Senza scampo

15 Gen

SENZA SCAMPO

Era la vigilia di capodoglio e avevo uno strano senso di torpedine. I lucci della metropoli si riflettevano sull’asfalto bagnato. O-rata o cambiale, con-chiglie o senza, che ci sia il sole o che piovra, avevo preso un granchio!
“Fatti corallo, ragazzo!”, mi disse un amico offrendomi un biscottino, un calamaretto di Saronno. “Fai un giro in vongola a Venezia, vedrai ti passerà”. E continuò: “Avanti, acciuga quelle lacrime! Non è mai morto nessuno per amore, che io seppia”.
Tornai in ufficio e accesi la tv. C’era Alien 2 Sgombo Finale, Il Branzino Suona Sempre Due Volte. Sulla terza rete, dopo la Trota Della Fortuna, davano Polpo Grosso, in cui un prete gigante recitava i suoi salmoni al cospetto di una grande platessa di fedeli. Cercavo di non pensarci, è vero, ma mi sentivo senza scampo. Quindi presi carta, penna e calamaro e le confessai: “Ho una manta segreta”. “Una grande storia, uno storione, la nostra” pensai, ma non era vero: era Findus.
Così andai da lei, in via piranha 9 barra-cuda.
Rimasi sulla sogliola della porta. “Cristo!” pensai, “sto-ca-fisso da un’ora, come un vero baccalà. E la cosa non piace, anzi non mi carpa affatto. Ma mi balena un’idea!”. Così le dissi: “Tonno subito”. E lei: “Dove vai?”. “Sono cozze mie, baby!”. Sapete, certe donne non si scorfano mai.
Ma in fondo era carina con quel nasello all’insù. Si avvicinò e mi aprì la cernia dei pantaloni. “Ehi, baby!” le dissi, “quello non si tocca: è sarago!”. “Documenti!”, escamò all’improvviso mostrandomi il tesserino. Era un capitone dei Carabinieri!

Caramelleamare

Advertisements

83 Risposte to “Senza scampo”

  1. infrarosa gennaio 15, 2006 a 3:45 am #

    so ubriachisima ma mi piace nmmucho bravoi chin chin
     

  2. acidshampoo gennaio 15, 2006 a 4:10 am #

    > so ubriachisima ma mi piace nmmucho bravoi chin chin
    CHE TANNO FATTO?!!!!!

  3. frank gennaio 15, 2006 a 10:37 am #

    Ahahahah!

  4. lozissou gennaio 15, 2006 a 11:26 am #

    Incredibile! Non sai l’invidia…

  5. Makegatsu Robot gennaio 15, 2006 a 1:15 pm #

    Astice! Congratulatonni Caramelle, questo pezzo è degno del miglior Lovecraft, ricorda la vita di Cthulhu… il problema nn sarà ke dopo 3 giorni puzza?
    http://www.glasatan.altervista.org/immagini/cthulhu.jpg

  6. Makegatsu Robot gennaio 15, 2006 a 1:19 pm #
    Ce l'ho fatta!!! Ora potete anke toglierla se volete.
  7. DEATH 13 gennaio 15, 2006 a 2:19 pm #

    cincinelli non sense………NON ME L ASPETTAVO!!!
    BUONO BUONO……..
    GORI TE VOLEVO KIAMARE A CASA IN SERATA…TE TROVO???
    MARRA

  8. Makegatsu Robot gennaio 15, 2006 a 3:53 pm #

    Makkè! Non ci riesco proprio a piantarla st’immagine… vabbè poi ci studierò, cancellami Acid! 

  9. acidshampoo gennaio 15, 2006 a 5:18 pm #

    > GORI TE VOLEVO KIAMARE A CASA IN SERATA…TE TROVO???
    Sì sì. Sono qua stughio e scarico telefilm.

  10. Mr.Costa gennaio 15, 2006 a 5:45 pm #

    Deh caramelleamare!!!!!
    Ma che bella roba che hai fatto 🙂
    Mi hai fatto proprio ridere. Sì ma ridere di gusto ..così >>HAHAHAHAHAHAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH !!!!
    E te Gori ti fai chiamare da Marra ”in serata” e da me no?
    Ahi ahi ahi ahi ahi!!!!!
    Vale,
    ^_^

  11. infrarosa gennaio 16, 2006 a 12:14 am #

    ma che nonsense, è un polpo di genio!

    grande cincinelli!
    e scusate il commento di prima!

  12. Mr.Costa gennaio 16, 2006 a 12:21 am #

    Ma infatti chi ha detto che è un nonsense?!
    Doveva essere ubriaco perso.
    Un po’ come te, infrarosa ^^

  13. infrarosa gennaio 16, 2006 a 1:11 am #

    Ching Ching El Ling!

    (…sto imparando a scrivere in cinese con una punta di arabo!)

  14. lozissou gennaio 16, 2006 a 9:13 am #

    Ma che “canzone” è questa in sottofondo, stavola?

  15. Myrna gennaio 16, 2006 a 9:23 am #

    Ubriaco Giangi?!
    Non prorpio, mi sa.

  16. lozissou gennaio 16, 2006 a 2:51 pm #

    Sgargabonzoidi (e non) della Toscana, attenti!
    Stasera, al telegiornale delle 19.30 o a quello delle 20.20, sintonizzatevi su Canale 102tv.A rischio sorpresa…

  17. Caramelleamare gennaio 16, 2006 a 3:45 pm #

    lozissou mi ha mandato un mail formalissima, nella quale mi invita a
    comprare il suo libro che costa 10 euro. Io non lo voglio comprare
    assolutamente perche non saprei che farmene, quindi facciamo così: UNO
    QUALSIASI DEL BLOG CHE NON HA COMPRATO IL SUO LIBRO, GLIELO COMPRI.
    cosi i dieci euro gli arrivano uguale, non da me, ma gli arrivano. e
    senza me non gli sarebbero arrivati, quindi non puo piu dire niente.
    Ah, oltretutto io quel libro l’ho letto, e vi giuro che è una dele cose piu belle che abbia mai fatto in vita mia!!

  18. Caramelleamare gennaio 16, 2006 a 3:49 pm #

    grazie, per i complimentisul pezzo gente. So che non ve l’aspettavate
    da me una roba scherzosa cosi, ma in realtà è il mio genere preferito,
    cioè quello che mi torna meglio. Sarà che mi piace scriverle perche ci
    rido da solo mentre lo faccio, sarà perche piacciono un sacco alla
    gente, fatto sta che mi divertono proprio.
    Ringrazio acid per avermela pubblicata, cosi qualcuno smetterà di
    pensare che so solo rompere le scatole, in fondo sono simpatico anche
    io oh!!
    ciao sgargabonzoidi….

  19. lozissou gennaio 16, 2006 a 4:31 pm #

    Simpatico proprio non direi. Al massimo insopportabile, ma simpatico proprio no.

  20. Nicola gennaio 16, 2006 a 9:21 pm #

    Bello cibcischielli. Mi è piaciuto

  21. infrarosa gennaio 17, 2006 a 12:54 am #

    oddio donati quante seghe mentali, come se diventare famosi fosse il top.
    guarda, io contro di te non c’ho niente anche se non ti compro il libro, l’unica cosa in cui non mi sei piaciuto è l’interruzione costa-gori. ci so’ rimasta un po’ male.
    ma ho anche una cosa positiva da dire: sei uno dei pochi che zitto zitto sulle robe che scrive cercherebbe anche di mangiarci e fai anche bene (c’avessi il coraggio io, che se lavoro faccio lavori di merda e se faccio le cose che so fare bene le faccio senza farmi pagare o quasi – i commentatori eventuali di questa frase si astengano!).
    pensa invece al nostro gorino che ci fa un blog così e AGRATISSE!

  22. acidshampoo gennaio 17, 2006 a 1:58 am #

    > Laurina, diglielo te come son le banconote da 10 euro, quelle che non mi hai mai fatto pervenire, direttamente o indirettamente, per il libro. Tutti entusiasmi, quelli che mi hai dato, ma gli entusiasmi non pagano.
    Eh ma se aspetti lei, campa cavallo! Però l’entusiasmo sì eh, quello non te lo fa mancare. Per il resto, questa citta c’ha le tasche a chiocciola.

  23. acidshampoo gennaio 17, 2006 a 2:03 am #

    > pensa invece al nostro gorino che ci fa un blog così e AGRATISSE!
    Ma mi viene naturale. E questo perchè il Gori, anzichè amare la cultura, la fa!
    *pciù costì*

  24. acidshampoo gennaio 17, 2006 a 2:09 am #

    > Ma che “canzone” è questa in sottofondo, stavola?
    Si intitola Vilka sidor lankar hit, è di un gruppo svedese che mi garba molto, gli Inclusive Flertalet.

  25. infrarosa gennaio 17, 2006 a 2:19 am #

    ma vai a cacare gori
    “Vilka sidor lÄnkar hit” vuol dire “quali pagine sono linkate qui”!
    e flertalet vuol dire “in più lingue”!!!
    alò mi fai fare ancora più la saputella di quanto già sia!
    o mi fai fare ancora più la saputella di quanto già NON sia?

    qui risiamo al caso dell’ “affatto”…

  26. infrarosa gennaio 17, 2006 a 2:20 am #

    NOOOOOOOOOOOOOOOOOO
    BELLISSIMO GORI, NON AVEVO ANCORA SENTITO LA COLONNA SONORA!!!
     

  27. acidshampoo gennaio 17, 2006 a 2:32 am #

    Tzè… io ‘ste cose le metto per te, Infrarosa, e te nemmanco me te n’accorgi.
    Comunque il mio pezzo preferito di questa canzone d’amore è quando dice “Den här sidan ändrades senast”. Ecco, lì davvero è commovente.

  28. acidshampoo gennaio 17, 2006 a 2:34 am #

    > E te Gori ti fai chiamare da Marra ”in serata” e da me no?
    Da te Costa aspetto ancora il regalo di Natale. Guarda la mia povera wish list come langue per colpa tua, maldido!

  29. acidshampoo gennaio 17, 2006 a 2:46 am #

    Segnalo le due pagine che QUALCHEDUNO m’ha costretto a mettere fra i link qua a destra. Andate verso la lettera “L”, cliccate e leggete.
    Sia detto: Lozissou non c’ha il senso delle cose e ‘ste due pagine fra i link c’azzeccano come il cavolo a merenda. Il libro invece no, e lo consiglio fortemente. Era un’ottima strenna natalizia, ma il Natale è passato. Viene buona però anche come strenna pasquale. Come sorpresa derent’a-l’ovo invece della solita Panzanella Spray (non se ne può più!). E poi fra i ringraziamenti ci sono anch’io (…col cazzo. E questo infatti non glielo perdonerò mai).

  30. acidshampoo gennaio 17, 2006 a 2:52 am #

    Ho scaricato tutta la prima stagione del cartone ungherese La Famiglia Mezil. Chi se la ricorda?

  31. lozissou gennaio 17, 2006 a 9:53 am #

    A volte sospetto che non vengo capito del tutto. Anzi, è più che un sospetto.Forse però non sono ironico come penso. Presuntuoso, pooh…
    Acid, non t’ho costretto a niente!  Non mi costringere invece a tirare fuori mail private che diano supporto a questa perentoria affermazione.
    Sui ringraziamenti: Donati = Bianconi. Pooooh…

  32. Myrna gennaio 17, 2006 a 9:54 am #

    Caro Donatino, ti ho fatto i complimenti per il libro e te ne faccio ancora però non sono interessata a comprarlo. Tu si che parli bene, non cachi per non mangiare.
    Non sono cattiva, mi disegnano così.
     

  33. Myrna gennaio 17, 2006 a 9:58 am #

    Eh ma se aspetti lei, campa cavallo! Però l’entusiasmo sì eh, quello non te lo fa mancare. Per il resto, questa citta c’ha le tasche a chiocciola.
    ”Le tasche a chiocciola”(bell’espressione) ce l’ho quando devo averle.
    Ancora non lavoro e non posso fare con i miei quello che ti permetti tu con i tuoi, caro cugino.

  34. lozissou gennaio 17, 2006 a 10:07 am #

    Verissimo, confermo: il senso delle cose non ce l’ho. Manco a cercarlo col lumicino. No, sono alle elementari per quello. Du’ palle quando avrò l’esame…

  35. Rouge gennaio 17, 2006 a 10:12 am #

    Gori… preparate per stasera!

  36. frank gennaio 17, 2006 a 10:38 am #

    >in fondo sono simpatico anche
    io oh!!Gnaaagnooo… In effetti è proprio quello che ho apprezzato di
    più di questo post. Ridere fa ridere ed è ben fatto. E per il tempo
    della lettura ci si scorda che la penna è di Nero Guarnacci Senior.
    Aènne… Alevòlte.

  37. frank gennaio 17, 2006 a 11:10 am #

    Lozissou, basta. Guarda, ho letto il testo e il metatesto del tuo
    sfogo, però adesso basta. Io faccio il tifo per te, e spero che il
    prossimo libro che scriverai sarà pagato dall’editore e dai lettori e
    non da te. Poi gli amici artisti si supportano comprando, consigliando
    e non copiando (anche se di solito gli Amici come minimo mi fanno
    arrivare una copia promozionale, come massimo mi mettono nei crediti).
    Ora però basta. Sei fra noi e sai che qua dentro delle scalate non ce
    ne frega niente, ci frega solo che ci sia corpo e anima in quello che
    si produce. O dal bazzicare casa Gori non t’è arrivato questo messaggio
    essenziale?

  38. lozissou gennaio 17, 2006 a 11:38 am #

    Frank, quel messaggio era già arrivato (per quanto mi riguarda) ben prima del benvenuto in casa Gori. Credimi. Ed è tuttora quello che mi sorregge, che mi fa sopravvivere. Libera di non crederci poi. Può scocciare, ma mi basta saperlo per me in fondo.
    Delle scalate non me ne frega niente, del patetico ma anche umanamente commovente “chissà se si ricorda di me” (non a caso, lozissou) un po’ di più.
    Lo sai bene che l’ipocrisia non mi piace punto; e l’ipocrisia non la vedevo certo nel Cincinelli, che a suo modo è di un candore e di una coerenza unici, ma in altri sì, permettimi. In altri sì, e questo fa salire pensieri di stupida rabbietta invidiosa, anche umanamente comprensibile però. Forse sarà il fatto che mi senta sempre paurosamente solo.
    Sui credits e le copie promozionali, se permetti, esprimo tutti i miei dubbi (e il disappunto), e rimando a ulteriore momento eventuali chiarimenti. Così come sul concetto di Amici, ben distinto da quello di semplici Conoscenti.
    Quello che mi sconcerta è come si tende sempre a sottovalutare, in genere, il lavoro intellettuale, quello ‘minimamente’ intellettuale, quello che è tanto alla portata di tutti da essere alla portata di nessuno. Ché un Amico non si sognerebbe mai di chiedere agratis il progetto di una casa all’Amico architetto, o una difesa in tribunale all’Amico avvocato; però, via, un Amico scrittore può anche devolvere a destra e a manca i suoi cazzo di libri, fottuto tirchio che non è altro… Ché, ci mancherebbe, il progetto di una casa richiede impegno, talento, responsabilità; un libro ma per carità, è carta straccia che prima o poi, più prima che poi se la gente tiene i libri come di solito la gente tiene i libri, si degrada…
    Mi aspetto comprensione ora. Da te invece, aspetto anche la lista delle tue compulsioni.

  39. lozissou gennaio 17, 2006 a 12:07 pm #

    A corollario del precedente post, altre due cose:
    1 – per paurosamente non intendevo un accrescitivo generico. Mi fa proprio paura. Terrore.
    2 – E hai ottenuto quello chevolevi da questa vita, nonostante tutto?Sì.E cos’è che volevi?Potermi dire amato, sentirmiamato sulla terra. (Raymond Carver, Ultimo frammento, 1988)
    Non posso dire di esserci ancora arrivato. Non del tutto, non come (per certi versi) vorrei.
    Vi saluto, Freud mi aspetta di là…

  40. Rouge gennaio 17, 2006 a 12:56 pm #

    Dopo Lozissou mi faccio anche io un po’ di pubblicità! 😉
    Stasera, su radio wave dalle 22.00 ritorna il programma “Il discorso è questo qui”, con la partecipazione di Gori e Nicola.
    Oltre al classico link (che continua a non funzionare) ve ne mando uno alternativo: caricate il seguente indirizzo sul vostro player preferito… dovrebbe andare:
    http://83.147.65.15:8000/RadioWave
    A stasera sgargabonzofili

  41. Rouge gennaio 17, 2006 a 1:30 pm #

    ecco… appunto, il link che vi ho appena dato è impazzito e collega a radio due! ma porca…

  42. infrarosa gennaio 17, 2006 a 2:02 pm #

    ma zissou, di che ti lamenti, ce lo siamo cercato!
    è la nostra missione-amélie:
    (per me che So Le Lingue ancora di più!)
    le case e le difese in tribunale sono cose lontane, antipatiche, dispendiose, snob…
    vuoi mettere il potere e il piacere della parola? così immediata, salvifica, veloce da trovarsi?
    democratica, anarchica e disponibile a tutti?
    alò, cinque minuti, du’ righe, che ti ci vole?
    i tuoi te lo chiedono di scrivere i biglietti di natale per i loro amici? perché se non mi rifiuto io, a me viene chiesto anche quello!!!
    e le poesie per i matrimoni e le comunioni, ti hanno mai costretto a scriverle?
    siamo i crocerossini dell’umanità,
    gli eterni volontari, tanto si fa qualcosa che ci piace, mentre gli avvocati non necessariamente!!!
    gli sfigati dell’era digitale!!!
    non lo so ma a volte mi sento così
    anzi sempre più spesso.
    non penso alle robe tipo le traduzioni di offerte ebay fatte in volata anche agli sgargabonzini (ho ricevuto così tanti piaceri io nel corso degli anni, ché mi pare il minimo, anche se non alle stesse persone, rifarli, e lì non c’ho problemi)
    ma a tremila incarichi di lavoro da traduttrice interprete scrittrice redattrice dove vengo pagata solo ed esclusivamente in natura:
    pranzi, biglietti per il teatro, inviti, cazzi…
    soldi, mai o quasi.
    poi guarda, a essere femmina e chiedere i soldi solo per servizi linguistici del tipo meno godereccio la diffidenza del cliente quadruplica.
    se aggiungi il mio eterno senso di colpa e disprezzo per il denaro…

    tutto questo per dire che non ci sarebbe poi niente di male a dare a chi reputi amico tuo un libro in visione agratis come dice la Lupo.
    è la gente che non è disposta a pagare per leggere, ma per comprare la macchina sì.
    per fortuna ci sono poche eccezioni che mi rincuorano. il mio prof quassù ha scritto una storia per bambini, l’ha fatta illustrare a una sua amica (pagandola bene) e fa fare il layout “estetico” del libro a me (pagandomi, bene ancora non lo so).
    almeno lui.

    vaffanculo infrarosa intellettuale di merda.

  43. lozissou gennaio 17, 2006 a 2:43 pm #

    Fai bene a dividere le cose in due; come Leone insegna, “il mondo si divide in due…”. Un conto sono gli Amici, i veri Amici (o anche non necessariamente veri, anzi, anche no diciamo, anche semplici conoscenti). Io non mi sento un generoso cuor d’oro, ma in quel caso sarei e sono sempre il primo a sacrificarsi, se mi chiedono una cosa, traduzione o due righe che siano. Spesso malvolentieri, beninteso (a me si chiede, ovviamente: “mi fai il filmino della comunione, tu che sei regista?”; già, il regista, deontologicamente, fa questo: filmare comunioni e matrimoni – Bellocchio insegna), però poi lo faccio. Praticamente sempre.
    Un conto, invece, è la professionalità. E lì non transigo: la professionalità si paga. E professionalità è saper teoricamente progettare una casa, saperla costruire muratorialmente, saper consegnare la posta per bene, saper contare bene i soldi e dare i resti giusti. E, anche, saper scrivere, saper parlare. C’è chi lo fa meglio o lo fa peggio, ma l’importante è già che c’è chi lo sa fare e chi non lo sa fare, che non si potrebbe neanche permettere di pensare “eh, lo scrivevo anche io questo; eh, lo facevo anche io un film così”. Ma dei giudizi stereotipati della gente me ne frego, poi però li ritrovo nel mondo della cosiddetta professionalità. La trafila è la stessa: finché non servi non ti chiamano, quando servi (o perlomeno potresti essere utile) ti chiamano, e manco il verso di ringraziarti, ché la gratitudine, alla lunga, non può essere solo a parole. Non con la professionalità in ballo. E’ questione di decenza e dignità, punto e basta.
    Situazione incresciosa, che gli Amici dovrebbero capire anche di più forse. Perchè per una cena fuori ci stanno sempre, anche a invitarti magari, ma 10 euro per il tuo libro (per un libro che uno ti chiede di leggere e di potergli dare un’opinione: invito che io lo vedo commovente, tenerissimo, irrifiutabile. Voglio dire…in quel momento pende dalle tue labbra, tiene a te, ha fiducia in te). E sarei anche il primo a dare in visione gratis (o solo gratis), se non fosse che il giro di amici a quel punto si estenderebbe – si estende – in maniera automatica, quasi di default, soltanto al sentore dello scrocco. A quel punto, di Leone sono tutti appassionati. Se lo dico è perchè è successo. E siccome so poco rifiutare e so male inventare scuse (anche perchè vorrei che fosse la decenza dell’altro a emergere, e invece non accade mai), evito gli imbarazzi e le fatiche a priori. Estirpare il male alla radice. Che poi sia una questione tutta mai poco m’importa, se ci credo (e ci credo).

  44. lozissou gennaio 17, 2006 a 2:44 pm #

    >le difese in tribunale sono cose lontane
    Quello sicuro, meno male. Fiuuuu….

  45. Caramelleamare gennaio 17, 2006 a 4:03 pm #

    come sarebbe a dire che a un amico architetto o avvocato non gli chiedi
    la roba gratis!?!? per piacere, non mi insegnate queste cose del mondo,
    perche poi me le ricordo e non ho piu il coraggio di fare quel che me
    pareva ovvio, cioè chiedegnene a sfare. pero io dico amici eh,
    conoscenti è un altra cosa.
    Visto acid?! ….Cincinelli = Candido…
    non aggiungo altro.

  46. acidshampoo gennaio 17, 2006 a 4:30 pm #

    Quando sarò psicologo, sedute gratis a tutti, e – ma solo alle donne – un transfert da immediata radiazione d’albo. 
    Ora, è chiaro che se finanziassi la produzione di un libercolo de Le Avventure Di Gunther Brodolini, me garberebbe vedere un po’ di voglia di comprarlo da parte degli amici. Mica per i soldi eh, quelli ce s’ardanno a fine tombola, però un minimo di entusiasmo sì. Per chi lo faccio per no?
    E credo che, alla fine della fiera, sia questo lo stesso discorso de Lozissou. E ha ragione. Uno si fa il culo, paga salato per farsi pubblicare, e gli unici sorrisi sono quelli della Falsopiano che si frega le mani con contratti così. E, per il resto, il silenzio più assoluto: hai scritto un libro e ci si limita a prenderne atto (“ah!”) per poi cambiare discorso. Ma che vita grama!
    E ora la rivelazione shock: anche aristide1981 ha scritto un libro ai tempi delle superiori. Gli chiedevo il genere, la lunghezza, se era un romanzo, una raccolta di racconti o un saggio. E lui: “Non posso dirti niente fino ad Aprile, per motivi contrattuali”. Era già in nuce quello che è ora.

  47. acidshampoo gennaio 17, 2006 a 4:36 pm #

    > come sarebbe a dire che a un amico architetto o avvocato non gli chiedi la roba gratis!?!?
    Avvocato ci sta che ne avrai bisogno più te che io! Sull’architetto, paro paro, nella mia idea delle cose, quando la Lupo sarà architetto potrò avere case ovunque!!! Agratisse!!! E Multisale, club scambisti, ipermercati, mausolei, cattedrali e piramidi. Per la serie, la statua della libertà a casa vostra! Cincinelli, occhio che con quando la Lupo sarà avvocato ti faccio costruire la casa intorno dove te camini, che così arrivi in ritardo, te perdi. Già te ce vedo: “oh sto muro?”.

  48. acidshampoo gennaio 17, 2006 a 4:41 pm #

    > ”Le tasche a chiocciola”(bell’espressione) ce l’ho quando devo averle.
    Secca, diretta, precisa. Ti è piaciuta Cincinelli? A me tanto de quel tanto. 
    > Ancora non lavoro e non posso fare con i miei quello che ti permetti tu con i tuoi, caro cugino.
    WOW! Allora è quello il problema: non lavori! Immagino quando lavorerai! SARA’ UNA PACCHIA!!! Sarai senza freno quanto a generosità! Occhio a non esagerare eh. Che, per come ti conosco, te le cose o le fai al massimo o non le fai. E una cosa è essebbravi, un’altra essecco glioni. Occhio, Myrna!

  49. acidshampoo gennaio 17, 2006 a 4:43 pm #

    > Gori… preparate per stasera!
    Non sarò mai preparato! Mecacommano!Hasta sera.

  50. acidshampoo gennaio 17, 2006 a 4:46 pm #

    > Gnaaagnooo… In effetti è proprio quello che ho apprezzato di più di questo post. Ridere fa ridere ed è ben fatto. E per il tempo della lettura ci si scorda che la penna è di Nero Guarnacci Senior. Aènne… Alevòlte.
    A me è garbato anche in un altro senso. Ovvero: ma guarda te dove è andato a infilarsi. I pesci? Manco lo mangia il pesce. Non c’è una ragione, una filologia, un motivo. Quel’è il senso del tutto? Non c’è: è il Cincinelli.

  51. Rouge gennaio 17, 2006 a 7:54 pm #

    Sembra che questo link sia tornato a funzionare… caricatelo su windows media player.
    http://83.147.65.15:8000/RadioWave
    A stasera dalle 22.00!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  52. Caramelleamare gennaio 17, 2006 a 8:39 pm #

    va beh se è per questo, ne ho scritti tanti cosi, uno in particolare mi
    sembra ruscito bene. E’ uno con la frutta come tormentone, cioè, i
    frutti.
    Per quanto riguarda la tu cugina acid, sono ancora d’accordo con lei,
    siete in situazioni familiari diverse: loro sono dei povaracci, voi
    c’avete le banche: facile per te essere generoso! E anche lo stile è
    bello, come dici te: “secco, preciso, pochi secondi di connessione
    sprecati, chiaro, economico…”  brava laurina!
    Ah proposito de: “oh sto muro?!” stamani c’ho fatto caso che dopo 2 ore
    e mezzo che m’ero alzato avevo detto solo due prole a voce alta: “KIA'” e “SHABUDABUDABU”.

  53. Caramelleamare gennaio 17, 2006 a 8:48 pm #

    va beh, dopo questa discussione ho deciso che sarei interessato ad
    avere il ibro di lozissou, o i libri, non lo so. Il merito è di acid,
    lozissou, ringrazialo.
    Pero non li volgio pagare perche non c’homanco i soldi per prendermii
    “magico vento” e i “tutto ratman” su ebay, quindi anhe 10 euro per un
    libro mi pesano. Quindi: appena me ne ricordo, bisogna che porti la
    tavalottas propriocettiva che m’ha prestato il fisioterapista, al suo
    ambulatorio, meglio se entro giovedì…no volevo dire: appena trovo una
    pasticceria o un forno che mi pigliano a lavorare, col primo stipendio
    ce lo/li faccio scappare.
    Cerco lavoro: Ragazzo 27 anni, senza esperienza, cerca lavoro notturno
    in una pasticceria o in un forno come aiuto-pasticcere od
    aiuto-fornaio, possibilmente al nero, anche solo pel gusto di fare una
    cosa irregolare che, nel suo piccolo, possa contribuire ad un nuovo
    olocausto. Numero di telefono 3343460050
    Bigiarini, a caprese ci vengo a stare volentieri, se mi trovi sto tipo lavoro dalle tue parti, dimmelo.

  54. Mr:Costa gennaio 17, 2006 a 9:33 pm #

    >>caricatelo su windows media player.
    Deh, ma come si fa che io sono imbranato?
    ^^

  55. Nicola gennaio 17, 2006 a 9:38 pm #

    Io l’ho letto il libro, ho pure la dedica dell’autore, cioè il Donati. Cioè Robeto. Cioè LUI.

  56. Il discorso ? questo qui gennaio 17, 2006 a 10:10 pm #

    Costa, vai su WMP,menù OPEN, open URL e inserisci l’indirizzo che ti ho dato

  57. mr.Costa gennaio 17, 2006 a 10:25 pm #

    Hey ”il discorso è questo qui”..
    Grazie 100,000!
    Ho lottato un po’ con WMP ma ho vinto.
    Perchè l’importante è vincere.. no?! ^_^
    Ci siamo..
    On air

  58. Il discorso questo qui gennaio 17, 2006 a 10:35 pm #

    E dopo la predica del nostro sindaco (NB la minuscola non è casuale) rientriamo nei ranghi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  59. Mr.Costa gennaio 17, 2006 a 10:43 pm #

    Toh, anche qui “sindaco” si scrive con la lettera minuscola…
    Non si fanno nomi mi raccomando
     

  60. acidshampoo gennaio 17, 2006 a 11:09 pm #

    Grande Nibbio: il solito trionfo. E anche il solito tronfio che sei eh.
    Troppo bello il tuo Cerruti-style ma con pericolose incursioni nel Palazzeschi e nel Palazzesco.Ha riso molto anche la tu Rossella. Dalle risate m’è caduta dal letto.Mo’ fra poco tocca a me.
    Ah, mitico Costa che ci fa sempre da supporter.

  61. Mr.Costa gennaio 17, 2006 a 11:37 pm #

    Sì dovuti congrats al Nibbio.. che ci fai a Caltanisetta?!
    Certo che ci sono.. piegato e provato ma ci sono.
    CI HO un mal di testaaaa…
    Gori preparati. Mi raccomando.
    3,2,1.. ON AIR!!!!
    un post-script: ah, per il pagamento possiamo fare anche a rate 😉

  62. acidshampoo gennaio 18, 2006 a 12:20 am #

    E anche stasera è vita. Vita non nel senso di vita, ma nel senso… di vita. Non so come spiegarlo. Vita ecco.
    Grazie al Rouge e signora, impareggiabili padroni di casa. Spero che a chi ascolta arrivino gli ioni d’amore che vi mandiamo. Ma proprio a badilate eh. Arrivano, Costa?

  63. lozissou gennaio 18, 2006 a 12:32 am #

    Ah, ma il Gori lo ringrazio, eccome. Per la sintesi, che meglio di me convince tutto e tutti. Volevo citarlo per intero, ma mi pareva troppo. Bene allora, non aggiungo altro.
    Giù ora a comprare a valanghe il libro (a breve i, spero) de lozissou, ovvia…Chi inizia? Per chi lo tengo? Fate a coppie? Cincinelli e Bigiarini lotto numero uno; Laurina e infrarosa lotto numero due; e così via, a oltranza.
    Ah, sul “ce lo siamo cercati noi”, infrarosa; in realtà, penso conti molto anche la predestinazione. Ovvero: io sento che non potrei fare altro di quel che già (non) faccio e vorrei fare, davvero. Per tutto il resto mica sono tagliato: non è questione di voglia o piacere, è questione che non sarei proprio in grado, nè saprei farlo bene come poi so che vorrei fare un lavoro. Mi rendo conto che è un bell’affare: un punto di cui andare fieri, sì, ma anche un limite mica da poco.

  64. Mr.Costa gennaio 18, 2006 a 12:46 am #

    >> E anche stasera è vita. Vita non nel senso di vita, ma nel senso… di vita. Non so come spiegarlo. Vita ecco.
    Vedo che sto iniziando a contagiare anche te… eh sì ci sono espressioni che proprio non riesco a tradurre ”su carta”.
    >> Spero che a chi ascolta arrivino gli ioni d’amore che vi mandiamo. Ma proprio a badilate eh. Arrivano, Costa?
    Arrivano arrivano. Eccome. E ritornano pure. Ma anche se non mi becchi in faccia è uguale però. ^_^
    Ah, un’altra robba. Stasera ti sei buttato sul calcio +/-.. non so se hai detto la verità, però io proprio non c’ho proprio niente a che fare e non so manco come i gioca.
    Quindi perdonami se all’inizio avevo quell’espressione un po’ così in volto… hai capito cosa intendo, no? Era un poì così. Ecco.
    Ma adesso è passata eh!!!!!
     
     
     
    Il mal di testa no.

  65. Rouge gennaio 18, 2006 a 1:01 am #

    Puntata toga… un po’ caotica ma toga…
    E come di consueto eccovi la playlist della serata
    Colder – “Wrong baby”
    Pj Harvey – “A perfect day Elise”
    Etienne de crecy – “Scratched”
    U2 – “Night and day”
    Queen – “Innuendo”
    Patti Smith – “Because the night”
    Smashing pumpkins – “Tonight, tonight”
    Faith no more – “Easy”
    Libertines – “Time for heroes”
    Incubus – “Wish you were here”
    Danko Jones – “Lovercall”
    Morphine – “Buena”
    Janis Joplin – “A piece of my heart”
    The Music – “The people”

  66. Mr.Costa gennaio 18, 2006 a 1:16 am #

    >> eccovi la playlist della serata
    Altra cosa: ho graduto molto la musica stasera!  Bravi ragazzi
    Adesso mi ritiro a vita privata. Fra quattro ore esatte devo essere di nuovo in pieni, in forma e scattante per un nuovo giorno.
    “Io mi fermo qui”
    Passo & chiudo

  67. infrarosa gennaio 18, 2006 a 1:48 am #

    Al mare:
    – Papà, mi compri il materassino a forma di bagnino?
    – Ma non esistono.
    – Ma come, la mamma dietro lo scoglio ne sta gonfiando uno.

  68. Caramelleamare gennaio 18, 2006 a 3:04 am #

    ah, quindi ne vuole due

  69. infrarosa gennaio 18, 2006 a 4:16 am #

    oh, dal commento a destra avevo troppo capito che l’autore eri te

  70. acidshampoo gennaio 18, 2006 a 4:25 am #

    Non credo ne volesse due. Magari ne voleva uno per sè, non so. Comunque questa barzelletta è incomprensibile. Ma mi piacciono queste cose nonsense.

  71. acidshampoo gennaio 18, 2006 a 4:28 am #

    > Vedo che sto iniziando a contagiare anche te… eh sì ci sono espressioni che proprio non riesco a tradurre ”su carta”.
    No ma io scherzavo. Era “vita” nel senso di “andata” (participio passato di andare). La bouta(na)de stava lì.

  72. Dillydoll gennaio 18, 2006 a 3:24 pm #

    Simpatica la barzelletta 😀

  73. il marinaio aprile 27, 2006 a 8:05 pm #

    leggendo questo vecchio post mi è preso un colpo: la famiglia
    Mezil!  non mi ricordavo come si chiamasse, ma mi è sempre rimasto
    in memoria di aver visto un cartone che parlava di una famiglia
    ungherese… a volte l’avevo chiesto in giro, nessuno se lo
    ricordava.  alla fine ho pensato quasi di essermelo
    immaginato. 

  74. acidshampoo aprile 27, 2006 a 8:29 pm #

    Marinaio, sappi che ho tutti gli episodi della prima serie de La Famiglia Mezil su dvx. I primi quattro dvx li ho prestati a Lozissou, il quinto ce l’ho io. Quando scendi da queste parti te li passo, valgono la pena.A proposito di anni ’80, oggi ho comprato i cofanetti della seconda e terza serie de I Ragazzi Della III C, ma come ben ricordavo non c’è paragone con la freschezza e il minimalismo della prima. E poi nella terza non c’è nemmeno più Benedetta, che era la mia preferita, e le avventure sono quasi esclusivamente extra-scolastiche. Ecco uno di quegli esempi in cui il soldi rovinano un’idea semplice e perfetta. Peccato.

  75. il marinaio aprile 27, 2006 a 10:44 pm #

    una scena che mi ricordo ancora:  alcuni malavitosi rapiscono la
    classe;  il padre di Ciccio vede due salsicce in un piatto e
    sviene perché pensa siano le dita tagliate di suo figlio.
    eccezionale

  76. il marinaio aprile 27, 2006 a 10:50 pm #

    strano, non mi ha inviato il commento che avevo scritto prima. 
    dicevo, brevemente, che:
    La famiglia Muzil:  mi sembra di ricordare che il padre era
    brontolone, ma poi discutevano e risolvevano insieme i loro
    problemi:  come I Robinson, ma ambientato in area sovietica!
    Benedetta:  la meglio in assoluto, anche esteticamente. 
    avrebbe dovuto sposarsi con Ciccio e formare una famiglia
    antipaninara.  li avrebbe sposati il cartolaio, altro personaggio
    che mi è sempre piaciuto.  erano forti anche i genitori di Ciccio,
    specie il padre.

  77. acidshampoo aprile 27, 2006 a 11:13 pm #

    > Benedetta:  la meglio in assoluto, anche esteticamente.  avrebbe dovuto sposarsi con Ciccio e formare una famiglia antipaninara.  li avrebbe sposati il cartolaio, altro personaggio che mi è sempre piaciuto.  erano forti anche i genitori di Ciccio, specie il padre.Il cartolario Ciro, un mito! E soprattutto Ennio Antonelli nel ruolo del padre di Sacchi, indimenticabile faccia di tanti b-movie (ma è anche in Sogni D’Oro di Nanni Moretti). Prima della terza serie ebbe un infarto e fu sostituito da Paolo Panelli (grande attore, ma scelta per niente azzeccata).Una puntata di Stracult di due anni fa era dedicata proprio ad Ennio Antonelli. Marco Giusti lo andò a intervistare nell’ospizio in cui era. L’intervista non fu patetica, d’altronde si parlava solo di b-movie, ma fu molto penoso vederlo vecchio e malato (infatti poi morì nell’agosto 2004). Ricordo che si commuoveva continuamente. Era la prima volta che lo vedevo fuori dai suoi personaggi.

  78. caramelleamare aprile 28, 2006 a 12:25 am #

    questo è il post che scrissi io! ma bellino che era!

  79. Mr.Costa aprile 28, 2006 a 12:35 am #

    >> questo è il post che scrissi io! ma bellino che era!
    Ah sì veh. Non ricordavo fossi tu il colpevole. Mi sali di grado caramelle.  

  80. lozissou aprile 28, 2006 a 1:39 am #

    >I primi quattro dvx li ho prestati a Lozissou
    Sai che ti dico marinaio, s’ha vederli assieme?! L’effetto nostalgia in comunella è ancora più bello.
    E a proposito di nostalgia: il 19 maggio chi si trovasse alle 17,30 verso l’Informagiovani di Arezzo e non avesse un cavolo da fare, mi trova lì dentro a disquisire dottamente (e cappello-munito) di leoni, nostalgie, americhe… Ci terrei che qualche sgargabonzo mi chiedesse lumi o mi mettesse in crisi!

  81. Makegatsu Robot aprile 28, 2006 a 1:56 am #

    Oddio Rob, io vengo a vederti ke con quel cappello sembri Cimino prima di rifarsi le tette! Spero nn me ne vogliano i trans!

  82. lozissou aprile 28, 2006 a 2:03 am #

    >io vengo a vederti ke con quel cappello sembri Cimino prima di rifarsi le tette!
    Mamma che onore ste parole… Me l’ero dimenticato di dirtelo in privée, sorry!
    PS. ARGH, CIMINO NON HA LE TETTE RIFATTE Nè è TRANSGENICO, è SOLO GENI(C)O!!  ehm ehm, scusate l’affondo, ora ritorno al contegno ortografico. 😉  (non che abbia niente coi trans, beninteso)

  83. infrarosa maggio 4, 2006 a 7:42 pm #

    …”bellino”? è un capolavoro! mi raccomando pensa a quella storia della frutta alòsennò al limite ci sono le piante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: