Nel nero

28 Giu

Le tenebre e un telescopio. Guardare senza essere guardato. Luci della città, nella notte, che passo in rassegna da lontano.
Sono led perfetti fra le tenebre incontenibili. Errori di calcolo, lacerazioni, entropia, incidenti di percorso del buio. E al sicuro nel buio, le indico con un dito, una ad una. Posso prendermi il tempo che voglio. Le posso contare. Miliardi di luci. Per ciascuna un momento, una vita, sangue che si secca lentamente nelle vene. Finestre, lampioni, insegne, poi automobili, autogrill, sirene, sigarette. Storie. E io lontano chilometri, perso nel nero di un bosco in collina. Ecco quello che fa paura. E che fa piangere noi bambini.
Miliardi di luci. Mi scelgo la finestra accesa di un casermone in periferia. La seconda da sinistra, sesto piano. La sagoma di una donna, in controluce, appoggiata al davanzale. Mi ci gioco tutto. Vorrei essere lì e irrompere nella tua vita. Suonare il tuo campanello e arrendermi a te, consegnarmi, chiunque tu sia. Chiederti di salvarmi, di portarmi via con te. Di lasciare la tua casa, la tua famiglia, se ne hai una. E scappare insieme dalla notte. Sei una sconosciuta, forse puoi farlo sul serio. Magari hai una macchina abbastanza veloce. E poi forse in due si riesce a sconfiggere la notte. In due forse non si muore. Ci abbracceremo. Mangeremo cornetti caldi, ci racconteremo storie di fantasmi e leggende metropolitane. Affogherò le lacrime chiuso a chiave nel tuo abbraccio di strega. Aggrapparmi alla tua vita, smettere di essere, di esserci. E me lo devi promettere che non moriremo. Tutto è troppo imperfetto per finire.
Ma il primo a morire è proprio questo pensiero. Ogni volta. Inutile e autoconclusivo. Si brucia da sé, perché non ha le ali per andare lontano. Non ce ne danno di ali. Sono qui, con uno stupido telescopio di plastica e questa tosse, nel silenzio. Quel silenzio che non ti spaventava da bambino, ora ti entra dentro come un coltello affilato. E anche se a volte la senti lontana, sai che lei tornerà sempre, perché già ce l’hai addosso. Ti sentirai solo, chiuderai gli occhi per cercarla. E la notte tornerà.
Stringimi forte, strega.

Advertisements

27 Risposte to “Nel nero”

  1. Anonimo giugno 28, 2005 a 10:26 am #

    sono stata co il fiato sospeso fino alla fine del post…splendido e commovente.♥groupie♥

  2. Anonimo giugno 28, 2005 a 11:14 am #

    l’è bello l’è bello, per carità, più che bello
    ma la smetti di scrivere così spezzettato, enfatico manco tu fossi baricco (che per non è un complimento in ogni caso) e ci usi il periodo disteso, sai che pacchia se già sai emozionare con ‘sto stile. io dico che sarebbe più bello, poi non so…
    è un invito, non una critica
    in tutto il gori pensiero (il ricorrere di tue parole standard, per chi ti conosce bene), una traccia di Gori pensiero con la G maiuscola: “Magari ha una macchina veloce”. Così, nel nulla del nero, una scintilla di ironia stralunata che si amalgama al prima e al dopo con noncuranza, inavvertita, decisamente bene. Bellooooo
    lozissou

  3. Anonimo giugno 28, 2005 a 12:19 pm #

    Una poesia d’amore stupenda !!!
    Ora però ti do una brutta notizia: anche le donne sono essere umani e
    quindi hanno una mente e quindi inevitabilmente ti deludono, a meno che
    tu nn ti faccia uccidere nel giro di un paio di mesi.
    Io personalmente, se dovessi scegliere tra continuare a vedere te e nn
    rivolgere mai piu una parola a una ragazza in vita mia, oppure nn
    vedere piu te, e poter conoscere tutto il resto del pianeta femmine
    comprese, nn ci penserei neanche.
    Sarà perche l’ho già avuto, sarà perche ce l’ho, sarà perche ci vedo
    dentro delle innaturali esasperazioni alle quali nn riesco a sottrarmi,
    fatto sta che a tutto quello che mi puo dare una ragazza posso
    rinunciare.
    Ovviamente, per quanto riguarda i 3 righi sopra, mi riservo di cambiare completamente idea in qualsiasi momento.
    caramelleamare

  4. acidshampoo giugno 28, 2005 a 3:19 pm #

    ‘Spetta Caramelleamare. In questo post volevo parlare solo della paura della morte. Che te ce lo sai che è un mio tòpos. In realtà che si parli di una donna/strega è perfettamente accidentale e il tono è ironicamente isterico. Qui si parla di una donna sconosciuta, che non si faccia conoscere mai. Ma che, più volgarmente, sia pura proiezione. Una donna per quei nostri sogni di bambini, di quell’amore, di quell’annullamento che tanto resta sempre e solo nella testa. Perchè tutto è troppo greve, materiale, degradabile a una sequenza d’azioni. E io immaginavo una zingara, una strega a cui arrendersi, fidarsi, lasciarsi rassicurare. Una tabula rasa in cui poter dipingere i colori di quei nostri sogni di bambini. Ma è una breve illusione.
    Avrei potuto parlare di una donna perfetta, di una droga perfetta, della masturbazione, del cibo più buono al mondo. Il senso non cambiava.
    Per il resto, ettecredo caramelleamare che non ce penseresti neanche. Vuoi mettere il tu Gorino rispetto alle donne? Tzè! ‘Ste donnacce… pussa via!!!
    E poi, paraculo, te sai che tramite me vedi parecchi dei commentatori di questo forum. E credo che molti non potresti MAI rinunciare a vederli. Metti una Laurina toh.

  5. acidshampoo giugno 28, 2005 a 3:41 pm #

    Lozissou, ci sono più ragioni per cui preferisco scrivere periodi molto corti, se non spezzettati. Visto che mi interessa più far arrivare il “come” rispetto al “cosa”, con periodi del genere mi pare di riuscire meglio a navigare a vista, correggendo il tiro anche di poco, se serve. E per questo rinuncio volentieri alla raffinatezza del periodo lungo. Poi c’è da dire che il periodo corto è più parlato e dinamico, e anche questo mi interessa. Perchè ci sarà una ragione se in 27 anni avrò letto a malapena cinque libri, mentre la chiacchiera non me manca?
    Comunque non me pare particolarmente enfatico il modo in cui scrivo.
    Io ho sempre scritto periodi lunghi. E venivo fuori insopportabilmente definito e solenne. Mentre preferisco questo equilibrio precario, in fieri, fosse quasi pointillismo scritto. Maro’ questa m’è uscita presuntuosissima. La ritiro.

  6. Anonimo giugno 28, 2005 a 4:01 pm #

    non sei tu a essere enfatico, è quello stile lì a esserlo, quasi inevitabilmente. Tutto ‘sto procedere a pause, fiati corti, respiri trattenuti, slanci arrestati, anche a non volerlo, suona enfatico, vagamente solenne, presuntuoso (quest’ultimo in teoria, nella tua pratica per niente invece, ma perchè so chi sei e il perchè scrivi così: che lo so che baricco non lo hai letto nè lo vuoi/vorresti imitare).
    Per questo non necessariamente il periodo lungo è più raffinato (rif.> il caso zissou), ma nel tuo modo di scrivere proprio il periodo lungo si adatterebbe bene, perchè mica scrivi cosette senza tanto sugo che hanno bisogno di questi punti fermi per impressionare e restare nella memoria. Quello è il metodo baricco, che su sofismi da quattro soldi ci si masturba a più non posso. Quello è il metodo “Occhi di cristallo” che Puglielli sa ‘na sega cos’è la costruzione della suspense: e allora mettici un passato tormentato e una porta che scricchiola e tutti giù a farsela sotto.
    In realtà mi sa che ti sottovaluti: il “cosa” c’è già, e anche intenso, il “come” questo cosa è presentato, almeno per quanto mi riguarda, lo rende soltanto meno incisivo. Ciò che scrivi non ha certo bisogno di un “ma” o di un “e” o di un “perchè” come incipit di frase per suonare perentori, potenti, incisivi. Ora, io, come gli altri che ti conoscono, so che non vuoi neanche sembrarlo, ma l’effetto resta quello.
    Per riprodurre in parole l’oralità, poi, ci sono mille altri modi, almeno credo.
    Il mio è un invito a sperimentare stili nuovi, mica altro… la stoffa non ti manca.
    (… e magari il problema principale è che dà sui nervi a me…anche se so abituarmi…)
    lozissou ermenegildo zegna

  7. Anonimo giugno 28, 2005 a 4:03 pm #

    Sostituite i punti con delle virgole (lasciandone uno ogni 4 o 5) ed otterrete dei periodi fluidi, di media lunghezza, costituiti da frasi coordinate ben legate fra loro.
    Togliete tutti i punti e tutte le virgole ed otterrete un credibilissimo “flusso di coscienza”.
    Ovviamente non è necessario fare ne l’uno ne l’altro, Gori. Continua così e rivendica un tuo stile personale che sia soggetto a cambiamenti solo in base allo spostamento dell’asse delle tue personalissime lune. E’ un diritto di tutti. Sacrosanto! Quindi tiratela un po’ e non prendere in considerazione le critiche che ti vengono fatte.
    Questa era la mia.
    GB

  8. Anonimo giugno 28, 2005 a 4:18 pm #

    laurina digni qualcosa al tu cuginino, m’ha fatto passare per scemo, io invece sono intelligentissimo..dignene!!
    io lo sapevo che li le donne c’entravano poco. è che avevo scritto la
    stronzata della poesia d’amore, e so partito da quella seguendo il
    metodo “a casaccio”.
    al limite m’era sfuggito un po d’isterismo.
    groupie…..ma leggi straveloce o sei un anfibio?
    però una cosa è vera, sti bloggisti mi mancherebbero tutti tanto
    tantissimo del più, soprattutto la lurina, che è l’unica qua dentro che
    gni garba guardarmi con la webcam mentre mi faccio una sega.
    caramelleamare

  9. Anonimo giugno 28, 2005 a 4:21 pm #

    mi garba st’appunto, gb.
    con l’invito a usare il punto e virgola, ch’è d’un utile e d’un dilettevole da non dirsi, e un po’ di brio
    cmq, frank e caramelleamare, non vi facevo così seriosi su un blog ameno di tal fatta, così seriosi tout-court anzi: oh che, ce l’avete voi il copyright sull’ironia, sui giochi surreali, sull’uso virtuoso delle parole?!
    per come mi sento io e per come la vedo nei rapporti con voialtri, mi sa che più pensate di potermi catalogare e più vi sfuggo
    lozissou

  10. Anonimo giugno 28, 2005 a 5:04 pm #

    piu che sfuggire, mi fluisci via…..
    caramelleamare

  11. Anonimo giugno 28, 2005 a 5:50 pm #

    Per Caramelle:
    Vieni su messenger e accendi la webcam.
    Poi fatti una sega gnudo.
    Io invito quattro amiche e compro delle patatine al formaggio.
    Ciao Laura
     

  12. Anonimo giugno 28, 2005 a 6:55 pm #

    (alle caramelleamare)
    ti paresse poco…
    (spero al rallentatore)
    lozissou

  13. Anonimo giugno 28, 2005 a 10:40 pm #

    se nn eri la su cugina, subito…
    anche se nn mi sembra scritto da te sto messaggio
    caramelleamare

  14. Anonimo giugno 28, 2005 a 10:51 pm #

    Impressionato, così son riamasto… e a malincuore.
     
    Certo che non l’ha scritto lei: farnetico! Al pesiero delle tue coscie tornite…
    Daniele Pace (per servirla)

  15. Anonimo giugno 29, 2005 a 12:35 am #

    Mi sento; decisamente invitato (rif> prima);
    Ma basta con il recensivismo ad oltranza; per favore. Se è una malattia; spero che non sia contagiosa. Anzi spero che lo sia; chè mi da l’impressione manifestarsi con sintomi di eccezionali forme di brio e ironia; sicuramente mi gioverebbe.
    GB

  16. acidshampoo giugno 29, 2005 a 6:34 am #

    Caramelleamare ha scritto:
    Io personalmente, se dovessi scegliere tra continuare a vedere te e nn rivolgere mai piu una parola a una ragazza in vita mia, oppure nn vedere piu te, e poter conoscere tutto il resto del pianeta femmine comprese, nn ci penserei neanche.
    Poi ha dato da intendere di scegliere la prima opzione. Cioè il Gorino suo.
    Questo è uno schiaffo morale mica da niente eh. No perchè si sa che caramelleamare è il re del MALE. E lo dico senza ironia: per me lo è. Si sa che caramelleamare è un sadico, un Dio sanguinario, una macchina da guerra che non conosce pietà, e che di terra bruciata intorno se n’è fatta parecchia. E’ un dato che lui sia contro tutti, ma è un’ipotesi che io sia l’unico ad averlo dalla mia parte. Cioè che con me sia tutto il contrario di così. Questo si sottintende, non è mai stato scritto ufficialmente. Sarebbe antipatico vederlo scritto, sapere me così “salvo”. Insomma se fosse scritto, sarei proprio nei casini.
    Ecco, ora è scritto.
    Grazie Cinci per ‘sti nuovi casini. Mai che si ripigli fiato. MAI!
    (Almeno non le dire le cose…)

  17. acidshampoo giugno 29, 2005 a 7:10 am #

    Completo il messaggio di prima, che non so come ma non m’ha postato gli ultimi paragrafi (ma la chiusa sì).
    —————————-
    […] Insomma se fosse scritto, sarei proprio nei casini.
    Ecco, ora è scritto.
    Ecco, mo’ me viene l’ansia.
    Caramelleamare me so sempre preso la responsabilità di frenallo, di tenello quel minimo a bada. Di dargli quel minimo di intelaiatura morale, metti che anche per sentito dire qualcosa gn’arrivi. E ho fallito in tutto.
    E poi quando fa qualche casino me tocca intervenire a me. Me tocca fare da tutore, da diplomatico, da mediatore. Miliardi spesi in telefonate per salvare il salvabile. Per vedere di rimettere le cose a posto. Che poi nonostante mi faccia il culo, per premio, spesso se uno ce l’ha con lui non si sa come ce l’ha pure con me!
    Ecco, dopo ‘sta dichiarazione del caramelleamare sarà peggio ancora. Maggiori responsabilità.
    Ma io quel che fa quest’uomo non lo approvo mica. E ne prendo le distanze! Io, al contrario di qusto Anubi qua, sono B-U-O-N-O. Lo giuro, non è colpa mia se sta dalla mi parte. L’ho detto che è contro tutti. E l’unico modo per essere anche contro de me e mettermi nei casini accussì! Sempre maggiori responsabilità. N’aessi già poche. E già che c’ho l’ansia, e già che non dormo, e già che ho il battito a riposo a 200.
    Grazie Cinci per ‘sti nuovi casini. Mai che si ripigli fiato. MAI!
    (Almeno non le dire le cose…)

  18. Anonimo giugno 29, 2005 a 8:32 am #

    Per caramelle:
    Hai visto che ti ho sorpreso con effetti speciali.
    Uomo di poca fede.
    Laura

  19. Anonimo giugno 29, 2005 a 9:56 am #

    uomo di poca fede è già troppa.  Certo che per sorprendere una
    persona lasciandola insicura sull’ identita di un messaggio, ci vuole
    proprio una gran personalita. ma dopotutto che a te la personalita nn
    manca si sapeva; chissà come sorprendi il tuo pero, tremo all’idea.
    in futuro evita di farmi sobbalzare così dalla sedia senno rischio
    l’infarto e soprattutto perche senno il cazzo esce dall’inquadratura
    della webcam e potresti perdere preciso il momento club.
    caramelleamare

  20. Anonimo giugno 29, 2005 a 7:27 pm #

    mi sei bravo nel breve……rendi mejo…..
    breve ma intenso…anzi intenZo……
    cool ma schiaffeggiante…
    voto 9….riempio….non so quando^^
    MARRA

  21. Anonimo giugno 29, 2005 a 7:39 pm #

    acidshampoo, ma che hai pubblicato e poi ritirato l’ultimo post?
    per un attimo ho fatto in tempo a vedere “simpaquiz n.3” (con una vignetta) e poi ora non c’è più
    che vol di’?
    lozissou

  22. acidshampoo giugno 29, 2005 a 9:25 pm #

    Come dice Abatantuono in camerieri: “Lungimiranza! Avevamo detto lungimiranza!”
    Lungimiranza, LoZissou!
    Ma Dio d’un Dio! Avevo solo fatto una prova. L’ho tenuto online 30 secondi netti per poi toglierlo. Era solo una prova, mi pare normale. Che tanto, dico, in quei trenta secondi nessuno me lo avrebbe commentato. E infatti così è stato.
    Salvo poi che mi trovo ‘sta cosa tua qui, in un altro post! Tanto per dovere di cronaca.
    Non è per lo spoiler in sè, che non è niente di che, ma la cosa in sè me mette un’ansia!
    Avrei potuto togliere ‘sto post che rivela un making of, ma non mi pare rispettoso.
    Lungimiranza, LoZissou! E collaborazione! E senso pratico!
    A ‘sto punto m’hai dato un idea per una nuova Brodolinata.

  23. Anonimo giugno 29, 2005 a 11:18 pm #

    è che avevo fatto in tempo a vederne abbastanza per farmi venire l’acquolina in bocca
    e poi lo sai che sono un goloso slurpeggiante
    vai con gunther dunque! yumyum
    lozissou

  24. Anonimo giugno 30, 2005 a 10:57 am #

    yum yum è la parola giusta…

  25. Anonimo luglio 11, 2005 a 1:23 am #


    ogni volta

    Come
    ci scappa il tempo
    come sabbia fra le dita
    un altro amore
    lo stesso
    inseguito/mai raggiunto
    scappa via
    l’intensità
    la stessa
    di una scia di mare
    lampo subito riassorbito
    in una notte perpetua di esistenza
     
    lozissou

  26. Anonimo luglio 11, 2005 a 3:59 pm #

    wow….
    caramelleamare

  27. Anonimo luglio 11, 2005 a 4:19 pm #

    sorbole di un buongustaio, allora la sai riconoscere la pasta al dente da quelli semi-scotta?
    te credarò, va’…
    lozissou
     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: