KAZZATA MILINGO-SUNG DA TE EDOTTA
    CIAO NUOVA MERDA!!!!(0non è un offesa, solo il MARRA saluto)
    MARRA ^^^^

  19. mato settembre 1, 2006 a 1:07 pm #

    mannò che non è un’offesa.. la merda non è così brutta come la si dipinge.. e poi si parla tanto di far emergere il sommerso.. (addio, vado a mangiare tagliolini e bottarga)

  20. acidshampoo settembre 1, 2006 a 1:19 pm #

    > 80 i centesimi messi, 80 il numero digitato.. mannò, fanculo, il numero era 36, ho schiacciato l’importo..Mi torna in mente quella pessima pubblicità di Vialli per Sky. Quella del quiz in cui sono in palio (la penuria di) 50 Euro di sconto e al tipo viene chiesto quanti sono i sette nani. E lui risponde 50. Perchè, lo dicono poi, “uno sconto così è impossibile toglierselo dalla testa”. Mavafammocc Sky e chitestramuort! Fanno pesare ‘sti 50 Euro come fossero la cura per il cancro! Proprio si immaginano lo spettatore che pende dalle loro labbra… ma schiantassero.> la merda non è così brutta come la si dipinge.. Cateto!

  21. DEATH 13 settembre 1, 2006 a 6:26 pm #

    QUESTO SIGNOR MATO PRIMA MI SBATTUTA IN FACCIA….POI MI CITA ELIO….
    IO ME NE SONO GIà INNAMORATO….
    BENVENUTO ANCORA MATO…GENTE COSI SE CERCA E NN SE TROVA…
    CONTINUA COSI….
    MARRApato ^^^^

  22. GB settembre 1, 2006 a 9:50 pm #

    >tronfio come milingo sullla sung
    AH AH Ah ah…  Benvenuto in questa gabbia di mati.

  23. ilmarinaio settembre 1, 2006 a 11:17 pm #

    Mato, benvenuto!!! ma toglimi una curiosità, te sei il Mato Grosso o il Mato Picino?

  24. acidshampoo settembre 2, 2006 a 1:36 am #

    Chistian Troy in privato col suo personal trainer. Immagini sempre più preoccupanti.

  25. acidshampoo settembre 2, 2006 a 3:11 am #

    Dopo Grace Santiago (prima serie)…Dopo Ava Moore (seconda serie)…Dopo Kit McGraw (terza serie)…ecco a voi… Michelle Landau.

  26. me_now settembre 2, 2006 a 10:46 am #

    x Oleandro : m’è piaciuto da pazzi ‘sto pezzo….hai dipinto l’immagine….devo dire che mi è capitato spesso…d’essere nella parte di quella che s’è fatta fregare la monetina…l’ultima monetina e la gola come cartavetrata….
    x Acid : offtopic….visto ieri Le colline hanno gli occhi…ma non so se è una versione tagliata…magari mi dici quali potrebbero essere i pezzi tagliati e ti saprò dire…
    Violentissimo in effetti…però preferisco gli horror tratti dai libri di Stephen King….decisamente più violenti a livello psicologico che visivo….
    p.s. bella la foto di quel posteriore…quello si che è un ….bel pezzo di manzo 😉
    Ciao a presto
    Me_now

  27. bracco settembre 2, 2006 a 10:50 am #

    Eccomi tornata dalle vacanze.Oleandro, io voglio viaggiare in treno senza biglietto. Voglio vedere se te becco a bucherellare e me fai la contravvenzione. Peggio ancora mi buttassi fori dal treno…L’unica volta che ho usato il distributore lungo il bonario era appena stato messo e funzionava bene, quindi non faccio testo.Ciao.

  28. acidshampoo settembre 2, 2006 a 12:57 pm #

    Ben’artonna da Hammamet, Bracco. Io comunque al contrario tuo sulla tomba di Craxi ci sarei andato. Fosse solo perchè, insieme a Marco Tardelli, Craxi era quello che si beccava il voto più alto come amante nell’autobiografia di Moana Pozzi. E sì che, causa diabete, era impotente. Proprio come il Serboli.Sappi che da qualche parte palpita un raduno in data indefinita. A ‘sto giro dovrai esserci per forza. Don’t me phare incazzare.

  29. acidshampoo settembre 2, 2006 a 1:27 pm #

    Me_Now, io ho amato il remake de Le Colline Hanno Gli Occhi per la sua potenza espressiva e perchè è un horror maturo, dove empatizzi per i protagonisti che per una volta non sono pura carne da macello. Un horror violento e fisico ma d’autore (opera seconda del francese Alexandre Aja, 27 anni), che non strizza mai l’occhio al pubblico come tanti slasher americani. Ora, io stravedo per l’horror più gore e splatter, e un film così spinto in tal senso non lo vedevo da una vita. Davvero una boccata d’aria fresca per i fan del genere!Ma bisogna aver visto la versione uncut. Quella italiana, per dirti, è tagliuzzata qua e là. Non di intere scene, ma di dettagli cruenti. La telecamera si fissa meno e il film perde parecchio d’efficacia.Scopro ora che QUI sono appena usciti i sottotitoli in italiano per la versione non censurata del film.Comunque ti consiglio di vederti l’inglese The Descent, assolutamente.I film dai libri di King trovo siano quasi sempre deludenti, specie quelli prodotti da anni a questa parte. Versioni scipite, televisive nell’accezione peggiore del termine. Però sto per accingermi a vedere le quindici puntate di Kingdom Hospital, che dicono sia un capolavoro. E in effetti parrebbe. Di film al cinema di King ho apprezzato Shining, Carrie, La Metà Oscura, Misery e Stand By Me. E Creepshow, che è sceneggiato da King. Una cosa però voglio da anni: una miniserie su La Lunga Marcia. Nelle mani giuste, verrebbe fuori qualcosa di tesissimo.

  30. lozissou settembre 2, 2006 a 1:32 pm #

    Esiste anche Furia (fantascientifico alla Esercito delle 12 scimmie, niente male) di Alexandre Aja, il che fa de LE COLLINE HANNO GLI OCCHI l’opera terza.An he oggi ho fatto il mio dovere di briccichino, olé!

  31. acidshampoo settembre 2, 2006 a 2:03 pm #

    > An he oggi ho fatto il mio dovere di briccichino, olé!No no, non confondere le acque: qua hai solo fatto il tuo dovere di filologo. Non c’entra niente.Quando ti do del briccichino, non parlo certo di queste cazzate. Briccichino nella vita, briccichino con la macchinina, il borsellino, il messaggino, la listina, la bustina, il fumino negli occhi al pubbettino.

  32. Makegatsu Robot settembre 2, 2006 a 2:17 pm #

    Eh eh eh, Gori. Me l’hai dipinto proprio bene lozissunino in questa breve idiosincrasia, eh eh eh.
    Scusate ma avete parlato anke di Haute Tension di Aja? Non ke gli okki in collina mi sia dispiaciuto, ma a me ha colpito più quello.

  33. acidshampoo settembre 2, 2006 a 2:22 pm #

    Serboli, se sei in linea. Ecco il fumetto per te:

  34. DEATH 13 settembre 2, 2006 a 4:24 pm #

    ALE KINGHIANO SEI IN LINEA???
    è USCITO NEGLI USA…DESPERATION BY STEPHEN KING….
    SI TROVA GIà….PENSA A FAR SGOBBARE IL TUO SOMARELLO….
    IO TE L HO DETTO….
    E TE L HO DETTO PERKè PER ME TE GARBERà….
    NON SO SE TE L HO MAI DETTO MA DESPERATION INSIEME A CARRIE E IL MIGLIO VERDE SONO I MIEI KING PREFERITI….
    MARRA ^^^^

  35. DEATH 13 settembre 2, 2006 a 4:27 pm #

    IL GORI IN VERSIONE ANTI ZISSù è IL GORI + BELLO KE ESISTE….
    IO LO ADORO VERAMENTE….
    è QUASI + POTENTE E TERRIBILE E TEMIBILE DI ME….
    DAI DONATI RIPONDI ANCORA TI PREGO COSI TI SOTTERRA ANCORA + IN BASSO…TE E LE TUE MANIE RISIBILI…..
    MOJO
    MARRA ^^^^

  36. DEATH 13 settembre 2, 2006 a 4:30 pm #

    KIARAMENTE INTENDEVO IL FILM DI DESPERATION…..
    SE NON SI ERA CAPITO….
    MA PARLAVATE DI FILM QUINDI SI DOVEVA CAPIRE GIUSTO???
    GIUSTOOOOO?
    (ANGOLO DELLA VERGOGNA PER INTERVENTO INUTILE)
    (MARRA)
    ps-attendo tuo giudizio tecnico,gorello bbello, post visione desperation

  37. acidshampoo settembre 2, 2006 a 4:39 pm #

    Eh Marra, ma fino a che non fanno i sottotitoli in italiano non posso guardarlo. Comunque sapevo che Desperation era in produzione e che c’avevano pure investito abbastanza.Comunque ho acchiappato gli episodi di Nightmares & Dreamscapes (Incubi E Deliri). Autentici film autoconclusivi Kinghiani, sulla scia di Masters Of Horror. Il primo promette bene un casino. Un episodio muto, con un unico attore in scena: William Hurt nel ruolo di killer. Il terzo è un noir con William H. Macy. E poi questa miniserie Kingdom Hospital che mi ispira. Prodotta da Lars Von Trier e scritta da Stephen King, sulla scia di The Kingdom.Comunque si vede come le produzioni televisive non siano più quelle, piattissime, di una volta. Rammento trattamenti da latte alle ginocchia, come Tommyknockers, Golden Years e Shining (serie tv). Un po’ meglio per L’Ombra Dello Scorpione, La Tempesta Del Secolo e The Langoliers. Anzi penso che proprio la miniserie The Langoliers, da amante di Lost, ti piacerebbe non poco.

  38. DEATH 13 settembre 2, 2006 a 4:52 pm #

    INCUBI E DELIRI CE L HO GIà TUTTO…LO DEVO ANCORA VEDERE….
    DESPERATION ANKE CE L HO DA IERI SERA…..
    HO CLIKKATO STANCAMENTE 2 O 3 SCENE NELLA PRIMA MEZZORA …QUALITà DVD RIP ECCELSA….BONO RECITATIONE ET CONVINCENTE IL POLIZIOTTO CATTIVO…
    DA ANGLOFONO ME LO GUSTO SENZA GUASTO ANKE SENZA SOTTOTITOLARDI….
    CIAO MERDELLA TORNATA ABBRONZATA!!
    A PRESTO PRESTISSIMO LIVE
    MARRA ^^^^

  39. acidshampoo settembre 2, 2006 a 5:01 pm #

    FONDAMENTALE! Sul sito del canale FX è uscito un bellissimo press-book della nuova stagione di Nip/Tuck! La guida, in formato pdf, raccoglie al suo interno notizie e foto sugli attori e le guest star della nuova, quarta serie. Inoltre notizie sui registi, sceneggiatori, produttori etici etici etici.Clicca QUI per scaricarla.

  40. mato settembre 2, 2006 a 5:33 pm #

    se non sbaglio (e davvero non lo faccio) desperation è stato messo in onda in de iunaitid steits la sera della finale di american idol (un programma che nelle puntate normali faceva trentacinque miliardi di spettatori, maggiorenni esclusi.. figurarsi la finale).. stephen king pare ci sia rimasto male.. forse è per questo che il suo ultimo romanzo faceva abbastanza cagare.. io rimango fermo su it (ma il film è una porcheria).. ma la vera attrazione da tutti attesa (cioè da me) è la serie di fumetti della marvel ispirati alla torre nera.. lì sì che c’ho da divertirmi.. un saluto a tutti, vado a lavorare (oggi mi sento come povia che canta “vorrei avere il becco” seduto sulla tazza)..

  41. mato settembre 2, 2006 a 5:36 pm #

    ho controllato.. la rete era l’ABC.. lo trasmise durante la finale di american idol.. come invitare una ragazza a cena la sera del suo matrimonio..

  42. acidshampoo settembre 2, 2006 a 6:15 pm #

    Questo American Idol sta diventando il nemico numero uno dell’ABC. Nella stagione scorsa, American Idol è riuscito a battere, anche se di poco e solo una volta, il fenomeno televisivo degli ultimi anni: Lost.A proposito di ABC, fra poco mi inizia la terza serie di Desperate Housewives. Non vedo l’ora. Occhio, fan di Twin Peaks: Kyle McLachlan entra nel cast fisso.

  43. acidshampoo settembre 2, 2006 a 6:19 pm #

    > rimango fermo su it (ma il film è una porcheria)…Niente di che, ma secondo me è dignitoso.Tra l’altro è in pre-produzione una nuova versione. Credo sempre per la tv.

  44. DEATH 13 settembre 2, 2006 a 6:31 pm #

    “Occhio, fan di Twin Peaks: Kyle McLachlan entra nel cast fisso”
    ME PARE OVVIO KE ENTRI SULE CASALINGHE DEPRAVATE, DOPO IL SUCCESSO AVUTO ANKE SU SEX & THE CITY…..
    MARRA ^^^^

  45. acidshampoo settembre 2, 2006 a 6:51 pm #

    Guarda però che Desperate Housewives ha veramente poco in comune con Sex & The City. S&TC me lo segnalò la Frank, che era una fan di quelle quattro sue colleghe puttane. Ne guardai una puntata e lo trovai terrificante e senza possibilità di salvezza. Alchè la Frank mi sconsigliò Desperate Housewives. Ne vidi la puntata pilota e lo trovai bello un casino. Mi fiondai sul cofanetto in vendita. Va da sè che la seconda serie è un capolavoro assoluto. E fra venti giorni inizia la terza!

  46. caramelleamare settembre 2, 2006 a 8:57 pm #

    provatemi a pecora! provatemi a pecora!

  47. lozissou settembre 2, 2006 a 9:43 pm #

    >Ma giubila invece che ora si respira! Giubila, amore mio!
    Ah, posso giubilare, e giubilo eccome. Ma non per questo devo accontentarmi. Prima fumavano (e stavo male puntualmente), e infine avevo praticamente smesso di andarci, nei pub. Ora che non si può, è chiaro che anche una sola sigaretta mi dia già fastidio. Il fatto è un altro: tu non credi possibile che io possa star male (o semplicemente: che mi dia fastidio più che a te) per una sigaretta o cento. I tuoi polmoni e la tua intolleranza devono essere la mia, devono essere quella di tutti. Ecco qual è il vero problema, mica il resto.
    Per il resto, posso benissimo chiedere di far spegnere la sigaretta ma oltre alla loro scocciatura mi dovrei pure sorbire le vostre risatine alle spalle? Mi sembra già troppo, la serata per me è già rovinata.
    Se non si può cambiare pub o fare altrimenti (restare a casa tua, andare in un’altra casa, andare in una pizzeria invece che un pub… le soluzioni, a volerlo, ci sono), la faccio prima ancora: non vengo. Però, permettimi il paradosso forzato, mi pare come avere un handicappato nella compagnia e volerlo portare per forza, perchè uno ci vuole andare e poi a tutti va bene andarci, a fare free climbing. Paradosso forzato, ma credimi: io la vivo così.
    ps. Marra, non sborrare nella tastiera a ogni singola digitata del Gori, non vorrei ti scoprissi poco potente in precoce età!

  48. lozissou settembre 2, 2006 a 9:45 pm #

    Dimenticavo Marra: nella tua omofobia patetica non ci sarà della frociaccigine latente? Ti consiglio la razza negroide, in caso: piacere assicurato!

  49. DEATH 13 settembre 2, 2006 a 10:57 pm #

    SBORRARE SULA TASTIERA??OMOSESSUALITà LATENTE?? MA GUARDA…HO TROVATO UN ALTRO PSICOLOGO….DONATI,SI VEDE KE NON HAI ARGOMENTI….SEI DAVVERO DEGNO DI SUSCITARE UNA MIA SINCERA ILARITà…
    E MI FA RIDERE ANKE PENSARE QUANTO TI CREDI FURBO….
    ODDIO GUARDA, QUI DI SOLITO SCRIVEREI QUALCOSA KE SUONA COME UN INSULTO…(PATETICO…ECC)
    MA SICCOME STO PER USCIRE A DIVERTIRMI….
    TI FACCIO UNA RISATA NEL MUSO….
    SLAM!!(PORTA KIUSA)
    ORA SPIEGAME TE GORI…COME FAI AD AVERE A KE FARE NELLA TUA VITA CON PERSONE COSI….
    STAVOLTA è ANDATO OLTRE IL RIDICOLO…
    CIOè MANCO ME LA PIJO PER UNA COSA DEL GENERE
    è DAVVERO TROPPO DA DIPERATO E TROPPO FUORI TEMA
    KE PENA
    MARRA ^^^^

  50. aristide1981 settembre 3, 2006 a 12:07 am #

    caro Alessio, nel tuo secondo intervento sul blog dimostri sempre di più di essere un grossissimo professionista. La tua cura nella descrizione dei particolari di questo figuro è veramente encomiabile. MI-RA-BI-LE! Sembra un racconto di Steven King. In effetti fa anche un po’ paura. Vabbè, alla prossima.

  51. me_now settembre 3, 2006 a 8:55 am #

    Io amo Stephen King da anni…e concordo con te, i film che mi hanno preso tratti dai suoi libri sono stati: Carrie,Christine la macchina infernale, It,Misery non deve morire e Il miglio verde…a già, grande stand by me.
    La cosa che mi lascia perplessa è che purtroppo il grande King da dopo l’incidente e la sua disintossicazione dalle droghe ha smesso di scrivere i suoi capolavori ( la lunga marcia….da non crederci come una maratona possa tenere in tensione per tutta la durata del libro, grande).
    A parte una breve parentesi che mi aveva fatto pensare che fosse tornato lui ( Incubi e deliri per me lo teneva sotto il letto da anni perchè è degno del miglior King),sto disperatamente cercando di leggere Cell,ma credo che sia la quarta o quinta volta che mi arrendo dopo 3 pagine…noioso e sciapo all’inverosimile….
    Se avete letto qualcosa per cui valga la pena fatemi sapere….
    Marra, Desperation e Incubi e deliri sono solo in versione inglese o li trovo da scaricare anche in italiano?
    Ciao ciao
    me_now
    The descent ce l’ho…mi riprometto di guardarlo se mi dici che ne vale la pena…

  52. Bracco settembre 3, 2006 a 10:52 am #

    Ad Hammamet Craxi sembrerebbe parecchio stimato. Se non altro perché ha sganciato dimolti quattrini in “beneficienza”. Sennò mica ce lo teneva il suo amico Presidente (Burghiba, non mi chiedete come si scrive..). La moglie vive lì ancora e non vuole che gli si fotografi o si riprenda la casa..Qualcuno sa se Quattromila400 è finito per davvero? Magari ne avete già parlato e io mi son persa questa cosa. Se qualcuno sa qualcosa..Desperate Housewives è molto bellino e io attendo le nuove puntate su tv. Non ho il satellite.Il raduno fatelo a Rezzo, perché almeno per me è a metà strada, visto che sono in campagna. Poi fatelo ‘ndo’ ve pare, poi se vedrà.Buona domenica e buon Saracino!Forza Colombina!

  53. acidshampoo settembre 3, 2006 a 2:08 pm #

    > sto disperatamente cercando di leggere Cell,ma credo che sia la quarta o quinta volta che mi arrendo dopo 3 pagine…noioso e sciapo all’inverosimile….
    The Cell però mi ispira parecchio. 400 pagine di terra invasa da dei simil-zombi sono quanto di meglio possa chiedere al libraio. Se solo avessi la voglia di leggere libri, attività che non m’è per nulla congeniale.Che si sappia, ci sono dei sottogeneri in cui, almeno al cinema o in tv, mi vedrei di tutto, anche la roba brutta, e mi garberebbe sempre. E sono: zombi-movie, heist-movie, escape-movie, zotico-movie, party-movie, slasher-movie.I libri di King li compro, rilegati, da una vita. Ce li ho quasi tutti, anche il raro Unico Indizio La Luna Piena della Salani (rilegato). Ne leggo pochissimi, ma mi piace averli, perchè merita. Ho letto solo: La Lunga Marcia, Scheletri, L’Uomo In Fuga, A Volte Ritornano, Il Gioco Di Gerald e Ossessione. Mi sono innamorato di King in prima media, dopo aver letto L’Arte Di Sopravvivere, racconto contenuto in Scheletri. Ne lessi un accenno in una pagina di Notizie Letterarie e lo ordinai subito. Stupendo. Altro racconto che m’ha sconvolto e commosso nel profondo: Spiacente, Il Numero E’ Giusto, dalla raccolta Incubi & Deliri.> The descent ce l’ho…mi riprometto di guardarlo se mi dici che ne vale la pena…Assolutamente! E a te ti garberà.

  54. acidshampoo settembre 3, 2006 a 2:20 pm #

    > Qualcuno sa se Quattromila400 è finito per davvero? Magari ne avete già parlato e io mi son persa questa cosa. Se qualcuno sa qualcosa..Come puoi leggere QUI (dove ci sono anche i riassunti), RaiDue ha trasmesso gli episodi fino alla fine della seconda stagione. Ma negli USA è già stata trasmessa una terza.Io di 4400 ho visto la puntata pilota e non m’ha preso veramente per niente. Così come mi faceva cagare X-Files. Poi c’è quel cretino che ha fatto Taken, ma si può?Comunque una serie bella sugli alieni ancora c’ho da beccarla. Da Visitors a 4400, da Roswell a Invasion, fanno una più cagare dell’altra. Spero solo nel remake dei Visitors, in produzione per il 2007.> Desperate Housewives è molto bellino e io attendo le nuove puntate su tv. Non ho il satellite.Bellino? Io direi pure che è stupendo.La seconda serie doveva partire, in chiaro, a settembre e invece è stata spostata a dicembre (come successo a E.R.) Io ho visto le puntate americane sottotitolate ed è veramente stupenda, ancora migliore della prima. Solo la mistery è un po’ più debole, ma in compenso le storie delle protagoniste volano molto più libere e toccano generi e corde insospettabili.

  55. mato settembre 3, 2006 a 3:06 pm #

    the cell purtroppo è una stronzata.. strano tu non riesca a cominciarlo perchè le prime 50/100 sono splendide.. un impulso e la gente che sta al telefono perde la ragione: la padrona che si mangia il cane, la ragazzina che addenta il collo dell’uomo d’affari e sto poveraccio del fumettaro che si trova nel danno.. è lo sviluppo del libro che perde, si smarrisce in un estenuante ricerca di qualcosa che neanche king sa cosa sia.. ma la cosa peggiore è il finale.. una roba messa giù di fretta che fa quasi incazzare (ma prenditi un mese in più e butta giù cinquanta pagine sensate no? chi ti corre dietro?).. insomma, il libro si legge in fretta ma non vale nulla.. se si vogliono mostri e città incasinate conviene tornare a “le notti di salem” e i suoi vari vampiri.. king resta comunque il re.. vedremo il nuovo “lisey’s story”.. quanto a “l’arte di sopravvivere” lo feci leggere al fratellino, che ne rimase affascinato, scosso ma affascinato.. il caso ha voluto che una settimana dopo il tema fosse incentrato su un racconto da commentare.. lui chiaramente ha commentato questo.. ha preso 4, la professoressa ha detto che è da malati un soggetto del genere.. poi uno si stupisce che io voglia riempire di benzina l’intero corpo docenti italiano..

  56. acidshampoo settembre 3, 2006 a 3:14 pm #

    > lui chiaramente ha commentato questo.. ha preso 4, la professoressa ha detto che è da malati un soggetto del genere..Stessa cosa di quando, alle superiori, la prof di italiano ci chiese di parlarle del nostro libro preferito. E io parlai de La Lunga Marcia. E anche se ci tenevo che il messaggio arrivasse, se ero prudente, se sottolineavo a ogni ripresa lo spessore umano del tutto, la troia si fermò alla sinossi e fu tutto un ridere su questo cretino che legge libri assurdi e sanguinari su gare sanguinarie e assurde.Ogni tanto sogno che mi fa lo stesso verso con Non E’ Successo Niente di Tiziano Sclavi. E io le cemento il culo.

  57. mato settembre 3, 2006 a 3:22 pm #

    …ehh, la verita è che bisogna fottersene e scrivere le stronzate che vogliono leggere loro, sero arte o interessi veri.. “la sintomatica romanzesca fatta propria dal moravia cela, sotto un tessuto naturlamente peccaminoso, la grigia tenerezza di un’umanità che non riesce a compiere quel salto – ardito ma necessario – per liberarsi da una noia del vivere così moderna e antica”.. “8, bravo, hai colto il significato del mirabile romanzo”.. fanculo.. è come alla visita militare, nel test psicologico.. troppi amici hanno perso mezza giornata dallo psicologo.. sono andato là è ho scritto che sì, amo le riviste di meccanica, che no, odio i fiori.. sì, alle feste mi diverto e no, non ho la diarrea sciolta.. m’hanno riformato: in tutta questa foga hanno sbagliato le visite mediche..

  58. acidshampoo settembre 3, 2006 a 6:49 pm #

    >  Sembra un racconto di Steven King. E’ Stephen, non Steven.Torsolo.

  59. ilmarinaio settembre 3, 2006 a 7:41 pm #

    …ehh, la verita è che bisogna fottersene e scrivere le stronzate che vogliono leggere loro
    questo è proprio una dei difetti della scuola italiana come è
    ora:  crea studenti schizofrenici, che pensano una cosa ma sono
    costretti a dirne sempre un’altra.  accanto a qualche professore
    motivato e in gamba mi sembra che ci sia una maggioranza che farebbe
    meglio a andare a lavorare in miniera, invece che a insegnare. 
    almeno quando facevo le superiori io era così.

  60. caramelleamare settembre 4, 2006 a 9:46 am #

    franci, mando hai imparato a scrivere cosi bene? mah, te vorrei sentire mentre le dici a voce ste cose, perche mica me fido!cmq veramente bello anche sto pezzo qua, bravo

  61. frank non conflittuale settembre 4, 2006 a 11:07 am #

    >Per il resto, posso benissimo chiedere di far spegnere la sigaretta ma
    oltre alla loro scocciatura mi dovrei pure sorbire le vostre risatine
    alle spalle?Io non c’avrei niente da ridere. Anche a me mi dà noia UNA sigaretta, soprattutto perché ci si abitua velocemente all’aria pulita post-divieto. Ciò detto: piuttosto che dire “si va via” (ché tanto a quelli del Blu Notte non gli arriva manco la ripicca, fra l’altro) mi sforzerei di sopportarla, oppure cambierei tavolo, oppure chiederei intervento al gestore (vergognandomi, ma se proprio è necessario…) oppure, oppure… ma solo come ultima soluzione chiederei ai miei compari di andarsene. O me l’offrono loro, o niente. E’ questo quello che cercavo di spiegarti altrove. Ti sta a pensiero le risatine alle spalle (che bestie si sarebbe a ridere di un bisogno vero) ma non ti sta a pensiero scomodare gli altri.

  62. Nicola settembre 5, 2006 a 8:22 pm #

    Caro Oleandro sto post mi è piaciuto assai, ma parecchio assai! Questi tipi qua l’ho visti pure io parecchie volte ma te me li hai resi ancora meglio di quello che avevo in mente io. Bravo!

  63. acidshampoo settembre 8, 2006 a 4:45 pm #

    > Ah, posso giubilare, e giubilo eccome. Ma non per questo devo accontentarmi. No no, ti accontenti. Ti accontenti tranquillissimamente, caro Donati, piuttosto che fare alzare il culo a quelli al tavolo con te per riportarti alla tua macchinina. Se invece non ti vuoi accontentare (ed è legittimo), vai dal tipo e gli dici di spegnere. Com’è che ti fai dei gran problemi col primo sconosciuto, ma nessun problema a chiedere di alzarsi ad un tavolo di persone che conosci? E se finisci per stare loro sul cazzo, cos’è? Colpa loro?> Prima fumavano (e stavo male puntualmente), e infine avevo praticamente smesso di andarci, nei pub. Ora che non si può, è chiaro che anche una sola sigaretta mi dia già fastidio. Una sigaretta accesa in tutto un locale? Alla faccia del cazzo! Allora scommetto che nemmeno cammini per strada.> Il fatto è un altro: tu non credi possibile che io possa star male (o semplicemente: che mi dia fastidio più che a te) per una sigaretta o cento. I tuoi polmoni e la tua intolleranza devono essere la mia, devono essere quella di tutti. Ecco qual è il vero problema, mica il resto. No no, accetto benissimo che uno non frequenti un locale pieno di fumatori. Io per primo non lo farei. Ma te mi stai chiedendo di credere a Babbo Natale, Donati! Te mi stai raccontando che una sigaretta in un androne te manda in crisi. Ma chi sei?!?! > Per il resto, posso benissimo chiedere di far spegnere la sigaretta ma oltre alla loro scocciatura mi dovrei pure sorbire le vostre risatine alle spalle? Mi sembra già troppo, la serata per me è già rovinata.La scocciatura?!?! Ripeto: non ti scoccia minimamente fare alzare quelli al tavolo con te, ma ti scoccia dire allo sconosciuto fumatore di spegnere la sigaretta? Questa sono veramente curioso che me la spieghi.> Se non si può cambiare pub o fare altrimenti (restare a casa tua, andare in un’altra casa, andare in una pizzeria invece che un pub… le soluzioni, a volerlo, ci sono)E non fare il finto tonto! Come sostitutivo proponi la “pizzeria”! Mi pare di parlare con un catechista! Certo, si va via da un pub per fiondarci in “pizzeria” a cenare per la seconda volta. Tutti eh. Se no ci mandano via. E se qualcuno fuma anche lì? Si va via a mezzo calzone? Donati, per piacere. > la faccio prima ancora: non vengo.E non fare la vittima! Ti metti nelle condizioni di rompere il cazzo, e vuoi pure non essere criticato. Non è che pretendi troppo?>  Però, permettimi il paradosso forzato, mi pare come avere un handicappato nella compagnia e volerlo portare per forza, perchè uno ci vuole andare e poi a tutti va bene andarci, a fare free climbing. Paradosso forzato, ma credimi: io la vivo così.Appunto, questo è un paradosso forzato che non vuol dire un cazzo. Non è free climbing Donati, è un pub. E’ facile dare l’idea di avere ragione con questi paragoni scorretti.

  64. caramelleamare settembre 13, 2006 a 9:58 am #

    cmq il paragone con l’handicappato ci sta tutto…

  65. Giulio Prosperi ottobre 3, 2006 a 1:24 pm #

    Aristide1981 è Gerardo?

  66. acidshampoo ottobre 3, 2006 a 4:38 pm #

    Preciso!Ciao Prosperi carissimo. Benvenuto in questa cricca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: